DUEMILASEI FRITTO!
Previsioni ad alta velocità per chi non ha le palle di cristallo (seconda parte)

MARZO
Si surriscalda la battaglia elettorale, che vede da una parte centrodestra e centrosinistra, e dall’altra il Corriere della Sera impegnato a sputtanarli entrambi a giorni alterni. Appare chiaro l’obiettivo di via Solferino: creare in Italia un totale vuoto politico per poi lanciare il “Grande corso di politica” in venticinque volumi e altrettanti cd-rom che permetteranno agli italiani di governarsi comodamente da casa con la consulenza on-line di Paolo Mieli. Nei suoi comizi Berlusconi ripete che sarebbe catastrofico consegnare l’Italia agli ex comunisti, e stavolta gli italiani gli credono: basta guardare come hanno ridotto lui due ex comunisti come Ferrara e Bondi.


Prodi ormai ha la vittoria in tasca, ma si dimentica di tirarla fuori dalla tasca prima di consegnare i pantaloni alla lavasecco. Un boa constrictor tenta di strangolare un viaggiatore su un Eurostar, ma Trenitalia non si scompone: “Tutti gli scompartimenti sono muniti di flauto per incantare eventuali rettili”. Cronaca rosa, Lapo Elkann torna dall’Arizona finalmente sereno. “Sono ancora drogato marcio – spiega, felice – ma ho cambiato sesso”.

APRILE
Nel suo comizio finale, Berlusconi tira fuori l’ultima carta: “Prodi è un uomo eccezionale, intelligente e profondamente cristiano. Come potete essere così bastardi da appioppargli questa merda di Paese?” A questo argomento, i fan più sfegatati del Professore vacillano; in compenso, quelli di Berlusconi il 9 aprile votano in massa Prodi. Alta la percentuale degli astenuti, il cui numero corrisponde esattamente a quello dei passeggeri che viaggiavano sui treni straordinari approntati da Trenitalia per facilitare il ritorno degli elettori nei comuni di residenza. Vince l’Unione, e tutti i leader, schierati nello studio di Porta a porta, promettono di sostenere lealmente Romano Prodi. Manca solo il futuro premier, legato e imbavagliato nella stiva di una nave appena salpata per la Patagonia. In Sicilia vince Rita Borsellino, anche se la Margherita continua a sostenere che la vittoria dell’Unione sarebbe stata più netta candidando Bernardo Provenzano. Cinema, a Cannes, dov’è in concorso con il suo “Caimano”, Nanni Moretti viene contestato pubblicamente da Fassino e D’Alema: “Con registi così non vinceremo mai”.

(Visited 2 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Ho trovato i 13 modi per infastidire Prodi. Al n.1 c’è: Fategli trovare le rotelline montate sulla sua bicicletta. Ma riconosco che la Celi è irraggiungibile.

Rispondi