Rula Jebreal /1-2

Clicca qui per aprire il wallpaper,
poi tieni premuto il tasto destro del mouse
e scegli “Salva immagine con nome…”
quando appare l’immagine.
(Formato .jpg – 1600 x 1200)
Clicca qui per aprire il wallpaper,
poi tieni premuto il tasto destro del mouse
e scegli “Salva immagine con nome…”
quando appare l’immagine.
(Formato .jpg – 1600 x 1200)


(Visited 49 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. Rula, si chiama Rula Jebreal, non Jula…

    forse solo un lapsus: volevi in qualche modo riferirti al verbo “ciulare”

  2. Uno dei molti motivi per cui tifare Palestina.
    Però anche Moran Atias dal’altra parte non scherza.
    Ma io preferisco la Rula, una delle donne più belle e interessanti apparse in etere da 10 anni a questa parte.

  3. Manca solo Facci che le dà del cesso e poi abbiamo fatto il giro dell’idiozia da caserma di questo sito.

  4. Rula Rules, L’unico giornalista che abbia provato ad incalzare berlusconi … ovviamente lui l’ha disarmata con un bel commento maschilista: “… alla gente non interessa quello che diciamo, guarderà la trasmissione al massimo per la sua bellezza[risata spastica]…” (gli stava chiedendo dei suoi processi).

    Poi ha spiegato in poche parole come si sentano gli israeliani non ebrei.

  5. Come sempre con Giulia servono i sottotitoli. E va bene. La Jebreal è una bella persona, competente, informata, e le scelte che ha fatto sono ammirevoli.
    Ma è anche ideologica, aggressiva, scorretta nei dialoghi (tende a parlare “sull’interlocutore”), estrememente semplicistica nell’esporre domande e problemi. Basta così?

  6. – Ottimo, se diventa famosa come pinup ce la togliamo dai piedi come “giornalista”

    – La Jebreal è una bella persona, competente, informata, e le scelte che ha fatto sono ammirevoli.
    Ma è anche ideologica, aggressiva, scorretta nei dialoghi (tende a parlare “sull’interlocutore”), estrememente semplicistica nell’esporre domande e problemi. Basta così?

    Compare and contrast. E magari vergognati, dai. Un pochino. Non tanto.

  7. “tende a parlare “sull’interlocutore””

    Vuol dire pretendere che si risponda alle damanda fatta.
    Cosa più unica che rara per un giornalista italiano (e soprattutto lo fa senza ripetere perchè, perchè, perchè).

  8. la parlantina e il fascino discreto non le mancano, ma manca di tatto: espone le cose velocemente (non lo fa nemmeno un madre lingua italiano), quando le rispondono non aspetta nemmeno la fine del discorso per rifare un’altra domanda della sua scaletta. Non si apprezza la sua tendenza a parlare in maniera scorretta della regione medio orientale. Fa affermazioni ma deve migliorare. Per il momento si può dire che ha raggiunto la sufficienza in alcune tematiche. Può migliorare nel successivo quadrimestre.

Rispondi