Te piace ‘o Presepe?

Qui non si fa granché uso di articoli citati per intero. Oggi si fa eccezione.
Dal Manifesto, Alessandro Robecchi segue le raccomandazioni del ministro Moratti e sforna un pezzo imperdibile:

PRESEPE

Il PresepeCercando di farmi irradiare dallo spirito natalizio, come consigliato dai maggiori organi di stampa, decido di fare il presepe. Ecco la spietata cronologia di una giornata dedicata alla famiglia e ai sacri valori che ci dividono dalla suburra musulmana.
Ore 11,40 – Un comitato di pastorelli mi comunica che con la nuova finanziaria chi va in pensione non verrà rimpiazzato. Prendo atto con disappunto e valuto le alternative: fine della pastorizia nel mio presepe, oppure reperimento di nuove risorse, magari rinunciando a manutenzione strade e illuminazione pubblica.
Ore 12.07 – L’arrotino con la sua baracchetta (che di solito sistemo vicino alla grotta) aderisce al condono edilizio e si presenta con una struttura multipiano, con lago privato e approdo per i sommergibili. Non posso oppormi perché i lavori di ristrutturazione e ampliamento sono stati affidati al Sisde.
Ore 12.21 – Primi tumulti nelle zone montagnose: i forestali del presepe minacciano di incendiare il muschio e di bloccare l’autostrada.
Ore 12.25Renato Brunetta assicura che va tutto bene e mostra delle sue tabelle dipinte a mano e cosparse di porporina.
Ore 12.45 – I garzoni del fabbro mi comunicano che dopo le 17 devono correre a lavorare nei campi, perché con il loro contrattino co.co.pro proprio non ce la fanno e devono arrotondare.
Ore 12.50Mastella dà le dimissioni.
Ore 12.51Mastella ritira le dimissioni
Ore 13.05Giuseppe scopre che grazie alla revisione degli estimi catastali l’Ici sulla grotta è più che raddoppiata e che le utenze – acqua gas e luce – costano più dell’anno scorso.
Ore 13.25 – Non trovo nello scatolone la baracchetta delle operaie tessili. Eppure era qui! Cerco meglio.
Ore 14.10Renato Brunetta assicura che siamo in netta ripresa e mostra delle sue tabelle fatte di campanellini e trainate dalle renne.

Ore 14.37 – Un rumoroso corteo di operaie tessili mi informa che la loro baracchetta è stata delocalizzata e trasferita in Cina.
Ore 14.42Massimo D’Alema mette in guardia dal rischio di farsi prendere dal radicalismo, mentre è ovvio che bisogna conquistare voti al centro.
Ore 14.47 – I forestali si fanno prendere dal radicalismo e magicamente dalla finanziaria escono soldi per loro.
Ore 15.01 – I due piccoli pescatori sul lago incantato di carta stagnola fanno secco un benzinaio nella magica terra di Padania. Vengono arrestati, nonostante la spaventosa omertà che regna nella zona.
Ore 15.17 – Buone notizie. Tutte le statuine morte per esacloruro di vinile apprendono che i termini di prescrizione per chi li ha ammazzati sono dimezzati.
Ore 16.28 – Tutti i negozianti del presepe protestano contro i numerosi furti di generi alimentari da parte dei pensionati e dei disoccupati del presepe, che sono ormai moltissimi.
Ore 16.41 – Il re magio Melchiorre viene fermato alla frontiera, pestato come un tamburo, rinchiuso in un centro di prima accoglienza, poi caricato su un aereo e rispedito in Africa a bastonate.
Ore 16.50Renato Brunetta annuncia che la situazione tende al bello stabile e mostra certe sue tabelle fatte di marzapane con uvetta e pistacchio.
Ore 17.01 – Il re magio Baldassarre annuncia che non verrà perché la compagnia aerea low cost che lo ha portato a Porto Rico è fallita e non lo può riportare indietro. Forse si rifarà una vita da quelle parti.
Ore 17.05 – Il falegname del villaggio chiude bottega. Si trasferisce in un presepe di Timisoara dove la mano d’opera costa meno.
Ore 17.23Massimo D’Alema ammonisce la sinistra di non farsi male da sé e di seguire la via riformista.
Ore 17.35 – Finiti i fondi pubblici. La stella cometa è stata venduta dallo stato a un consorzio privato che chiederà un pedaggio per poterla guardare.
Ore 17.40 – Ok, vaffanculo, faccio l’albero.
(Alessandro Robecchi, il Manifesto, 20/12/2004)
(Visited 10 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. io invece ho la Madonnina in sciopero.
    Vuole le royalities per tutte le volte che è stata inopportunamente nominata.

Rispondi