Fuori tutti

Preoccupati gli operatori delle carceri italiane: c’è gente che non sa dove andare. E’ agosto, c’è gente che non ha prenotato. Poveri cristi, tossici, extracomunitari, gente che non ha commesso reati finanziari contro lo Stato e che non ha nessuna villa dove andare a passare il Ferragosto…

(Visited 5 times, 1 visits today)

18 Comments

  1. stamattina leggevo di questa situazione sul giornale e passando davanti al carcere pensavo a quello che “ha ucciso un’amica, esce di carcere e non sa dove andare”… La sua unica soluzione è uscire, attravesare la strada, ammazzare uno a caso, girarsi e chiedere cosa c’è per pranzo.

    Per qualche centinaio di metri ho guardato male i pedoni…

  2. Beh, data anche la stagione, delle case popolari in sabbia potrebbero ritornare utili.

  3. E se li mandiamo tutti a casa di Lia Celi?
    …così impara a fare quei pezzucoli di satira schierata che non fanno ridere nessuno.
    Cribbio!

  4. Non preoccupatevi
    Appena usciti emigreranno verso stati governati da persone con un cervello.
    Quindi, non li rivedremo più.

  5. Non c’entra nulla con l’argomento, ma ci tenevo a dirvi che, alla facciaccia del bilioso e rancoroso Macchianera, facendo leva sulle mie sole doti, reinventandomi una professione a 50 anni suonati da un pezzo,senza padrini politici, senza dar via il culo a nessuno, e senza buttarmi a sinistra, sono riuscito dopo varie, ma sporadiche collaborazioni, a ottenerne una quotidiana e permanente, per una rubrica di satira su un prestigioso e famoso giornale italiano. Una battuta al giorno, alla stregua di un Mattia Feltri, Boncompagni, Crippa, Robin eccetera, con una sostanziale differenza : io sono molto più bravo. macchia, in caso di travaso di bile, ti consiglio il Verecolenin oppure una bella Lavana Castrica.

    Un saluto e Buone vacanze a tutti,

    Natalino Russo Seminara

  6. “Non c’entra nulla con l’argomento, …”
    Diciamo più che latro che un bel “chi se ne frega” non guasterebbe…

    “e senza buttarmi a sinistra” ma buttandoti a destra….

  7. Non c’entra nulla con l’argomento, ma ci tenevo a dire a Natalino Russo Seminara: “e ‘sti gran cazzi nun c’ho metti?”

    Ovviamente nell’accezione romana e originaria del termine…

  8. Ma sto Natalino è proprio bravo, ma quanto è bravo, come scrive bene… è intelligente, simpatico, colto, acuto, raffinato, scanzonato. Tante cose tutte insieme, un po’ come la pattumiera.
    E infatti, sito che vai, pattumiera che trovi.

  9. Da ieri di nuovo disponibile, prezzi modici, soddisfatti o rimborsati. Sconti comitive. No politici. Supplemento foto con il morto.

  10. Ma se io, da oggi e per i prossimi cinque anni che Dio vorrà spedire su questa Terra, sosterro’ (con sprezzo del ridicolo) di essere il miglior romanziere mai esistito, avro’ la possibilità di veder pubblicato il meraviglioso romanzo che sto ultimando?
    E soprattutto, potro’ sperare di poter contare vita natural durante sullo stipendio della mia gentile consorte (e mecenate, nel caso specifico), cosi’ da per potermi alzare tutte le mattine alle 10 e non fare una beata fava tutto il giorno fuorché scrivere al pc?

    P.S. Chi volesse in visione una copia del meraviglioso ultimando romanzo puo’ farmene richiesta.
    Ovviamente le spese di spedizione non le pagherei io…pardon, la mia gentile consorte…

  11. spiacente il mio commento non è Spam opinione giusta ciao quando ottengo in un nuovo blog

  12. mah.. io non capisco bene quale sia la funzione del carcere. E’ punitiva? Si infligge una punizione di un qualche tipo perche’ e` giusto che si PAGHI per gli errori. Per il maltolto. Una sorta di occhio per occhio dove nessuno si sporca le mani. E` rieducativa? Ha funzione di rieducare il DELINQUENTE a vivere nella societa`. Insegnare come essere utile a codesta societa`. O cosa?

    Perche’ non mi sembra ben chiaro. Nei discorsi che si leggono, nei dibattiti, nelle parole delle persone dotte. Sicuramente piu` di me. Ma, da persona ignorante, ho pensieri semplici. E uno di questi e` che prima si dovrebbe dare un ruolo, uno scopo al carcere, e poi cercare di rendere questo scopo una realta`. Io non so quale sia la cosa migliore, altri hanno le capacita` per arrivare a definire una cosa simile, ma forse e` ora di farlo.

    Per concludere.. quando la finiremo di fare le cose e poi pensare a come metterle in ordine. Fare una legge che manda per strada e poi pensare a come occupare queste persone. Non e` la prima volta, ma e` un sistema un po’ debole. Per risolvere un problema se ne aprono mille.

    PS per il tenutario: il codice di sicurezza con la griglia come sfondo e` facilmente aggirabile con un OCR, e` meglio dare una distorsione ai numeri..

  13. Oh mamma…

    E sto Natalino Russo Seminara da dove è uscito?

    Ma soprattutto, una volta uscito, si riesce a rimetterlo dentro?

Rispondi