Si credono potenti, e gli va bene

Ma che posto è una nazione dove una delle più importanti cariche è contento di ottenere la prescrizione per una violazione del codice penale commessa?

Limitatamente al bonifico in data 06-07 marzo 1991 perché, qualificato il fatto per l’imputato come violazione degli articoli 319 e 321 C.P. e riconosciute le circostanze attenuanti generiche, lo stesso è estinto per intervenuta prescrizione
(Visited 17 times, 1 visits today)

23 Comments

  1. Gli emeriti giuristi qui presenti ci dicono che non si può dare del corruttore di giudici a berlusconi. D’accordo. Non lo farò. Ma del mafioso a dell’utri si può dare?

  2. Non so se ricordo bene.
    Mi pare che il presidente giurò pubblicamente sulla testa dei suoi figli che Lui nulla aveva a chè spartire con il dubbioso contenuto dei Vs post. Reato,imputato,prescrizione,condanne ecc.

    Non sò da che parte sta la verità. Mi verrebbe da dire: Se non ha il rispetto dei figli, pensate che lo possa avere per i cittadini di questo paese?? Non può essere. Non ci credo.

  3. Scusate ma perche’ se il fatto era prescritto i nostri bravi pubblici ministeri sono andati avanti?
    Non sapevano anche loro contare con il pallotolliere?
    Oppure era solo il Berlusconi Silvio a saper contare fino a 400000?
    La Boccassini doveva contare solo fino a quindici al massimo. Ma forse era piu’ facile montare su un bello spettacolo per il popolo voglioso di giustizia, abmche se il finale dellap rescrizione si sapeva gia?
    Perche’ buttare soldi pubblici dalla finestra. Succede tutti i giorni in procura, i vecchi delitti per i quali anche se si riuscisse a trovare qualcosa che pero’ sono vicini alla prescrizione vengono lasciati in archivio.
    E ci si ocncentra sui fatti piu’ recenti.
    Si chiama vita questa.

    Poi sul politicamente compromesso perche’ ha dato dei soldi badate bene non ad un giudice ma al uso avvocato mi sembra una esagerazione.
    Non vorrei fare il noioso, ma abibamo all’opposizione gente che per anni ha professato che il comunismo era il mondo migliore per il popolo.
    Non si dovrebbero condannarli tutti per concorso esterno in genocidio?

  4. Ma in definitiva chiedere almeno scusa per quella cazzata scritta nel testo del post? O quantomeno chiedere scusa a Paoletto preso volgarmente in giro per aver ripetuto cose sacrosante? No, eh, meglio arrampicarsi sugli specchi, aggiustare il tiro, moderare gradulamente i toni, senza mai scrivere “ho sbagliato, scusate, può anche non essere così come ho scritto, mi sarei dovuto informare meglio PRIMA di dare sfogo ai miei istinti”. E sì che sono parole pesanti, lesive di una persona. E intanto si scrive REATO, che non è vero.

    Quanto al fatto, scritto così il dispositivo, pare che la prescrizione sia intervenuta solo grazie al previo soccorso delle attenuanti generiche (ripeto, sembra).

  5. Per niente al mondo mi sarei perso una occasione ghiotta come questa.
    Confesso, non vedevo l’ora di leggere le reazioni scomposte del popolo di sinistra dopo la scontata assoluzione di Berlusconi.
    Dico scontata perché nessuna persona (sana di mente) di destra o di sinistra poteva pensare che questo processo farsa potesse dimostrare la colpevolezza di Berlusconi.
    Un processo con testimoni attendibilissimi, come le sedicente contessa Ariosto, con prove inoppugnabili tipo un cd inavvertitamente rotto (provate a rompere un cd), intercettazioni che non esistono, giudici presunti corrotti già assolti, presunte corruzioni per le quali manca…il motivo della corruzione (saranno corruzioni preventive !!!) e tante altre amenità del genere, falconi tenuti ostinatamente segreti (chissà perché), ecc.
    Suvvia, ci voleva un bel coraggio ad emettere un verdetto di condanna anche se nel fortino dei giudici resistenti (resistere…resistere) il coraggio (ed il pudore) non manca.
    Ma non eravate quelli che “le sentenze della Magistratura vanno rispettate” ??
    Che delizia leggere i voli pindarici di qualcuno pur di affermare che in realtà il Berlusca è colpevole.
    Rimane il fatto che dopo centinaia di perquisizioni della Guardia di Finanza (credo sia un record mondiale), accuse di ogni tipo (manca solo la pedofilia…ma non disperiamo), processi a go-go, il Berlusca….alla faccia vostra, ne è sempre uscito indenne.
    Se avete così fame di giustizia, perché non cominciate a prendervela con quel galantuomo di Prodi e la sua NOMISMA ? Lui si…il vero mercenario della Politica (un milione di euro all’anno).

  6. Osservatore, fai bene attenzione:

    Punto primo. Senza le attenuanti generiche la violazione non sarebbe per niente andata in prescrizione, perché la prescrizione prevede 15 anni per quel reato, con le attenuanti generiche sette e mezzo; ed il bonifico era del 1991.

    Punto secondo. Berlusconi avrebbe potuto rinunciare alla prescrizione, cosa che è prevista dal codice proprio per dare la possibilità all’imputato di uscire completamente a testa alta dal processo. Ma non l’ha fatto. Come d’altra parte non ha fatto, anche in altri processi, dove l’istituto della prescrizione gli ha consentito di essere egualmente prosciolto.

    Terzo punto. Come puoi vedere dalla sentenza, Berlusconi è stato assolto per non aver commesso il fatto in relazione a un altro bonifico che datava 1988. Essendo passati più di 15 anni, quel reato era in prescrizione anche senza le attenuanti generiche. Ciò vuol dire che il tribunale, nell’interesse dell’imputato, ha ritenuto più giusto assolverlo che non procedere per prescrizione. Perché non l’ha fatto anche per il bonifico del 1991 se Berlusconi non era colpevole? Perché se uno non è colpevole allora è automaticamente innocente, ed allora va assolto. Nell’ordinamento italiano non c’è bisogno di raggiugere la prova dell’innocenza, ma quella della colpevolezza. E non esiste più neppure l’assoluzione per insufficienza di prove.

    Quarto punto. Senza parlare ovviamente della contraddizione più volte espressa da altri prima di me sull’assurdità della concessione di attenuanti generiche ad una persona non ritenuta colpevole, come più parti si declama. Infatti ci si domanda: per una persona estranea ai fatti che cosa dovrebbero attenuare le attenuanti?

    Le motivazioni della sentenza ci consentiranno di sciogliere i dubbi. Sarà anche interessante capire perché il tribunale gli ha concesso le attenuanti generiche: la Boccassini, ad esempio, aveva detto che Berlusconi aveva mentito agli italiani e per questo andava condannato: il fatto che abbia e ricoperto, e ricopra, un incarico di alta responsabilità per alcuni può essere visto come un attenuante, ma per altri aggravante.

    Ma anche su questo la sentenza ci chiarirà i dubbi. In ogni caso sia per la difesa, che ha già detto che ricorrerà, sia per l’accusa esiste sempre la possibilità di ricorrere in appello.

  7. @Osservato’, pare dicono sembra, che la prescrizione sia di 15 anni. E poi sia stata ridotta a 7 e mezzo per via delle attenuanti generiche. Questo i PM non potevano prevederlo.
    A me risulta che si trattava di un pagamento diverso da quello che hai descritto tu. Per i soldi all’avvocato è stato assolto.
    Il concorso esterno in genocidio (esiste?) mi sembra una cosa molto interessante. Non so come te la caveresti dal punto di vista penale, ma dal punto di vista storico sarebbe una figata. Anche se di cacca ne volerebbe molta. E ti devi tenere pronto alle risposte degli avvocati (chessoio, eccidi a Praga, e il Vietnam? stragi a Kabul, e il Cile?); bisognerebbe rovistare tra archivi riveduti e corretti dei servizi segreti. Sarebbe veramente molto interessante. Anche se a me pare che da entrambe le parti geopoliticamente si è deciso di metterci una pietra sopra. Non ti fa venire il sospetto che magari ad entrambe le parti convenga? Oppure ti riformulo la domanda: perchè a Norimberga il processo l’hanno fatto, e dopo la guerra fredda no? Eppure di prove sui Gulag, sulle purghe e sugli eccidi ce ne erano.. La risposta è una parola tedesca che finische con la k e inizia con la R..
    @Robbe’, io ho corretto la parola reato in violazione del CP; ho pure scritto che avevo cannato! So della differenza, anche se non cambia l’aspetto politico. Paoletto ha scritto molte altre cose, e se quelle ha ricevuto una risposta (diceva che non c’era alcun testo ufficiale, che la prescrizione era di 10 anni e che i giudici non erano entrati nel merito). Piu’ che arrampicarsi sugli specchi, a me è sembrato un discutere sui cavilli; e si discute sui cavilli perchè il processo è stato tutta una serie di cavilli e schermaglie. Perchè dopo il collegato ci si dovrebbe fermare?
    Ce ne sarà molto di più quando usciranno le motivazioni. Io quando ho scritto il testo avevo letto il collegato e, sorry, continuo a leggerlo in sequenza: bonifico, analisi del medesimo, qualificazione come violazione del CP, attenuanti generiche, prescrizione. Sono prontissimo a cospargermi il capo di cenere alla pubblicazione della sentenza; ma se non è così come l’ho capita io, beh allora dovevano solo scrivere: Limitatamente al bonifico in data 06-07 marzo 1991 perché lo stesso è estinto per intervenuta prescrizione.
    @Nibbio: qui si discuteva solo di un bonifico bancario. Per il resto, i CD, le perquisizioni e la frutta estiva mangiata a Natale, beh è una storia nota su cui non c’è più molto da dire. Benigni disse qualcosa di molto carino a riguardo..

  8. Non mi ricordo dove, in quale commento, ci si chiedeva se, in sede di appello, sarà possibile riaprire una questione sul merito della cosa. La risposta è: non in “malam parte”. Cioè, male che vada (alla difesa e a Berlusconi) si confermerà la prescrizione, bene che vada (sempre a Berlusconi) si addiverrà ad un proscioglimento del merito, o ad una derubricazione del reato.

    Se invece avesse rinunciato alla prescrizione, allora sì che la partita sarebbe stata aperta in ogni direzione. Comunque sono sostanzialmente d’accordo con Facci, che poi in fondo era d’accordo con me… In diritto la forma è davvero sostanza, e se vogliamo continuare a parlare della questione, dobbiamo presupporre che -giuridicamente – Berlusconi è un non-colpevole, cioè un innocente.
    Siamo alle solite, comunque, si affida ai tribunali la scrittura dei canoni di dignità per fare politica: non ci si lamenti poi se un’intervenuta prescrizione diventa una patente. Io, per quel che conta, non sminuirò mai il significato “innocentista” della prescrizione. Ai compagni che dubitano chiedo: preferite rispettare lo spirito delkla Costituzione anche per il cittadino Berlusconi, o forzarla con ricadute terribili di lung0o periodo per tutti i cittadini? Io, personalmente, non ho dubbi.

    La questione “politica” certo rimane: ma è tragicamente tardi per parlarne in modo disincantato e onesto.

    Ciao, jac.

  9. La dura vita del Nibbio: gli altri escono con gli amici, bevono birra, leggono libri, scopano. Lui invece se ne va in giro di blog in blog a scovare nemici di berlusconi: “…Confesso, non vedevo l’ora di leggere le reazioni scomposte del popolo di sinistra dopo la scontata assoluzione di Berlusconi…”. Ammirevole.

  10. davide@korova,
    mi mancava la tua.
    Grazie per aver colmato il vuoto, ora potrò finalmente prendere sonno

  11. ad ogni modo…questo paese fa sempre più schifo. com’e’ possibile che in tv nessuno abbia parlato della possibile sentenza il giorno della vigilia del processo? che paese è questo? e chi sono i suoi abitanti?
    boh…dovrebbe essere un momento storico per la politica di questo paese e invece veline, letterine e lecciso.
    forse lo zucchero che usiamo non è zucchero, forse la birra che beviamo non è birra, forse le sigarette non sono sigarette, forse il latte non è latte, forse è una sostanza convergi neuroni verso il calcio, i partiti. forse è una sostanza che crea dipendenza di pensiero perchè non c’e’ altra spiegazione a tutto questo, alla realtà. magari fosse vero…maggior stima per l’essere umano avrei…

  12. Grazie per la pazienza, Lykaios. Vuol dire che lo penserò senza dirlo. Fino ad eventuale condanna definitiva. Che, scommettiamo ?, non ci sarà.

  13. … vero quanto dice lykaios… in ogni caso una condanna in primo grado ha un peso assolutamente più grande di un proscioglimento per prescrizione. Insomma, rimane vero che non si è colpevoli fino a sentenza definitiva, ma un accertamento qui è stato dichiarato compiuto, là interrotto….

  14. Comunque se ottieni la prescrizione per un reato significa che secondo i giudici il reato è stato effettivamente commesso.
    In caso contrario avrebbero assolto l’imputato come per gli altri punti di imputazione.

    Mi sembra chiaro e lampante.

    Per al cronaca questa è la sesta prescrizione.
    Per un Presidente del Consiglio “sfuggito sei volte alla condanna per la prescrizione e con i due bracci destri carichi di anni di galera”, non è davvero male.

  15. Berlusconi assolto : Ha vinto la giustizia.
    Dell’Utri condannato: Ha perso la giustizia.
    ha vinto la magistratura politicizzata.
    Questa è Forza Italia, questa è la CDL. Quelli che la Ariosto era inattendibile, mentre il Conte Igor invece…
    Fate ridere… le toghe rosse di Milano sono usciti sconfitti, incredibile, non sono riusciti ad incastrarlo !!
    Porca miseria.
    Passiamo al piano B.
    E stavolta ingabbiamo anche Prodi.
    Due al prezzo di uno.
    chissà che vada al potere uno pulito.
    Finalmente.

  16. Ipotesi
    Io, giudice, ho davanti un caso di corruzione.
    Per prima cosa, vedo che la prescrizione scatta tra sette anni. Però, l’imputato (quello cioè che per l’accusa è il corruttore) è, per esempio, incensurato oppure rientra in una categoria di persone alle quali posso concedere le attenuanti generiche. Dal momento che tali attenuanti le concederei entrando nel merito della questione, le concedo ugualmente, in modo che la prescrizione scatti ora, e ci eviti quindi (fino a) sette anni di sprechi di tempo e soldi pubblici.
    Chiedo a voi esperti giuristi se è possibile che questa situazione si sia verificata nel processo di cui parliamo. Se no, perché. Se sì, perchè nessuno lo dice.
    Grazie.

  17. non so se sbaglio, ma chi ha cercato di allungare i tempi processuali (e c’è riuscito)e chi sta cercando di accorciare i tempi per la prescrizione del reato non è il nano con i suoi azzeccagarbugli-deputati?

  18. Volevo ringraziare pubblicamente Facci per le indicazioni che egli, con la sua voce da autorità della Blogosfera, è riuscito a dare meglio di me.

    Ringrazio anche Roberto per l’attenzione dimostrata, anche se non credo che chi ha espresso le proprie opinioni, quand’anche diverse dalle mie (magari anche sbagliando) debba chiedermi scusa.
    Qui si è per dialogare ed esprimere opinioni, non per fare opera di proselitismo.

    A tutti coloro che sono intervenuti nel vano tentativo di attribuire una qualche responsabilità a carico di Berlusconi (che, mi spiace per loro, ad oggi non sussiste), vorrei solo ricordare che atteggiamenti identici, di condanna rispetto a fatti ineccepibili ed incontestabili, sono proprio quelli che hanno maggiormente avvalorato la campagna elettorale dell’Illustre Presidente del Consiglio.

    Nessuno sembra averlo compreso ed ancora tutti che caricano a testa bassa come tori, ignari che dietro la muleta c’è un muro e che si rischia di farsi male.

    Non so voi, ma io vorrei evitare che certa gente combini guai per altri anni a venire.

    Non credete – e mi rivolgo a Fabrizio perchè questo era il mio intento – che la miglior soluzione sia quella di parlare degli sfaceli che sta combinando, piuttosto che cercare inutilmente di trasformarlo in corruttore quando dei Giudici dicono il contrario???

  19. E intanto, mentre parliamo, si prepara la salvaPreviti, un’altra legge per accorciare la prescrizione e sfilare alla giustizia un condannato in primo grado in due processi per corruzione semplice. Dove non arriva l’innocenza arriva la maggioranza.
    E la legalità muore.
    Anche quelli che difendono questo schifo ormai dovrebbero averne abbastanza.

Rispondi