Altro che Tremonti

Delocalizzazioni? Ristrutturazioni aziendali? Occupazione che “emigra” dove la forza lavoro costa poco più di nulla? E’ uno dei grandi problemi provocati dalla globalizzazione neoliberista imperante. Governi, economisti, movimenti e parrucconi assortiti s’accapigliano da anni per trovare una soluzione. Ma nessuno, finora, ha avuto la geniale intuizione di Costa Gavras. Il maestro del cinema, autore fra gli altri di capolavori assoluti come A-Z, orgia di potere e Missing, ce la racconta nel suo nuovo film, Cacciatore di teste, uscito oggi nelle sale italiane.


Protagonista della storia non è il solito sfigato “precario” (cioè uno di noi…), ma un quadro quarantenne e iperspecializzato, interpretato da un grande Josè Garcia. Anche lui, però, diventa vittima della famigerata flessibilità: dopo quindici anni di onorato servizio per una fabbrica di carta francese, finisce infatti a spasso. Delocalizzazione e ristrutturazione aziendale, per l’appunto. Che vuoi che sarà, gli dicono tutti. E se lo dice pure lui, all’inizio. Con il suo curriculum e le sue referenze troverà subito un nuovo impiego. Rien a faire: tre anni dopo è ancora disoccupato.
Sempre più disperato, il nostro quadro trombato architetta allora la geniale soluzione. Ovviamente non ve la racconto per non rovinare la visione a chi preferisce andare al cinema all’oscuro della trama.
E così, a scatola chiusa, dovrete fidarvi: non perdete questo “horror economico” beffardo e grottesco. Dopo averlo visto, però, cercate di non copiare la geniale soluzione proposta: temo molto che l’happy end finale funzioni solo nella fiction. Nella realtà, si finisce in gabbia con una condanna all’ergastolo…

(Visited 4 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. forse non avrai voluto dirci qual e’ la “geniale soluzione” che trovera’ il protagonista (la quale peraltro e’ ben chiara anche nei trailers di 15 secondi) in compenso sei riuscito a rovinarmi comunque il film dicendo che ha un happy end (altro quindi non posso aspettarmi) ed eliminando la possibilita’ che vada in galera.
    grazie mille! complimenti!
    chi non e’ capace di parlare in 10 righe di un film senza rovinarlo agli altri e’ meglio che taccia.
    (..e con questo, a volte, ucciderei anche i caro e midculture Mereghetti).

  2. E comunque lui dopo averne uccisi quattro sposa la tipa che lo ha scoperto. Il suo capo e’ gay. Il poliziotto si suicida, e la donna delle pulizie sapeva tutto dall’inizio.

  3. ops e sorry, cara anna…
    però può essere sorprendente l’happy end :-)

    per il resto, ciapo sù le critiche e me le porto a ca’…

Rispondi