Peperosso Weekly

null

Questo l’ho fatto io — Vi accorgete che la provvista di Gatorade per il quotidiano dopocorsa [ma potevamo dire post-running] non è poi tanto economica. Che fate? Il Gatorade do-it-yourself.
I grassi spiegati ai primàti — Allora: ci sono i grassi saturi, quelli insaturi, i trans, che uno pensa subito male, e i peggiori, quelli idrogenati. Niente paura, la spiegazione è a prova di primàti.
Ma si, continuiamo a farci del male — L’alternativa molto radical chic alla Nutella si chiama Crema spalmabile Domori. Accattivante il packaging, fascinoso il cacao, ardente il pistacchio, morbida la nocciola… e dannosissimi i grassi idrogenati. Anche se ohè, idrogenati selettivamente. Selettivamente?
Le bugie hanno le gambe corte — Mangia sano e vivi meglio ripete il Mulino Bianco. Magari senza i grassi idrogenati, sempre loro, dei biscotti Grancereale. Sì, proprio quelli con cui fate colazione ogni mattina.
Sfide — La leggendaria e conservatrice guida Michelin, sfida fuori casa l’altrettanto leggendaria e progressista Guida Zagat, quella fatta con le recensioni dei lettori. A Novembre esce infatti la prima Michelin sui ristoranti di New York.
Sfide 2 — E si sfidano pure la Sana Gola, leggi cucina [quasi] tradizionale e quella macrobiotica. Ricette incluse.
Crisis? What crisis? — Le scorte non bastano dicono i produttori, tutti vogliono il Moscato d’Asti. Sorpresa, almeno un vino non è in crisi. E invece? La crisi del Moscato c’è eccome, tanto che arrivano i fondi [bazzeccole eh, sono 3,9 mln di euro, che in 4 anni diventeranno 24,5 mln, senza contare i 15,5 mln in arrivo dal ministero delle Attività Produttive]. Vacci a capire…

(Visited 2 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Nooooo, il grancereale noooo !
    era un mito x me, l’araba fenice dei biscotti, l’ho rincorso x anni, hai presente “Balocchi e Profumi”? gli avevo dedicato il post degli Intoccabli del 21 maggio!
    porcaccia e adesso con che cosa compenso?
    I Bucaneve?

  2. Qualcuno si ricorda il “reintegratore salino” delle Forze Armate. La bustina diluita in acqua aveva un gradevole gusto di tè. Decisamente meglio di analoghi prodotti in vendita nelle farmacie. Aveva, però, la tendenza ad essere distribuito dopo la data di scadenza. Cose da naja.

  3. Qualcuno si ricorda il “reintegratore salino” delle Forze Armate? La bustina diluita in acqua aveva un gradevole gusto di tè. Decisamente meglio di analoghi prodotti in vendita nelle farmacie. Aveva, però, la tendenza ad essere distribuito dopo la data di scadenza. Cose da naja.

  4. Cavi batteria Michelin

    Settimana scorsa, la mia macchina ha deciso bene di lasciarmi a piedi nel parcheggio di Famagosta. Da grande esperta (si fa per dire), ho subito capito che era un problema di battria: unico problema non possedevo cavi per ricaricarla. Dopo…

Rispondi