GMG: Il giorno più bello della mia vita

Ieri è stato il giorno più bello della mia vita. In mattinata c’è stata la giornata mondiale della gioventù a Colonia. Contemporaneamente c’è stato il meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, inaugurato dal mio intellettuale di riferimento Marcello Pera.

Sapete cosa vuol dire questo? Che le città italiane ieri sono state assolutamente prive sia di ciellini che di Papa boys. Bastava evitare Rimini e non c’era alcun rischio di incontrarne uno per strada. Sembrava una favola, un sogno. Il senso di libertà era travolgente, disturbato solo dai vecchi cartelloni residui del referendum, con perle del tipo :” Scelgo di non votare”, che è un po’ come dire :” Urino senza pisciare”.

Era proprio come quando nevica. I bambini giocavano spensierati per strada, mentre i vecchi nonni ricordavano loro i tempi d’oro dello stato liberale, quando i cattolici non votavano affatto e i politici, tutti scomunicati, non prendevano certo ordini dalle sottane di Ruini.
Sembra incredibile, vero?

Dobbiamo assolutamente replicare quanto prima questa congiunzione favorevole. Non ce la faccio ad aspettare Sidney 2008, facciamo giornate mondiali della gioventù ogni giorno , alternando tra Islanda, Groenlandia e Lapponia. Mettiamo il meeting di CL a Reikjavik, affianco a un bel Geyser, tutti attorno. Con Marcello Pera che ci istruisce sui valori forti della democrazia dal centro del geyser, preferibilmente mentre zampilla

(Visited 13 times, 1 visits today)

9 Comments

  1. Uno degli sponsor di GMG è……Banca di Roma……La banca n°1 nel commercio di armi in Italia!!!!
    Predicano bene,razzolano male!!!!

  2. I papaboys sono socialmente pericolosi, occorre prestare molta attenzione. Ai tempi dell’Universita’ i vari movimenti di stampo cattolico ti avvicinavano con il pretesto di aiutarti negli studi e poi cercavano ogni occasione per indottrinarti.

  3. Poldo, se vogliamo anche dirla tutta diversi movimenti (in primis quello dei “papaboys”) hanno protestato formalmente con l’organizzazione in Vaticano per questa cosa e si sono ufficialmente dissociati (i “papaboys” sul loro sito lo dicevano chiaramente).
    Se non ci credi, prova a cercare nelle notizie di ieri su repubblica o il corriere (non ricordo quale dei due giornali).
    Informarsi è dura eh! Lo capisco….

  4. Il fatto che le associazioni cattoliche nelle università avvicinino la gente per lo studio e poi si allarghino è drammaticamente vero. In Uni comandano loro, hanno le loro librerie, le loro copisterie, e, siccome pochissimi oltre loro vanno a votare, stravincono per i rappresentanti in senato accademico. La forza della chiesa cattolica è sempre stata la compattezza, dottrinale e politica: questo le ha permesso di sopravvivere per due millenni.

  5. O caro simone!!!!Resta il fatto che i soldi li hanno usati!!!Ti dirò di più dato che fai lo “spocchietta” con il tuo “informarsi è dura!”,
    chi ha pagato l’obolo per l’iscrizione(?),non è riuscito a mangiare,anzi lanciavano panini all’aria,alla cieca.Resta il fatto che in molte chiese in italia,addiritura all’interno della chiesa,era affisso uno stendardo che pubblicizzava l’evento,con tanto di sponsor……che qualcuno ha rimosso….ma non tutti!O GRANDE SAPIENTE!NON CREDO CHE ABBIANO STRAPPATO L’ASSEGNO DI BANCA DI ROMA……Volevo solo far notare con quanta leggerezza si prepara l’EVENTO;e se i soldi arrivano da satana in persona….nessun controllo!Insomma,trascini dei ragazzi per una giornata di pace….finanziata dalla guerra!Non mettevo certo in dubbio il “credo” di quei ragazzi!Non metto il dubbio la loro buona fede!Ma chissà se qualche assiduo frequentatore della chiesa cambiera il conto in banca,perchè quei buoni cristiani della banca di roma hanno sponsorizzato L’evento…..Non ho scritto delle proteste perchè non vi reputo degli stupidi!Lo sanno tutti cosa è successo dopo….ma la frittata è fatta!

  6. Ottima giornata certo.Peccato per quei due-tre milioni di catto- comunisti ancora in mezzo hai coglioni.

Rispondi