La geometria non è un reato

Certe notti il PC e’ caldo, e dove ti porta lo decide lui. Ti porta a volte veramente in posti che hanno effetti tremendi sulle sinapsi neuronali. Il gran visir di tutti i blogger ha la preferenza per la sostanza Google Earth; io invece davanti alle scuole proporrei Nasa World Wind, uno degli applicativi open source su cui sta lavorando mamma NASA.
E avrei gioco facile. Ve la propongo gratis con tutte le funzioni, e vi faccio vedere addirittura come lo si fa, per cui vi potreste mettervi a casuccia vostra a modificarlo. Purtroppo per i puristi di queste sostanze vi dico subito che è un open source ristretto al mondo Microsoft, dato che è sviluppato in .Net.


Dal punto di vista delle features in alcuni casi straccia il Google Earth; in modo speciale con gli add-on specifici che vengono pubblicati in seguito ad eventi particolari, come il disastro di Katrina. Per il resto è notevole il poter selezionare fonti satellitari diverse, non solo di immagini ma anche di dati scientifici; tra i quali da segnalare ci sono i satelliti metereologici (cioè la possibilità di sovrapporre le ultime immagini del Meteosat), quelli biologici e quelli sugli incendi in real time (ehila, c’è qualuno della protezione civile in ascolto?).
Decisamente interessante è la possibilità di mettere degli hyperlink per spararvi direttamente in un posto (che gusto mandare qualcuno a quel paese).
Ma l’aspetto insuperabile di questa applicazione è quello geometrico: World Wind include i dati tri-dimensionali dei radar satellitari, quei radar per calibrare i quali si disegnano alcune figure precise sul terreno; e aggiunge la possibilità di esagerare i profili verticali, producendo viste spettacolari. Ecco, se viaggiare con Google vi può dare un senso di euforia diffusa, giocare con l’inclinazione in World Wind mediante i tasti S e W della tastiera fa quasi paura.

(Visited 24 times, 1 visits today)

12 Comments

  1. molto interessante … non dovrei scoprire certe cose la mattina appena entro in ufficio rischio di smanettare sul pc per ore senza costrutto e poi mi tocca lavorare a casa la notte per recuperare

    grazie molto interessante sono tornato bambino che guarda a bocca aperta il mondo

  2. scusate,ho scaricato il programma e tutto quello che serve…ma il risultato è deludente…ho provato a dare un’occhiata a napoli,ma non si vede nulla!c’è qualcuno che può darmi una mano?

  3. scusate,ho scaricato il programma e tutto quello che serve…ma il risultato è deludente…ho provato a dare un’occhiata a napoli,ma non si vede nulla!c’è qualcuno che può darmi una mano?

  4. Anore’, la base di dati non è la stessa di Google Earth. Il che vuol dire che alcune città americane sono coperte con risoluzione maggiore di Google Earth, e aggiornate molto di frequente. Per il resto, goditi le immagini 3D. Quelle del Vesuvio ad esempio.

  5. L’avevo provato già qualche mese fa e ne rimasi estasiato. Fui però deluso dalla lentezza del refreshing delle immagini, cosa che con Google Earth fu letteralmente più celere.
    Sentirne parlare così bene, a distanza di qualche mese, mi fa supporre che abbiano corso ai ripari. Scarico, installo, smanetto e ti farò sapere.

  6. Uhm, sulle performance c’è un problema di fondo. La base dati è enormemente più grossa di quella di Google Earth. La NASA propone dati da satelliti diversi e una granularità 3D maggiore.
    E quando parli di quelle basi di dati, una risoluzione 3dimensionale raddoppiata ha consequenze “cubiche” sulla database..
    L’unica soluzione è usarli tutt’e due. Per le città di tutto il mondo Google Earth, per i dati scientifici, per alcune città e per gli eventi recenti NASA World Wind.
    Comunque alla prossima estate, appena avviene un incendio per “autocombustione” in Sardegna sputtaniamo un paio di istituzioni..

Rispondi