Grillology /2

Beppe GrilloDue post nel giro di una settimana, poi la gente pensa che ce l’hai davvero con Beppe Grillo. Finisce che un buon 50% dei fan ti riempie la casella di posta di inviti a fare in culo perché hai bestemmiato in chiesa, e l’altra metà ti chiede piccata se l’hai fatto perché sei invidioso, che il suo sito è più visto e famoso del tuo. Tu, allora, ti chiedi se è il caso di spiegare per l’ennesima volta che a) un blog non fa guadagnare, al limite costa; b) costa in termini di denaro, tempo speso ed energie; c) nessun blogger è famoso in quanto blogger; chi lo è, è perché ha fatto / sta facendo / farà qualcos’altro; d) un giorno, il numero di visitatori o di pagine viste di un blog si tradurrà in moneta sonante; solo che succederà parecchio dopo l’invenzione del teletrasporto. Alla fine concludi che no, non è il caso.
Potresti anche ribadire che a te Grillo piace, e tanto, ma piace sul palco più di quando scrive, e in questo non dovrebbe esserci nulla di male. O, almeno, non più di quando uno ti dice che ti preferisce con o senza barba, i capelli lunghi o corti. Peraltro, tu lo preferisci quando svolge il suo vero mestiere (che è, perlappunto, stare su un palco, e non scrivere), e malgrado tutto trovi questa miriade di persone pronte ad indicarti la via che porta a fanculo.
Allora te ne freghi, visto che comunque già conosci la strada. E non saranno quelli che si crucciano per leso idolo che ti convinceranno di non essere una masnada di zotici che hanno bisogno di un leader che li guidi, che pensi e si istruisca per conto loro, perché a loro fa fatica.

Spiace che Grillo sia arrivato al punto di sentire il bisogno di giustificarsi e mettere le mani avanti raccontando episodi che – si spera – nessuno avrà avuto il cattivo gusto di rivangare per il puro gusto di gridare che il comico è nudo (“Ho avuto un incidente di macchina nel 1980, guidavo io, mi sono salvato per miracolo, ma sono morte tre persone che erano con me e sono stato condannato per omicidio colposo a un anno e tre mesi”).
Fa bene, Grillo, a dire “Non voglio rettificare, querelare. Non ne ho il tempo, né la voglia. Chi vuol credermi lo faccia”. Io, per dire, gli credo. Però continuo a pensare che abbia sbagliato su una cosa. Nella fattispecie quando precisa:

Non ho denunciato nessun ragazzo, non so neppure chi sia, il mio legale ha presentato un esposto alla Procura di Alessandria per tutelare i miei legittimi interessi, per le vendite dei miei spettacoli effettuate su Ebay da molte persone. E questo solo dopo aver richiesto ripetutamente e formalmente a Ebay di non consentire le vendite illegali.


Ebbene, per la precisione va detto che però un ragazzo è stato denunciato per davvero. Che Grillo lo sappia o no. Ora lo sa. E ha tutto il tempo e le ragioni per far ritirare la denuncia sporta da avvocati forse troppo solerti.
A me aveva fatto parecchia impressione lo statement presente nella pagina del blog di Grillo attraverso la quale si vende il DVD del suo spettacolo:

Questo Dvd è una piccola cosa che ho messo in vendita non per fare i soldi…
Lo potete anche trovare in Internet, lo potete scaricare gratuitamente e non sarò io a dirvi qualche cosa.
E’ una forma di finanziamento che fate nei miei confronti per poter andare avanti insieme a voi e provare a fare della democrazia diretta.

Mi era parsa molto “Google-style”, tipo quando, per lanciare un servizio di telefonia via internet, Brin e Page dicono “They say talk is cheap. Google thinks it should be free”.

Senza per forza doverci impantanare nella trita discussione su copyright e no copyright, analizziamo la situazione: Grillo sostiene di avere messo in vendita il DVD senza alcuno scopo di lucro e che, per questo motivo – e perché conosce la rete -, non ha nulla da ridire se qualcuno lo trova su internet e lo masterizza.
Ora: se da una parte è buono, giusto e sacrosanto perseguire chi utilizza il tuo lavoro, senza il tuo consenso, per conseguire un guadagno, possiamo anche tranquillamente affermare che il ragazzo di Vicenza (perché, sia chiaro, stiamo parlando esclusivamente di quel caso, non della pirateria mondiale, e un altro discorso a parte è quello su Ebay) aveva sì scaricato e masterizzato il DVD dello spettacolo di Grillo, ma l’aveva messo in vendita a 2-3 euro, prezzo che in effetti copre a malapena le spese di produzione (capita che un DVD vergine costi parecchio di più) e quelle di spedizione.
Esiste la possibilità, insomma, che quel ragazzo sia rimasto talmente colpito dalle parole di Grillo da arrivare a pensare di poter “fare la propria parte” distribuendo il più possibile il verbo, senza per questo lucrarci sopra. Nulla di diverso rispetto a quando sempre Grillo invita i propri lettori a scaricare un volantino, stamparlo e distribuirlo in giro o piazzarlo sui parabrezza delle macchine.
Viene da dire che, in fondo, la “democrazia diretta” è anche questo.
E da pensare che Grillo abbia le palle necessarie da permettersi il lusso di invitare i propri avvocati a valutare caso per caso.

(Visited 29 times, 1 visits today)

26 Comments

  1. “Strenna: i google ads per prima cosa sono solo su Macchianera, e se Neri volesse potrebbe davvero farci dei soldi (gli basterebbe integrarli meglio nel template).
    Poi, ti assicuro che non ne farebbe comunque tanti quanto Calacanis & co, che alzano circa mille dollari al giorno dai vari Engadget, Joystiq etc. Perchè MN non è un blog tematico e quindi non viene servito bene da Google.
    Non so quanto faccia, ma secondo me ha una media di 1,50$ al giorno. E già gli va di culo. Spiccioli, rispetto a quanto costa il server di BlogNation.”

    Ma io vedo text ads sia qui che su quello di Sabelli Fioretti che su http://www.blognation.it che su http://www.radionation.it etc…

    Naturalmente sui più trafficati. Inoltre con uno dei siti che faccio per hobby che ha una media 1200 pagine viste al giorno (molto meno di questo quindi) riesco a farci una media di 20$ al giorno solo cn Google ADS.

  2. L’avvocato di grillo non può avere fatto nulla che grillo non sapesse e che non avesse firmato. Per presentare un esposto occorre la firma del cliente.
    saluti

  3. L’avvocato di grillo non può avere fatto nulla che grillo non sapesse e che non avesse firmato. Per presentare un esposto occorre la firma del cliente.
    saluti

  4. Ragazzi leggeteli bene i commenti… Gabriella ci ha già spiegato come manca di fondamento il presupposto della discussione: Grillo verosimilmente non ha denunciato nessuno, ha fatto un esposto alla procura di Alessandria affinchè su ebay si smettesse di *lucrare* sul suo lavoro; non è stata fatta nessuna denuncia e soprattutto non è stata perseguita la pura condivisione dello spettacolo.
    Il reato commesso dal ragazzo di Vicenza è comunque *penale* e quindi perseguibile d’ufficio: anche se fosse una iniziativa diretta di Grillo (o dei suoi avvocati)non sarebbe revocabile.

  5. Comunque, ragazzi, l’importante è ragionare con la propria testa, non mitizzare mai nessuno. Grillo è una persona che merita enorme stima e rispetto, ma non è Dio, è importante ricordarlo e ricordarglielo, anche perchè ha una schiera di fan acritici che lo fanno sentire tale.

  6. Liberi di non crederci (e libero io di mostrare un capture screen della schermata delle revenues, anche se credo violi le policy di Go*gle riguardo AdS*nse), ma un sito non tematico come Macchianera, pur con i suoi accessi, da AdSense rastrella una media di 0,80 cents al giorno. Quando va bene, un dollaro. Una volta che proprio è andata bene bene e tutti hanno cliccato sulla pubblicità, anche se non si sa perché, 4 euro. Ma è stata solo una volta.
    I due server di BlogNation costano, invece, rispettivamente 3500$ e 1500$ l’anno. E BlogNation non ha mai imposto ai blog ospitati di inserire il codice del proprio AdSense. Chi l’ha fatto guadagna in prima persona. Sempre che si possa parlare di guadagno.

    E insomma, l’idea che il blog, le pagine viste, i visitatori unici facciano guadagnare è una favola per farlocconi. Se la pubblicità su Internet funzionasse, quella ventina di portali che avevamo in italia non avrebbero chiuso (o non si sarebbero convertiti al business delle suonerie per cellulari). Funziona per Google, perché la gestisce direttamente, su milioni di siti.

  7. Grillo e’ bravo, ma non dappertutto. E’ geniale, ma umano, per cui ci ripensa (ricordate i pc e Internet). Lo adoro, ma quando si muove e parla, non quando si siede davanti al pc. Fa nulla, guardero’ sempre i suoi spettacoli, ma non e’ detto che debba essere osannato a prescindere. Sulla faccenda eBay, e’ piu’ triste che illegale. Pero’ e’ illegale, non si discute. Formalmente ha ragione, ma che tristezza. E che comunicazione sballata.

  8. Fare il tribuno del popolo e poi denunciare un “mariuolo” che vende i dvd di Grillo a pochi spiccioli lo trovo molto deplorevole.

    Anche perché è facile fare il tribuno del popolo quando si va ogni estate in Corsica con il proprio yacht.

    P.S. io conosco uno che ruttava in chiesa, però non gli è giunta mai nessuna mail di protesta!!!

  9. Per me resta un mistero sul perché ci siano persone che per commentare un post tutto sommato garbato, anche se critico, debbano invitare l’autore a cacare manco fossero la dolceeuchessina.
    Mangiato troppo? Mangiato in fretta?
    Bah!

    A.I.U.T.O.
    Associazione Uomini
    Troppo Oppressi

  10. E’ per commenti patetici come quello ultimo di Daniele che Grillo ha dovuto fare un post di spiegazioni non richieste sul suo blog.

    [che se lo leggi dice “avevo una barca, l’ho venduta]

  11. Ragazzi sveglia, esiste un attrezzo che si chiama cervello e che ogni tanto occorre ricordarsi di attivare. Se si apprezzano alcune iniziative di Grillo negli spettacoli e alcune idee, non significa che lui sia esente da critiche. Ma che diavolo sarà mai, la Ford T che si può avere nera e basta? Una cosa è certa, si è montato la testa a causa del plotone di suoi adoratori acritici. Una persona intelligente sa accettare le critiche. Oramai Grillo si sente Dio e crede di poter pontificare su tutto.
    Ma diamine, avrà Gianluca in casa sua la facoltà di esprimere la sua opinione liberamente senza essere attaccato. Devo però dire che non condivido gli attacchi a Grillo ingiustificati che ho visto qui nei commenti. Come ultima cosa Gianluca, mettiti la maglietta di lana che fa freddo e tu Filippo Facci non essere volgare se no vengo lì e ti metto sulle mie ginocchia e ti sculaccio come quando eri piccolo.

  12. E’ fastidioso dover ammettere il carisma e l’ascendente di Grillo, che dal nulla ha creato un sito che polverizza tutti gli altri…
    Un pò come quando il Berlusca scese in campo e dal nulla raccolse il 30% dei consensi …
    C’è chi si fa attrarre dall’uno, chi dall’altro, un pò come le calamite, se sei polarizzato negativamente verrai attratto dal polo positivo e viceversa…
    Il fatto che in Italia chi denuncia nefandezze è malvisto, è ormai assodato ed accusato di populismo e demagogia…
    Un saluto

  13. per tutti i difensori del neri e in particolare per la mamma, vorrei far notare due cose:
    1) la critica viene fatta a neri, non perchè grillo è dio ed è esente da critiche, ma solo perchè, vista la gestione del proprio blog, gianluca neri dovrebbe essere l’ultima persona a muovere critiche verso il blog di grillo.
    2) gianluca neri nei suoi articoli arriva ad una DEMAGOGIA PRETESTUOSA, che rende la persona ridicola. se voi andate a rileggere i commenti (grillology 1) in cui, gianluca neri, sostiene di essere accusato di fare i soldi con le google ads, in realtà non troverete nulla di tutto ciò. GIANLUCA NERI SI E’ INVENTATO TUTTO, le accusa sono nate dopo la sua affermazione, è proprio il caso di dire “excusatio non petita accusatio manifesta”.
    nei commenti di grillology 1, è solo una persona a parlare delle google ads, il fantomatico federico, che alla mia affermazione che il neri cerca “notorietà” (che per carità è lecito), ha detto che lui non cerca soldi con le google ads.
    insomma il neri è DEMAGOGIA pura e non è neanche capace di difendersi.

  14. “Ho avuto un incidente di macchina nel 1980, guidavo io, mi sono salvato per miracolo, ma sono morte tre persone che erano con me e sono stato condannato per omicidio colposo a un anno e tre mesi”
    Scusate, ma io ho interpretato questa frase come collegata a quella seguente >
    Sapete tutti bene dell’iniziativa “Parlamento Pulito” e fare il semplice collegamento non dovrebbe essere difficile: Grillo ha avuto una condanna quindi per coerenza non si candida in Parlamento dove non dovrebbero sedere persone condannate, indipendentemente dalla condanna.

    > (G. Neri)
    Questo commento in particolare mi sembra del tutto superficiale e gratuito.
    Sul resto del post… che Neri preferisca credere (come purtroppo tanta tanta altra gente) alle boiate che compaiono sui portali di (dis)informazione è relativamente deprimente.

    Ma esiste ancora un giornalista o un qualunque qualcuno che vada alle fonti reali della notizia invece di cercare su Google? I nostri repubblica.it, corriere.it & c. sono semplicemente osceni proprio per questo, il 90% delle notizie NON SONO VERIFICATE SUL CAMPO. Ma come si fa a credergli?????

  15. Commento molto semplice, da persona non informata sui fatti (come il 99% di tutti voi):

    -Il tipo voleva fare dei soldi vendendo una cosa copiata. Ne voleva fare pochi, ma li voleva fare.

    -E’ giusto che uno si incazzi se gli copiano la roba e la vendono a scopo di lucro

    -Beppe grillo pero’ ci poteva passare sopra, perche’ uno che vuol fare 10 euro vendendo 10 cd copiati e’ un “poveretto” nel vero senso del termine, uno che non rovinera’ il mercato a nessuno e non fara’ i miliardi.

    Al massimo si comprera’ na birra in piu’ al Pub solito.

    E non uccidera’ faletti lanciadogli dei CD.

  16. Se posso, vorrei smentirti su un paio di punti.
    1)I dvd sono reperibili su eBay a prezzi anke molto inferiori all’Euro. Dipende dalla quantità comprata/offerta. Se uno vende su eBay sicuramente sa che può comprare a prezzi modici;
    2)E’ praticamente una regola: chi vende su eBay, fa la cresta suule spese di spedizione. Non dico tutti, ma la stragrande maggioranza.
    Percui, di sicuro (anche scartando la seconda ipotesi e credendo alla buona fede del ragazzo), il tipo ci ha guadagnato sopra.
    Sul fatto che Grillo non debba vestire i panni del “Messia” (forse inconsapevole) che guida gli oppressi sono daccordo. Se la gente deve reagire, deve imparare anche a farlo da sola. E’ utile la sua opera di controinformazione, ma è la gente che deve capire e reagire.

  17. Carissimo Gianluca,

    oltre a tutto quello che è stato detto
    aggiungo che non dovremmo stupirci che chi ruba
    vada in galera.
    E chi viene “ladrato” non deve vergognarsi di denunciare.

    Il povero ragazzino avrebbe fatto meglio a dedicarsi di più allo studio che a rubare mele.
    IN GALERA!!!!!!!!!!

  18. Bando alle ciance! Il tipo che voleva vendere il DVD di Grillo voleva fare un po’ di soldini, altro che divulgare il “verbo”.Mettere una inserzione su Ebay significa oltre che vendere una cosa ad una asta (quindi dai 2-3 euro in su) avere anche la possibilità di centinaia se non migliaia di contatti anche al di fuori di Ebay.Grillo vende i suoi spettacoli, è il suo mestiere, attraverso i biglietti e coi DVD.Se poi le sue idee e le sue invettive nei confronti dei potenti aprono anche le testoline di tanta gente tanto meglio.

  19. Il ragazzo in questione ha usato il lavoro altrui a fini di lucro, non è certo il prezzo di vendita a determinare se questo è uno sbaglio o meno. Se avesse voluto fare della libera distribuzione avrebbe scelto winmx o emule, non certo ebay!! le tue affermazioni quindi mi sembrano assurde.
    Sul discorso che grillo non sia uno scrittore poi mi viene da ridere, come se leonardo essendo bravo a dipingere non avesse avuto il diritto di svolgere, magari bene magari male, anche altre attività!!
    Non vedo niente di strano nel comportamento di grillo se non il suo desiderio di giustificarsi.

  20. Per provare che la denuncia esiste (e non è invece un atto d’ufficio della polizia postale in seguito alla segnalazione sui fatti occorsi su eBay) citi un articolo di un sito che ha poi rettificato la notizia dopo l’intervento di Grillo.

    Mi sembra un po’ scarso il tuo lavoro investigativo…

    L’unica fonte diretta a mia conoscenza sul caso è Grillo, se ne hai un’altra (es. polizia postale, ebay, il ragazzo) citala, altrimenti saranno solo chiacchere da blog.

  21. Beh, uno che è costretto nel suo blog a mettere foto di donnine più o meno discinte per avere qualche visitatore in più viene a farmi la morale??
    Ma dai…

  22. Mi sembra che la discussione si sia focalizzata sul famigerato DVD copiato dal “ragazzetto”. Bene, prendo lo spunto; mi sembra che sia un esempio del modo di fare le cose di Grillo che è, mi si perdonerà, alquanto italiano: infatti c’è una gran caciara e molti argomenti buttati lì senza spiegarli fino in fondo. Nel caso del DVD dire “io lo vendo, ma sei volete lo potete distribuire, però non fatemi arrabbiare” è vago, e anche poco politico; esistono le licenze libere, p.es. una Creative Commons, esistono da anni i movimenti che si battono per l’abolizione/riforma/superamento del copyright. Ma Grillo non dice “i miei spettacoli sono disponibili con Creative Commons non commerciale”, non prende posizioni chiare, butta un po’ tutto nel calderone “io sono buono, non come gli altri” lasciando l’eterna, italiana, zona grigia.

Rispondi