Terapia a base di Terabytes

LaCie Bigger Disk Extreme with Triple Interface 2TBIn seguito alla premonizione che il computer di casa con i suoi quattro dischi stiano pensando di farla finita con questa valle di lacrime, chiunque sappia segnalare un qualsiasi negozio a Milano che abbia disponibile questo prodotto, ovvero il LaCie Bigger Disk Extreme with Triple Interface 2TB (e per disponibile si intende: uno apre la porta del negozio, paga, e se lo porta via) potrebbe per cortesia ?
Chiunque ci sia lassù, e qualunque sia il motivo per cui odia sia Maxtor che la Seagate, abbia in gloria chi lo farà.

(Visited 6 times, 1 visits today)

17 Comments

  1. Se ti conoscessi meglio, ti direi: “Ma sei scemo?”

    1. Cosa pensi ci sia dentro quella bella scatolina? Dischi fissi. E lo sai quanti produttori di dischi fissi esistono? Cinque o sei. Te la puoi prendere con alcuni, ma hanno tutti lo stesso difetto: col tempo (e neanche tanto) si rompono. Punto. Almeno i Maxtor te lo annunciano, gli IBM (ora Hitachi) si fermavano e non ripartivano piu’…

    2. RAID 0… Dove hai gia’ sentito questa frase? Ah, si, nel tuo vecchio Sony… Ripeti con me: RAID 0 cativo, RAID 1 buono. (e RAID 5 dificile…)

    3. Se stai per spendere 1.5keur, prendi in considerazioni anche soluzioni piu’ serie, cioe’ piccoli NAS da 4 dischi. Parlano molto bene dell’Infrant ReadyNAS NV (non l’ho provato, non ci lavoro, ne’ niente, riporto e basta), ma ce ne sono tanti altri, anche della LaCie (ma solo SATA esterno). Anche un oggettino fatto a mano mi da’ piu’ sicurezza dello scatolo LaCie.
    http://www.infrant.com/

    4. “Come osi parlarmi cosi’, tu non sai cosa provo, rischio di perdere tutto.” — No, lo so, l’ho provato anche io, piu’ volte.

    g.

  2. Gianluca io non entro nella diatriba perché come al solito qui ci sarà pieno di Gialli che sapranno consigliarti al meglio. Ma tu sei sicuro che avere un computer al quale vanno a puttane i dischi ogni 2 mesi sia normale? Cazzo, ma se ti mettono in mano un mac davvero ti fai un pippa. Sai all’inizio ho pensato fosse posa.

  3. Al punto 1 giovanni ha pienamente ragione a meta’;
    dentro ci saranno anche semrpe solo hard disk, ma si chiamano “copiedisicurezza”, non “datisucuilavoro”.
    Da quel che ne so *Lacie* monta di solito *maxtor* e *seagate*.
    Lo *SMART* di solito funziona.
    Io cambierei i parametri del firmware degli hard disk per
    1. allungargli la vira
    2. renderli meno rumorosi
    3. renderli meno performanti
    4. poter scrivere su un blog quanto si e’ fighi
    Direi che Milano non e’ New York, (e neanche Francoforte), magari se hai qualche amico in *Sony Milano* vacci a fare un giro che dentro quegli uffici hanno di tutto; magari se gli racconti la storia del tuo server e della bella pubblicita’ che gli hai fatto ti restituiscono il favore.
    Ciao

  4. Hai provato a telefonare a FNAC ? Al peggio ti prendi un paio di case hamlet con pochi spiccioli.

  5. In effetti è strano il ritmo a cui spacchi i dischi, forse c’è qualcosa da controllare.
    La soluzione (quasi) definitiva è un piccolo NAS con dischi in RAID5 (hot swappable se vuoi fare il figo). Mi rendo conto che non va bene per l’editing video in linea, ma per la libreria audio, i backup ed i dati “normali”, si.

  6. Gianluca: se ti serve un posto dove salvare i dati lascia perdere quel coso, che è RAID0 ed è LaCie, per cui presumibilmente costa un patrimonio. Esistono prodotti in RAID 1, 5 o 0+1 molto più sicuri. Senza arrivare a comprare un NAS preconfigurato (senza offesa: visto che insisti sul RAID0 lascerei stare il NAS) puoi comprare uno dei tanti “scatoli” con interfaccia RAID su cui monti i dischi che vuoi. Spendi molto meno (2-400 US$ per l’apparecchio + i dischi) e stai più sicuro.

  7. Ci sono due problemi con i dischi:

    1) i dischi soffrono il caldo, probabilmente più del processore. tenere un file server a temperatura ambiente (soprattutto adesso) significa condannarlo a morte (prematura) sicura.

    2) il RAID (né 0 né 1) non ti salva se hai comprato insieme i dischi che lo compongono. L’esperienza personale mi ha insegnato che i dischi dello stesso lotto di produzione si rompono tutti insieme, nel giro di poche ore gli uni dagli altri. Come avessero una data di scadenza. Se vuoi fare un RAID prendi dischi di marche differenti, ma ovviamente di caratteristiche simili (numero di giri, capacità, transfer rate). Sprecerai quasi certamente un po’ di spazio, ma avranno tempi di rottura molto differenti.

  8. Il sistema La Cie che hai scelto è un raid 0. Per perdere 2TB in un colpo solo senza alcuna possibilità di recupero dei dati, è una buona scelta. Io prenderei una bella scheda eSATA, un case da 5 dischi SATA esterno, andrei in CDC, prenderei 5 Maxtor da 500GB SATA (che vanno benissimo) e andrei via contento con 2,5TB. Poi raddoppierei tutto subito (quindi di dischi ne devi comprare 10…), e avrei sempre 2,5TB, ma backuppati ogni 6 ore… Così e solo così dormirei tranquillo.

  9. Gianluca, testina..:) Se sei disposto a spendere tutti quei soldi, con molto meno puoi avere quello e tanti altri servigi. Oppure spendi la stessa cifra ma non sarai ostaggio di quel “robo” .Fatti sentire che ti racconto come funziona e poi mi dici tu.

  10. Sono perfettamente consapevole che si tratta di un RAID 0 (ma potrebbe anche essere modificabile). Il fatto è che a me serve:
    a) un coso il più possibile portatile;
    b) per farci esclusivamente un backup quotidiano, e non per lavorarci su;
    c) una cosa che possa acquistare e portarmi via OGGI.

    Detto questo, ovviamente, se esistesse un alto coso con dischi hot swap che scelgo io, ma sempre collegabile via USB o Firewire, beh, ovvio che prenderei quello. Se qualcuno lo trova o sa dirmi dov’è.

    Insomma, chiunque possa risolvere la questione, mi scriva, mi messaggi, faccia qualcosa :-)

  11. 2 TeraByte di dati portatili? cos’è l’ipod non ti basta più?

    Ps io che ci lavoro con numeri del genere ti sconsiglio di affidarti ad una cosa del genere, meglio il raid 5, se devi fare backup così grandi portarti dietro i dati non è proprio la cosa più furba. Magari i dischi non si danneggiano durante il trasporto, ma se una botta o un urto rompe la parte elettronica? se te lo fregano dalla macchina? se ci cade dell’acqua dentro?

    I dati stanno sempre meglio in luoghi sicuri.

    Scusate la negatività del commento, ma è colpa della tesi in sicurezza per i siti di e-commerce

  12. Ma tu vorresti tenere un backup su hard disk?
    Lasciamo perdere ogni commento, è meglio.
    Tipicamente se si vuole fare un backup dei dati in modo affidabile è consigliabile utilizzare un sistema a nastro. Se vuoi una cosa anche portatile ci sono dei drive DAT su USB relativamente portabili (molto più del coso di LaCie cmq). E’ vero che i DAT son relativamente piccoli (72 Gb a nastro se non ricordo male) e lenti (21 Gb l’ora) ma tipicamente non si fa il backup completo ogni giorno. Si fanno i completi con una certa regolarità(una volta al mese), si fanno backup differenziali più spesso(una volta la settimana) e tutti i giorni gli incrementali.
    Esistono molti software in gardo di fare questi backup in automatico. Se si è inoltre disposti a rinunciare alla facile portabilità si può usare una tape-library che cambia anche i nastri in modo automatico.
    Questo ovviamente è il mio parere.

  13. NetApp FAS200 Series
    http://tinyurl.com/5xhem

    Papa’ compraci questo!! Non l’ho mai visto dal vero. E poi lo mettiamo in cameretta; poi hai la scusa per tenere l’aria condizionata a palla a dicembre.

    Comuqnue il caldo di Milano e’ speciale per i computer, mi ricordo di esame fatti con il case aperto e due ventilatori da stanza comprati alla Bennet in sconto che sparavano direttamente dentro, se li toglievi succedevano cose strane. Fai bene a fare backup, ma faresti meglio a pensare a una sala server condizionata.

    Baci

  14. Raid 0 per i dati non ha senso stressi 2 disci nello stesso modo e hai meta dello spazio (senza contare che si spaccheranno probabilmente nello stesso periodo raid 1 non ne parliamo nemmeno se perdi quello di parità sei fatto,l’unica è raid 5
    Libo i netapp sono spettacolari puoi a caldo staccare i disci, io una volta ho provato a staccarli e mescolarli mentre è acceso e non fa una piega oppure sempre a caldo gi aggiungi un disco e lui fatutto da solo,poi ha gli snapshot che dall’interfaccia di amministrazione ti ricostruiscono il file che vioi alla data che vuoi puoi perndere un file e avrelo nella versione di oggi ieri l’altro ieri etc. costano un pochino. ma vuoi mettere che fico.

  15. ciao a tutti!
    eccomi qua con il mio problemino da sottoporvi!

    devo comperare un nas ma vorrei sapere quale; vi sottopongo perciò miei problemi e mie scelte, poi ditemi voi (vorrei anche sapere un ordine di grandezza dei prezzi!):

    1. ReadyNas NV+
    2. Netap Fas 250/270

    qualcuno mi sa dire poi se questi prodotti supportano i nuovi dischi da 750 GB e quindi permettono una espansione delle loro capacità?

    io lavoro con delle immagini satellitari (quelle di google heart per intenderci) ed ho bisogno per il posto dove lavoro di un luogo dove immagazzinare fisicamente sta mole di dati (che aumenta sempre…) e pian pianino diverrà sempre più grande; perciò vorrei scegliere un buon “cassone” che possa valermi come soluzione stabile per qualche annetto (dentro poi ci devo buttare anche altre cosette, tipo: programmi, cartografia…, testi vari)

    ciao e grazie molte

    uli

Rispondi