Sirchia, diktat natalizio: “Zona non fumatori anche nel presepe”

L’ordinanza del ministro della Sanità parla chiaro: entro la mezzanotte per le statuine tabagiste dev’essere attrezzata una zona a parte, il più lontana possibile dai teneri polmoni del Bambinello. La ribellione della Madonna: “Sono vergine da più di duemila anni, almeno lasciatemi il vizietto del fumo. D’accordo, puzza, ma venite ad annusare il fiato del bue e dell’asinello, e poi ne riparliamo”. L’ultimatum di San Giuseppe: “O Sirchia concede una proroga, o fuggiamo in Egitto”. Il ministro chiama a convegno i più illustri teologi: obiettivo, dimostrare che Gesù è morto a 33 anni per I danni del fumo passivo. Ai possessori di presepi non in regola con le leggi no-smoking, si consiglia di aggiungere qualche statuina di poliziotto, per sedare nella Notte Santa le eventuali risse fra I pastori esasperati dall’astinenza forzata.

(Visited 12 times, 1 visits today)

50 Comments

  1. Chissà perchè quando si parla dei tossici non si chiede mai a loro se sia giusto farsi oppure no…mha, forse per lo stesso motivo per cui non si dovrebbe chiedere ai fumatori cosa pensano delle leggi contro il fumo.

  2. Mah, capisco che questa legge stia facendo felici tutti i non fumatori che da sempre subiscono il fumo passivo… (il mio compreso),
    e per ciò questo post risulti loro un po’ tiepidino,

    ma a me Lia Celi fa sempre morir dal ridere!!!!!

  3. Vi rode cari fumatori… vi rode, eh? Ci avete rovinato fin troppi pasti con la vostra sigarettina “dopo pranzo perché ci sta bene”.
    Sapere che questa cosa delle sigarette vi rode così tanto, mi fa ogni giorno più felice!

  4. Ma che bel post!
    Coeli dovresti scriverne più spesso di cose così divertenti … ops devo correrere in bagno!

  5. avrò un senso dell’umorismo controto ma io la Celi la chiederei proprio in sposa:-))

    Io fumo ma questa legge, per quanto limiti la mia libertà, non mi crea alcun rosicamento nè risentimento.
    Noto invece sempre più frequentemente la meschinità con cui alcuni non fumatori godano non tanto per la loro salute salvaguardata, ma per la soddisfazione arrecata dall’idea di limitare gli altri.
    Che tristezza!

  6. “Fumo passivo cerca attivo per serate accese”
    “Nico e Tina divorziano, l’industria del tabacco in crisi”
    Tina dal consulente: dopo tanti anni assieme, Nico non si accende più come prima”
    “Fu mare o montagna?”
    “Fumando s’impara … a curarsi dal cancro”
    “Il fumo rovina la pelle, non spegnare le sigarette sulla mano”
    “Il fumetto è meglio del fumo”
    “Coordinare le dita gialle con i denti non significa essere di moda”
    “piano in fumo, pianista ustionato”
    “…”

  7. Non avrei mai detto che il fumo passivo aumentasse anche la frustrazione!
    Caro NoSmoking pensa di + ai tuoi polmoncini bianchi-bianchi (magari abiti in centro a Milano) e – ai cazzi altrui.
    Un Saluto.

  8. Caro Diddy, se i fumatori non fossero costituzionalmente maleducati (ed è inutile dire che non devo fare di tutta un’erba un fascio, perché in tutta la mia vita ho incontrato un solo fumatore che mi ha chiesto se il fumo dava fastidio), non ci sarebbe bisogno di una legge per impedirvi di fumarci in faccia. Cinque anni fa, nello spazio sovraffollato tra uno scompartimento e l’altro di un treno (con tanto di adesivo vietato fumare), un tuo gentilissimo collega ha pensato bene di accendersi una sigaretta e alla mia pacata richiesta di spegnerla, mi ha detto che potevo andarmi a cercare un posto nello scompartimento. Che adesso i persecutori facciano i perseguitati è il colmo del ridicolo.

  9. scusa Medo, coglione lo sei al naturale o solo quando c’è da fare bassa e squallida “polemica” con la morte (altrui!). Cmq sei riuscito nell’intento: scrivere una cosa talmente sgradevole da ricevere un contro-post da una come me che non dovrebbe abbassarsi a tanto. Ribadisco: complimenti…

  10. Posso solo condividere quanto detto da Vis… tra quindici giorni sarà vietato il fumo praticamente in tutti i locali pubblici, eppure gli unici sereni siamo noi fumatori.
    Mentre i non fumatori continuano a vomitare bile. Chissà perché.

  11. Caro Puce,
    mi sembra pittosto stupido marchiare una persona come maleducata in quanto fumatore, stupido come dire “le donne sono tutte troie” o “tutti negri sono dei ladri” .
    Io, forse non ci crederai, prima di accendere una ‘siga’ ho sempre chiesto se il fumo dava fastidio a chi mi circondava, sia che fossi al ristorante sia che fossi in uno scompartimento per fumatori sia che avessi ospiti in casa.
    Ho molti amici che fumano, la maggior parte si comporta come me altri no (ci sono anche questi).
    Io non metto assolutamente in discussione il tuo diritto alla salute, anzi, ti confesso che pur fumando non apprezzo l’odore del fumo mentre mangio o l’odore nausenate di certi bar pieni di vecchietti con la pipa e le nazionali senza.
    Per circa un anno sono addiritura stato un EX Fumatore (ma non di quelli che pur di far vedere quanto sono stati bravi vanno a fare pistolotti in giro come i testimoni di geova).
    Arrivo al dunque:
    “Che adesso i persecutori facciano i perseguitati è il colmo del ridicolo.”
    nel mio post c’era qualcosa del genere?
    hai letto anche una sola virgola rendesse sensata una risposta come la tua?
    Io stavo solo invitando a farsi i cazzi suoi un rosicone che gioiva per qualcosa che avrebbe potuto darmi fastidio (Feltri Docet).
    A quanto pare rosicare va molto di moda.
    Un saluto.

  12. Oggi eliminiamo il fumo, un domani viaggeremo con macchine ad idrogeno e un giorno forse potremo avere delle bevande con i favolosi effetti dell’alcool ma senza spaccarci il fegato.
    Non vi sentite tutti già meglio?

  13. I fumatori sono costituzionalmente maleducati.
    E i negri puzzano, gli alabanesi rubano, le nigeriane battono,i malati di AIDS un po’ se la sono cercata e chi si firma Puce è un/a decorticato/a.

    Ecco, ora sono stata una fumatrice maleducata.

  14. Vis, se in 31 anni, senza essere un’eremita, andando al bar, al ristorante, al cinema, a teatro, a dei concerti, una sola volta, sottolineo UNA, da parte di un soldato in treno, mi è stato chiesto se la sigaretta dava fastidio, ci sarà un motivo. Rassegnatevi, il fumatore educato è l’eccezione che conferma la regola.

  15. Rassegnati tu, Puce… con le nuove leggi, ti succederà sempre meno spesso di trovarti in presenza di persone che fumano. Dovrai trovarti qualche altra battaglia personale da combattere.
    Chissà come mai, poi, solo i non fumatori incontrano eserciti di fumatori maleducati ed incivili… mah.

  16. Puce mi verrebbe da essere cattiva.
    Mi verrebbe da dire che se in 31 anni una sola volta ti è capitato un fumatore educato, devi aver frequentato veramente postacci e gentaccia.
    E mi verrebbe anche da pensare che devi aver avuto una vita veramente grama se in 31 anni non hai mai suscitato in un essere umano (fumatore?) il desiderio di chiederti se dava fastidio.
    Mi verrebbe da pensare che o sei invisibile o vai a cercarti situazioni veramente incredibili.

    Io chiedo in continuazione se da noia la mia sigaretta e in continuazione lo chiedono a me.
    Ma che sarà secondo te?

  17. Certo Vis, frequento solo bassifondi e sono talmente brutta e cattiva che nessuno si degna di chiedermi se il fumo mi dà fastidio.
    E Arcangelo, sono così isterica che se non c’è un cartello con il divieto non mi sogno nemmeno di chiedere a qualcuno di smettere e neanche sempre, solo quando sono di cattivo umore.

  18. Puce scusa, ma che risposte ti aspettavi? Una che dice “tutti i fumatori sono maleducati perché tutti i fumatori che conosco sono maleducati” la si seppellisce con una manciata di terra. Hai qualche argomento migliore, per la tua crociata?

  19. Scusami Tony, avrei dovuto dire che tutti i fumatori, tranne quelle quattro mele marce che ho incontrato io, sono persone cortesi ed educate.

  20. Più che altro, Puce, potresti astenerti dal generalizzare. Se no io potrei dirti che tutti gli zingari sono ladri o accattoni solo perché tutti quelli che ho incontrato in vita mia lo erano. E magari qualcuno potrebbe dirti che gi italiani sono tutti spaghetti, pizza, mandolino, mafia e o’ sole mio.
    Cioé dico, riesci ad alzare il livello delle tue argomentazioni al di sopra della chiacchiera stile casalinga di Voghera, oppure no? Perché se non ci riesci dimmelo pure, che vado avanti.
    Anche perché di fumatori irrispettosi dici di averne incontrati milioni… eppure quel singolo episodio di cinque anni fa ti è rimasto impresso così tanto che lo racconti ancora oggi.

  21. Da ignorante chiedo: ma sono le sostanze “aggiunte” al tabacco che fanno male (nicotina, catrame, marmellata, etc.) o il tabacco in genere?
    Voglio dire, se io fumassi una sigaretta “fatta a mano” con tabacco puro e una semplice cartina, avrei potenzialmente gli stessi effetti negativi sul mio fisico e su chi “mi fumasse” passivamente che se mi fumassi una adorata Philip Morris ex super lights?

  22. La nicotina è contenuta nel tabacco stesso, quindi non è una sostanza “aggiunta”. Per quanto riguarda le altre sostanze (catrame, monossido eccetera), anche il tabacco venduto “sfuso” le contiene. Per fumare del tabacco “puro”, ti dovresti andare a raccogliere le foglie da sola, mi sa.
    Un’altra cosa: la carta delle sigarette è trattata con ammoniaca per renderla più bianca. Anche quella delle cartine, ovviamente.

  23. Dunque andrebbe studiato lo stato di salute di quelle popolazioni ove le foglie di tabacco vengono fumate regolarmente e da essicatura diretta della pianta.
    E comunque, da fumatrice moderata (molto raramente supero le 5/6 sigarette al giorno)credo che come è stato per i denti del giudizio, per l’appendicite, per il terzo seno, per la “coda”, etc. etc. ossia parti del corpo in disuso da secoli e quindi auto-regolatesi per la loro attuale utilità, l’evoluzione della nostra specie ci porterà un giorno ad avere un organismo resistente a ciò che è da lungo tempo divenuto usuale.
    Io dunque, continuerò a fumare e il primo non fumatore che si farà girare le scatole se lo farò in un posto dove potrò (e ce ne sono tanti!) gli risponderò che preferisco vivere da sana e morire da malata, che vivere da malata e morire sana.
    Me ne vado ad accendere una, oggiè la prima…

  24. Non so quante popolazioni esistano ancora che fumano le foglie di tabacco direttamente dalla pianta… comunque sì, anche loro assumono nicotina ovviamente. E non fa bene neanche a loro.
    Ah, e il nostro organismo è già più resistente a determinate sostanze. Immagina se si potesse prendere un uomo del X Secolo Avanti Cristo e portarlo oggi in centro a Milano, o fargli bere l’acqua che beviamo noi, morirebbe in poche ore.
    P.S.: L’appendicite è un’infiammazione, non una parte del corpo. La parte del corpo di chiama APPENDICE. ;)

  25. dei quattro gatti che si fumano il tabacco direttamente dalle piante, bisognerebbe anche avere un quadro clinico un po’ più completo per valutarne i danni del fumo.
    perchè se poi mangiano formiche rosse che a noi ci farebbero venire un attacco di colite fulminante (oltre che di imperituro schifo), non è possibile il paragone con i nostri polmoni.
    cioè…non so se mi sono capita.

  26. Più che altro… a chi frega, di come stanno gli indios dell’Amazzonia che fumano il tabacco direttamente dalla pianta? :D

  27. agli antropologi americani che devono salvaguardare la miseria degli indios per poterli studiare nelle loro università americane.

    a me questa cosa di dover salvaguardare le popolazioni incontaminate dal progresso per non perdere la loro cultura e le loro tradizioni, mi ha sempre lasciata perplessa.

    L’uomo bianco ha distrutto migliaia di civiltà dove la gente viveva anche bene e adesso, quei quattro gatti che vivono in qualche remota angolo della terra e hanno aspettative di vita di 30/35 anni, vanno preservati dal progresso perchè come riescono a costruirsi loro corpicapo con escrementi di serpente e piume di uccello lira, non ci riesce più nessuno.

    La trovo la solita ipocrisia occidentale.

  28. Ti prego! “Appendicite: infiammazione dell’appendice vermiforme del cieco”.
    Sembra la definizione di una malattia ai genitali di…boh…Bocelli (POvero!).
    Dai scherzo, però posso dire questo: non ho sempre fumato così, sono stata anche una fumatrice più accanita.
    Mi sono accorta però che la prima sigaretta me ne fa subito desiderare altre, credo sia un effetto naturale..quindi, disciplinando il primo tiro (spostandolo a dopo pranzo) sono riuscita a ridurre.
    Non sai che immensa goduria è desiderare una cosa così tanto, da privarsene prima volutamente per poi assaporarnre ogni suo singolo tiro e recepirlo psicologimente come un premio al sacrificio…orgasmico (oddio, molto Opus Dei come cosa però..cavolo!) (E poi, orgasmico, si può dire? Oggi parlo come Pappalardo).

  29. Vis: l’ho detto, fa molto Opus Dei, però per me è così, non so perchè. Sarò masochista!
    Tony: dovrebbe fregare anche a noi occidentali, se non altro come termine di paragone. Sapere se queste popolazioni, la cui atmosfera è sicuramente meno inquinata della nostra, non soffre di tumori al polmone come sembrerebbe soffriamo noi, ci potrebbe dare la misura di quanto il tabacco effetivamente arrechi danno, e anche se il danno è eventualmente causato più dal trattamento di questo per diventare sigaretta da pacchetto. Al di là di altre considerazioni.

  30. Ma sono questioni di lana caprina… che il fumo da sigaretta arreca danno a chi lo fuma è assodato. Quello che invece non è assodato sono i presunti danni da fumo passivo, ma quella è un’altra storia.

  31. Laura, più che Opus Dei, fa molto umano.
    Siamo tutti più o meno fatti così e adesso, se non fosse che con questi miei commenti di oggi sembrò già “fumata” di sostanze ben più pericolose del tabacco, ci mollerei anche un bel pistolotto sulla crisi dei valori.
    tranquilla, soprassiedo :-))

  32. che il fumo attivo nuoccia alla salute è un dato di fatto certo, ma ci sono alcuni piccoli dubbi che non sono mai stati chiariti….
    come mai in Turchia, uno dei Paesi con più fumatori al mondo, il cancro ai polmoni è quasi inesistente e in generale la mortalità per cancro è 1/6 di quella italiana?
    come mai il 90% degli ultracentenari nel mondo è formato da fumatori?
    come mai le multinazionali farmaceutiche come la Johnson&Johnson spendono nella produzione di studi contro il fumo attivo e passivo (che dicono sempre la stessa cosa) più di 10 volte di quanto spendono in ricerca contro il cancro?
    e così via…. cmq tanto per dirne una la storia dell’ammoniaca è diversa, tra l’altro è un gas e quindi NON rimane nella sigaretta…

  33. ..rispondo al quel delinquente sponsorizzato da altri delinquenti che come nick usa NOSMOKING….sappi bene che i prodotti che tu vendi alle persone contengono elementi dannosi alla salute,li hai mai provati sul tuo corpo? invece di fare propaganda a quei maledetti e dannati malati mentali che stanno cercando di distruggere la cultura ,sistemi di vita ed economia europea con il loro prodotti,vietanto tutto quello che fà piacere alla vita, …tranquillo fai pure fitness ,ingoia i tuoi anabolizzanti e le erbe della salute,ma il cervello te lo sei venduto ,prima che sia troppo tardi…ricomincia a fumare e camperai di sicuro più a lungo,dimostrami una sola morte provocata dal fumo delle sigarette se tanto ne sei sicuro,ma non fare come il tuo compare SIRCHIA che al momento della verità si inventa chissà quale scusa per chiudere la discussione senza aver portato nessuna prova concreta….solo numeri basati su scienza rottame…quest,anno vedremo quanti turisti tedeschi ci saranno da voi…buon divertimento e fumaci sopra…

Rispondi