La parabola del Punto G

Svelato tra l’incredulità
generale il quarto segreto di Fatima. Dopo la moltiplicazione del
prezzo del pane e del quantitativo di capelli in testa, Berlusconi
annuncia al mondo intero di aver scoperto dove si trova il famoso
punto G : “il punto G delle donne è l’ultima lettera di
shopping”. Delusa Maria Vittoria Brambilla che dichiara “dopo
tanta dedizione speravo si trattasse della G delle mia giarrettiera”
mentre Calderoli chiede l’immediata espulsione di Fatima dal nostro
paese “fuori gli stranieri pericolosi per la sicurezza dei
cittadini italiani” e poi si chiede “ma che significa shopping?”.

Dura la condanna delle autorità
ecclesiastiche “abbiamo appena riconosciuto alle donne l’anima e
già chiedono il riconoscimento del punto G, se andiamo avanti
di questo passo finirà che un giorno chiederanno di ragionare
con la loro testa”. Pronte però le rassicurazioni di
Berlusconi “in verità vi dico che ogni donna sogna di
diventare una velina e io lotterò fino alla fine dei miei
giorni per realizzare il loro sogno”.

Silenzio invece da parte degli
esponenti di governo che dopo questa rivelazione si interrogano sulla
possibilità di tutelare i ministeri senza portafoglio in mano
alle donne. Si tratterebbe come al solito di un restyling sul nome:
da ministeri senza portafoglio a ministeri senza carta credito.

Soddisfatto infine il parlamentare
Luxuria “lo dicevo io che la sessualità degli esseri umani
la si deve stabilire sulla base delle proprie inclinazioni” a cui
ribatte risentita la Santanchè “Non diciamo sciocchezze, c’è
una bella differenza tra il punto G di Luxuria e quello della mia
borsa di Gucci”.

(Visited 5 times, 1 visits today)

22 Comments

  1. Murmur, hai perfettamente ragione, anche a me ricordo la brutta copia della Celi (che adoro):-)

    Gaia anche io ho ben due G anche se in ordine sparso.

    L, secondo me Maria però nel contesto ci sta meglio.

  2. quando ero bambino, godevo come un puma ai gol di Riva. Adesso capisco: lui era il mio punto GiGi.

  3. Che eri la brutta copia della Celi, l’avevamo capito. Ma così è troppo brutta. Non c’è una sola battuta riuscita in questo pezzo. C’è gente in giro per i blog che regala umorismo geniale e Macchianera lascia scrivere questo odore di fritto?

  4. Consolati Ludovico, se tutti i geni dell’umorismo là fuori scrivessero su Macchianera, diventerebbero automaticamente la brutta copia di qualcuno che non fa ridere nessuno e si guadagnerebbero commenti di altri Ludovico rigorosamente anonimi come te, pronti a fargli presente che non fanno ridere nessuno e che Macchianera non è più la stessa e si stava meglio quando si stava peggio.
    La stessa Lia Celi raccoglie più spesso critiche che elogi.
    D’altra parte è il prezzo da pagare per scrivere su Macchianera: più cretini ti rispondono più aumenta il tuo prestigio. Facci docet.

    (p.s e tu pensa che per scrivere ‘ste cazzate mi pagano anche, certo non quanto il Facci ma tutto non si può avere)

  5. Si pero’, scusa, pagano anche Martufello, per dire, e molto piu’ di Facci anche.

    Quindi se ci sono i commenti abilitati e uno ti vuol dire che non lo hai fatto ridere, ci devi stare.

    Inoltre, il prestigio di Facci mi sembra in picchiata verticale, nonostante i numerosi cretini.

    Per finire, a te rispondono pochissimi cretini, io compreso, per cui il tuo prestigio non deve essere granche’.

  6. M, spiace dirtelo ma qui non ne facevo una questione di prestigio personale né, tanto meno, del valore economico del proprio prestigio. Che poi il mio prestigio non fosse un granchè lo avevo già detto io sostenendo che non mi pagano quanto il Facci. O pensavi che con quella chiosa mi volessi lamentare di non essere abbastanza apprezzata? Suvvia M non stavo giocando a chi ce l’ha più lungo, non mi sento un genio incompreso, non sono risentita perché qualcuno non ha riso alle mie battute e, non ci crederai, ma non invidio neanche il Facci.
    Se prima di leggere il mio commento avessi letto anche quello a cui mi riferivo, capiresti che non era la mancata risata di Ludovico ad irritarmi (per quanto mi chieda spesso da cosa nasca l’esigenza di qualcuno di far sapere all’autore di un post che non lo hai fatto ridere, ma vabbè figurati se voglio limitare la libertà di esprimersi di chiunque) ma la presunzione con la quale ci tiene ad informarmi che il mondo intero è migliore di me.
    Che poi se tu avessi anche l’accortezza di leggere anche altri miei commenti su post che non ho scritto io, ti accorgeresti che mi irritano sempre e comunque quelli che intervengono solo far sapere all’autore quanto sia indegna la loro presenza su questo blog.

  7. Vis volevo solo dirti che secondo me le risposte piccate a uno che non ha apprezzato un tuo post dovresti evitarle.

    Perche’ poi lui abbia voluto dirtelo son cazzi suoi, tu scrivi su un mezzo aperto alla lettura e al commento altrui, non sul tuo diario, i commenti sono abilitati, capita che uno abbia voglia di dirti che non gli e’ piaciuto.

    Piuttosto, era un po’ che volevo dirtelo, ma perche’ qui posti roba diversa rispetto al tuo blog? Non ho capito, quei pezzi non li ritieni all’altezza? Ma hai presente bene cosa passa qui il convento?

  8. viss, OT,
    seguo la tua logica:

    – se il post mi piace, è lecito/corretto/opportuno/tollerato che io commenti

    – se il post non mi piace, NON è opportuno che io commenti?

    ?????

    IT
    il post non mi fa ridere
    (per la precisione non riesco neanche a leggerlo, salto direttamente ai commenti)

  9. Veramente Alex la logica vorrebbe che:
    ho qualcosa da dire, la dico.
    Non ho niente da dire, taccio.
    Non è obbligatorio commentare, questo vorrebbe la logica, dopo di che nessuno ti vieta di dire tutto quello che ti pare (come hanno fatto altri commentatori senza che io abbia detto niente) anche “non ho letto il post, non me ne frega neanche un cazzo, ma se c’è da far polemica eccomi qua, son pronto, su cosa si litiga?”.
    Consentirai però anche a me di dire che l’opinione che mi faccio di chi lascia certi commenti è che sia un poveretto.

    M, non giocare con le parole, lui non ha voluto dirmi che non gli piaceva il mio post e io non ho dato una risposta piccata. Lui ha detto mi fai cagare e io gli ho risposto vaffanculo. Azione e reazione proporzionata all’azione.
    E poi, ancora lì siamo? Sono passati anni, prima volevi sapere se non ritenevo Oce all’altezza dei commenti che lasciavo su Macchianera, ora mi chiedi se non ritengo Macchianera all’altezza dei post che scrivo sul mio blog.
    M, te lo ripeto e anche questo da anni, il mio metro di valutazione è molto differente dal tuo. Te ne farai prima o poi una ragione o devo rassegnarmi a sentirmi esortare di confessare ogni volta che ti incontro?

  10. il “qualcosa da dire” può anche essere “il post è insulso”.
    e in molti casi – come questo – tale commento può essere molto meglio del post.

    ma a me non interessava il post, interessava la logica del “se siete d’accordo con me, esaltatemi pure. se non siete d’accordo con me, fottetevi. in silenzio”.
    è una logica che trovo sempre oltremodo irritante.

    saluti cari.

  11. mah, per la verita’ ci siamo beccati per qualche mese e poi non ci siamo piu’ incrociati per almeno un paio d’anni, non farla apparire tipo una fissa, non e’ che abbia passato i due anni scorsi a predisporre il mio commento precedente

    m’hai fatto solo un po’ tenerezza, anni e anni a rincorrere ‘sta pw di macchianera per poi usarla cosi’, con la gente cattiva che non ha manco la buona creanza di starsene zitta

    vabbe’, ciao ne’

  12. Ahahah…M sei sempre grandissimo! Sei talmente convinto delle tue opinioni da ribaltare le prove contro in tuo favore. Se domani decidessi che è il sole a girare intorno alla terra, saresti capace di chiederti come mai la terra si muova.
    Tu anni fa hai deciso del tutto arbitrariamente che io inseguivo la pw di Macchianera, e adesso che avendocela tu stesso mi dici che non la uso come potrei, mica ti chiedi se hai sbagliato, no chiedi a me perché non la uso come dovrei. Però ti faccio tenerezza, sei davvero tanto caro:-)
    Però, bricconcelo, non giocare nuovamente con le parole, mi hai chiesto se non ritengo all’altezza questo pubblico per postare come sul mio blog e non perché mi lamento dei commentatori.

  13. senti, inseguivi la pw di macchianera da anni e anni, come dicevo in tempi non sospetti, e alla fine l’hai ottenuta, ma fino a qui tutto bene, legittimo

    quello che non si capisce e’ che cazzo ci volevi fare con ‘sta pw, scrivere ‘sta roba?

    una che si arrampica in quella maniera come se avesse nel cassetto guerra e pace, e poi tira fuori ‘ste minchiate

  14. Appunto M lo dicevi solo tu che inseguivo la password di Macchianera per cui adesso risponditi anche da solo alla domanda.
    Che ci volevo fare con la password? E io che ne so? se non lo sai tu che ti sei fatto tutto questo bel filmone con tanto di Guerra e Pace nel cassetto, io che ne so?
    (cominci a diventare un po’ patetico)

  15. senti, erano anni che non commentavo piu’ niente, se non sporadicamente, ora sono tre giorni che sono chiuso in casa con moglie e figli malati, non ne potevo piu’, qualcosa dovevo fare, abbi pazienza

  16. Anche quella del “era tanto per dire qualcosa” te la sei già giocata diverse volte.
    Prima attacchi, poi fai affettuosamente il vago e infine concludi quasi dispiaciuto per aver creato tanto casino.
    Fai i miei auguri di prontissima guarigione a tutta la famiglia.

Rispondi