Via dalla scuola squadra e compasso: sono propaganda massonica

freemasonery.gifMentre noi ingenui cattolici siamo pronti a strappare dalle mani dei nostri figli il bue e l’asinello del presepe per non urtare la presunta sensibilità dei piccoli maomettani, i poteri occulti, dietro il pretesto dello studio della geometria, continuano ad insinuare impunemente fra i banchi di scuola il serpe della loro dottrina. Accecati dall’abitudine, non ci accorgiamo dell’impronta chiaramente massonica del corredo scolastico richiesto agli alunni non solo nelle scuole pubbliche, ma perfino in quelle confessionali. Facile immaginare il risultato di una propaganda tanto subdola quanto capillare: abituati fin dalle elementari a squadre, compassi e grembiulini, i giovani italiani si troveranno molto più a loro agio in una loggia che nella Chiesa di Dio. Vogliamo vedere le generazioni del futuro genuflesse di fronte agli emblemi sacrileghi del “Grande Architetto”? Siamo pronti ad abbandonare i nostri ragazzi nelle grinfie degli incappucciati senzadio? Non basta il nome di un valoroso statista come Licio Gelli a riabilitare un’organizzazione che nelle sue fila ha accolto i primi artefici dell’Italia scristianizzata, Camillo Benso di Cavour e Giuseppe Garibaldi. Basta con la tolleranza: togliamo squadra e compasso dall’astuccio degli scolari italiani, ed estirperemo dal loro cuore il germe massonico. Certi di trovare ascolto in eminenti figure istituzionali, dal vicepresidente del Senato Marcello Pera al ministro dell’Istruzione Letizia Moratti, e negli organi d’informazione più sensibili alla deriva spirituale in cui si dibatte il nostro sventurato Paese, noi veri cattolici leviamo alta la voce perché a indicare ai giovani la linea retta, sul quaderno come nella vita, sia sempre e solo la Croce di Gesù. Quanto al compasso, l’esempio del sommo Giotto dimostra che per tracciare circonferenze perfette il genio italiano non necessita di alcun ausilio materiale, ma solo della grazia divina.

Hanno Estevan
(Visited 43 times, 1 visits today)

15 Comments

  1. Mi sembra evidente che i crocefissi in classe servano proprio per bilanciare certi messaggi neanche tanto occulti.
    E’ per questo che la Corte Costituzionale ha confermato che i crocefissi in classe ci devono essere.
    E pure i presepi.

    Porca Trota.

  2. Qualche mese fa, su questo blog, veniva pubblicato, a mo’ di lista di proscrizione, l’elenco degli aderenti italiani alla Massoneria. Adesso, piroetta, e spunta ‘sta stronzata.

  3. “Qualche mese fa, su questo blog, veniva pubblicato, a mo’ di lista di proscrizione, l’elenco degli aderenti italiani alla Massoneria. Adesso, piroetta, e spunta ‘sta stronzata.”

    è esattamente quello che ho pensato io

  4. “Qualche mese fa, su questo blog, veniva pubblicato, a mo’ di lista di proscrizione, l’elenco degli aderenti italiani alla Massoneria. Adesso, piroetta, e spunta ‘sta stronzata.”ù-=-=-=-=–=-=-=-=——-
    -=-=-=-=–=-=-=-=–=-=-=-=———

    il fatto è che non hanno niente da fare tutto il giorno per cui in un modo o nell’altro devo pur ingegnarsi….e poi non dimentichiamo chi sono…….salute e fratellanza….
    Buone Feste a tutti

  5. ciao, scrivo qui perche’ non so dove scrivere…
    Sapete cos’e’ il Bilderberg??
    Una bel gruppo di personalita’ di spicco del capitalismo che si riunisce in segreto , credo ogni anno…date un’occhiata ai presenti, e ricordate il fatto che e’ una riunione SEGRETA, anche se poi la lista delle persone presenti si trova.
    http://www.bilderberg.org/2004.htm#Investigation

  6. Bauhauahauahauhaha
    Perchè non fare i cerchi con i fondi dei bicchieri?
    Quanto al sommo giotto…se il divino aiutasse in classe penso che i bambini preferirebbero qualche suggerimento in matematica.

  7. Credo che il signor Hanno Estevan abbia ben poco del cattolico cristiano, sembra più che altro un novello Torquemada o Bernardo Guy, accecato da un delirio di onnipotenza, intento non al dialogo ed al confronto ma ad una stupida intolleranza in nome di principi che senza dubbio non conosci affatto. Mio caro signor Hanno Estevan, posso solo dirti che… Tolleranza significa fine di ogni discriminazione e di ogni preconcetto sia di razza, di colore, di religione, di tessera partitica, di censo, di grado di istruzione… e tu sei totalmente estraneo ad un simile pensiero. Buona giornata.

  8. Ma questo Estevan è fuori di testa o cosa?Prima di tutto via il bigottismo dal mondo!!!!!

  9. credo che questo sia il frutto di una mente malata: quella di chi ha scritto questo pseudo articolo…ma chi è sto pazzo visionario?

  10. muhauhauha hai ragione… non discendiamo dalle scimmie, anzi loro discendono da noi, dopo che abbiamo commesso atti impuri con altri esseri tipo capibara…è il momento di fare una guerra santa no?!…….

    ognuno è libero di credere a quel che vuole, imporre è sbagliato

  11. che scemenza! che cavolate spara quello? vi sembra che la massoneria c’entri? il compasso e la squadra sono solo STRUMENTI!
    Hanno Estevan è un ignorante

Rispondi