Maratona Referendum

On air adesso su Radionation la maratona referendum, a cura, per ora, di Quattropassi. Si cazzeggia un po’ meno del solito, ma vale la pena di esserci.

RadioNation trasmette in Mp3 e quindi è ascoltabile via web attraverso qualsiasi sistema operativo e utilizzando il player che preferite (Windows Media Player, iTunes, Real Player, WinAmp, QuickTime, ecc…).

A partire da ora si può:

Ascoltare il programma con qualsiasi player (Windows Media Player, iTunes, Real Player, WinAmp, ecc…)
Partecipare in diretta entrando nella chat IRC (qui per gli utenti Fastweb) [ scarica il programma: Win | Mac | Linux ]

Entrare nella chat via web, anche se non si possiede un programma in grado di collegarsi a IRC.
Cliccare qui per aprire il “telecomando” di RadioNation / Macchiaradio ed ascoltarci in sottofondo mentre navighi.

(Visited 10 times, 1 visits today)

45 Comments

  1. in alcune regioni si voteranno anche quesiti referendari regionali, oltre ai 4 nazionali.

    MA, in quanto referendum regionali, sarà possibile votarli solo nella giornata di oggi, domenica 12 giugno.
    chi andrà a votare domani, potrà farlo ma solo per i 4 nazionali.
    diffondiamo anche questa informazione

  2. mai vista così poca affluenza.
    deserto del sahara.
    fieno rotolante e vento da far west.
    presidenti di seggio carte alla mano per un tresette in compagnia dei carabinieri.
    referendum impopolare.

  3. Io ho già votato stamattina.


    Beh Beh, balbettò Monteiro Rossi, beh, la verità è che, la verità è che ho seguito le ragioni del quorum, forse non avrei dovuto, forse non avrei nemmeno voluto, ma è stato più forte di me.

    Trascrizione quasi verbatim da Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira, capitolo 6, Feltrinelli, Milano, 1994.]

  4. Grazie per aver appena ricordato che noi emiliani siamo i migliori ^_^
    (parlo dell’affluenza, ovviamente)
    E grazie per aver elencato le città: avevo scritto erroneamente Piacenza invece di Ravenna

  5. Visto che astenersi è un diritto, perchè non fare una campagna per astenersi a fare la scelta per l’8 per mille, o a astenersi a frequentare le chiese, o a astersi a votare alle prossime elezioni politiche, è legittimo e non è contrario alla legge. La prossima volta mi ricorderò quando mi chiederanno di fare qualcosa per la Chiesa. Dirò loro mi astengo è mio diritto.

  6. Leggete con attenzione quanto scrivo, ho la matematica ed assoluta certezza che indipendentemente dai risultati di questo referendum, alle prossime elezioni politiche, l’attuale governo ne uscirà sconfitto. Non è possibile andare più in basso di così.

  7. Se l’alternativa a questo governo è la sinistra che abbiamo vista schierata in questi referendum, è possibilissimo andare più in basso di così.

  8. Da liberale, ho da sempre voluto bene al foglio, e anche al suo direttore, ma l’articolessa di sabato (in prima, liberamente scaricabile) che, invitando all’astensione, associa ai 4 quesiti referendari clonazione e eugenetica, scientismo e nazismo, è veramente disonesto e disinformativo. Goodmorning, oscurantismo.

  9. La dittatura è qui a un passo. Quando il popolo si disinteressa fino a questo punto, della politica, del voto, di tutto – quando prevale il menefreghismo e il solo tornaconto personale – allora la democrazia è seriamente in pericolo.

    Alle prossime elezioni vincerà Casini e la destra ultratradizionalista e postfascista comincerà a fare sul serio. Berlusconi sarà presidente della Repubblica.

    La sinistra non esiste – esiste una sinistra, in questo paese?E se sì, dov’era, ora che si trattava di riconquistare il diritto alla fecondazione assistita?

  10. E’ veramente uno schifo…
    siamo un paese di merda abitato da stronzi.
    In meridione affluenza che in alcuni posti non arriva al 5%; che pena.
    Mi auguro che molti di quelli che non hanno votato vivano in prima persona il dramma che stanno vivendo, ad oggi, grazie a questa legge pro-vaticano, molte coppie.
    Paese di merda

  11. sono appena stata a votare!!!!
    su circa 600 aventi diritto al voto, fino ad ora hanno votato 60 persone, il 10%…..
    dopo di me entravano altre due persone…quindi aumenta…
    potevo restare e le contavo tutte!!!!!! hehehe che bella la vita di paese!!!!!

  12. Adesso non esageriamo: con un facile benaltrismo potrei dire che in fondo questo referendum è marginale, riguardo alla crisi della democrazia di un paese che:
    – accetta tranquillamente ed in modo abbastanza bipartisan di privare della libertà stranieri che non hanno commesso alcun reato, (e magari fuggono da “stati canaglia” cui l’Italia vende armi con l’autorizzazione del governo),
    – promuove i suoi servitori che si son macchiati di reati come la tortura (reato ancora non previsto dopo 17 anni dalla firma della convenzione) ed il falso ideologico,
    – vede l’informazione, (soprattutto televisiva) in uno stato pietoso
    ..credo che il concetto sia chiaro.
    E per quanto riguarda la mai raggiunta laicità dello stato, per quanto mi piaccia scherzare sul contrario, non credo sia messa in discussione da questo referendum più i quanto lo sia dalla presenza dei corcifissi nei luoghi pubblici, a cominciare dalla scuola.
    La scelta furba dell’astensione, poi, più che una prova di forza mi sembra un segno di debolezza, una scorciatotia di chi probabilmente non crede di avere i numeri per vincere in uno scontro tra pari.

  13. Sto godendo come non mai.
    Ad ogni aggiornamento sull’affluenza stappo una bottiglia di champagne.
    Stasera siete tutti invitati a casa mia.

    Angelo
    bottone.blogspot.com

  14. Esulta pure Angelo, quando il papa ha detto che si sarebbe sentita la sua voce, lo abbiamo sperimentato, ma questa ingerenza politica nella nostra vita ci dimostra che la Chiesa è davvero un soggetto politico e non etico. Aspettatevi adesso una battaglia contro i crocefissi nelle scuole e contro l’ingerenza nello Stato laico. Occorre combattere il ritorno all’era dell’oscurantismo, prima che sia troppo tardi.

  15. Ma chi crede più a questa Chiesa? Ci sono più preti in televisione e al parlamento che in sagrestia.
    La gente sarà anche stupida, ma alla fine si ribella

  16. @ TANT:
    Solo una precisazione. Anche se ti “astieni” dal mettere una preferenza dall’8 per mille, quei soldi soo lo stesso prelevati e spartiti secondo criteri fissi che vedono comunque sempre la chiesa cattolica al primo posto.

    Non so da quando il “comitato per il SI” fosse al lavoro ma temo che i preti a messa e gli inutili insegnanti di religione a scuola fossero in movimento da molto di più e molto più capillarmente (secondo le testimonianze da me raccolte).
    Mi dispiace per i compagni e amici del Sud quotidianamente impegnati nell’attivismo, però devo ammettere che se si ristabilisse il Regno Borbonico in pochi avrebbero qualcosa da obiettare…
    Dal punto di vista religioso (o meglio: clericale), anche il fallimento del referendum non mette al riparo le gerarchie ecclesiastiche dalle contibue derisioni che mi faccio dei loro rancidi dogmi, e dalla loro paura che questi vengano continuamente smentiti dalla scienza, e non importa se loro ipocritamente mascherino questa paura come “amore per la vita”.
    L’opportunità era anche di continuare a sperimentare qui in europa dove i diritti umani sono (non so ancora per quanto) garantiti piuttosto che nella Cina e nell’India senza regole.

    “Vorrei che il Vaticano andasse in fiamme
    e il Papa le bruciasse lemme lemme
    e il Papa le bruciasse lemme lemme
    bruciasse i preti in corpo a le su mamme”

  17. Sono splendide le argomentazioni di chi dice che la dittatura è a un passo o che siamo un paese di merda. Perchè? Ma perchè gli italiani non hanno fatto come volevano loro (cioè non solo andare a votare ma votare SI’).
    In pratica il concetto di democrazia di costoro è di una semplicità disarmante: democrazia è fare (votare) ciò che vogliono loro.
    Altrimenti è tutto merda. FANTASTICO!

  18. Massì, questa è una bellissima legge.
    Lo dicono pure Laloggia e Giovanardi.
    E pure Ruini ed il Papa.
    Ho fatto bene a non destinargli l’8 permille.
    Bel paese.
    Ora aboliamo per correttezza anche la legge sull’aborto.
    Un feto è vita.
    O no ?!?!?
    Vorrei conoscere le argomentazioni di persone come Enrico e poi, se ce sono, di chi si sente vittima di questa bella legge 40.

  19. Esatto, Enrico.
    Altrimenti sei solo un “testadicazzo, coglione, figliodiputtana, idiota, eadessovaiapregareperilcuginotetraplegico,coglione.”

    Effettivamente a loro gli argomenti non mancano…

  20. Dato finale: 24,1% sui primi tre quesiti e 24,0% sull’eterologa.

    Dai ragazzi,

    non prendetevela troppo. Potete sempre fare una fichissima festa di consolazione sponsorizzata da Vanity Fair, con la presenza di Afef, Ferilli, Bellucci e Simona Ventura. Veronesi inviterà a suonare i suoi amici Gorillaz e Antinori farà intervenire sul palco un paio di cloni creati da lui! Non male no?

  21. hai perso anche tu e non te ne sei manco accorto..
    eh si, a volte si doverebbe provare per capire.
    p.s.
    di argomentazioni per votare si ce ne sono un fottio anche su questo sito, basta levarsi i paraocchi e leggerle

  22. dice silvestro
    p.s.
    di argomentazioni per votare si ce ne sono un fottio anche su questo sito, basta levarsi i paraocchi e leggerle

    Io lo so…
    Chiedo a chi festeggia per la vittoria dei codardi astensionisti

  23. Qualcuno ha dato dello stronzo a chi non vota SI?
    Bah, parliamo del fatto che se un prof di italiano dice ai ragazzi cosa votare rischia di finire in grane, un prof di religione invece può tranquillamente fare proselitismo in aula distribuendo opuscoli…
    Parliamo degli imprenditori che hanno promesso regalini in cambio del voto NO degi dipendenti…
    Parliamo del fatto che ci stiamo a scannare per ‘sto referendum ma sulle cose prettamente politiche non se ne fanno mai, tipo sulla costituzione europea la cui approvazione, così com’è ora, avrà effetti negativi sulle nostre vite molto più della legge 40. Forse il trucco è far scannare la gente su cose “secondarie” che il dibattito pilotato rende “primarie”…

  24. beh, ci consoleremo con Afef, la Ventura e la Bellucci.
    Tu divertiti, ma non troppo, con Ruini, Maledetto 16° Giovanardi e d’Onofrio

  25. Il problema grosso è che in Italia, se il problema non è mio “ME NE FOTTO”, pardon “MI ASTENGO”.
    seguendo le indicazioni di grandi teste come Ruini e Bondi
    .. ho detto grandi teste, non fraintendete

  26. Il problema grosso è che in Italia, se il problema non è mio “ME NE FOTTO”, pardon “MI ASTENGO”.
    seguendo le indicazioni di grandi teste come Ruini, Bondi e Rutelli.
    .. ho detto grandi teste, non fraintendete

  27. Scusate, mi devo correggere, perché ho letto il dato in fretta ma si riferiva ancora a poche sezioni. Il risultato finale potrebbe raggiungere o addirittura superare il 25%!

  28. Qualche anno fa quando mi capitava di parlare con stranieri o con italiani che vivevano all’estero
    facevo sempre molta fatica a giustificare l’anomalia “berslusconi”.
    Da tempo credo che non ci siano più anomalie ma semplicemente una situazione di degrado istituzionale
    in cui sono venuti meno quegli accorgimenti di controbilanciamento dei poteri che rendono uno Stato
    “Democratico”.
    Mancava solo la delegittimazione dell’Istituto del Referendum, nato per dare voce ai cittadini
    laddove la loro volontà non sembrava recepita dai loro rappresentanti in Parlamento, da parte dei
    Presidenti dei due Rami dell’Organismo il cui potere era da controbilanciare.
    Per non parlare del diritto/dovere alla segretezza del voto.

    Cosa posso fare?
    1) mettermi a guardare “La Fattoria”
    2) cambiare i miei valori di riferimento
    3) emigrare
    4) inviare una richiesta alla “Fabbrica del Programma” chiedendo di dichiarare
    – se e come pensano di intervenire sulla legge 40 nell’improbabile ipotesi dovessero diventare maggioranza in Parlamento.
    – come pensano di ripristinare l’Istituto del Referendum (es: eliminazione/abbassamento del quorum?)
    5) Altro?

    Con tanta amarezza,
    S.

  29. è finita come si temeva putroppo;
    io però adesso mi chiedo se gli embrioni pagano l’Irap e se posso intestargli la casa al mare…..

  30. Sta succedendo esattamente come alle elezioni americane: con finezza intellettuale e serenita’ olimpica il commento di quell’uno su quattro che e’ andato a votare e’: “siete tutti stronzi, gne’, gne’. Io sono molto migliore di voi”.
    Invece, guarda un po’, io, con parecchia altra gente, pare, mi sono informato, ho letto, e ho scelto di non votare.
    Commenti illuminati come quelli di cui sopra mi confermano nella bonta’ della mia scelta: evitare brutte compagnie e’ dovere morale ed estetico.

  31. Mi appello ai blog-creativi per avere un banner che possa degnamente sostituire quelli diffusi da Macchianera a sostegno del sì. Non so, mi viene da pensare qualcosa tipo “L’Italia è una repubblica fondata sul Vaticano”…
    Intanto io sto meditando di emigrare, magari in Spagna. Busco trabajo!

  32. io sottoscrivo quel che ha scritto latifah a proposito del banner (e anche a proposito dell’emigrazione,sinceramente questo paese fa talmente schifo da non riuscire nemmeno più a trovar parole per definirlo)

  33. Ok, noi abbiamo perso. Ma la mia orrenda sensazione è che con noi abbia perso tutto il paese. Spero di sbagliarmi. Intanto sarebbe bello un segnale di intelligenza da parte degli astensionisti trionfanti: adesso è il momento di tendere la mano, cioè di rivedere quanto meno gli aspetti più scandalosi della legge 40. Altrimenti continuiamo con questa terrificante spaccatura del paese.

  34. Francesco, che senso hanno questi toni da guerra civile? “Terrificante spaccatura”, “orrenda sensazione”… spaccatura di che?

    Qui la gente è stata chiamata a pronunciarsi su una questione dalla quale evidentemente la grande maggioranza non era nemmeno vagamente toccata. Fecondazione, embrioni, bioetica? Cosa vuoi che gliene freghi alla maggioranza della gente ossessionata (a torto o ragione) dal caro-euro, dal clima di recessione economica, dalla mancanza di speranze concrete di ripresa in tutti i settori?

    Fatemi capire: un mese fa gli elettori davano “grandissime lezioni di democrazia” massacrando alle regionali il centro destra, mazziavano crudelmente Berlusconi, e adesso si sarebbero (ri)trasformati in beoti addormentati dalle tv di Berlusconi al soldo della cricca clerico-fascista?

    La gente è sempre quella, che decide come le pare. Un mese fa tutte le tv berlusconiane del mondo non sono valse a limitare la disfatta del centro destra. In queste settimane i vari blog, appelli, Ruini & C., radicali & C, non avranno più di tanto cambiato il dato più importante, ossia la sostanziale INDIFFERENZA delle gente per le questioni referendarie.

    La statistica dice che una grossissima parte di quelli che non sono andati a votare, sono gli stessi che hanno fatto trionfare il centro-sinistra alle regionali. E’ bastato un mese per trasformarli tutti in orrende pecore telecomandate da Ratzinger?

    Francesco, se ti va di metterti l’elmetto e calarti nella trincea di una immaginaria guerra civile su questo tema, fai pure. Come ho già detto altre volte, bisogna pure trovarsi dei nemici e delle cause da combattere a buon mercato dal baluardo dei nostri pc, immaginandosi che internet sia un fedele isomorfismo del mondo esterno.

    Nel caso qualcuno ponesse la domanda: io ho votato 2 si e ho rifiutato (quindi mi sono astenuto) il bollettino su altri 2 quesiti. Nel primo caso perché volevo vincessero i si, nel secondo perché volevo vincessero i no sfruttando l’effetto-quorum.

  35. Ultimo: Oddio che palle, veramente senti, non ne posso più di sentirmi dire queste cose, mi sono scocciato.

    Io non credo che esista un paese buono e un paese cattivo, il paese è uno e sovrano, però credo anche che esista una stragrande maggioranza del paese a cui sostanzialmente non gliene frega niente di nulla.
    Me ne sono accorto volantinando. Fermi ragazzi e ragazze, universitari, e ti dicono che non gliene frega un cazzo, che tanto la legge 40 non riguarda loro, i loro corpi, le loro coscienze. Non ti dicono neppure che la legge gli piace, gli dicono solo “cazzo me ne frega non seguo la politica”.

    Colpa nostra che non siamo riusciti a coinvolgere questa gente? Probabile. Colpa nostra che abbiamo parlato tra di noi, ai nostri comodi pulpiti e non abbiamo preso il toro per le corna, non abbiamo saputo parlare alla gente? Probabile.
    Però scusami se non mi sembra giusto che questa gente venga arruolata d’ufficio tra le truppe dei difensori della legge 40. Credo che questi siano una minoranza non piccola nel paese, ma comunque non c’è stato modo di contarli effettivamente, dato che si sono astenuti.
    Certamente esistono, sono molti, e soprattutto non sono tutti cattolici, assolutamente. Moltissimi sono atei, laici, non religiosi etc.
    Il problema è che la CEI, con la sua posizione, li ha arruolati tra le sue fila d’ufficio. Il dibattito politico nei prossimi mesi non potrà non tenere conto di questo dato come di una rafforzata influenza ecclesiastica nel voto italiano, con tutti i connessi del caso.
    Bada, non sono io a dire :” Ha vinto Ruini”, lo stanno dicendo tutti i giornali e i partiti. Sai cosa significa una cosa del genere?

    Comunque sì, è un brutto momento e te lo sottolineo, ed è un’orrenda spaccatura, un’orrenda spaccatura che adesso dobbiamo preoccuparci di ricucire, sia da una parte che dall’altra. Le spaccature nell’opinione pubblica sono state laceranti, e non ha senso adesso dire “hanno iniziato loro” o viceversa.
    Una parte importante dell’opinione cosiddetta laica, non certo solo noi quattro giacobini di macchianera, si è sentita spaccata di netto da quella cosiddetta cattolica. E’ interesse di tutti ricucire subito questa spaccatura. Ormai il referendum è passato e gli scontri non servono più a nessuno. D’altronde, purtroppo siamo tutti cattolici.
    Servono segni concreti di unità: un ottimo inizio sarebbe una revisione quanto meno degli aspetti più demenziali della legge 40, aspetti riconosciuti anche dai comitati per l’astensione.

  36. “Bada, non sono io a dire :” Ha vinto Ruini”, lo stanno dicendo tutti i giornali e i partiti. Sai cosa significa una cosa del genere?”

    Vuol dire che se i giornali stupidamente danno questa _interpretazione_ del voto, peggio per loro, visto che è sbagliata. Il fatto che lo ripetano in molti non la rende più giusta.

    Alla prima occasione, in cui magari si dovrà votare SI a qualche referendum questa volta sostenuto dalla Chiesa, si vedrà che quella stessa massa di indifferenti non schioderà il culo per la bella faccia di Ruini. E se qualche partito rialzerà la testa appropriandosi indebitamente di quel 75% di non votanti, toccando qualche diritto acquisito, verrà puntualmente punito alle prossime elezioni, quindi potrà solo farlo a suo rischio e pericolo.

  37. Ultimo: ok, i giornali penseranno male. Ma stai sicuro che la chiesa farà in modo che le sue “truppe” non saranno mai contate. Sanno che sono motivate e potenti, ma poche di numero. Non le faranno venire allo scoperto. L’influenza sarà molto più subdola, vedrai. Comunque, tanto comandano sempre loro uguale.

    Fatto sta che non voglio difendere i diritti acquisiti, voglio lottare per acquisire nuovi diritti. Basta combattere alla retroguardia.

  38. Io che ho votato SI non mi sento sconfitto.
    Nella maniera più assoluta.
    Io i miei due figli li ho, li ho avuti naturalmente perchè sono fortunato, IO.
    Non sono stato costretto ad andare in Spagna o in Turchia, IO.
    Non mi sono sobbarcato spese per avere 1 figlio per più di 5/6mila €, IO.
    Rido a sapere che un embrione di 3 giorni fa il gesto dell’ombrello ad un suo cugino/feto di 3 mesi.
    Beh, ha vinto la Chiesa.

Rispondi