Ritorno di fiamma

RatatouillePer tutti quelli che pensano che il cinema d’animazione non sia solo per bambini, per tutti quelli che pensano che Walt Disney non era un mostro cattivo, per tutti quelli che pensano che la Pixar sia un angolo di paradiso in terra e per tutti quelli che hanno storto un po’ il naso davanti a Cars, qui ci sono dieci minuti bellissimi di Ratatouille. Metto le mani avanti, io Cars non ho avuto il coraggio di vederlo. Avevo un po’ paura che stavolta avessero sbagliato qualcosa, avevo paura di essere stato tradito, avevo paura di trovarmi davanti ad una stanca routine produttiva. Ratatouille mi conforta e mi fa reinnamorare: l’immagine è ricca e profonda, capace di giocare con il fuorifuoco e la profondità di campo come non avevano mai fatto, le scene sommerse, con il cambio di luce, sono bellissime, i movimenti di macchina, per una macchina da presa che neanche esiste, sono perfetti. Ora, basta solo che alla Pixar non abbiano di nuovo risparmiato sullo script, è forse hanno fatto un nuovo piccolo gioiello. Ma anche se hanno risparmiato, la fucina ha riaperto e tutto è tornato a posto. E ora torniamo pure a parlare delle cose dei grandi.

(Visited 15 times, 1 visits today)

9 Comments

  1. “Cars”, a mio avviso, è un gran bel film sbagliato.
    Non credo che abbiano “risparmiato sullo script”. “Cars” è per molti versi il più autoriale dei film della Pixar. Molto personale, molto sentito, molto coerente, è il film di un regista, John Lasseter, non di un’anonima equipe. Quello che è sbagliato in “Cars” è, purtroppo, il “tono”. E’ troppo lungo, troppo complicato, troppo adulto per i bambini, che infatti si annoiano a morte. Mentre, nonostante tutti i dettagli, i rimandi, le sottigliezze, o forse proprio a causa loro, la storia di base risulta di gran lunga troppo semplice, prevedibile, scontata per lo spettatore maturo. Il “doppio binario” della Pixar, che le ha sempre consentito (in “Toy Story”, “Monsters & Co,”, “Nemo”) di produrre film leggibili a livelli diversi e godibili nello stesso istante da adulti e bambini, questa volta non è scattato. Peccato, perché sarebbe potuto essere un capolavoro.
    Resta un film da vedere, secondo me. Anche a costo di un po’ di noia.

  2. Sesso, droga e fondi etici: nessuna paura, tenete duro!
    http://fondo-investimento-etico.blog.kataweb.it/il_mio_weblog/2007/05/sesso_droga_e_f.html

    PASSIAMO ALLE VIE DI FATTO

    Droghe pesanti

    Non cè nulla da dire su questo argomento. Ogni volta che non ti fai una pera o un pippotto versa i soldi in un fondo etico vincolato bloccato per venti anni, non a tuo nome, dal quale non puoi prelevare tu e non può prelevare nessuno. Nel giro di dieci anni sei milionario.

    Alcoolismo

    L’alcool è zucchero. Al posto di bersi un biccherino di grappa o di whisky bisogna procurarsi glugosio o miele e quando si sente il bisogno di bere un cicchettino, prendere due cucchiaini di zucchero che non rovina il fegato, però fornisce ugualmente la botta di energia e di vitalità. In compagnia la sera con gli amici bevete pure in gran quantità succo di ananas, succo di arancia, succo tropicale, contengono zucchero naturale, energia, vita, allegria e grande gioia.

    Tabagismo

    Studi scientifici hanno trovato nel tabacco da sigaretta oltre 40 sostanze naturali in dose omeopatiche che creano dipendenza tra cui anche cocaina ed eroina. Un cocktail omeopatico micidiale

    Per smettere di fumare dovete smettere di aspirare il fumo. Fumate pure trenta sigarette al giorno, ma non aspirate il fumo nei polmoni. Nel giro di pochi mesi sarete disintossicati senza aver dovuto cambiare comportamenti, abitudini gestuali, e giustificare niente a nessuno.

    Accendete la sigaretta, ed aspirate il fumo senza mandarlo nei polmoni, tenetelo in bocca e poi soffiatelo fuori senza aver intossicato il vostro organismo.

    Dopo alcuni mesi vedrete che non sentirete nemmeno più il bisogno di fumare.

    Smettete di colpo ed ogni giorno mettete nel salvadanaio quello che risparmiate dal tabaccaio. Ogni mese poi fate un versamento nel vostro fondo etico.

  3. Cars per me è un ottimo film. Non è un film per bambini (i bambini americani possono capire i riferimenti a Jay Leno?), forse si può considerare per ragazzi. è un po’ banalotto si, ma lo considero più profondo della media dei blockbuster (che so paragoniamolo a Episode 2?), poi hanno fatto un mondo di automobili, cioè “solo automobili”: non è mica facile renderlo credibile no?
    L’unico momento di dubbio su pixar l’ho avuto con gli Incredibili: che pur essendomi piaciuto mi è sembrato proprio un film di recupero dove non hanno impiegato al massimo le loro potenzialità, soprattutto tecnologiche.
    Ratatouille, dal punto di vista tecnico sembra qualcosa di eccezionale. Non so se avete avuto la fortuna di vedere il filmato segnalato in alta risoluzione: è qualcosa di impressionante. Il modello del topo, gli effetti bagnato, le cipolle, il fuoco, i movimenti di camera, gli stivali dei soldati, la carrozzina…
    Certamente questo film sposta l’asticella di quello che è possibile fare in animazione 3d più in alto.

  4. Per chi si sente tagliato fuori: la versione HD di quello linkato su (ma in inglese) si trova su apple.com/trailers.

  5. Io ho visto il trailer lungo (quello da un’ora e quarantadue minuti) e, che dire, rimango ammirato dalla Pixar: gente che non ha sbagliato un film che sia uno.

  6. Cars è il film preferito di mio figlio (2 anni), quindi non me lo toccate. E anche io lo adoro (e non solo per “osmosi” o “proprietà transitiva”).

Rispondi