Da chi sta fra i gelati e le bandiere

deandre_remin2.gif

Un ricordo di Faber, 11/01/06.
Rimini” (dall’album omonimo), tradotta in romagnolo. Si trova nella raccolta “Canti randagi“, 1995, Dischi Ricordi. Oggi, in via straordinaria, il mio iPodino domestico farà qualche ora di eavy-rotation dedicata a De Andrè. Udibile sul terzo canale di RadioNation (quello delle prove), altresì all’indirizzo streaming: http://radionation.it:8888/listen.pls

E verso le 18 e sblisga andrò al Mercato Vecchio: dovrebbe esserci un assembramento spontaneo con chitarra e calici di vino. Per onorare uno dei poeti/cantanti che più mancano all’intelligenza di questo Paese.


Questa versione di “Rimini” e’ dell’ensemble “BEVANO EST”:
Stefano Delvecchio (organetto diatonico)
Davide Castiglia (violino)
Gianpiero Cignani (clarinetto)
Vanni Bendi (chitarra acustica)
Mirco Greggi (flauto traverso)
Franyois Gobbi (basso)
Marco Tadolini (gaita galiziana, cori)
Tiziana Ferretti (voce)
per gentile concessione di Edit- srl

arrangiamento e traduzione in romagnolo: Stefano Delvecchio

REMIN

Teresa cun i occ asot la guèrda vers e m’èr
par lia fiola’d curser l’è un quèl nurmèl
Ila la seor poc l’à la boea un po’ spachèda
l’am fa avdel un’amor pers a Remin d’instèda
la dis bruseda in piaza dala senta Inquisizion
e po l’ès pardù a Cuba par la rivoluzion
o in tun port Americhen in tla caza a i stargùn
o da nisuna pèrta ma u gni cred nisùn

Coro: Remin…..

E Culomb’u la ciema da e su baruzen
lia la i ehèva al maneti la i rimboea i lanzulen “par un re catoiie -la dis- a i’ò invantè un regno e là u l’à maziè sora una crosa ad legn

e du sbèi a i’ò fat du sbèi ad sageza
bute via l’America.e pu guardela cun dulceza
ma vuitar ca si oman sot’e vent e al veladuri ach’ina’à i dint bun no dasij dal robi duri”

Coro: Remin….

Adess Teresa l’è a ia in tun bar la guèrda vers e mèr
par lia fiola’d drughir i’è un quèl nurmèl
ia porta una lameta a e col vèeia’d zantènn
ad lia ò savu poc ma in um pè inghènn
e un sbai a l’ò fat un sbai ad sageza
‘burtì e fiol de bagnin e pu guardel cun dulceza ma vuitar ca si a Remin fra i ziè e al bandiri
no fasij pio scumessi so la fiola de drugheri

Coro: Remin…..

(Visited 11 times, 1 visits today)

9 Comments

  1. Mi unisco anch’io idealmente al vostro brindisi
    … pensando a Jones il suonatore…

    (cito a braccio):

    … E poi la gente sa, lo sa che sai suonare
    suonare ti tocca per tutta la vita
    e ti piace lasciarti ascoltare…
    finì con i campi e le ortiche
    finì con un flauto spezzato…
    … e un ridere rauco
    e ricordi tanti
    e nemmeno un rimpianto…

    Prosit, a Faber.
    Un bacione, R:ob!

    “Sun Zeneise,
    riso reo
    e parlo cheo”

  2. il difficile era cantare sia la parte di De Andrè che quella della corista (Dori Ghezzi?) imitando entrambi in modo non dico passabile ma almeno lasciando capire le proprie intenzioni. Vabbè. Cantata tanto, ad ogni modo :-)

  3. Brindo con tutti voi… @Silvia: naturalmente hai ragione. Non conoscevo questo duetto, ma a orecchio l’altra voce non mi pareva potesse essere il Professorone, con quelle impennate… Vado a correggere le tag di chi l’ha messa in giro così.

  4. Bravo!Infatti ero certa che l’errore fosse di altri, quel falso duetto tra Guccini e De Andre’ circolava da tempo…Ma conosco tutta la discografia di entrambi e non mi risulta abbiano mai duettato!Poi sono di Genova e ho gia’ sentito dal vivo MAx Manfredi che e’ un cantautore della mia città e quella canzone immagino sia ambientata la!

Rispondi