L’evoluzione del dibattito su Darwin

Con quest post cominiciano le traduzioni autorizzate di uno dei weblog scientifici statunitensi più interessanti. Stiamo parlando di Cosmic Log, il blog di Alan Boyle. Alan è lo science editor di MSNBC.com e si occupa di tutto quanto ha a che vedere con l’astronomia, la fisica, la paleontologia e l’insegnamento della scienza. Insomma un Piero Angela d’oltreoceano. Oggi si riprende un post dello scorso gennaio sull’accesissimo dibattito riguardo all’insegnamento dell’evoluzione nelle scuole statunitensi. Se i primi post vi piaceranno, ce ne saranno degli altri.
Fabrizio

L’ultima sentenza sull’insegnamento dell’evoluzione ha generato un fuoco di fila di lettere sull’argomento, seguite recentemente anche dal nostro Simposio su scienza e religione.
Gli adesivi “teoria, non fatti” attaccati nei libri di biologia nelle scuole della contea di Cobb rappresentano solo un fronte di quella che sta divenendo una vera battaglia culturale tra fautori ed avversari dell’evoluzione. Ci sono anche disaccordi sulle legislazioni sia in Missisipi, che in Montana, Pennsylvania e Carolina del Sud, secondo il Centro nazionale per l’insegnamento della scienza.
Si può anche osservare ciò che accade in Wisconsin, dove i provveditorati stanno dicendo agli insegnanti di mettere sotto in discussione il darwinismo; e in Kansas, dove la battaglia sul darwinismo fece notizia già sei anni fa e dove i critici della teoria sono di nuovo sul piede di guerra.
Sì, ho detto “teoria”. Il problema non è tanto il fatto che l’evoluzione darwiniana sia considerata una teoria – che scientificamente vuol dire “un insieme di affermazioni o principi atti a spiegare un determinato fenomeno o fatto, specialmente uno del quale si possono effettuare esperimenti ripetuti e che può essere usata per fare delle previsioni sul fenomeno stesso”. Piuttosto il problema degli adesivi è che pare che una teoria in particolare sia fonte di dubbi. Penso che questo sia il punto da parte dei detrattori di Darwin. Non sono sicuro se ciò sia in sè incostituzionale. Ma certamente non è saggio.


Per essere precisi, tutte le teorie vanno messe sotto continua analisi, inclusa la teoria della relatività, quella delle superstringhe e quella dei quanti esattamente come quella dell’evoluzione naturale. Ma questi scienziati un po’ `scarsucci dovrebbero prima studiare approfonditamente la teoria in questione per poi metterla alla prova.
Penso però di essere in minoranza anche nel mio weblog: nel nostro sondaggio non scientifico all’incirca lo stesso numero di persone erano favorevoli o contrarie all’adesivo. Solo un decimo ha detto essere lo stesso una pessima idea, anche se non incostituzionale.

Seguono una decina di lettere spettacolari, che spaziano dall’evangelismo al solito giochetto sul significato della parola teoria.

(Visited 37 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Vinci un mondo privo di impulsi etici in cui la dittatura del sistema economico (in cui cioè la vita degli esseri umani e del pianeta sono subordinati rispetto alle esigenze della produzione) va a braccetto con la Scienza e la Tecnologia.

  2. aldo, scusa se mi permetto, ma fin’ora come è stato il mondo?
    non è che credere in un Dio ha fatto dell’uomo un essere migliore. l’etica esiste nello scienziato come nel timorato di dio.
    anzi, la scienza ha fatto del mondo un posto migliore, dove invece la religione è predominante ci si mette il burqa

  3. Si, stiamo meglio, ma non sappiamo fino a che punto questo sviluppo tecnologico sia sostenibile.
    La rivoluzione industriale e’ iniziata nell’800. diciamo da 200 anni. Per ora abbiamo consumato il carbone, il petrolio, il metano. Ci vollero milioni di anni per creare queste risorse che noi ci fumeremo in qualche decennio. Abbiamo inquinato l’aria, il mare, i terreni e le falde.
    Ci aspettano cambiamenti climetici di entità imprevedibile.
    Ci aspettano problemi di scorie nucleari.
    E prossimamente d’inquinamento genetico.
    Viviamo bene, ma lasciamo il conto da pagere ai nostri nipotini, non scordiamocelo

  4. Non vorrei essere banale ma se la verità non sta ne da una ne da altra parte? Ne Darwin ne Dottrina della chiesa?

Rispondi