The meaning of life

Incredibile come alcune persone, malgrado tutti i tuoi avvertimenti, decidano scientemente di peggiorare la propria vita senza farsi mancare una sola tra le scelte sbagliate.
Ragionando in termini televisivi: esistono vite scritte da un pool di autori veramente bastardi, scontati o completamente incapaci. O tutte e tre le cose.
E’ quasi l’equivalente d consegnare l’agenda delle proprie giornate nelle mani di uno degli sceneggiatori di “Incantesimo” o “Un posto al sole”, quelle cose che guardi soltanto per il gusto di dire: sta’ a vedere, ora quel personaggio lì si rimette nuovamente nei casini. Segue crescendo di pathos abbinato a sottofondo musicale adeguato. Poi si rimette di nuovo nei casini.
Voi non ci credete, eppure esiste davvero gente così, cui le disgrazie di “Incantesimo” fanno una pippa.

(Visited 9 times, 1 visits today)

5 Comments

  1. e ci cascano e ci ricascano e tutte le volte ti dicono “Ma io ho fatto solo quello che credevo giusto!”
    Inutile rispondere “NOOO! Hai sbagliato! Come hai sbagliato la volta prima e quella prima ancora. Non ci prendi manco per sbaglio”

  2. e ci cascano e ci ricascano e tutte le volte ti dicono “Ma io ho fatto solo quello che credevo giusto!”
    Inutile rispondere “NOOO! Hai sbagliato! Come hai sbagliato la volta prima e quella prima ancora. Non ci prendi manco per sbaglio”

  3. Magari uno in quel momento lì ci crede. (No, non è vero, lo sappiamo sempre quando stiamo facendo una cazzata). Esiste però un impulso naturale che ti porta dove in fondo in fondo al tuo inconscio vuoi veramente stare o dove credi di meritare di dover stare.

  4. Esistono anche le scelte alternative. Ed esiste anche la capacità di portare avanti un discorso giusto, sia pur controcorrente. E come in tutte le buone cause a volte qualcosa dovrai rischiare. Ma del tuo. Dovrai sentirti dire che sbagli mentre sei nel giusto. Poi, quando vincerai tutti in coda a dirti “Bravo”, ma mentre percorrevi la strada eri da solo.
    Non so chi sia più dannoso, se chi parte in quarta senza sentire nessuno, o chi potrebbe aiutare ma resta spettatore. Il prodotto è uguale a mio avviso. Chi non capisce e vuole sfondare i muri a testate, è dannoso perchè calpesta diritti e ragioni altrui.. e chi non fà nulla per evitare che ciò accada è complice, sia pur con giustifica. Ma moralmente.. e praticamente.
    Poi esistono quelli che sanno 100 cose, ne dicono 10.. 90 le tengono per sè stessi e vanno contro tutti sapendo che vinceranno e che non lasceranno morti e feriti per strada. Perchè mentre combattono pensano anche agli altri.
    Ma siamo rimasti in pochi.

Rispondi