Pigmentata di rosso

Esercitazione per l’esame di giornalismo.
Il candidato consideri che l’editorialista Michele Serra, su Repubblica, dopo un suo scritto piuttosto dubbioso nei confronti del cosiddetto V-day, ha lamentato violente contestazioni da parte di fans di Beppe Grillo definiti «infurentiti e sprezzanti», e perciò tacciati di «fanatismo».
Consideri inoltre, il candidato, che eguale o peggior lamentela («centinaia di insulti») è stata avanzata dall’editorialista Andrea Romano per un suo articolo sulla Stampa.
Consideri infine, il candidato, che anche un rubrichista del Giornale, dopo articoli ed interventi sul tema, ha ricevuto svariate email tra le quali spiccano le seguenti: «Stai attento a girare solo, uomo di merda», «Stai attento quando esci di casa», sino al meraviglioso «Mi piacerebbe ungerti gli orifizi d’abbondante vasellina pigmentata di rosso e rinchiuderti per una settimana in una stalla con 7 tori da monta».
Il candidato, alla luce di quanto esposto, ha sette ore di tempo per rispondere al seguente quesito: le succitate critiche rivolte a un editorialista di Repubblica e a uno della Stampa e a uno del Giornale, ordunque, non dimostrano come la protesta dei fan di Grillo sia equamente e democraticamente distribuita verso tutte le parti politiche?

(Visited 2 times, 1 visits today)

45 Comments

  1. Mi si accapponava la pelle mentre leggevo quella serie di insulti (commenti ad alcuni «tuoi» video su youtube).
    Meraviglioso poi «camorramerda» che ti minaccia di morte.
    Questa gente è confusa, ma in sostanza innocua: sono solo mediocri frustrati.

  2. Semplicemente il disprezzo per i giornalisti è pari a quello per i politici.
    Del resto la reazione abbastanza scomposta della maggior parte dei giornalisti di qualunque credo e religione, al vaffanculo day (è così che si scrive)non fa che avvalorare questa tesi.

  3. Si, sembrerebbe.
    Parrebbe inoltre che il “rubrichista del Giornale” sia modesto.
    Potrebbe anche vantarsi di aver avuto l’onore di ricevere comunicazione da alcuni dei più “brillanti” in assoluto:
    «Mi piacerebbe ungerti gli orifizi d’abbondante vasellina pigmentata di rosso e rinchiuderti per una settimana in una stalla con 7 tori da monta».
    Fantastica!
    Oltre all’ incredibile impegno che quest’ ultimo dimostra , nell’ esercizio di dimostrare tutto il disprezzo serbato verso il suddetto rubrichista, 3 cose solletticano in me degli interrogativi :
    1- ma non era scientificamente assodato da tempo che i tori vedono sommariamente in bianco e nero ? Invece del rosso , pensavo lo sapessero anche i bambini , andrebbe bene quasi qualunque colore. Il colore valentiniano per eccellenza viene usato per tradizione, ma è il movimento del drappo che suscita “l’attenzione” taurina.
    2- se anche fosse tale studio inesatto scientificamente , viene da chiedersi cosa serva colorarsi di rosso gli orifizii ? I miei ,ad oggi, non mi son ma parsi verdi.
    3-vasellina ? Dato il fine auspicato , mi pare un po’ chiaro il perchè di tale ipotetico uso.
    “Cazzo mi hanno violentato a sangue in prigione ma almeno non hanno usato la vasellina”.

    olà.
    p.s. non vorrei però che nel calderone di critiche che è facile venga destinato a parte del seguito del comico e allo stile di quest’ ultimo , si dimenticassero alcune delle verità a giovamento del cittadino illustrate pubblicamente da nessuno ,o quasi , se non Grillo stesso .
    Soprattutto negli ambiti della finanza/risparmio personale , ma anche sul quello della salute etc.
    Su certi punti/ambiti invece pare meno “convincente”.
    Comunque bisogna ammettere che già solo, per fare un esempio, di fronte alla legge sul tfr vs. fondi pensione ( che verosimilmente ha già fatto le sue vittime) per come la penso io , un bel Vaffa bipartisan al parlamento è difficile trattenerlo tra i denti…

  4. gli squilibrati sono equamente distribuiti nell’arco costituzionale.Non usiamoli per dimenticarci gli argomenti cui fa riferimento Kluz.In particolare sulle case farmaceutiche mi pare che Facci combatta nello stesso fronte di Grillo(sempre che il mio unico neurone non stia prendendo una cantonata).Ed è quella la battaglia più dura,quella che vale quanto costa

  5. OT una curiosità.Grillo tanti anni fa era il protagonista di un inquietante spot della bistefani (in cui appariva sinistramente sornione)o me lo sono sognato a livello inconscio?Ormai siamo a questo livello

  6. scusatemi ma questa è geniale:
    “Mi piacerebbe ungerti gli orifizi d’abbondante vasellina pigmentata di rosso e rinchiuderti per una settimana in una stalla con 7 tori da monta”
    Si offende qualcuno se la riciclo?
    D’altronde da una manifestazione unica di pensiero nazi-qualunquista, cosa ne voleva uscire?

  7. …solo per dire che nel blog di Grillo, tra i numerosissimi commenti di sostegno, ci sono molti dissidenti che insultano Grillo anche in malo modo (non ricordo se qualcuno gli abbia mai augurato un incontro intimo con dei bovini dopo essere stato spalmato di unguento, però gliene dicono di brutte). E ciò anche prima che l’attenzione dei media si concentrasse sul comico a causa del V-day…

  8. … a meno che quel ‘pigmentata di rosso’ non stia a sottintendere la presenza di peperoncino nella ricetta del prodotto, probabilmente ad aumentarne la gradevolezza…

  9. Il dettaglio rivelatore è nel numero 7, scelto per i tori.
    Ah mica è un dettaglio da poco, oh!
    Il tizio è tutt’altro che un volgarotto ignorante, questo ci sbobina come fosse sciocchezzuola una cultura mica da ridere!

    Come alcuni sanno, la figura dei sette tori è alla base della parola “settentrione”, che appunto deriva dai sette tori che gli antichi vedevano nelle sette stelle che compongono l’Orsa maggiore: Septem Triònes.
    La costellazione si chiama anche Carro, proprio perché rappresenta il carro da lavoro trainato dai (7) tori.

    Ecco allora che entrando nel profondo dell’apparentemente banale insulto, si può dedurre che l’augurio è che a farti il servizietto sia il settentrione che lavora al quale il nostro insultatore attribuisce la necessaria (alla punizione) potenza sessuale.

    Quindi, riassumendo, il tizio vede nel nord che lavora la potenza sessuale sufficiente per punire adeguatamente chi non si affianca alla battaglia contro il palazzo.

    Ecco quindi come quel “7” riveli che l’insulto è partito da un leghista iscritto a confindustria.

    (così…è che avevo due minuti liberi per dire una minchiata e non mi sono perso l’occasione)

  10. Dunque Facci…
    1. sai perfettamente perchè la gggente ce l’ha coi giornalisti
    2. sai perfettamente come funziona il web e come funzionano i commenti ai blog
    3. sai perfettamente che Grillo ha posto delle questioni che nessuno ha voglia discutere od affrontare

    Tutto il resto, dall’antipolitica al populismo, è fuffa!!

    tanti cari saluti

  11. E a nessuno di questi giornalisti e` arrivata una enigmatica quanto inquietante musicassetta di Battiato con scritto “sei un essere spregievole?”

  12. Caro Filippo, parliamoci chiaro. Non vi meritate quegli insulti e quelle minacce. Sono cose molto stupide e ignobili. Ma pericolose no, non lo sono.

    Sarebbe stato invece pericoloso per voi dare altre notizie e informazioni al lettore che non quelle sul V-day e cose simili.

    Sarebbe stato pericoloso dare notizie e informazioni sullo stato della Cirio e della Parmalat, sulla prescrizione di Andreotti che certifica la sua connivenza fino al 1980, sulla sentenza che certifica che la maggiore azienda editrice in Italia e’ stata ottenuta comprando giudici con i soldi di Berlusconi, sulle minacce di Bossi di usare i fucili e tutte le altre notizie e informazioni che non avete dato al lettore.

    Questo sarebbe stato pericoloso per voi. E infatti quelle notizie non le avete date.

    Per questo, non vi meritate insulti e minacce, ma di sparire dalla nostra visuale per sempre insieme a questa classe politica, quello si.

    Sparite, tutti, per sempre, perche’ avete dato prova di non essere adatti a fare il mestiere che fate. Se non sparite, beh, dovete essere pronti ad accettare le conseguenze della vostra connivenza schifosa con questa classe politica.

  13. Egregio Sig.Facci,
    non si può fare di tutta l’erba un fascio! Sarà demagogia, ma anch’io non ne posso più di “stringere la cinghia”, per poi vedere quanto poco sia rispettato il mio sacrificio. E’ indubbio che gli insulti non siano sintomo di ragionevolezza, ma se siamo arrivati a questo punto NON E’ PER NOSTRO VOLERE!!!
    Non crede che abbiamo diritto di essere arrabbiati e ci sentiamo frustrati, offesi e per niente tutelati?
    GLI SPRECHI DELLA CLASSE POLITICA SONO PEGGIORI DI UN INSULTO O UNA MINACCIA: NON CI DANNO POSSIBILITA’ DI REPLICA!!!
    E UN GIORNALISTA COME LEI LO SA BENE.
    Cordialmente, LAURA.

  14. “Se non sparite, beh, dovete essere pronti ad accettare le conseguenze della vostra connivenza schifosa con questa classe politica.”

    Ellamadonna.

    Pochi giorni fa ho letto su un altro blog (e riferito a un’altra vicenda):
    “I giudici hanno i loro tempi ma il popolo ha i suoi”.

    Ora questo avvertimento che prefigura conseguenze da piazza che ti entra in casa a prelevarti.

    Ma non vi pare di aver perso un po’ il senso de ridicolo?

    Non è polemica, eh, intendiamoci.
    E’ che nelle ultime settimane si sentono ad ogni angolo persone che tirano fuori ‘ste boiate impugnando bastoni figurati pronti a far giustizia, ma ce ne fosse uno che a quei bastoni (che potrebbero anche essere legittimi) ci aggiunge anche un concetto.

    Perché anche tu (M), anche qui, accusi (sentenzi) chi non ha parlato di Cirio, di Parmalat…tutto giusto, tutto vero, tutto scandaloso, sì, è vero.
    Ma la domanda è: tu l’hai scoperto oggi il caso Cirio?
    Dov’eri ieri mentre si consumava?
    Dov’era la tua sentenza emessa oggi su chi non ne parla, oggi?
    Dov’eravate fino a ieri mentre veniva emessa la sentenza su Andreotti?
    Sono anni che queste cose sono in ballo, eppure tutti oggi ne parlano come se l’avessero sempre saputo solo che oggi sono stufi, quando invece fino a ieri potevi fermare chiunque in strada per chiedergli la data del referendum sull’abrogazione della legge sul finanziamento dei partiti sentendoti rispondere nel 99% dei casi “E che ne so, io nemmeno vado a votare”.

    Perché, se il tuo livello di incazzatura è al limite della sovversione, fino a ieri nessuno, non Facci, nessuno, tu compreso, di Cirio non ne parlava e forse nemmeno sapeva?

    Questo rende questa piazza così ridicola.
    Sbandiera soluzioni finali da palazzi dati alle fiamme che in teoria sarebbero anche ascoltabili se precedute da un percorso di valutazione interiore che le ha costruite MA manca completamente quel percorso.

    Dov’eravate fino a ieri?
    Io penso al bar.

  15. Broono,
    tu sei una di quelle persone jolly, capaci di commentare anche vilissime e perverse minacce (perchè chi scrive queste cose ha una mente perversa, a parte tutto), capace di fare il mattatore anche dietro ad un corteo funebre o con il morto in mezzo alla casa; insomma, una persona tutto sommato di compagnia.
    C’è un’ironia buona nelle mie parole, per cui non te la prendere. Solo un pretesto introduttivo per dire che la tua “capa di chiacchiere” ha smorzato e distratto la sensazione infinita di disgusto che ho provato leggendo certe cose,ovviamente anonime.
    E per questo ti ringrazio ;)

  16. @ Gaia:

    Questo significa che ti sei sposata?
    ‘zzo.

    Manco invitarmi alla cerimonia per farmi fare la scenetta del “Se qualcuno ha qualcosa da dire…”

    Che spettacolo sarebbe stato, rapirti all’altare per fuggire insieme in birm…in ira…in amer…

    Vabbè…come non detto.
    Mi limiterò ad amarti per sempre da lontano.
    Cioè a continuare a, intendo.

  17. MA NON CI CREDEVO PROPRIO…!!!
    CI SONO RIMASTA MALE…
    DAL BLOG voglioscendere.ilcanocchiale.it, di Marco Travaglio & C. ho letto un commento contro di LEI e di seguito leggo che il commentatore che ha disprezzato il suo operato denuncia di aver ricevuto sul suo blog una SUA minaccia di ricorrere alle vie legali E CHE LEI FA ANCHE CAUSA CIVILE??????
    E DI GRAZIA PER COSA????

    NON MI PAREVA PARTICOLARMENTE OFFENSIVO IL COMMENTO… E COMUNQUE SI E’ DIMOSTRATO DEL
    TUTTO SIMILE AI COMPORTAMENTI DI CERTUNI
    SOSTENITORI DEL GRILLO-PENSIERO CHE LEI ADDITA
    IN QUESTO BLOG…
    SPERO SIA STATO UNO SCIVOLONE: PUO’ CAPITARE A TUTTI. Cordialmente, Laura

  18. @Morosita:

    E’ che nelle ultime settimane è tutto un via vai di gente che improvvisamente ha scoperto che qualcosa non funziona ma ce ne fosse uno che ammette di averlo scoperto oggi e quindi di non avere titoli per far le pulci a nessun altro, oppure che spieghi perché fino a ieri non era così incazzato quando le sentenze di cui oggi parla hanno anni, oppure dica la sua sul caso Parmalat invece che citarlo e basta, oppure, oppure qualsiasi cosa che sia diversa dal ripetere a macchinetta titoli sensazionalistici privi di qualsiasi approfondimento personale.

    E questo via vai è scocciante, perché comunque sempre gente che non sa un cazzo hai davanti, e lo dimostra il fatto che si sono incazzati tutti insieme quando se sapessero di cosa parlano c’era da impugnare bastoni a 10 al giorno per tutti i 10 anni appena passati MA non se n’è visto uno, ma quando in questo momento te li trovi davanti ti dicono che TU dovresti parlare DI perché è uno schifo.

    Eh, lo è sempre stato.
    E se lo è sempre stato è proprio perché fino a ieri l’unico che andava a spulciarsi i bilanci era Grillo, gli altri erano tutti in vacanza.
    E chi lo ha sempre saputo, i bastoni li avrebbe impugnati già da tempo ma per andare a prendere casa per casa tutti questi che fino a ieri se ne sono sbattuti i coglioni e che sono esattamente ciò che ha permesso che la cosa proseguisse indisturbata per secoli.

    Allora se da un Grillo uno l’obiezione la può anche ascoltare, da quelli che fino a ieri la merda in cui vivevano l’hanno sempre ingoiata, di accuse è francamente difficile accettarne.

    M è un pretesto, naturalmente, lui potrebbe avere nei suoi quaderni anni di appunti e percorsi svolti, la cosa non cambierebbe perché non è rivolta a lui personalmente e nella stessa maniera non sto difendendo Facci, naturalmente.
    E’ un pensiero su questa nuova piazza incazzata, non su questo caso del commento.

    (perché avrei dovuto prendermela? Io ai funerali pagherei per avere uno spettacolo di cabaret e lo dico da sempre! C’hai preso)

  19. ..Azz, quanto mi mancano le monetine lanciate a Craxi. Almeno una monetina è una monetina e su questo non si discute. Adesso è tutto più difficile, ci sono montagne di parole, di significanti e di significati…

  20. Broono, con tutto il rispetto per gli imbecilli, tu sei un imbecille totale

    A parte che ho premesso che quelle minacce sono stupide e ignobili, soprattutto IO NON FACCIO IL GIORNALISTA, Facci e gli altri invece si.

    Loro devono scoprire e raccontare a me cosa succede, non io a loro.

    Ma e’ un concetto talmente banale che mi vergogno a scriverlo, sempliciotto che sei.

  21. Laura, lo sai che i caratteri maiuscoli consumano tra il 7 e il 10% di energia elettrica in più di quelli minuscoli e che quindi i tuoi commenti producono tanta CO2 quanto un Garelli dell’85 fermo al semaforo di Viale Zara?

  22. No amore.
    A scoprire cosa succede dev’essere il tuo cervellino che ti comunica che è il caso che tu conosca il mondo in cui vivi.

    E dato che il giornalista non è la tua tata, a dirti cosa e dove leggere le cose non dev’essere lui ma appunto il tuo (presunto) bisogno incontrollabile di sapere e se tu al contrario questo bisogno non l’hai mai sentito e quindi per anni te ne sei sbattuto il cazzo, non puoi prendertela adesso con chi magari le cose te le raccontava pure solo che a te non interessavano.

    Nemmeno Grillo è un giornalista ma guarda caso il caso telecom lo conosceva anche se nessuno sui giornali (le tue tate) ne parlava e se l’ha impugnato è perché s’è presentato alla riunione degli azionisti, non perché ha letto cosa succedeva sui giornali.
    Quindi volendo anche da non giornalista, come lui avresti potuto “scoprire” cosa succedeva.

    Ecco, se tu conosci solo quello che ti dicono i giornalisti perché secondo te sono loro che devono spiegarti cosa succede, non solo significa che ci ho preso quando ho detto che non sai un cazzo per quanto l’avessi buttata lì come ipotesi ma pronto a essere smentito, ma soprattutto dimostra che effettivamente se non sai un cazzo è perché manco i giornali conosci visto che se li conoscessi, sapresti che o su uno o sull’altro, di Andreotti se n’è parlato, del caso Parmalat se n’è parlato, della Cirio se n’è parlato.

    Anni fa, quando succedevano, mentre tu eri al bar.
    Caro il mio imbecille.

  23. quello che sfugge a molti giornalisti – e anche a molti di voi- è che lo scontento, la rabbia, la voglia di impegnarsi a conoscere la realtà dei fatti – e cambiarla – non data dal VDay.
    I MeetUp di Grillo esistono da più di 2 anni, sono cresciuti in numero e partecipazione, hanno SEMPRE cercato momenti di confronto con la società civile.
    Questa è la differenza fondamentale con il resto della cosiddetta blogosfera, autoreferenziale, blindata e sterile.
    Dal VDay questo è solo divenuto evidente, non più nascondibile (come ha cercato di fare fino all’ultimo l’informazione mainstream) e sempre più popolare.
    C’è magari chi insulta, ma c’è molta gente che si sta in-formando da tempo e che vuole democraticamente dire BASTA.

  24. “Ecco, se tu conosci solo quello che ti dicono i giornalisti perché secondo te sono loro che devono spiegarti cosa succede, non solo significa che ci ho preso quando ho detto che non sai un cazzo per quanto l’avessi buttata lì come ipotesi ma pronto a essere smentito, ma soprattutto dimostra che effettivamente se non sai un cazzo è perché manco i giornali conosci visto che se li conoscessi, sapresti che o su uno o sull’altro, di Andreotti se n’è parlato, del caso Parmalat se n’è parlato, della Cirio se n’è parlato.”

    “ci sono montagne di parole, di significanti e di significati…”

    Appunto :-(

  25. qualche anno fa avrei potuto perdere tempo con sbrodoloni saccenti come te e divertirmi un po’

    ora preferisco il bar

  26. non capisco il senso del post postato da FF.
    cosa vuole dimostrare? che la rete è infestata di minchioni che non sanno che scrivere e che, nsacosti dietro una tastiera, giocano al piccolo Bontate ?

    piuttosto sono gravi le farneticazioni a reti unificate di chi da del terrorista a grillo ed i suoi grillini vedi politici, o a qualche rubrichista che nei salotti bianchi tira fuori la storia di un fuoristrada che va fuoristrada…

  27. M:
    “Sarebbe stato invece pericoloso per voi dare altre notizie e informazioni al lettore che non quelle sul V-day e cose simili.
    Sarebbe stato pericoloso dare notizie e informazioni sullo stato della Cirio e della Parmalat”

    B:
    “ma soprattutto dimostra che effettivamente se non sai un cazzo è perché manco i giornali conosci visto che se li conoscessi, sapresti che o su uno o sull’altro, di Andreotti se n’è parlato, del caso Parmalat se n’è parlato, della Cirio se n’è parlato.
    Anni fa, quando succedevano, mentre tu eri al bar.”

    M:
    “Loro devono scoprire e raccontare a me cosa succede, non io a loro”

    Qualche giorno fa avrei potuto perder tempo a trastullarmi un po’ con te, ma devo lavorare e non ho tempo per far altro che postarti un link che il sempre puntuale ufficio stampa del buon Facci mi ha fatto testé pervenire.
    Leggitelo, e poi fatti una birra al grido di “Loro devono raccontare a me!”

    http://www.lapadania.com/PadaniaOnLine/Articolo.aspx?pDesc=16309,1,1

    (ri)imbecille.
    Te l’ho detto che fino a ieri eri al bar.
    Benvenuto nel mondo delle cose che nel frattempo accadevano.

  28. Mica promuovo la Padania (e ci mancherebbe pure)
    Né difendo Facci (e ci mancherebbe pure)

    Ti ho solo segnalato che il tuo primo commento là in alto è una minchiata perché che ti piaccia o meno il giornale che te lo comunica, del caso parmalat (gli altri argomenti del cui silenzio ti sei lamentato immagino abbiano la stessa possibilità di reperimento fonti ma davvero non ho tempo di cercare) lui ne parla da almeno 3 anni.

    Quell’articolo riprende uno scambio di lettere, non è un articolo scritto da lui.

    Fanne ciò che vuoi, mica ti sto dicendo che devi sapere per forza più di il sole sorge la mattina e tramonta la sera.

    Ma se entri con ‘sta faccia qui a dire chi deve dire cosa perché te l’ha detto Grillo e con 3 commenti ti si dimostra che parli per dare aria alla bocca perché lui di questo ti ha parlato anni fa, qualcuno a cui quelli come te stan sul cazzo abbastanza da aver voglia di buttare quei tre commenti per dimostrartelo è facile che lo incontri.

    E questo è il vuoto che avete dietro, citato qualche commento sopra.
    Grillo vi ha detto “Non parlano di parmalat!” e voi andate in giro a dire che nessuno parla di parmalat col bastone in mano pronti a dar fuoco alle piazze senza chiedervi se lo state brandendo davanti alla faccia di qualcuno che di parmalat ve ne parla da anni anche se a voi non interessava.

    E quindi risultate ridicoli più di quanto non lo foste prima quando per lo meno cambiavate canale quando si parlava di parmalat.

  29. Broono, io ho seguito il tuo link e ho letto l’articolo che hai linkato. A me non pare che in quell’articolo ci sia niente sul ” Caso Parmalat”.
    Più che altro, si critica Feltri ( wow, roba forte, da non credersi ), si sfotte Di Pietro ( qui la novità è ancora più straordinaria ), si fa sarcasmo su manette, cappio, etc…Si ” difende ” Ferrara ( credo sia lui ) , dall’accusa di avere intascato 500 milioni , sostenendo che è ” normale ” ( davvero? Ma quei soldi sono stati contabilizzati? )
    Insomma, che COSA direbbe sul caso Parmalat, l’articolo? Più che latro, parla di come gli altri giornali hanno parlato del caso Parmalat. So What?

    Davvero non capisco questa tua polemica con M.

  30. C’è una posizione, ci sono idee sui meccanismi, ci sono pareri su connivenze e responsabilità.

    Non vorrei sbagliare e se sbaglio mi si corregga, ma non mi pare che Facci si occupi di cronaca giudiziaria e quindi i nomi, le date, le cifre, se le vuoi te le devi far raccontare dal Brosio della situazione, non da uno che è pagato per dire la sua sui dati forniti dal Brosio della situazione.

    Allora questa “polemica” con M non ha alla base altro che tutto il discorso fatto sopra sui seguaci di Grillo, mossi da una conoscienza dei fatti così bassa da non sentire nemmeno il bisogno di sapere chi deve fare cosa, e quindi le eventuali responsabilità, prima di partire col forcone in mano a gridare generici Vaffanculo solo perché tutti rubano, tutti tacciono, tutti mentono.

    Ha chiesto (per modo di dire) a facci di dire perché non parla del caso parmalat, io gli ho mostrato che ne ha parlato.
    Nella maniera sua perché è per questo che è pagato, se a M non è sufficiente per sapere cosa è successo si vada a sentire i Brosio e, nel caso, mandi affanculo loro.

    Mi interessa difendere Facci?
    Ma manco per idea.
    Mi interessa dimostrare che dietro a Grillo c’è un numero di cialtroni così elevato che anche senza la certezza di sapere chi si ha davanti si può azzardare un “cialtrone”, perché la possibilità di aver davanti uno che non ha dietro nemmeno i 5 minuti che son serviti a me per trovare quel link è talmente alta che anche azzardando senza sapere, quasi sempre ci becchi.

    E infatti.

    Oppure lui non ha chiesto a Facci di spiegare perché non parla di parmalat e allora io ho capito male il suo commento e chiedo scusa ciccipucci.

  31. Broono, quell’articolo è diretto principalmente a criticare il modo in cui Feltri ha ” coperto ” il caso Parmalat. E poi Di pietro, e bla bla… le manette, etc…Non c’è niente ( o solo qualcosa di generico ) per il caso Parmalat di per se.Ci sono critiche verso il modo in cui Feltri ha parlato del caso, non si parla del caso Tanzi. Critiche legittime, of course, anche se magari non condivisibili Premetto che non sono una ” grillina ” ( credo anzi di avere letto il bog di Grillo due o tre volte, seguendo qualche link di segnalazione) , ma so che Grillo in passato ha parlato delle ” stranezze ” delle operazioni del gruppo Parmalat da prima che scoppiasse lo scandalo Tanzi. M, se un po’ lo conosco, si riferisce a questo mancanza di giornalismo di ” inchiesta ” che scopre le cose quando è già troppo tardi. OPpure, che copre notizie scomode. Ripeto, secondo me sei partito un po’ troppo in quarta.

  32. Come mi intristisce, Facci, che lei ammetta così candidamente che il giornale per cui scrive è schierato per un partito. Questo dovrebbe togliere ogni credibilità residua a tutto l’argomentare.

  33. Come mi intristisce, Facci, che lei ammetta così candidamente che il giornale per cui scrive è schierato per un partito. Questo dovrebbe togliere ogni credibilità residua a tutto l’argomentare.

  34. sei proprio un cretino fatto e finito

    una volta mi sarei proprio divertito a dimostrartelo, ma ho smesso, sono stato pure in comunita’ ma alla fine ne sono uscito

    uno che non capisce la differenza tra la Gabanelli e Facci, tra giornalismo d’inchiesta e commenti insulsi al limite del gossip, e’ solo un poveraccio

    uno che dice che e’ il cittadino che deve andare, chesso’, nei tribunali a cercarsi le sentenze o presso le agenzie di rating a capire se un’azienda sta facendo pastrocchi o no, e’ un demente che nega il ruolo fondamentale degli organi di informazione nelle democrazie

    secondo lui dovremmo trasformarci tutti in piccoli investigatori per capire che cazzo succede; imbecille, c’e’ gente che dovrebbe farlo istituzionalmente, che ha gli strumenti e il tempo per farlo, che vende 800.000 copie al giorno apposta per informare i cittadini; invece ci parlano dei gatti della Brambilla e non ci dicono che e’ uscita fuori una sentenza che dice nero su bianco che Berlusconi ha tirato fuori i soldi per corrompere i giudici nel passaggio di mano della piu’ grande casa editrice italiana

    perfino le Jene hanno fatto piu’ informazione dei giornali di punta di questo paese, in questi anni, perfino Striscia la notizia, perfino Grillo, perfino la Guzzanti, gente che dovrebbe fare altro

    a me di Grillo non importa niente, lo scempio che i politici, i comitati d’affari e i giornalisti hanno fatto di questo paese lo vede chiunque abbia la coscienza di vederlo, e non da oggi, non da Grillo

  35. Vabbè, non scriverò più in maiuscolo caro joe tempesta, ma io il motorino non l’ho mai avuto, quindi sono più giustificabile….;-)

  36. Te forse no , cara Laura, ma ricordiamo tutti quando aiutasti a montare la arrows rigirata e il carburatore del 18 sul 50ino
    del tuo ragazzo tonino…

  37. grillo & co. sono valvola di sfogo del crescente malcontento di una parte della popolazione dovuto principalmente ai pochi soldi e alle tante cose da pagare, tra cui le tasse.
    soluzioni, qualcuno?

Rispondi