Le canzoni della Mala

Baustelle - La MalavitaOra che il rinomato sito russo li ha resi scaricabili (su iTunes c’erano già, ma vuoi mettere un sito russo?), e che del loro maggiore successo è stata fatta una suoneria per cellulari, si può tranquillamente affermare che i Baustelle non siano più da annoverare esclusivamente al rango di “gruppo che piace ai blogger”.

Qui, pur apprezzando oltremodo, non se ne è mai parlato, se non altro perché lo facevano già tutti gli altri.
Però tengo a dire che il verso

“Emotivamente instabile,
viziata ed insensibile,
il professore la bollò,
ed un caramba la incastrò
durante un furto all’esselunga,
pianse e non le piacque affatto”
(Baustelle, “La guerra è finita”)

è pura poesia.


LA GUERRA E’ FINITA
(Baustelle)
Vivere non è possibile,
lasciò un biglietto inutile,
prima di respirare il gas,
prima di collegarsi al caos,
era mia amica era una stronza
aveva 16 anni appena.

Vagamente psichedelica,
la sua t-shirt all’epoca,
prima di perdersi nel punk,
prima di perdersi nel crack,
si mise insieme ad un nazista
conosciuto in una rissa…

E nonostante le bombe
vicine, la fame,
malgrado le mine,
sul foglio lasciò
parole vere di vita:
“la guerra è finita,
per sempre finita,
almeno per me”

Emotivamente instabile,
viziata ed insensibile,
il professore la bollò,
ed un caramba la incastrò
durante un furto all’esselunga,
pianse, non le piacque affatto…

E nonostante le bombe
alla televisione,
malgrado le mine,
la penna sputò
parole vere di vita:
“la guerra è finita,
per sempre finita,
almeno per me”

E nonostante sua madre
impazzita e suo padre,
malgrado Belgrado,
l’America e Bush,
con una Bic profumata
da attrice bruciata
“la guerra è finita”,
scrisse così…

(Visited 27 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Dunque, io li ho conosciuti all’uscita de La Malavita. E mi son piaciuti. E quindi, devo autofustigarmi per non essere un fan storico? Non son forse degno di ascoltarli? Ho preso anche gli album prima e mi son piaciuti. Non avrei dovuto? Dovrei smettere di ascoltarli ? Ci pensate mai, magari molti li hanno conosciuti adesso solo perchè PRIMA erano pubblicizzati pochissimo quasi niente e se non avevi il passaparola degli amici mai e poi mai li avresti scoperti… ci son tanti gruppi che mi piacciono e nessuno li caga perchè non li conosce nemmeno ma non mi sento un privilegiato, anzi mi sento uno stronzo perchè quando ne parlo la gente mi guarda di traverso. Scusate lo sfogo. Senza rancore, eh?

  2. …Ma qual è il problema, davvero non capisco…è ignorante o colpevole chi conosce solo da poco i Baustelle? Penso che ignoranza sia non innamorarsi subito di questo:

    Brindo ma credo soltanto a noi
    Io e te
    Un futuro non c’è
    Ma vedrai
    Ci sarà
    Cambierà
    Rideremo anche noi
    Io e te
    Del futuro che c’è
    In questi occhi che hai
    Nel coraggio che ancora non ho
    Ma sento dentro
    Che un amore
    Lo invento

    Io li conosco da 2 mesi, non me ne vergogno di certo, ma conosco già tutti i loro testi a memoria, ma perchè ti entrano dentro subito, è come se facessero parte della mia vita da sempre.
    E poi non credo che debbano rimanere “nascosti” al pubblico solo per paura che diventino commerciali, non è così che lo si diventa. Commerciali si nasce. E poi, se cadessero nella rete, ne nasceranno altri di Baustelle.
    Voi intanto continuate così, che mi aiutate ad assaporare meglio la vita!

  3. …Ma qual è il problema, davvero non capisco…è ignorante o colpevole chi conosce solo da poco i Baustelle? Penso che ignoranza sia non innamorarsi subito di questo:

    Brindo ma credo soltanto a noi
    Io e te
    Un futuro non c’è
    Ma vedrai
    Ci sarà
    Cambierà
    Rideremo anche noi
    Io e te
    Del futuro che c’è
    In questi occhi che hai
    Nel coraggio che ancora non ho
    Ma sento dentro
    Che un amore
    Lo invento

    Io li conosco da 2 mesi, non me ne vergogno di certo, ma conosco già tutti i loro testi a memoria, ma perchè ti entrano dentro subito, è come se facessero parte della mia vita da sempre.
    E poi non credo che debbano rimanere “nascosti” al pubblico solo per paura che diventino commerciali, non è così che lo si diventa. Commerciali si nasce. E poi, se cadessero nella rete, ne nasceranno altri di Baustelle.
    Voi intanto continuate così, che mi aiutate ad assaporare meglio la vita!

  4. Marisol, sono come te. Nel senso, anche io conosco i Baustelle da qualche mese, ma già mi sono entrati dentro. Non sono solo le note, anche i testi, è un insieme di cose che mi fanno *sentire bene* quando li ascolto.
    Però capisco benissimo anche quello che voleva dire enver: non dà fastidio il fatto che altra gente conosca i baustelle o che vendano tanti cd, dà un po’ l’urto vedere persone che SAI che si ascoltano robaccia che canticchiano “la guerra è finita” e poi aggiungono “uh sta canzone è proprio un tajo!”. Ma se gli fai ascoltare altro ti rispondono che il resto è tutta merda. Ecco, io ODIO questo tipo di gente. Forse sarò un’indiesnob pure io :P

Rispondi