Crozze e molluschi

Maurizio Crozza, alla fine, è un gran paraculo. Non è un satiro: è un comico. La satira va contro il potere, il comico deve solo far ridere. A me ogni tanto fa ridere, ogni tanto no.
Piacere a Berlusconi e a Veltroni, come sta capitando a lui, è il successo di un comico, ma è la doppia sconfitta di un satiro. Crozza è uno attentissimo: ogni suo squilibrio fa parte di un equilibrio.
Vi racconto un episodio.
Anni fa, un lunedì dell’ottobre 2003, fui invitato alla trasmissione La grande Notte di Raidue, condotta da Gene Gnocchi. Parentesi: non sapevo di che trasmissione si trattasse, mi avevano detto che avrei fatto «il giurato» (da dietro una scrivania e un bancone, pensavo) e feci la cazzata di andarci con le infradito. Qualcuno purtroppo se lo ricorderà.
La trasmissione comunque non era in diretta, e a un certo punto Crozza imitò Igor Marini (remember?) che in quei giorni era in galera. Comunque sia andata a finire la cosa di Igor Marini (non è questo il punto) il medesimo si trovava in carcerazione preventiva: e la satira su un presunto innocente, che magari poteva guardarsi quella trasmissione dal carcere tra le prese per il culo degli altri galeotti, io non solo non l’avevo mai vista, ma mi sembrò ignobile.
Quando toccò a me intervenire, perciò, feci una piazzata spaventosa, e nello studio cadde il gelo con Gene gnocchi palesemente imbarazzato. Molto imbarazzato.
Morale: più tardi, a casa, mi telefonò Maurizio Crozza con il cappello in mano. Mi disse che aveva sbagliato a fare quell’imitazione, e che infatti non l’avrebbero mandata in onda. L’avrebbero tagliata; mi chiese cortesemente di non farne parola con nessuno e soprattutto di non scriverne. Alla Rai c’era il Polo, sapete. Un tono strisciante, quello di Crozza, che invero mi colpì: mi fece così pena da farmi rinunciare al pezzo che avevo preannunciato al Giornale. Litigai persino col direttore, Belpietro, che il pezzo l’aspettava.
Lo spezzone infatti non andò in onda e nessuno ne seppe niente. Fui di parola.
Oggi è passato un sacco di tempo e questo episodio, peraltro non sconvolgente ma indicativo, posso anche raccontarlo.
voglio solo dire che quando rivedo Maurizio Crozza tutto burbanzoso, in Tv, penso, e sono certo, che in fondo, da qualche parte, non può che essere lo stesso mollusco di allora.

(Visited 23 times, 1 visits today)

19 Comments

  1. Che Crozza fosse uno pseudosatirico molle era abbastanza chiaro da un po’.
    Ha deciso di diventare un Satiro, smettendo di fare imitazioni comiche a Quelli che il calcio per fare il salto di qualità.
    Ora, di certo non gli si può chiedere di essere il satiro perfetto, quello che sfotte il potere a prescindere dal colore.
    Non siamo ancora così evoluti.
    Basti ricordare le sue flebili comparsate da Celentano su Rai1.
    Ma, a quanto pare, non gli si può neppure chiedere di fare il Guzzanti della situazione. E men che meno il Benigni, o il Grillo di quando faceva il comico, cui tenta ogni tanto di rifarsi penosamente.
    Se, per accreditarsi come intellettuale e anche in funzione delle sue idee, preferiva la “satira di sinistra”, avrebbe dovuto perseguire quella strada, piuttosto che scimmiottare deboli scenette antisinistra per par condicio. La cosa non è nelle sue corde.
    E avrebbe pure dovuto evitare di chiedere scusa ad un giornalista che era lì per caso e di far cassare quella sua potente satira.
    Quanto ai commentatori professionisti di persone e commenti altrui invece che del post, a quei fissati che continuano stolidamente a tirare in ballo iperboli allucinanti (Parmalat, ma come ti permetti con le tue scemenze, Prodi, Belpietro, ricordo quella volta nel 98, ecc), vabbeh. Stanno sempre sul loro pezzo.
    A proposito di comiche: Ventomare, sei ossessionato.

  2. C’è chi ad un post di Facci risponde con insulti e chi cerca di parlare dei contenuti, pero le predicozze gnè gnè sul povero Facci… se ce ne uno che si sa difendere dai commenti stupidi è F.F.
    Crozza ha un bel po’ di carriera alle spalle , liquidarlo con un “paraculo pseudosatirico” è ingiusto.

    Perchè nessuno si sofferma a pensare che Crozza possa aver ammesso di aver sbagliato?
    Forse perchè in quel periodo bastava poco per farsi buttare fuori e diventare da comici a martiri .

    Dato quello che è capitato a Luttazzi ( querele milionarie , esilio dalla tv , teatri rifiutati all’ultimo , etc etc) non mi stupisce se qualcuno piega la schiena , che poi i Luttazzi e i Santoro certa gente li ha accusati di cercare il martirio.

    Invertendo i fattori sono paraculi i direttori di rete e i giornalisti che giudicano comici e presentatori per integrità ideologica e vicinanza politica.

  3. In generale sono il primo a incazzarmi con quelli che preferiscono attaccare Facci piuttosto che commentare quello che scrive.

    Non mi sembra questo il caso, pero’. Se l’oggetto del post e’ la presunta vigliaccheria di Crozza, il fatto che l’accusa sia scagliata da chi si rimangia la propria parola e’ tutt’altro che irrilevante.

    E poi, prima di credere ciecamente a chi dice “Crozza mollusco” in base a un singolo episodio, aspetterei di avere altri riscontri (le riflessioni di TheEvil in tal senso mi sembrano interessanti).

  4. Capita spesso che in un post di Facci ci si eserciti a commentare o isultare Facci più che il post. Solo che NOn è successo su questo post, dove la maggior parte delle persone ha commentato nel merito. Quindi, Strangelog, hai proprio sbagliato a generalizzare. Inoltre, molti hanno commentato sul comportamento di Facci perchè in questo caso, ( che tu addirittura ritieni ” straordinario, nientemeno) potevano venire dei dubbi o peplessità su cosa era successo. Non solo perchè non mi sembra corretto riportare una conversazione privata ma anche perchè c’è solo la parola di Facci . SE a te questo non interessa, oppure se ti fidi a scatola chiusa di ciò che ti ha detto Facci, sono cavoli tuoi. Però, lascia agli altri la libertà di commentare l’insieme della cosa e non soltanto ciò che tu ritieni opportuno. Comunque, ancora complimenti per il tuo ” garantismo” , Strangeblog. TU non c’eri a quella telefonata, non l’hai sentita, ma vai sicuro che sia andata come dice Facci, e senza nemmeno ascoltare la versione di Crozza.

    THeEvil, ma infatti. Per questo ho detto che si può avere equivocato il comportamento o il tono di Crozza.

  5. Capita spesso che in un post di Facci ci si eserciti a commentare o isultare Facci più che il post. Solo che NOn è successo su questo post, dove la maggior parte delle persone ha commentato nel merito. Quindi, Strangelog, hai proprio sbagliato a generalizzare. Inoltre, molti hanno commentato sul comportamento di Facci perchè in questo caso, ( che tu addirittura ritieni ” straordinario, nientemeno) potevano venire dei dubbi o peplessità su cosa era successo. Non solo perchè non mi sembra corretto riportare una conversazione privata ma anche perchè c’è solo la parola di Facci . SE a te questo non interessa, oppure se ti fidi a scatola chiusa di ciò che ti ha detto Facci, sono cavoli tuoi. Però, lascia agli altri la libertà di commentare l’insieme della cosa e non soltanto ciò che tu ritieni opportuno. Comunque, ancora complimenti per il tuo ” garantismo” , Strangeblog. TU non c’eri a quella telefonata, non l’hai sentita, ma vai sicuro che sia andata come dice Facci, e senza nemmeno ascoltare la versione di Crozza.

    THeEvil, ma infatti. Per questo ho detto che si può avere equivocato il comportamento o il tono di Crozza.

  6. Guarda, ti dico anche un’altra cosa. Anche il commento di Noantri è nel merito. Perchè è vero, Facci in televisione è timido e a volte balbetta pure. Facci però scrive che ha ” fatto una piazzata”. No, davvero,hai mai visto FAcci in TV? TI sembra capace di fare una ” piazzata ” da gelare la sala? A me no. Magari può avere detto qualcosa che ha fatto imbarazzare gli altri, perchè si rendono conto di avere ecceduto. Ma fare ” gelare ” una sala per la potenza della spiazzata, no. Ecco, non può avere ” ricamato ” anche sulla telefonata? Guarda che io non sto dicendo che non può essere successo tutto come dice Facci. Solo che mi riserverei almeno di prenderlo per oro puro, visto che nessuno ne ha testimoniato.

  7. “Un imperdibile e straordinario aneddoto…”

    Se volete vi racconto di quando, ospite di Colpo Grosso, beccai Umberto Smaila in atteggiamenti intimi con una spogliarellista cecoslovacca. Capirai, feci una piazzata: tutti si gelarono, i capezzoli delle ragazze si inturgidirono tantissimo, al punto che Smaila, più tardi, mi telefonò a casa per pregarmi di non raccontare la cosa a nessuno.
    Mantenni la promessa. Fino ad oggi.
    [Ste]

  8. C’è anche chi la satira la fa davvero, da quasi un anno ma qui non interessa a nessuno.
    Giustamente perchè parlare di nuove iniziative quando si può fare del becero gossip?
    Che schifo!
    Filippo

  9. Se non si crede a una versione, bisogna dimostrarne la falsità. Gettare ombre è troppo facile.

  10. Ah, mi stavo già preoccupando perché non era ancora sopraggiunta Virginia a fare l’avvocatessa di Facci. A proposito di comiche.

  11. Lorenzo, per quanto colpita dalla profondità dei tuoi ragionamenti, temo di doverti deludere.
    Io ho solo parlato di Crozza.
    Quanto al resto, sono d’accordo con broono e diamonds, e non trovo il post illuminante. Ma sul tema, i commenti offrono un ampio ventaglio di opportunità.
    Ritenta la prossima volta con le tue analisi introspettive da quattro soldi.

  12. @ virginia: tu quando invece ci risparmierai le tue riflessioni da quattro soldi? non ritentare! ogni volta sembra che stai lì lì per rivelare l’ ineluttabile e invece le solite castronerie! fatti una bella analisi introspettiva..e tienila per te!

  13. capisco benissimo che si possa essere d’accordo (anche se è un aneddoto, quindi più oggetto di credibilità o constatazione) con quanto scritto da FF… ma che alcuni considerino questo post addirittura “illuminante”, mi pare eccessivo. Tutti folgorati come Paolo sulla via di Damasco, perchè 4 (dico 4) anni fa Crozza ha ammesso che forse aveva esagerato con una battuta! E quando FF trasformerà l’acqua in vino, che farete?

  14. Stasera torna Luttazzi. E chissà perchè sono convinto che c’è qualcuno che, molto “obiettivamente”, ha già pronta una bella critica negativa sin da adesso (o forse anche dal 12/07/07).

  15. Facci dimentica che la satira non guarda in faccia nessuno tanto meno un peracottaro come Marini che “languiva” in carcere perchè accusava ingiustamente degli innocenti,che a loro volta rischiavano la galera dato che un membro della commissione Telekom”peracottari”Serbia invocò l’arresto di Prodi,Fassino e Dini.Quindi il conte Aigor non era quella verginella che ci vuol far credere Facci.

Rispondi