“Basta criminalità!”, disse quello con in mano la spranga

Vergogna Equa e Solidale: dividiamo tra tutti quella di uno che dovrebbe provarne troppaVergogna equa e solidale. Sottotitolo: “Dividiamo tra tutti quella di uno che da solo dovrebbe provarne troppa”.

Allylally segnala il manifesto elettorale di tale Max Loda, capolista a Torino della lista Immigrati basta!, il quale, impugnando una spranga un manganello, propone:

Manifesto elettorale di Max LodaLa soluzione finale del problema islamico, del problema criminalità, del problema lavoro. Chiamparino vai a casa! Restituiamo San Salvario, Porta Palazzo e la città ai torinesi!”


(Visited 20 times, 1 visits today)

48 Comments

  1. Neri, sei mai stato in quelle zone di Torino?
    Secondo me, se ci fossi stato, ti saresti risparmiato la scritta “vergogna equa e solidale”.
    Con simpatia.

  2. la spranga è proprio out, sarebbe stato molto più ganzo se imbracciava un fucile a pompa.

  3. E tu ci sei mai stato simpatico Mirko?
    Per un manifesto del genere bisognerebbe finire in galera.
    Tu e l’amichetto tuo Loda parlate di cose che esistono soltanto nella vostra mente malata e su Torino Cronaca.
    A San Salvario si può vivere, lavorare, uscire la sera come in qualsiasi altro quartiere popolare della città.
    Vieni a fare un giro a San Salvario magari ti diverti.

  4. Loda è un pagliaccio nonchè un coniglio: quando vede un immigrato si caga nelle mutande. Ha promesso di sfilare in corteo con un maiale con un cartello appeso al collo con la scritta “Maometto”, ma ovviamente (codardo!) non si è fatto vedere.

    A San Salvario consiglio il locale Damadama, ma attenti a parcheggiare in piazza che i vigili fanno le multe anche dove si potrebbe parcheggiare.

  5. E’ un manganello di plastica in effetti.

    A me piace anche il Soundtown e lì in zona si mangia il miglior kebab Torino.

  6. Per Roberto, che mi definisce mente malata, e per Vercranz, che mi definisce fascista imbecille:
    Io ho espresso il mio pensiero civilmente. Voi non avete fatto altrettanto. E’ questa la differenza di cui mi vanto.

  7. Mirko: Dal momento che esprimi consenso verso quel penecefalo lì, con un corollario di metodi del genere, spiegami che tipo di civiltà intendi esprimere con il tuo pensiero. Soprattutto quando te ne vai in giro bullandotene. A me fa paura uno con la faccia di tal Max Loda, altrochè.

  8. In tutta onestà, di questo signore mi lascia perplesso solo lo stile. Mi preoccuperei di più se ci fosse una lista “Immigrati ancora” inneggiante alle delizie del multiculturalismo e al fascino dell’Islam. Ma non sono di Torino, e magari esiste davvero.

  9. Mirko, senza offesa. E unendomi anche al discorso simpatico fatto da Pera:
    che l’integrazione non sia una cosa facile, siamo d’accordo. Che in tutto il mondo ci siano città con problemi seri, è anche una verità. Ma non mi puoi spacciare per “pensiero civile” l’essere d’accordo con una persona che propone la spranga come soluzione.
    Altrimenti, e ovviamente qui esagero, ti cito il caso dei gerarchi nazisti che “civilmente” separavano le donne e i bambini da mandare al forno. E quelli piangevano incivilmente.
    Non è solo il tono della voce a dire se un argomento è civile.

  10. Sisko e Fabrizio: non ho espresso solidarieta’ e non ho intenzione di farlo. A mio giudizio Max Loda non dovrebbe esistere sulla faccia della terra. Ho detto che si poteva risparmiare la parola “vergogna”, e mi spiego meglio. Mi dispiace pero’ non vedere ANCHE critiche anche verso chi ha reso invivibile quelle zone di Torino, come altre. E’ la mia opinione, liberi di non condividerla, un po’ meno liberi (chi l’ha fatto) di insultare. L’intolleranza nasce anche da queste cose. Sempre secondo me, ovviamente.

  11. Mirko, forse non ti è chiaro che in tutte-tutte-tutte le città del mondo sono successi questi problemi.
    Vuoi una lista? Che città vuoi, americane, sudafricane, australiane, francesi, italiane?
    Non c’entra niente la critica e il vergogna. Questo è un problema che è correlato con l’integrazione.
    Lo puoi avere in modi diversi, ma quando in 10 anni un 5-10% della popolazione viene immessa, e queste persone hanno un altro colore, non è semplicemente gestibile.
    Se fai le strutture, ti danno addosso perchè la sinistra fa le strutture.
    Se fai i lager a lampedusa, ti danno addosso perchè la destra fa i lager.
    Ti è mai venuto in mente che alcuni problemi non hanno soluzione? Che l’unico fattore risolutivo è il tempo, è il lasciar passare una-due generazioni?

  12. Gianluca Neri tu c’hai l’occhio malizioso. Quella non è una spranga. E’ CHIARAMENTE una pompa da bicicletta. Lui intende comprare una bici ad ogni immigrato, gonfiargli le ruote di persona ed invitarlo con cortesia a partecipare al Tour de France, facendogli da sponsor, cosìcché possa andarsene. Alla ricerca di fama e gloria.

  13. Un applauso a tutti voi, esseri che non hanno idea di cosa voglia dire soffrire, esseri che non accettano il diverso, esseri che non si fermano neppure dinnanzi a persone più sfortunate, a gente che vive da anni in un regime d’inferiorità mentale. Ma è possibile che nessuno di voi si sia accorto che il soggetto è un ritardato? Possibile che non abbiate colto nel suo sguardo padano i segni di un’evidente minorazione mentale? Vi sembra giusto, dico, vi sembra giusto prendersela con chi è stato più sfortunato di voi?

  14. Vorrei far notare che c’è un metodo semplice, pratico e civile per far diminuire l’immigrazione clandestina, mandare in galera gli sfruttatori del lavoro nero.
    Molti immigrati arrivano qui grazie ad un ripugnante traffico di esseri umani.
    Basta adare a vedere chi lavora nei cantieri dei lavori in subappalto per la TAV per rendersene conto.
    Ma questo va contro gli interessi economici di tanti bei piccoli imprenditori padani, gli immigrati van bene come carne da macello, meno bene come vicini di casa.

  15. Esatto,come dice Pietro, la causa dell’immigrazione clandestina è la tav, lo sanno tutti. Migliai di disperati arrivano speranzoni nel nostro paese e noi cosa facciamo? Li mandiamo tutti in Val di Susa.

  16. NON CAPITE NIENTE W MAX LODA SAN SLAVARIO è 1 POSTO TERMENDO FA SKIFO ANDARCI DA TANTI MAROKKINI E POI I CINESI KE ARRIVANO FINALMENTE Cè UN POLITICO DALLA PARTE DELLA GENTE X BENE W MAX LODA ALTRO KE VOI COMUNISTRI KE INTANTO AVETE LE VILLE A MONTECARLO KE è OLTRETUTTO IN FRANCIA

  17. Giuro, quando l’ho visto non ci credevo …..
    Prima di inviarlo a Macchianera mi sono dovuta alzare, fare un giro, tornare e verificare che il manifesto fosse vero.

  18. Non ho mai detto che la causa dell’immigrazione è la TAV.
    Ho detto che nelle ditte che subappaltano i lavori per la TAV ci sono moltissimi lavoratori extracomunitari assunti in nero, perchè fa comodo intascare milioni di euro di soldi pubblici e pagare gli operai 2-3 euro all’ora.
    Vorrei far notare che poi che la Val di Susa non c’entra assolutamente niente, i lavori della TAV sono molto indietro, io li ho visti l’anno scorso ancora a Novara.
    Ma gianfilippo pensa veramente che senza la promessa di un lavoro, sia pure irregolare tanta gente verrebbe in Italia? solo per vedere la sua bella faccia?
    Fare dell’umorismo sullo sfruttamento schiavista di tanti disperati come fa gianfilippo è effettivamente vomitevole, gianfilippo merita di rimanere disoccupato e dover emigrare, cosi ce lo leviamo di torno.

  19. MENO MALE KE CI SONO POLITICI COSI SINCERI KE DICONO PANE AL PANE VINO AL VINO VIA VIVA VIVA MAX LODA CONTRO QUESTI IMMIGRATI KE VENGONO A RUBARE LAVORI E DONNE E KISSà COSALTRO E VOI SINISTRI DOVESTE APRIRE GLI OCCHI XKè LA GENTE è STUFA!BY MARCE!!!

  20. Da ex torinese dico che Torino non è mai stata così bella come adesso e probabilmente è una delle poche città in Italia dove la parola integrazione incomincia ad avere un senso. Quasi il 70% di quelli che abitano sotto la mole la pensano così, pare. I fessi come Max Loda (e come Buttiglione) non fanno nemmeno parte del folclore. Inutile provare vergogna per loro, meglio dimenticarli ed andare avanti.
    Un vaffanculo a Gianfilippo e al trogldita delle maiuscole ci sta tutto, ça va sans dire.

  21. Lo stato rischia di insinuarsi come un cancro nel tessuto sano dell’immigrazione clandestina. [cit.]

  22. Chiamparino confermato sindaco di Torino con il 66% dei voti. Il “professor” Buttiglione non arriva manco al 30%.

    Un saluto a tutti. Ai vari fascistelli e nazistelli che scrivono da queste parti propongo un party a Milano con tanta gente simpatica: ci si vede tutti a Piazzale Loreto.

  23. Comunque, per la precisione, il “partito” di Max Loda fa capo al candidato sindaco Dennis Martucci assieme ad altre 6 (?) liste. Attualmente questa coalizione è proiettata al 3% scarso.

  24. Questo Max Loda più che paura fa ridere.

    Quello che non fa ridere è che, se continua l’andazzo attuale, la gente in strada coi manganelli e anche coi fucili, i nostri figli o nipoti la vedranno davvero. E saranno magari loro stessi a doverci andare.

    Perché bisognerebbe vergognarsi di quello lì? Di coglioni è pieno il mondo.

    Io mi vergogno, per esempio, del fatto che in Italia, nel XXI secolo, si tolleri che dei retrogradi provenienti da paesi retrogradi possano negare la libertà alle loro donne, possano infierire sulla loro psiche e sul loro corpo.

    Mi vergogno che gentaglia simile non venga cacciata fuori a calcioni nel culo.

  25. A volte dimentico quanto sia facile essere additati come fascisti, è sufficente pensarla diversamente o anche semplicemente fare un po’ d’ironia. Se fossi un immigrato clandestino non avrei certo paura di un povero fesso come Max Loda,che però dopo aver letto alcuni commenti qui sopra ritengo vi meritiate, bensì di strana gentaglia buonista a parole che poi alla prima vuole sbattere tutti fuori dal paese. Nazicomunisti del cazzo.

  26. http://www.torinoblog.com/2006/05/05/psichiatria-per-le-elezioni-comunali/

    Un commento di Max Loda (che secondo i dati attuali avrebbe opreso 1025 voti):
    L’altro nemico della qualità genetica della popolazione sono gli accoppiamenti casuali.In un regime di generica buona salute vanno bene, ma se devono essere evitati coniugi pericolosi non vanno più bene, ogni famiglia che si forma è una roulette russa.
    La vera soluzione è la rimozione di un erato postulatto etico che oggi è aimè molto politicamente corretto: la spontaneità della famiglie e della discendenza.Se davvero è la cosa più importante che abbiamo perchè mai lasciarla al caso? è davvero giusto che i figli si facciano con la persona che si ama? o non è meglio cercare un genitore do alta qualità?In alternativa vi sono le biotecnologie umane: ovvero lasciare che i coniui siano più o meno casuali, quasi come oggi, ma che nessun concepimento avvenga in vivo, e che gli embrioni siano drasticamente sottoposti ad una serie di interventi biotecnologici correttivi di tutti i difetti conosciuti, o almeno fortemente selezionati.Sessanta anni fa c’era uno che selezionava purtroppo DOPO la nascita, e la cosa era quantomai cruenta, soprattutto perchè la pratica non era affatto migliorativa.

  27. e oltre al resto il buon loda ha pure risuscitato l’immortale “soluzione finale”… ai forni, ai forni???

  28. Chi si propone in questo modo superficiale, volgare e semplicistico dovrebbe essere censurato.
    Chi si presenta con il manganello dovrebbe essere intervistato dalla polizia.
    Che questo Loda cominci a studiare il problema dell’immigrazione come un bravo studente. Inizi a dare un occhiata al mio sito http://www.inviaggiopertamara.com .
    Se poi vuole faccio parte di una associazione che sarebbe contenta di spiegargli i concetti base dell’immigrazione. Deve iniziare dall’ABC.

  29. Elenco qui di seguito cosa penso dell’immigrazione

    L’immigrazione non è una risorsa, se non per secondi fini non dichiarati
    L’immigrazione quando non ha regole è esportazione di criminslità
    L’immigrazione non è un diritto scontato di chiunque
    L’immigrazione non è lo strumento migliore per trasferire culture e conoscenze tra i popoli
    L’immigrazione è fonte di danno biologico e sanitario

    Come dettagliato in una mia proposta di legge in materia, la presenza straniera regolare si deve limitare a 5 ristrette categorie:

    turismo
    studio
    lavoro in trasferta
    lavoro a tempo DETERMINATO con espulsione alla pensione o a fine contratto
    passaggio di diuplomatici e politici

    Tutto il resto è clandestinità, e deve essere visto per quello che è: un grave atto di illegalità internazionale, la cui gravità è pari a quella di un atto di guerra. Anzi, quando riguarda molte migliaia di persone è un atto di guerra. si chiama invasione. Qualcuno ( i paesi arabi islamici per es) ha imparato probabilmente che l’arma segreta consiste nel togliere le divise all’esercito di invasione; perchè di questo si tratta, signori.

    L’unica clandestinità TOLLERATA deve essere l”asilo politico, ma appunto limitato a poche decine di persone l’anno, non a tutti quelli che si infilano su una barca o su un pulman.

    Per quanto riguarda i ricongiungimenti famigliari essi fanno solo il gioco di secondi Fini. Parenti veri e presunti del lavoratore straniero se ne stiano buoni a casa ad aspettarne il rimpatrio e a ricevere per posta gli stipendi

    Infine la cittadinanza deve essere una questione di discendenza e nascita. non può essere una mera pratica amministrativa, basata sugli anni di residenza.

    La nostra lista IMMIGRATI BASTA è squisitamente civica, vi hanno aderito cittadini di sinistra, destra, di lega e leghe varie, e gente apolitica.

    dott Max Loda. Coordinatore della lista civica IMMIGRATI BASTA

  30. Sig. Loda, io con extracomunitari buoni e cattivi ci ho a che fare ogni giorno, ma dal vivo. Non da dietro una scrivania. Ne ho pure uno in famiglia che ha procreato per cercare di avere il permesso di soggiorno. Quindi credo di conoscere il problema da vicino. Dove per “vicino” si intende che siedono alla mia tavola e ho una nipotina in comune. sono d’accordo su regolamentazione, controllo e varie. Sono furbi oltre che disperati. Ma ci sono anche brave persone. Il suo manifesto è ridicolo, pacchiano, di pessimo gusto e chiaramente orientato a raccogliere consenso fra gente poco dotata di senno. Tutto quello che è sensato e per il bene comune invece è bene accetto. Da uno che si firma “Dottor” mi aspettavo qualcosa di meno idiota. E tenga presente che sono uno che ha le palle girate con gli extracomunitari, ma guardi che i lager li hanno chiusi…:)

  31. Criminalità

    Mi apprestavo ad inserire un post sulla criminalità che dilaga e sulle geniali soluzioni (fantasma) che i nostri illuminati dignitari propongono e, ahimè, applicheranno. Sono arrabbiato, deluso e a volte furibondo, ma non diventerò mai così, spero…

  32. Io penso che il processo di integrazione è miseramente fallito , salvo che in pochi casi eccezzionali . I musulmani vogliono restare chiusi nelle loro usanze e culture disprezzando tutto ciò che è all’esterno di esse . Essi ci disprezzano ci chiamano halluf(maiali) per il nostro colore della pelle , senza considerare tutta la criminalità gestita da loro ( spaccio di stupefacenti).Per qunto ancora dobbiamo sopportare la loro presenza ? Secondo voi non è arrivato il momento di incazzarci tutti e cacciare via questa feccia dal noistro bel paese ?

  33. Caro Stupefatto: ma allora che soluzione alternativa proponi? perchè è chiaro che una qualche soluzione la dobbiamo porre.
    Intanto ti lascio la nostra proposta per integrare i pochi extracomunitari regolari ceh potremmo permetterci

    Per garantire che gli immigrati, quei pochissimi che potrebbero
    esistere, ma non solo gli immigrati,
    si armonizzino alla nostra società noi proponiamo che loro siano
    gratuitamente iscritti a corsi per adulti di etica pubblica,
    materia che vorremmo anche nelle scuole e nei doposcuola pubblici
    per i nostri figli.

    A spese del datore di lavoro devono essere organizzati tali corsi,
    con il contributo economico aggiuntivo di assocazioni di
    volontariato. vere e proprie opere di civilizzazione insomma.

    Cosa è per noi l’insegnamento dell’etica pubblica.

    Ogni popolo ha una scala di valori in cui in un determinato tempo
    e luogo sono definiti il bene e il male, e i progetti di crescita
    collettiva. Oggi non vi è struttura formativa che faccia questo.

    Le scuola della repubblica conserva due relitti che poco incidono,
    e sono l’ora di educazione civica e quella di religione, ossia come
    combattere il cancro con l’aspirina.

    SCUOLA:

    Ai nostri figli deve essere garantita per almeno 3-4 ore la settimana
    dai 5 ai 18 anni una conoscenza di tutti i livelli della scienza etica.

    Ossia devono conoscere:

    I costumi culturali e linguistici dell’Europa, del Paese, della Regione
    e della propria città.

    I costumi religiosi originali dell’Europa Antica e di quella Moderna

    Le costituzioni dei paesi Europei, le forme di governo e le Istituzioni
    continentali e dei singoli paesi

    Le razze e la biologia umana generale e locale.

    Le lingue locali della repubblica

    Il diritto pubblico e privato perchè la legge giustamente non ammette
    ignoranza.

    La scienza politica e i progetti di tutti i cittadini impegnati

    L’educazione sessuale, sentimentale e famigliare in approccio
    scientifico.

    DOPOSCUOLA

    Deve essere istituito un doposcuola pubblico e gratuito che integri
    l’educazione dei nostri giovani.

    via i ragazzi dalla strada, dalle bande giovanili e dalla droga.
    gratuità assoluta di attività ricreative, sportive, culturali
    e formative, che oggi svenano le famiglie.

    Il doposcuola pubblico deve essere organizzato in questo modo:

    ATTIVITA’ POMERIDIANA E FESTIVA DIVISA IN QUATTRO BLOCCHI EQUIVALENTI:

    Educazione sociale:

    L’insegnamento teorico e pratico di ciò che viene appreso durante le
    lezioni di etica pubblica, in un’atmosfera ludica e informale.
    La vita nel territorio e nella Natura, con frequenti campeggi estivi e
    invernali, escursioni, campi di gioco e di studio.
    Esercitazioni pratiche alla politica parlamentare, al diritto, all’
    esercizio della conoscenza.
    Esercitazioni artistiche e culturali volte a stimolare i talenti
    creativi personali.

    Confisca dei centri sociali autogestiti da mettere sotto gestione
    pubblica, liberati da droga e delinquenza

    Collaborazione con iniziative educative private degli oratori
    e delle scuole quadri e gruppi giovanili dei Partiti Politici operanti
    sul territorio, sempre sotto un controllo pubblico sopra le parti.

    Educazione Sportiva:

    Accesso a palestre, squadre sportive, piscine, con particolare
    riguardo ai soli benefici sociali, sanitari e ludici di tutto ciò.
    I talenti naturali saranno monitorati ma non dovrà in alcun modo
    essere forzato l’agonismo, ne tanto meno l’affarismo sportivo.

    Anche in questo ambito saranno stimolate le esercitazioni pratiche,
    con la nascita di tornei e gare non necessariamente competitivi e
    relativi a tutti gli sport.

    Educazione marziale:

    Anche in un’ottica pacifista e isolazionista i popoli devono essere
    in grado di difendersi.
    Ai ragazzi deve essere impartito l’insegnamento delle arti marziali di
    difesa personale. Debbono essere insegnate la cause, lo svolgimento e
    le conseguenze dei conflitti.
    Anche chi detesta le armi e non le userà mai nella vita adulta deve
    saperne usare almeno una, magari solo per capire quando si trovi in
    pericolo.

    Educazione sessuale:

    Ai ragazzi va reso noto, senza alcun pregiudizio di sorta, tutto quello
    che riguarda il sesso umano, e devono essere incitati a praticarlo con
    le dovute precauzioni e con la massima libertà
    Devono essere educati alla conoscenza della riproduzione, alla prevenzione
    delle malattie venerree, alla contraccezione, alla libera e pubblica
    espressione degli orientamenti sessuali nella piena libertà altrui.

    Senza falsi moralismi si deve lasciare che i giovani adolescenti possano
    usare il sesso come divertimento e come valvola di sfogo comportamentale
    alternativa a tanti “paradisi artificiali” e falsi che la marcia
    società di oggi propone. Ciò diminuirà l’agressività dei giovani, gli
    episodi di bullismo e di criminalità giovanile, e aumenterà le loro
    capacità di concentrazione nello studio.

    Tutto ciò che riguarda la fondazione di una famiglia o di altro tipo di
    convivenza affettiva o sessuale deve essere loro insegnato.

    L’intero progetto educativo deve essere affiancato alla scuola pubblica
    o privata parificata, finanziato dall’autorità politica ma cofinanziato
    obbligatoriamente da sponsor, aziende operanti sul territorio che volessero
    mantenere attiva la propria partita IVA.

    Ritornando alla popolazione immigrata è chiaro che a loro basta l’insegnamento
    di ciò che devono rispettare di noi, non di tutto il resto.
    Si prevedono so

  34. ritornando a parlare della zona san salvario, io sono ua ragazza; non credo di essere una fifona. In ogni caso sotto casa mia di sera, non c’è nessuno, se esco o mi affaccio dal balcone vedo solo gente poco raccomandabile.
    chiamparino & co. dovrebbero fare qualcosa e sul serio.
    Io non mi sento sicura nella zona in cui sono nata; che adoro e che non voglio cambiare!

  35. ma come cavoo si fa a difendere gli straccioni immigrati che stanno distruggendo l’Italia… degrado,malattie,delinquenza,scrocco di stato sociale a montagne,arroganza contro la nostra cultura, prepotenza nell’imporre la loro. Ma perchè l’Italia non importa mai gente perbene, colta, imprenditori con capitali, gente che porta benessere e qualità della vita. Solo pezzenti,morti di fame, puzzoni indecenti, feccia terzomondista senza nulla da perdere. Africani, selvaggi dell’est, zingaraglia, cinesi, filippini pezzenti… Ma quale ricchezza può portare della gentaccia simile? Vogliamo selezionare un pò l’immigrazione per qualità? Ed evitare che ne entrino troppi, non sta scritto da nessuna parte che si debba agevolare questa invasione. CHe, ripeto, è tutto tranne che una ricchezza.

Rispondi