Piccole modifiche: manca una virgola nel comma 2

Ognuno faccia le sue belle considerazioni sul perché i refendum non hanno raggiunto il quorum, su quanto contano i blog e la stampa libera nell’orientamento dell’opinione pubblica e bla bla bla. Facciamolo, perché tanto a decidere delle leggi della Repubblica Italiana ci pensa il cardinale Ruini:
“Credo che adesso in Parlamento non succeda niente, perché ci vuole tempo per sperimentarla. Poi, se si riterranno opportune, potranno essere introdotte piccole, leggere modifiche, ma non certo quegli stravolgimenti che avevano ipotizzato i quesiti referendari”.

(Visited 3 times, 1 visits today)

37 Comments

  1. Sperimentarla? Certo. “Se ci sbagliamo, tra 200 anni vi chiederemo scusa.”

    Non vedo perché non possa andare direttamente in parlamento a farle le leggi, sarebbe più coerente.

  2. Triste e pauroso allo stesso tempo. Un leader religioso che parla come leader politico. L’Italia come l’Iran. Benvenuto al Mullah Camillo.

  3. Se proprio Ruini ha aspirazioni da legislatore facciamogli fare la finanziaria 2006…. dato che ci vuole un miracolo mi sembra uno dei più qualificati!
    (che vergogna!)

  4. Questo è ciò che più mi preoccupa: la disinformazione che dilaga in mezzo alle pubblicità delle quattro paperelle.
    L’otto per mille non è facoltativo, non tutte le religioni vi possono accedere e non viene usato, per la maggior parte della sua erogazione, per interventi caritativi.
    I dati forniti dalla stessa chiesa cattolica in una sua pubblicità su La Repubblica delle Donne sono i seguenti:

    2002
    per esigenze di culto : 412 milioni di euro
    Interventi caritativi : 175 milioni di euro
    sostentamento al clero :307 milioni di euro

    2003: 452/185/329
    2004: 442/190/319

    Come vedi la maggior parte dei soldi finiscono per il sostentamento del clero e per le “esigenze di culto”.
    I dati forniti dal nostro governo sono addirittura precedenti.

    Riflessioni in merito: http://www.oracamminiamoeretti.com/oce/more.php?id=1251_0_1_30_M

  5. Un vero scandalo: gli americani sono arrivati con forze militari di invasione, con le armi e le bombe per portare a tutti i costi la democrazia. Hanno pure provato a imporre vari governi e allestire strutture di intelligence per controllare il territorio e influenzare il popolo. Migliaia di militari sono morti per la causa, le basi militari sono ancora pienamente operanti… ma questi stronzi di italiani davvero non ne vogliono proprio sapere.

    Ci avviamo a essere la prima democrazia sul modello “islamico” in Europa: avremo le leggi e tribunali guidati dalla Sharia di Ruini e soci, sul parlamento governeranno i Mullah Ruini e Ratzingher, piano piano il popolo perderà i diritti civili che aveva faticosamente conquistato per ignavia, indifferenza e desiderio di non avere responsabilità.

    Che tristezza…

  6. Ma voi certe cose le pensate davvero o le dite perchè è di moda? Che stato libero sarebbe quello in cui un esponente religioso non possa dire la sua? Per quello che ne so Ruini è un citadino Italiano e probabilmente si potrebbe anche candidare come leader di una coalizione e se votato ricoprire qualsiasi carica. Piaccia o no in una democrazia alla fine contano quanti voti si riesce a raccogliere.

  7. Io non sono andato a votare, ma per scelta personale non perchè lo diceva un qualunque prete.
    Ruini ha commentato il referendum come farebbe chiunque.
    Il Vaticano non ha tutto questo potere sul Parlamento o sulla gente che gli attribuite, se così non fosse, avremmo un Partitone Unico Cattolico, che stravincerebbe tutte le elezioni.
    Addebitando alla Chiesa l’esito del referendum, secondo me, gli si fa più che altro un favore, gli si dà un vantaggio che non possiede!
    Un referendum da fare sarebbe sull’abolizione dell’otto per mille: lì sì che è in gioco la laicità dello stato.

  8. No belli, Ruini ha affermato cosa potrà fare il parlamento nel futuro riguardo alla Legge 40. Se vi sembra normale prendete la cittadinanza vaticana.

  9. Non vi montate la testa col 26%… il totale del Sì è del 22%. Champagne per tutti (paga il comitato referendario)!

    ****************

    14 Giugno 2005 ore 14:12
    IL SI NON VA OLTRE IL 22% DEGLI ELETTORI
    L’acquisizione praticamente definitiva dei dati relativi ai referendum consente una qualche elaborazione. Ad esempio sul primo quesito a cui ha partecipato il 25,4% degli aventi diritto se si sottraggono i voti “no” si ottiene che solo il 22,3 % è stato favorevole alle richieste del comitato promotore.
    Sul II quesito i favorevoli sono stati il 22,7%, sul terzo il 22,4, sul quarto il 19,7. E delle nuove, ulteriori soprese, potrebbero arrivare dalla contabilizzazione delle schiede bianche e nulle che non sono comprese nei riepiloghi del ministero.

  10. Carloalberto, si fa semplicemente finta di non sapere che quei medicinali sono stati realizzati grazie alla sperimentazione sugli embrioni.
    In fondo non facciamo finta tutti i giorni di non sapere che le scarpe dei cinesi, quelle la cui importazione nel nostro paese è aumentata dell’800%, sono fabbricate senza alcuna tutela dei diritti umani degli operai?
    Se non ci scandalizziamo per l’uso della manodopera minorile per la fabbricazione delle scarpe, non vorrai mica che ci crucciamo per un medicinale salvavita sperimentato su un embrione magari russo!
    Che diamine, un po’ di elasticità mentale:-)

  11. si vabbè, il mondo dei blogger è fatto di marzapane ma anche questa piattaforma non scherza!
    invii un commento e il picci ti risponde come un Boero “riprova e sarai più fortunato” e io che già sono distratta di mio, invece di un altro Boero ho preso una Luisona.
    Il commento di cui sopra era per Carloalberto che sta al piano di sotto e che ha “vinto” il mio commento per quanto l’incarto dicesse “riprova sarai più fortunato”.
    Vado a mangiarmi la maniglia in marzapane del bagno, speriamo siamo inzuppata di nel marsala.

  12. Vis, sei un’adorabile pasticciona.
    Secondo me, passi troppo tempo nei solarium ;)

  13. Mandalo via, non lo voglio!

    Mi sembra giusto dirlo: che ruini “dia consigli” sulle modifiche da fare alla 40 non ha nulla, ma proprio nulla, di scandaloso. Tutti quelli che credono di rappresentare qualcuno intervengono, chiedono, minacciano il governo ed il parlamen…

  14. Se toccano la 194 finisco gli esami di karate, piglio su il maestro e tre amici del centro sociale. La signora del ristorante cinese ci presta le spade di ‘famiglia’ e mio cugino il furgone Mercedes. Veniamo a Roma, porpore avariate. Con affetto.

  15. A scanso di equivoci sull’interpretazione dell’8×1000 credo che da adesso in poi devolveró alla chiesa valdese, che (se non ricordo male) aveva lasciato libertá di coscienza nel voto.
    E anche se ricordo male abbassare lo stipendio di Ruini male non fa…

  16. La chiesa valdese invitava a recarsi a votare “sì”.
    Provate a fare un giro su http://www.chiesavaldese.org a vedere come la pensano in materia di aborto ed eutanasia, e potrete apprezzare come si possa essere credenti e rispettosi della vita in tutte le sue forme, pur senza essere dei fanatici che oobediscono a qualche tipo di imperativo assoluto.
    Io, pur ateo, sono lieto di avere dato loro il mio ottopermille. L’ho fatto dopo un attenta valutazione delle modalità con cui viene gestito il contributo. A proposito. Lo sapete che la Rai ha censurato la campagna dell’ottopermille valdese perché era all’insegna dello slogan: “Molte scuole, nessuna chiesa – 8×100 alla Chiesa Valdese, 100% alla solidarietà”? Qualcuno ci ha visto una critica più o meno diretta alla Chiesa Cattolica, e forse a ragione, visti i dati sull’impiego del contributo forniti dalla stessa CEI.

  17. Comunque, tranquilli: la Chiesa metterà al rogo quegli scenziati ostinati che svolgono la ricerca sulle cellule staminali, ma tra trecentocinquant’anni chiederà scusa, come per Galileo.
    Ah, ah. Non preoccupatevi, scherzavo: la Chiesa non metterà al rogo nessuno. Non può.

  18. Ieri sera a Ballarò,Giovanni sartori ha dato la sua opinione sull’appello all’astensionismo,dicendo che le statistiche davano il no al 14%,perciò era molto più produttivo invitare all’astensione perchè si prendevano due piccioni con una fava,e che il 75% degli italiani non aveva fatto alcuna scelta,quindi non si può usare il dato come voto politico anche perchè si tratta di non voto.Vergognosamente interrotto da Alemanno,come se fosse un povero vecchio rincoglionito.Fate un paragone tra i due cervelli….io non commento!

    http://www.societalibera.org/ liberalierioggi/sartori/02_sartori.htm

    http://www.politicheagricole.it/MINISTRO/home.asp

  19. Tuulikki, fammi sapere quando arrivi che ti vengo incontro e andiamo insieme (lasciatemi un posto sul furgone…)

  20. ma non vi sfiora l’idea che se ha vinto l’astensionismo magari non ha vinto la chiesa, ma più semplicemente chi di questa legge se ne infischia perchè il problema di oggi non è come fare figli, ma piuttosto che i figli le coppie di oggi non possono permetterseli (vedi economia in recessione, tenore di vita al di sopra delle possibilità, dilagamte egoismo e paura del futuro);unito al fatto che ormai il sistema referendario italiano che prevede un quorum così alto è destinato a fare fallire anche quesiti che interessano di più.

  21. Eh? Abbiamo fatto Ruini ministro della sanità? Quando? Come?

    Inizio a sentirmi come in Iran all’inizio della rivoluzione islamica (Cfr. Persepolis, di Marjanne Satrapi)

  22. perchè dover andare a Roma col furgoncino ….. con 25000 chiese in Italia si può iniziare un pò ovunque.

  23. Dopo 50 anni di dominio della Dc ci stupiamo dello strapotere della chiesa in Italia?

    Mah, a me sembra sempre la solita “palla al piede” del nostro paese.

    La legge che vieta a Ruini di invitare al non-voto c’e’. Non capisco cosa aspettiamo a richiederne l’applicazione immediata.

    Che sia ben chiaro, la stessa legge dice che anche gli esponenti politici non dovrebbero invitare all’astensione… ma si sa, ai politici perdoniamo tutto. Anche reati peggiori.

    Voglio emigrare prima che sia troppo tardi.

  24. Maltempo durante l’udienza papale di oggi, Benedetto XVI chiede un raggio di sole e l’ottiene. Le sorprese non sono finite: il pontefice parla al cellulare con la madre di un disabile; indossa il casco dei vigili del fuoco. E’ un fondamentale servizio del TG5 di pochi minuti fa.

  25. La Democrazia Cristiana, con tutti i suoi limiti e i suoi eccessi, era – nei suoi elementi migliori, come De Gasperi – un partito laico, con un forte senso delle istituzioni. In primo luogo non avrebbe mai invitato ad astenersi dall’esercitare un diritto per cui essa stessa si era battuta in assemblea costituente, in secondo luogo avrebbe limitato le ingerenze dirette della Chiesa.

    Sto rileggendo anch’io Pesepoliss e concordo con Alessandro sulla sua sottile inquietudine.

  26. Ultimo scrive:mai sentito parlare di squadracce fasciste?

    Se ultimo fosse andato a vedere le due biografie…..scoprira chi e squadrista e chi ironico……..caro ultimo,sei er mejo de tutti noi!

  27. Quali biografie?

    A me gli appelli alla violenza non piacciono e non li trovo mai ironici: che si tratti di appelli per dare fuoco a un campo nomadi o per partire in spedizione punitiva contro qualche prete per me non fa differenza. Scusa questa mia strana mania.

  28. caro ultimo,tu che sei liberal alla giuliano ferrara,le biografie che ho postato nel blog
    a proposito di squadracce fasciste……piccolo quiz alemanno e Sartori….o leggi solo quello che vuoi?

Rispondi