Salviamo i biscotti

Francesco SalviSembrava una notte come tutte le altre quando Perry Naso si precipitò d’urgenza al Centro Ricerche Spaziali di Chattanooga di Sopra, Texas, insieme al suo fido maialino, il Colonnello Zatapak. Venne ad accoglierlo il prof. P. Erìno, visibilmente preoccupato. Su una spalla del prof. uno stupendo pappagallo di razza Krakatoa sbocconcellava i “Bruttissimi ma Buonissimi”, i famosi biscotti a molle.

Perry Naso, meno male che è qui! – esclama il prof.
Perry Naso, meno male che è qui! – fa eco il pappagallo.
Per forza: m’ha dato questo indirizzo! Se mi dava un altro indirizzo magari andavo da un’altra parte, ma lei m’ha dato questo, e io sono qua! Ma mi dica cos’è successo, prof. Pierino!
Il mio nome è P. Erìno: “P.” è il nome ed “Erìno” il cognome!
Ah. E la “P” cosa significa? Pablo? Patrizio? Pampurio?
No: significa Pierino! – disse il prof. P. Erìno.
Ah! -, commentò Perry Naso.
Ah! -, replicò Zatapak con un grugnito.
Ah! – fece eco il pappagallo con un pappagallismo.
L’ho ivi convocata d’urgenza, gentile ispettore, per una questione di furti: c’è qualcuno che continua a rubarci il carburante solido che ci è indispensabile per far muovere il nostro reattore e portare avanti l’esperimento che stiamo facendo!
E che esperimento è?
Stiamo cercando di trovare un carburante che non inquini, per sostituirlo alla benzina!
Buona idea e buona fortuna! -, dice Perry, mentre il Colonnello Zatapak, di nascosto, si è mangiato in un solo boccone tutto il carburante solido.
Aiuto! – esclama il prof accorgendosi del fatto, – Il maialino s’è mangiato il reattore!
Gliel’ho detto io. -, tranquillizza Perry. – Com’era, Zatapak, buono? – Il Colonnello grugnì soddisfatto. – Piuttosto mi dica, caro prof: il pappagallo è sempre stato con lei?
Il Dottor Eco? – rispose quello. – Certo! Siamo sempre stati insieme, fino dai primi esperimenti. Lo considero il mio portafortuna!
Allora ho capito tutto! – esclama il signor detective visibilmente soddisfatto: – Il colpevole è il pappagallo!
Il Dottor Eco? -, si stupisce il prof. P. Erìno.
Certo -, continua Perry. – Il pappagallo è ghiotto dei biscotti “Bruttissimi e Buonissimi” il cui principale ingrediente è il “solluccherin”, indispensabile per far funzionare il vostro reattore! Se l’esperimento andasse a buon fine il “solluccherin” acquisterebbe un valore immenso e verrebbe subito ritirato dal mercato: così facendo non potrebbe più essere usato per fabbricare i famosi biscotti! Chiaro, no? Noi dobbiamo eliminare le brutte cose come l’inquinamento, ma ci son anche delle cose belle in giro che per nessun motivo devono essere distrutte: e i famosi biscotti a molle “Bruttissimi ma Buonissimi” sono fra queste! E’ vero o no, Dottor Eco il pappagallo?
Come ha fatto a scoprirmi? – chiese il Dottor Eco.
Non lo so – rispose Perry Naso.
E ora che devo fare? – si disperava il prof, – Rinunciare al reattore?
Grunt! – esalò Zatapak.
Non è necessario – tradusse Perry. – Basta cambiare il combustibile.
Ottima idea! – disse il prof. – Userò lo “schifosìn”, un combustibile amarissimo che non piace a nessuno!
Bravo! – combustibilò Perry.
Bravo lei, sig. Perry Naso! Finalmente ha dato la sveglia al prof che pensa solo a lavorare e non si ricorda più come sono buoni i biscotti da mangiare!

E tutti risero perchè l’avventura avventurosa anche stavolta è terminosa.

(Visited 81 times, 1 visits today)

17 Comments

  1. Grandissimo! Grazie di avermi ricordato una delle cose più divertenti della tv anni 80: il Megasalvishow, del quale mi registravo tutte le puntate.

  2. Io rimango ancora stupefatto quando risento “Saluto tutti tranne che a Illo perchè Illo è fatto a pelloso”, perchè non ha significati particolari, ma a me fa ridere come poche cose!
    Il MegaSalviShow è in replica ogni notte (facciamo mattina) su Italia1, robe che possiamo permetterci io, Neri, qualche metronotte e pochi altri, visto l’orario.

  3. non dimenticherò mai la maglietta con dietro scritto “scusate le spalle” e davanti “scusate la faccia”.

  4. Si è vero la maglietta con dietro scritto “scusate le spalle” e davanti “scusate la faccia” non si scorda.
    Un mio amico (anzi, mio cugino) la compro anche, dopo qualche tempo, tolse una “S”….
    Ora vi saluto : c’è da spostare una macchina.

  5. Salvi è un grandissimo. Lo seguo da sempre, credo che abbiamo + o – la stessa età. Mi ha sempre fatto ridere da pazzi e non mi son preso una puntata del megasalvishow che vedo che va in onda di notte da 5 o 6 anni! Sono contento che avete pubblicato una cosa scritta da lui! MAcchianera e FS: è proprio vero che le persone intelligenti prima o poi si incontrano!

  6. Grande SALVI! Quand’è che torni in TV? Ti vedo sempre e mi piacciono le cose che fai. Sei passato anche a temi drammatici ma quando torni INTENDO COME COMICO SURREALE? Sei molto meglio di tutti quelli che ti copiano!

  7. Sììììììììììììì! Un bacio! Ero piccola ma non posso dimenticare Perry Naso. Ricordo anche un’edizione fatta a Sanremo dove partecipò anche Kid Creole e le Coconuts!

  8. Che tenerezza, è molto poetico e allegro devo dire Peery Naso. Ieri ‘ho letta ai miei bambini e adesso me la sono letta per me. Adesso vado sul sito di Salvi

  9. Lo spazio di Salvi a Studio 5, in preserale, 5 minuti dietro ad una scrivania piena di pazziarielli a molla ed il Megasalvishow sono stae le uniche 2 trasmissioni veramente surreali trasmesse dalla tv italiana.
    Ricordo che arrivò qualcosa anche in edicola (con le avventure di Coriolano Scoptazzi e tutta una serie di gadgets pazzeschi).
    Ah, bei tempi andati…

  10. Su quella scrivania ricordo che c’erano “Matteo-fa-saltino” e il cactus “Golasecca” (che diceva “ho setee”…) :) Grazie per avermeli fatti ricordare. SALVI è IL MIGLIORE!
    Chiudi che c’è corrente!!!
    ciao

Rispondi