Giornata mondiale contro l’omofobia

Oggi è la giornata mondiale contro l’omofobia e ieri è stato aggredito il presidente milanese dell’Arcigay. Queste due notizie che in qualunque altra parte del mondo avrebbero fatto andare in fibrillazione le redazioni di tutti i giornali, da noi passano nel silenzio più assordante. Cerchiamo di parlarne almeno noi.

(Visited 17 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. Zarathos, ah ah ! Sei una sagoma ! Le caramelle ! Ma come ti vengono ?!
    vedi, potrei pure dirti che mi trombo la tu’ sorella o la tu’ donna (ammesso tu ne abbia) ma questo non cambia il discorso: non è necessario essere omosessuali per essere persone civili, anche se forse aiuta…
    Bella la riflessione
    “A me della comunità omosessuale frega poco un cazzo fino al momento in cui non comincia ad esasperarmi le balle con i SUOI (suoi, suoi, suoi…) problemi (che però mi devo sentire responsabilizzato a risolvere IO cittadino)”.
    Al posto di ‘omosessuale’ ci scrivi nero, ebreo, immigrato, qualche ritocchino et voilà: un discorso buono per tutte le stagioni.
    Resta da capire cosa possa significare per la ‘comunità omofoba’, di cui sei degno rappresentante, essere ‘cittadino’ ma non temere: ‘decisamente’ non ti sto chiedendo delucidazioni, anzi, tremo al pensiero di leggere la tua visione di cittadinanza.
    Il cieco e la medaglia d’oro nel tiro coll’arco: ah ah ! Sei irresistibile…
    ROTFL

    Sull’infinita questione della liceità del comunismo e del nazifascismo stenderei un velo pietoso, anche perchè mi sono rotto i cosiddetti di queste quattro checche rapate a zero per dissimulare la stempiatura (fondamentalmente l’avversione ai comunisti che manifestano è poco più che invidia tricologica) che berciano e fan casino perchè reclamano il diritto di girare colle bandiere colla svastica e la legge glielo vieta diversamente da quelli colle bandiere comuniste.
    Ma mettere un paio di guardiani ai cancelli dei tocchevillici no, eh ?
    Non all’ingresso, però, all’uscita…

  2. Sillogismi: MHB2007 è la sagra del rosico, rosicare è un processo emotivo inutile, l’MHB2007 è inutile.
    Per Sapu, invece, essere civili e tolleranti significa far crescere degli esseri umani in un nucleo familiare in cui madre e padre possiedono il medesimo sesso. In compenso, dall’alto del suo piedistallo di sconfinata saggezza, invece di controbattere argutamente a quanto ho scritto spiegando il perché la pensi così, non è riuscito a concepire nulla di meglio che darmi dell’irresistibile ipotricotico senza tuttavia rendersi conto che il massimo che posso fare coi suoi post è stamparli in formato A3 col plotter, arrotolarmeli attorno al corpo nudo e andarmi a rotolare nei letamai del circondario. Inoltre mi ha reso edotto del fatto che basare le proprie argomentazioni su esempi comparati di politica quando i tuoi interlocutori hanno il quoziente intellettivo di un’arachide sbucciata è controproducente.

  3. Ehi, Zarathos, sparaca**ate, ma hai CAPITO di cosa si parla nel post? E’ sull’omofobia, che è la paura e l’avversione per gli omossesuali.Non so, bisogna spiegarti il significato di ” fobia “? NOn ti si chiede di fare crescere i bambini tra due persone dello stesso sesso, nè di consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso. E’ una giornata per promuovere la TOLLERANZA. Ovvero, tu puoi pure disprezzare o odiare gli omosessuali,puoi pure ordinare a tuo figlio di non sposarne uno-a, puoi pure parlargli attraverso un velo protettivo, son fatti tuoi,ed eventualmente suoi, se ha la disgrazia di avere un genitore come te,e non ti si chiede di amarli, si chiede di manifestare tolleranza. Per questo, Sapu ha citato i neri, ti poteva citare tutte le minoranze che nei secoli hanno dovuto subire discriminazioni, violenze e intolleranza.Poteva metterci in mezzo come categoria tutti gli Zarathos del mondo, con le loro opinioni idiote,il significato era che anche se Zarathos scrive idiozie siamo esseri civili e dobbiamo rispettare tutti. La tolleranza non ti chiede di sposare il punto di vista dell’altro che non condividi, significa riconoscergli il diritto di vivere in PACE in mezzo agli altri. Di essere accettato, se non amato. Tollera, è il messaggio della giornata dell’omofobia. E non devi tollerarae perchè sei buono e magnanimo, ( oh, tu sei taaaaaaanto polticamente scorretto, figuariamoci se ti mostri buono), ma perchè è il MINIMO che si richiede per vivere tranquilli tra gli altri.
    Adesso ti rendi conto delle scemenze che hai scritto? ( seeee…)

  4. Zarathos… ‘controbattere argutamente’ ?!
    Ah, i bei tempi andati dei forum in cui arrivava il troll ad esprimere concetti che facevano regredire il concetto di civiltà al neolitico e poi, alle sdegnate repliche, rispondevano “eeeh, ma tu non argomentiii, tu non replichiii’. Bei tempi. Andati, proprio…

    “Controbattere argutamente” ?!
    Sei talmente in aria da non renderti conto di esser tu quello che continua a saltare da un argomento all’altro (dall’omofobia al nazismo alle adozioni gay), peraltro coi medesimi risultati…

    “Controbattere argutamente” ?!
    Ti sei vantato di essere omofobo !
    Avessi scritto ‘picchio i bambini o prendo a calci cani o le donne incinta’ sarebbe stato uguale: non secondo me, non secondo quel che penso io, bensì secondo quelli che sono i principi per cui ci riteniamo civili, in cui ovviamente non ti riconosci.
    Sei un incivile, a dir poco, e fiero della tua inciviltà rende la tua opinione degna quanto quei cumuli in cui ami rotolarti.
    Che poi dove ti rotoli sono affari tuoi, non credo fosse il caso di sbandierarlo.
    E cmq si era capito.
    Dall’odore, intendo…

    Va’, torna alla città dei tocchi. E chiudi la porta…

  5. Maria Josè, complimenti !
    Riuscire a ricordarsi di voltaire in queste occasioni ci vuole davvero una gran forza d’animo…

  6. Zarathos, ti ammiro per aver utilizzato la parola sillogismo, sul serio. Fa molto Umberto Eco.

    Ma continuare a fare di tutto per aggiudicarti il MHB2007 non mi sembra il modo migliore per dimostrarne l’inutilità, al contrario.

  7. Sapu, in realtà, non ci sarebbe neppure bisogno di riandare a Voltaire. Buon senso, diceva Piti.
    Gli Zarathos di questo mondo dovrebbero pensare a immaginarsi di avere figli omosessuali e immaginare se davvero vogliono che i figli affrontino disprezzo, fastidio , violenze, discriminazioni.
    Tutto questo, ovviamente, quelle volte che lui permetterà ai propri figli eventualemente omosessuali di uscire dalla cantina per prendere una boccata d’aria.

  8. ah, questi refusi.

    Io parlavo di buon sesso. Per superare queste posizioni intransigenti ci vuol tanto buon sesso.

  9. Maria Josè, che immagine raccapricciante !
    Che ad uno che si dichiara omofobo sia permesso di generare prole…

    Piti: o ‘tanto’ o ‘buon’, mica si può aver tutto.
    Un po’ di austerity, per la miseria…

  10. gli ultimi due commenti targati piti hanno a mia smisurata approvazione, per quanto possa valere.
    :D

  11. vale moltissimo la tua smisurata approvazione.

    Prima al bar ho detto forte: “Ove(marchio registrato) mi approva smisuratamente” e tutti hanno rosicato in maniera evidente

1 Trackback / Pingback

  1. www

Rispondi