Le radici cristiane dell’Europa


03.25.07_radici_m.jpg


un click sulla vignetta per ingrandirla

(Visited 3 times, 1 visits today)

34 Comments

  1. Lui verrà

    Lui verrà.
    Lo ha detto.
    Lui dice la Verità
    come la dice
    il Padre.

    Quando
    Lui verrà
    non ci sarà
    piu bisogno
    di queste nostre chiese
    provvisorie.

  2. Lei verrà, io ne ho già sete,
    Lei verrà, nel tempo che verrà,
    e scenderà forse di mattina, da un fiume che va…
    Per noi avròòòò strane parole,
    quelle che non riesco a dire mai,
    parole di cui ti vergogni.

    Aaaaaaaaaaaaah, ci sarà il soleee, nella stanza in fondo agli occhi tuoi,
    amore che non dà più sogni, amore che non dà…….

  3. Hana,
    giacchè ci siamo ancora ritrovate qui,in un post “cristiano”, ti posso dire una cosa?
    Ti offendi? Mi ricordi Franco Califano.
    “Vivo la vita, così alla giornata per quello che dà…”(una delle tue liriche, soprattutto).
    Il Califfo è un mito, anche mononarice resta un mito, dunque vanne fiera! “la mia libbbertà” (quando gliela danno, tuonava qualcuno).

    Hasta Pronto
    Morosong (Io song)

  4. Morosita sei un mito beccati Maria di Magdala

    Maria di Magdala

    Se ti avessi conosciuto
    mi avresti sedotta
    per la bellezza
    del tuo spirito e del corpo.
    Stravolta dagli occhi
    avrei leccato i piedi
    di un uomo e di Dio.

  5. Triviale, IO?
    BLASFEMA, IO???????
    Senti, se mi dici “tesoro di…”, guarda che io mi sciolgo, poi sò…poesie tue!

  6. Fragile

    Non posso trovare
    pace
    evitando
    di vivere;
    è meglio
    tacere
    quando non hai lacrime.
    Sacro silenzio,
    il dolore non cicatrizza,
    resti solo
    Tu
    amore mio
    crocifisso
    per il sempre
    di un attimo.

  7. Rododendro sei un genio. Solo che le radici cristiane dell’Europa sono quell’esile fuscello piantato in una terra in cui sedicenti ex-pornostar adoratrici di Paolo Guzzanti (andate al suo sito) scrivono versi immortali come “Tu/amore mio/crocifisso”.

    ORa capisco meglio cosa sia quel fuscello che è piantato turgido nella terra e a cui il pastore ( e la ex-pornostar) s’avvinghia.

  8. macchianera
    chiedo perdono
    solo adesso me ne accordo
    l’ho citata
    e qui risponderà
    ora
    dopo il mio commento
    improvvido
    lei seguirà
    come un tormento
    una pioggia nel pineto
    od un frastuono
    sarà l’onda
    incontinente
    dell’Hana Pornostà
    la qui presente
    che vedo che ha occupato
    quasi militarmente
    il blog tuo o Macchia
    che sarà ribattezzato
    Hana Nera
    appartenente
    da ora alla Nazione
    in Hana
    o alla Blog-HaNation.
    presinculinascionanciuso!
    olrai!

  9. Grazie signor De Santis delle critiche… mi parlava di tormento…

    Abissi

    Di notte
    brutti sogni
    gemono
    mi sveglia
    il tuo lamento
    sei di ghiaccio
    amore mio
    mi scivoli via
    verso
    un abisso
    la tua voce
    si spegne
    lentamente
    dici
    parole
    sommesse
    sento
    solo il tuo dolore
    ti prego
    amore
    non aver paura
    di farmi soffrire
    vai via
    adesso
    non sarai
    mai
    assente

  10. Hana, perchè scrivi le tue poesie su questo sito turbolento?
    Qui c’è gente troppo agitata, per apprezzarle.
    Oltretutto in questi giorni sono più agitati che mai per la conta dei voti in senato.
    Non è aria.
    Indirizzale a Romano Prodi direttamente, sul suo sito
    http://www.romanoprodi.it

    E’ l’uomo giusto.
    E’ sereno. E’ strasereno (lo dichiara ogni giorno). E’ la serenità in persona. La serenissima.
    Inoltre, affonda le radici della sua carriera politica nella cristianità, sin dalle prime esperienze di giovanottone consigliere comunale democristiano.
    E’ aperto a tutte le esperienze (sedute spiritiche).

    Insomma, è l’uomo giusto.

    Vai, sparale a Prodi, chissà che non ne tragga ispirazione.

  11. Mario, tieni duro! Le radici cristiane? Ti prego! Hana deve farci conoscere le sue poesiole, se il Papa avesse parlato di radici buddiste non sarebbe cambiato molto per Lei credimi

  12. Elogio del dataentry
    StringaDiCatatteri invio
    StringaDiCatatteri invio
    StringaDiCatatteri invio
    StringaDiCatatteri invio
    StringaDiCatatteri invio
    StringaDiCatatteri invio

  13. Hana,
    ho “perso” un amico a cui volevo tanto bene.
    Tu che sei donna di mondo, mi aiuti a ritrovarlo?
    Un consiglio piccino e innocente?

  14. Canta che ti passa Naonda…
    Morosita hai perso il tuo amico in che senso?
    Nel senso che avete litigato, se è cosi, tra amici accade a volte di allontanarsi, un amico non si perde mai se è veramente amico, ci sono i momenti di buio, di allontanamento, di strade che si dividono…ma se tu ami veramente il tuo amico, conoscendoti come donna forte e risoluta, saprai come ritrovarlo.

  15. Io farò di tutto per ritrovarlo!
    Sarò anche forte e risoluta ma nun so pazzzzièèèèènte.
    Non so neanche, invero, se ci siamo “appiccicati” pedavvero.
    Grazie comunque, Hana, hai l’animo sensibile e poetico, un scè un hazzo da ffà..

  16. Laura2 piuttosto ti consiglio la rivista Poesie, il mensile internazionale di cultura poetica, il direttore è lo squisito dott. Nicola Crocetti ed il vice direttore è la sensibilissima Angela Urbano.
    Il costo è di 5 euro un pochino piu caro di Vanity Fair, ma sai laura2 la qualità…

  17. Ritorno al nostro Mario de Santis, ho scoperto( è facile da internet) che anche lui scrive poesie, poteva dirlo subito, le può scrivere anche qui. Mario de Santis ha pubblicato su Poesia e sulla rivista Mosca, inoltre ha pubblicato una silloge:”Le ore impossibili”.
    “Oggi morire
    è del tutto un passo puro
    non è piu l-errore
    di chi non è servito
    è un passo lento
    di conquiste
    e accumulo di accuse…”, versi di Mario de Santis (le ho fatto pubblicità perchè il dileggio che mi ha dedicato è scritto in buona metrica).

  18. Credo che riderò fino all’alba,
    GRAZIE HANA. Sei un mito. Come si fa a diventare tua fan?
    Poi mi insegni qualche trucchetto….per quella roba lì, inZomma ;)

  19. Robbbbèèèèrto,
    se ce l’hai con me, sarà duretta spezzarmi:ho radici bien piantate, dentro e fuori.
    Semmai, ti spiezzo in due.

    Firmato
    Ivandrago

  20. Che insolenti… ancora qualcuno che commenta la vignetta… mah Roberto mi meraviglio di te!
    Scusa…ma se vuoi commentare vai sul blog di rododentro no?… bah…

  21. UN MOMENTO ANCORA

    Ancora una notte.
    Solo una.
    Poi,
    me ne andrò.
    La luna già risplende,
    la vita mi porterà lontano.

    Alcuni sono già partiti.
    Anch’io li seguirò.
    Senza notte,
    senza luna.
    Io li seguirò.

    Ancora una.
    Ancora una notte,
    con il suo mantello nero,
    poi,
    me ne andrò.
    Senza voltarmi.
    Non farlo neanche tu.

    Il mare si è ingrossato.
    Voglio il tuo ricordo
    dentro.
    Il rimpianto di una vita diversa.

    Una vibrazione sincopata.
    Io,
    me ne andrò.
    Un palpito
    del tuo
    cuore.
    Tutta la vita
    per chiamarti
    Amore.

    domenico.cassandra@inwind.it

Rispondi