Blogotronics

“Congotronics”, di Konono n°1, è una di quelle crude testimonianze di trance popolare che mettono alla prova l’ascoltatore non uso a rave e allucinogeni, o che semplicemente ha dimenticato che la musica senza la danza è una contraddizione di fatto”. Sanva

konono.jpgOgnuno ha le fonti che si merita.
Se vai a cercarti la musica da Wittgenstein porti a casa un barbone alcolizzato e un Damien Rice talmente stressato che resto convinto di essere l’unico ad aver individuato con chiarezza il ruolo a lui più congeniale (quello di grande ninnanannaio).
Senza contare che questo è ciò che rimane nella rete se dopo che hai pescato fai selezione e butti i pesci morti rimasti impigliati, perchè se non la fai e ti fidi e basta, allora resti con Morgan nelle recchie che cerca di intristirti più di quanto non ti abbia già piegato qualsiasi evento avverso ti sia occorso negli ultimi giorni.
Se invece passi da Sanva, ti ritrovi a muovere il culo di lunedì mattina alle 9.
Voi direte “son cose, ma anche no”, fondamentalmente perchè non sapreste cos’altro dire di likembe e Congotronics, mentre di Damien Rice ormai sapete tutto.
Il problema vero è che la mancanza di curiosità e la pigrizia selezionano le fonti in maniera netta, anche e soprattutto nei blog.
In fondo è più facile passare da Wittgenstein che da Sanva.
Che ce vo.
Poi però non dite che state depressi.

Clicca per vedere il video-promo di Congotronics.

(Visited 11 times, 1 visits today)

31 Comments

  1. Zoro, l’aver pubblicato uno spot dell’Amref ti fa onore, ma perché hanno tagliato la bambina che dice “Basta poco che ce vo’?”

  2. Ho guardato il video dei Congotronics solo perché avevo letto “video-porno” invece di “video-promo”. Che noia mortale.

  3. Ascoltata e vista l’intervista a Floris sul tuo sito, caro Zoro, devo dire che dopo 45 secondi mi sono appioppato. Altro che Rice ninnanannaio. Eppoi avete rotto le palle voi di Roma con “raggionevole” e la “ggente”.
    Damien Rice è e rimane per palati buoni.
    Te mi hai fatto venire la patina sulla lingua.

  4. Che bello, hanno fatto un video sulle ragioni per cui non voglio andare in Africa.

  5. Ma tu guarda l’originalità, NOI romani e la retorica della ggente, VOI milanesi e la nebbia, LORO napoletani terremotati…
    Ma fossi un teorico della forma ad substantiam da stadio, Ernie, anche ammesso che ci siano problemi di forma, nell’intervista?
    Scusa la retorica, eh.

  6. E’ la solita vecchia storia di quelli che fanno finta di essere snob: far passare per arte quello che in realtà è solo aria fritta. Spero che il video lo vedano tutti, non è giusto che a soffrire sia solo io.

  7. vedi Zoro, non mi da fastidio tanto il fatto che tu debba indurre, senza farmelo sapere prima, tanta brava gente sproloquiare sulla mia Kinshasa, che non sanno manco se si mangia o se si tira su per il culo, quanto che tu li abbia sottratti alla masturbazione sui wallpaper di eva longoria o sui report del DoD. Ti piace sempre fare casino …

  8. Heila ragazzi, non potete fare a meno di leggere questa novità anche se non c’entra niente:

    Una mummia di 2,300 anni or sono, superbamente preservata, recante una maschera dorata e coperta d’immagini in colori vivaci di dei e dee, è stata scoperta presso il complesso delle Piramidi di Saqqara a sud della capitale egiziana del Cairo. La mummia non identificata, risalente alla XXX dinastia faraonica, si trovava chiusa in un sarcofago di legno e seppellita nella sabbia sul fondo di un condotto di 20 piedi, prima di essere scoperta da un team guidato dagli egiziani. (segue)

    “Abbiamo rivelato quella che potrebbe essere la più bella mummia di sempre, mai trovata in Egitto” ha dichiarato Zahi Hawass, capo del Consiglio Supremo di Antichità Egiziano, mentre aiutava gli scavatori a rimuovere il coperchio del sarcofago per mostrare la scoperta.
    Hawass ha dichiarato che gli esperti useranno la scansione tomografica computerizzata entro la prossima settimana per rivelare maggiori dettagli circa l’identità dell’antico egiziano, ed il modo in cui può essere vissuto e morto.
    In seguito, la mummia sarà esposta al Museo di Saqqara, dedicato al famoso architetto che progettò la Piramide a Gradoni – la più antica d’Egitto.
    La mummia, trovata due mesi or sono, era coperta dalla testa ai piedi di un materiale sepolcrale colorato vivacemente, che ritrae una gamma di scene grafiche, in colori vividissimi, comprendenti la dea Maat della verità con le braccia stese che prendono la forma di ali piumate.
    Si vedono sul sarcofago anche i quattro bambini del dio dalla testa di falcone, Horus, ed i rituali ed i processi svolti per mummificare il defunto, che Hawass ritiene debba essere stato piuttosto ricco, considerata la posizione del suo seppellimento e l’oro fino usato per la maschera della mummia.
    “L’artista che ha creato questa mummia più di 2,000 anni or sono ha dimostrato l’abilità degli antichi egizi nell’uso di colori sorprendenti e nel ritrarre i volti in modo così fedele.
    La mummia è stata seppellita all’interno della necropoli di Re Teti, un’area funeraria contenente un gran numero di camere sepolcrali, porte false – che gli antichi egizi sostenevano fossero usate dalle anime dei morti per lasciare le loro tombe – e templi.
    La necropoli è costruita lungo la piramide ora crollata di Teti, che regnò durante l’antica VI dinastia d’Egitto più di 4,300 anni or sono. Hawass ha dichiarato che una “piramide perduta” sarebbe stata individuata nell’area di Saqqara e sarà riportata alla luce nel tempo di due mesi.
    Saqqara, situata circa 12 miglia a sud del Cairo, è uno dei siti turistici più popolari e vanta una collezione di templi, tombe e complessi funerari.

    Andrea Claudio Galluzzo

  9. Limitarsi, per i propri “acquisti” musicali, ai consigli di un qualche blogger, seppure volenteroso, non credo sia il massimo.
    E,comunque, giù le mani da Damien Rice.

  10. Effettivamente, grazie al p2p è talmente facile scaricare album completi che spesso si ascolta la solita musica commerciale spinta da qualche radio o, peggio, da qualche tv.
    W i blogger che segnalano musica nuova, fuori dai soliti schemi.
    W i blog che riportano le playlist.
    W la crew.

    ;)

  11. Congotronics e likembe? ma per piacere… Io voglio vedere solo e sempre il video di neri che spiega al giornalista come si copiaincollano le pecette dei pdf. E se entro cinque minuti nessuno posta una rassegna stampa-omissis mi incazzo sul serio, fancazzisti de Roma che non siete altro :)

  12. in effeti pensavo di andar via da Roma e traferirmi un po’ a Milano: così, giusto per cacarmi un po’ il cazzo.

  13. Hai perfettamente ragione.

    Molti di noi maniaci musicali, ci sbattiamo a postare titoli di canzoni di artisti che non passeranno mai per la classifica di radio dee jay, (amenoche’ qualche loro lavoro non passi per le orecchie di qualche pubblicitario in cerca dello scoop musicale) senza successo… fondamentalmente perche’, alla fine, chi legge il mio blog e’ il ragazzo da “My immortal” degli evanescence, non l’intellettuale alla ricerca di battute al vetriolo e cose simili…

    E’ dura essere due cose contemporaneamente, eppure mi continuo a considerare una ragazza multitask….

    beh, gia’ che siamo in tema mi permetto di dissentire su congotronics e sul giudizio che hai dato a damien rice…non so se dire che sei troppo buono o troppo cattivo nel giudizio O_o

    tra le altre cose, noi abituee’ di radio lifegate (dio benedica libero)
    e del mitico alessio bertallot non abbisognamo dei blog per scoprire qualcosa di buono che non sia necessariamente sconosciuto…
    …menomale.

  14. Diciamo che appoggiarsi esclusivamente a Wittgenstein per i propri consigli musicali è quantomeno riduttivo, visto che il buon Sofri arriva quasi sempre penultimo se non proprio ultimo sulle cose. Però diciamo che per una panoramica su uno o due generi va anche bene.

    Come del resto Bertallot, un altro che arriva penultimo ma ci arriva in diretta su Radio Deejay, per cui sembra che arrivi primo. Va bene. L’importante è che qualcuno ci arrivi. Il primato è irrilevante (anche se i Bloc Party li ho visti prima io, li ho visti prima io, li ho visti prima iiiiooooo :D)

    Quello che voglio dire è che serve anche chi tira fuori cose diverse. Che poi piacciano o non piacciano è un discorso a parte. A Zoro questa è piaciuta. Ad altri no. Io ho la connessione che va a carbonella, per cui non posso esprimere giudizi, ma è irrilevante. Cosa nuova fa bene. Anche se poi non piace. Pazienza.

    A chi non si fa le pippe su Eva Longoria fa piacere, ogni tanto, sentir parlare d’altro.

  15. Pur non essendo un estimatore del genere, questa musica mi ha preso bene. Ti spinge a scrollare le ginocchia, un po’ come il Jes Grew di “Mumbo Jumbo”…buona idea postare anche il video, in modo da legare ancora di più musica e ambiente di ispirazione.
    Tanta nostalgia dell’Africa e del Ghana…
    E comunque sempre meglio dei latrati sperimentali/minimalisti e delle lagne amorose della marmellata nazional-popolare…

  16. Robinik, questO è una lei. Ah, Neri ha già risposto (sul corriere della sera precisamente) – o in giro per giornali e tv

  17. Piuttosto se Neri volesse spiegare qualcosa dicesse com’è che da lui la gente guarda i link ;) gli fai una malia o che so io…?

  18. È vero: Congotronics è un gran disco, lo posseggo da più di un mese e lo ascolto (e lo faccio ascoltare, perché sono un dj) ancora con interesse. Il fatto è che qualcuno (quelli dei wallpaper e altre stronzate…) più che i muscoli ha la mente atrofizzata. Bravo Sanva che l’ha indicato e bravo anche Zoro che l’ha sottolineato in questo blog.
    UnSinn

  19. Cara Flavia,
    sicuramente per miei limiti comprensivi non ho capito una mazza di quello che hai detto.
    Io ho trovato il post e ho chiesto spiegazioni.
    P.S. Visto che non ho le copie arretrate del Corsera potrei avere un riassuntino?

    Grazie :D

    P.S.2 Macchianera è una Lei? Allora non è il Blog di Neri?
    Non capisco più nulla :-|

Rispondi