26 Comments

  1. attenzione a chiedere queste cose…
    golphisti! (si scrive così vero???)
    e comunque non siamo al livello di una repubblica sudamericana, siamo ancora fermi a quella delle banane…

  2. L’avevo pensato anche io di abolire il Senato. Vedrete, ci sarà un grande partito di centro a breve ma se ne dovranno andare Prodi e Berlusconi.

    Viva la Democrazia Cristiana. Eterna.

  3. Riporto una frase detta da Guzzanti in “Millenovecentonovantadieci”,

    “… ci saranno due grandi coalizioni a spartire tutto, sinistra&destra contro centro&frangeestreme …”

    Molto significativo.

  4. C’è già l’abolizione del Senato: nella riforma della Costituzione che l’Unione vuole cassare con un referendum.

  5. A quanto pare ora è diventato decisivo il voto degli italiani all’estero.

    La fuga dei cervelli è dunque servita a qualcosa.

  6. aaahaha che massa di sfigati! pareggiare con berlusconi dopo questi 5 anni? PAZZESCO! neanche moratti e la sua inter sarebbe riuscita nell’impresa…una sola parola SFIGATI

  7. medo – non sarebbe poi cosi’ male se almeno ci si liberasse dei due pensiona(n)ti!
    qui urge una battuta, una vignetta, un motto di spirito… urge qualcosa insomma.

  8. Io degli italiani all’estero ho fatto parte e vi assicuro che di cervelli non ne ho visti molti… di coglioni per fortuna tanti! :-)

  9. “Secondo me la corazzata potemkin è una cagata pazzesca”…disse il ragioniere senza sapere di doverla poi inpersonare per il resto della sua vita….

    Luxuria for president!

  10. Uè Giggimassi Lui giù ed allora tutti a fondo? Complimenti per l’amore che dimostri per il tuo Paese. Questa è la cultura venduta dal tuo idolo, per fortuna che ti riferisci a te stesso con parole come moderato cattolico e liberale!

    Ah povero paese!

  11. Art 88 della Costituzione: “Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse”

    Ipotesi fattibile ?

  12. PieroS: dàì, non ho resistito al vezzo di venire un po’ qui a sfottere ;-)…in realtà non sono contento che questo Paese non sia governabile, avrei preferito un risultato più netto, in un senso o nell’altro. E l’ho scritto.

    Posso lasciare una battutina un po’ volgare? Spero che Gianluca non mi censuri, è solo una goliardata:

    Elezioni: dove sono oggi i coglioni? Facile: attaccàti al cazzo!

  13. A questo punto:
    1- governo tecnico “Andreotti”;
    2- riforma legge elettorale: niente senato, sbarramento 5%, indicazione premier.
    3- a ri- Ciampi presidente
    4- tra un mese e mezzo si rivota, obbligatorio con premier che abbiano non più della metà degli anni degli attuali.

    Riccardo

  14. A questo punto:
    1- governo tecnico “Andreotti”;
    2- riforma legge elettorale: niente senato, sbarramento 5%, indicazione premier.
    3- a ri- Ciampi presidente
    4- tra un mese e mezzo si rivota, obbligatorio con premier che abbiano non più della metà degli anni degli attuali.

    Riccardo

  15. Ok Giggimassi, scusa ma anche io speravo in un’affermazione forte o dell’una o dell’altra anche se era ovvio tendessi per una sola delle due soluzioni. Adesso speriamo che ci siano le forze perchè riforme necessarie vengano fatte e che le agenzie di rating non abbassino il nostro indice di affidabilità, altrimenti sono guai seri per tutti!

  16. Ha vinto l’Unione anche al Senato (coi voti degli italiani all’estero). L’hanno confermato or ora, anche se ancora non è stato ufficializzato sul sito del Viminale.
    M.
    p.s.:
    Grande Carletto Darwin!

  17. Allora, Berlusconi sotto (già piccolo com’è) Provenzano arrestato, secondo me la cupola ha deciso di cambiare gestione…

  18. Ma poi…siamo sicuri che un qualche senatore del centrodestra non facia il salto della quaglia?
    E poi, che farà Formigoni, rimanere alla regione e scegliere il senato (in entrambi i casi si vota per il posto vacante)?

Rispondi