Brividi

Ma se un tizio ad un congresso di cattolici dice che “per noi invece l’Italia deve essere cattolica e degli italiani”, uno può legittimamente domandarsi come si può realizzare questo piano in un mondo in cui milioni di Europei non cattolici possono venire a vivere in Italia e centinaia di migliaia di “braccia” extraeuropee hanno scelto il nostro paese per vivere?
Cioè, fisicamente come si mette a punto quest’Italia dei cattolici e degli Italiani se oggi ci sono quasi un milione e mezzo di stranieri residenti e 7 milioni che si dichiarano non cattolici?

(Visited 5 times, 1 visits today)

39 Comments

  1. Una prima soluzione potrebbe essere imporre il battesimo a tutti quelli che fanno richiesta della cittadinanza.

    In seguito si potrebbe pensare anche di istituire l’obbligo della prima comunione se si richiede la carta di identità, magari utilizzando anche l’autocertificazione.

  2. Mi ricordo un dibattito al Centro Culturale Protestante di Milano, intervenivano Vannino Chiti e un tale della Margherita. L’incapacità dei due di concepire come potessero esserci italiani non cattolici lasciava senza parole. E, ricordo: eravamo al Centro Culturale *Protestante*.

    È stato uno dei momenti in cui ho capito più chiaramente di *non poter essere italiana*, semplicemente.

  3. Siete solo degli eretici balordi.

    Bravo , “il_Gurzo”, diglielo.
    “I più fortunati cadranno per primi”.

  4. boh, dato che l’88% si dichiara cattolico mi pare solo conseguente che l’italia deve essere cattolica.
    sono le regole della democrazia.
    a.

  5. A., le regole della democrazia prevedono che quel 12% di italiani non cattolici godano degli stessi diritti di quelli cattolici. L’Italia è di tutti, a prescindere dalla religione.

    Comunque Berlusconi va al Meeting di CL e dice che l’Italia deve essere dei cattolici, alla riunione di Confindustria dice che l’Italia deve essere degli industriali e al Summit degli Attori di Strada dice che l’Italia deve essere dei guitti. Basta che lo voti, e ti consegna le chiavi.

  6. Giu’, mi piacerebbe tanto che lo invitassero chessoio al congresso dei Valdesi. O ad un’assemblea di lavoratori stagionali di colore.

  7. oi ragazzi, ma perchè vi arrabbiate? ora è prodi che ruleggia.
    dunque tutto cambia: via dall’iraq, via dall’afganistan e niente spedizione militare in libano…
    a

  8. Se Berlusconi è cattolico io sono Padre Pio. Da cattolico mi vergogno per le immonde cazzate che dice quest’uomo pur di compiacere chi lo ascolta e mi vergogno ancora di più per i ciellini che invitano certa gente al loro meeting.

  9. A., mai sentito parlare di stato laico? Significa che lo stato non ha aggettivi di natura religiosa. Significa che non è cattolica, ne musulmana, ne atea, perchè al suo interno ci si possa stare tutti quanti. Significa, che non è la religione a caratterizzare l’italiano. Spero che un giorno questo possa essere chiaro anche a chi ha la sfortuna di nascere col cervello a forma di pera.

  10. E’ un dibattito che torna di moda, di quanto in quanto.
    Ritengo che uno dei limiti insiti nella democrazia sia nell’incapacità di tener conto delle esigenze della minoranza.
    In questo caso, il discorso è ancora più esagerato perchè la maggioranza cattolica si comporta come se tutta l’Italia fosse cristiana o cattolica.

    http://d4rkcloud.splinder.com/post/9022538

  11. Il Silvio è praticamente scomunicato, in base all’enciclica “Familiaris Consortio” DI Giovanni Paolo secondo del 1981 : “La Chiesa, tuttavia, ribadisce la sua prassi, fondata sulla Sacra Scrittura, di non ammettere alla comunione eucaristica i divorziati risposati”.
    Silvio è divorziato, risposato e certamente non vive in castità. dato che ha anche fatto alcuni figli con la Veronica.
    Questo genere di persone Molière li chiamava Tartufi.

  12. Oh, finalmente dopo settimane di foto di squinzie semivestite, un post di sostanza! Fabrì, ma come fareste senza Silviuccio vostro??

  13. Mi mancava. Le sue cavolate per un momento mi hanno fatto dimenticare la disputa tra Italia-Francia.
    (quella per chi comanderà in Libano…non la finale dei mondiali)

  14. Beh… io l’ho trovato divertentissimo quando ha detto: “La sinistra vuole redistribuire la ricchezza!” Mi è venuta in mente tanta sacra scrittura cattolica…

  15. Phasti’, una cosa non riuscirò mai a capirla di “voi di destra”. Fate tanto gli inteliggggentoni, capite tutto, fate i grandi analisti, spaccate il culo ai passeri. E poi vi sfuggono i dettagli più macroscopici.
    Se per te l’affermazione del nano è compatibile con il mondo versione 2006, fammi un fischio. E facci anche cinque o sei post di quelli analitici, inteliggggenti. Spiegando come si realizza l’Italia degli Italiani e dei Cattolici.
    Io sono antiquato e sono rimasto al mix culturale statunitense.

  16. A tutti quelli che spaccano il capello in 4 cercando di giustificare un utilizzo della religione a puri fini di potere, e di profitto personale ( CL significa anche cliniche e scuole private che incassano soldi dallo stato in barba alla costituzione )ricordo che l’unico caso in sui Cristo ha utilizzato la violenza fisica è stato nel confronti dei mercanti nel tempio.
    Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe, e i cambiavalute seduti al banco. Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi,e ai venditori di colombe disse: “Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato” ( Giovanni 2,13 )

  17. Sì fanno delle grandi urla nelle piazze finchè la gente non scappa all’estero. E si spera che tra gli scappati ci siano quei 7 milioni di non cattolici.

  18. se la sacra rota annulla il tuo matrimonio, non sei divorziato ergo non scomunicato. non vedo cosa ci sia di stupefacente in un leader politico che piace tanto ai conservatori che blatera della necessità del paese di essere religioso. e, comunque, i ciellini stravedono per lui a prescindere

  19. Non è strettamente legato a CL, ma ultimamente sono entrato in una libreria di Monza, che credo che sia di proprietà della Curia o comunque è un punto di riferimento per tutti i testi di carattere religioso, e proprio in mezzo alla sala c’era una bella pigna di libri di Dan Brown con messo in bella evidenza “Il codice da Vinci” in tutte le sue versioni e con anche i vari diari e gadget collegati.
    Evidentemente si fa peccato a leggerli ma non ad aquistarli.

  20. Francamente … resto di sasso al leggere questi commenti. Berlusconi ha forse detto che tutti devono diventare cattolici, o di essere lui un perfetto cattolico? Qualcuno ha letto il discorso? I discorsi fatti sono un perfetto esempio di quell’odio di sè di cui parla Giorgio Israel, professore ordinario di Storia della Matematica, ebreo, nel suo ultimo libro. Possibile che non si riesca ad accettare il semplice fatto che la nostra identità culturale radica nell’esperienza del cristianesimo, anzi, del cattolicesimo? Il che non implica che ci sia o ci debba essere in futuro una “sharia” cattolica. Su questo continuo sul mio blog.
    A proposito … mi sono chiesto come mai questo blog avesse a disposizione tanto spazio per tante immagini di foto … la risposta? Vengono da http://www.imageshare.it.nyud.net che a sua volta è un nodo della rete mondiale Planet Lab – una rete sperimentale creata per permettere la ricerca sui servizi internet, alla quale possono accedere solo le università, istituzioni di ricerca, eccetera. Complimenti ai ricercatori italiani che usano risorse dedicate alla ricerca per metterci le donnine nude che possano attirare la gente al loro blog moderno e progressista!

  21. Fabrizio, io non sono l’avvocato d’ufficio di Berlusconi, ne ha già troppi a servizio permanente effettivo. Ma sono incline a quotare il commento di Michele: SB ha voluto rimarcare le origini culturali di questo paese, non ha voluto dire che chi non è cattolico verrà internato in campi di lavoro. Io contestualizzerei il discorso, magari non guasta. In fondo, la diamo buona alla terza carica dello stato quando spara le sue cazzate ottocentesche e classiste in contesti istituzionali, credo che possiamo condonare anche questa scivolata al capo dell’opposizione in un contesto assai poco istituzionale, o no? E poi io, da agnostico, ho tutto l’interesse a non farmi assimilare, non trovi?
    P.S. Il mio commento era ironico non rispetto al tuo post (anche se, permettimi, so per esperienza diretta che puoi fare molto meglio), ma rispetto ai mezzucci cattura-audience di questo sito…Ho talmente stima di te che ti condono anche la frusta espressione “voi di destra” (chi, moi??)

  22. Fino a quando il Vaticano sarà cosi influente sulla legislazione Italiana da proibire ricerche e cure che possono portare sollievo a molte sofferenze mi farà un poco schifo.
    Adesso è stato scoperto unmetodo per ricavare cellule staminali dagli embrioni senza danneggiarli minimamente e la Chiesa cattolica è gia partita all’attacco dicendo che il fatto sesso di manipolare embrioni è immorale e da proibire.
    E la persone che soffrono per malattie che potrebbero trovare una cura evidentemente per la Chiesa Cattolica possono crepare.

  23. Spiegami una cosa … poco più di un anno fa circa il 22% degli italiani ha votato a favore della ricerca sugli embrioni. Mi spieghi perché il 100% delgi italiani oggi si deve adeguare alle tesi balorde della minoranza, pagando con le proprie tasse una attività di ricerca che abbiamo giustamente ritenuto inutile e dannosa? La ricerca sull’embrione è proibita anche in Germania, è forse un paese più cattolico di noi? La verità è che finora gli unici risultati scientifici seri che permettono di curare delle persone vengono dall’uso di cellule staminali adulte, e in questo itpo di ricerca l’Itaia è all’avanguardia. La ricerca sulle staminali embrionali invece è per il momento sperimentazione pura, senza applicazioni cliniche possibili, anche perchè l’uso di cellule embrionali è potenzialmente molto più rischioso. Nessuno vieta agli scienziati di fare tutta la ricerca che vogliono sugli embrioni dei topi, e se un giorno troveranno una applicazione pratica allora si porrà il problema etico del’uso di embrioni umani. Ma per il momento devono proprio sperimentare sugli esseri umani? Lo sapete qual’è il vero problema? Gli animali di laboratorio costano, i bambini non impiantati invece no…

  24. Io più che altro non capisco come facciano dei cattolici ad osannare come una rockstar uno che se ne esce con una frase così razzista. Sono ateo ma la storia di amare il prossimo tuo come te stesso non mi pare l’abbia detta Che Guevara.

  25. Se è per questo la nostra identità culturale radica anche nell’esperienza pagana dei romani, dei greci, degli etruschi e dei fenici, in quella degli ebrei che in italia ci son sempre stati, e anche in quella islamica che ha attraversato più volte e spesso in maniera pacifica la nostra penisola.

  26. Michele, per proibire la ricerca sugli embrioni si è espresso solo il 3% degli italiani, quindi una nullità.
    Chi non esprime la propria opinione non conta assolutamente nulla.
    Fortunatamente data la crisi delle vocazioni la Chiesa cattolica è un rudere in via di estinzione, ( oppure Michele vuole negare anche la mostruosa crisi delle vocazioni sacerdotali in Italia?)
    Ma è normale che ai Cilellini delle sofferenze della povera gente non importa nulla, si fanno persino sponsorizzare dal principale fabbricante e venditore italiano di armi al terzo mondo che si chiama FINMECCANICA.
    è proprio vero PECUNIA NON OLET.

  27. A., mai sentito parlare di stato laico? Significa che lo stato non ha aggettivi di natura religiosa. Significa che non è cattolica, ne musulmana, ne atea, perchè al suo interno ci si possa stare tutti quanti. Significa, che non è la religione a caratterizzare l’italiano. Spero che un giorno questo possa essere chiaro anche a chi ha la sfortuna di nascere col cervello a forma di pera.

    Inviato da: Roberto , 25.08.06 18:30

    ROBERTO SANTO SUBITO!!!

  28. Si potrebbe pure esser d’accordo: l’Italia deve esser cattolica.
    Chè il cattolicesimo, prima che una fede, è una filosofia di regole atte ad edificare una società ideale che nessuna costituzione potrà mai auspicare.
    Quindi non il cattolicesimo: il problema sono i cattolici.
    Chi assegna a chi la patente di cattolico ?
    Ovvio, non si può discutere sulla sincerità di una dichiarazione di fede cattolica, ma per il resto ?
    Chi può (deve) dire ad uno che fa lo strozzino, che evade le tasse, che schiavizza, che manda persone con un fucile a morire, che non è un buon cattolico ?
    Che lo stesso Gesù che ha cacciato i mercanti dal tempio con lui oggi userebbe un tirapugni ?
    Verrebbe da dire la chiesa ed i suoi rappresentanti e verrebbe quantomeno da ridere per averlo detto.
    Allora forse i cattolici potrebbero e dovrebbero, che non è molto diverso dal dire che i votanti dovrebbero dire se gli eletti han fatto bene o no.
    Ci si incazza per il nano che dice una minchiata ed è pure umanamente comprensibile.
    Ci si dovrebbe incazzare con quelli che applaudono, e chieder loro se lo considerano un buon cattolico e se loro stessi si considerano tali…

Rispondi