17 Comments

  1. Ecco è in occasioni come queste che mi sento SUDDITO. Mi viene la nausea, mi arrabbio e poi comprendo che nulla posso fare per impedirlo. Io penso che siamo e resteremo sudditi se non troviamo il modo di poter spedire a casa “istantaneamente” coloro i quali non fanno cose sensate. Loro e tutti i loro scagnozzi, altrimenti non cambia niente. Fino a che potranno intrallazzare, fare e disfare e sopratutto RESTARE.. beh.. siamo al medioevo. Bleah..

  2. Scusastemi signori, non centra con questo post ma non trovo l’email del negri, nessuno di voi si è accorto che domenica a mai dire iene hanno usato una battuta letta su macchianera una settimana prima, Sandokan ha la diarrea ?
    Vebbè che potrebbero anche averla pensata loro, è abbastanza facile collegare la canzoncina ai fatti dell’isola.

  3. Finanziamenti pubblici…E io pago!

    Accade in un paese che la raccolta di 30.000 firme per una riduzione dei prezzi delle linee ADSL non venga presa in considerazione per i troppi fattori che influiscono sui costi, e che una manciata di firme siano bastate ad aumentare del 150% l’ammonta…

  4. Certo che siamo sudditi! Abbiamo votato contro il finanziamento pubblico ai partiti, il referendum è passato e loro se ne sono gustamente fottuti. Prima di esportarla, sarebbe il caso che facessimo una bella revisione, alla democrazia!

  5. Dimentichi una cosa, Giovanni: la democrazia, così come la monarchia e la dittatura militare, sono forme di governo assolutamente teoriche, che nella realtà non possono che essere distorte. Chiaro che una dittatura militare distorta si nota meno di una democrazia corrotta. Resto dell’idea che nessuno sia sufficientemente elevato da anteporre in maniera assoluta l’interesse dello Stato al proprio, questo spiega perché da millenni in tutto il mondo chi è al potere cerca più o meno di utilizzarlo a proprio favore.

  6. Dovrebbero essere i cittadini con il loro voto a fare in modo che i governanti antepongano in maniera assoluta l’interesse dello Stato al proprio. Ma dato che il potere è detenuto non da un partito, ma dai partiti, al cittadino resta ben poco da scegliere con il suo voto.

    E infatti Massimo Fini che cerca di farlo capire quanto siamo sudditi e quanto poco l’individuo conti di fronte ai partiti, è stato fatto fuori dalle televisioni lottizzate.

    Comunque l’aumento dei fondi per il finanziamento ai partiti è solo il modo più eclatante e visibile con il quale i partiti dimostrano che se ne possono fregare dei cittadini. Tanto che è facile cadere nel qualunquismo se lo si dice.

  7. aspetto con ansia di potermi anche io aumentare lo stipendio, in barba ai contratti nazionali di lavoro , del 150%!!!

    :)

    ma come sono poco riconoscente….. eh si….poi ancora non ho “ringraziato” i petrolieri di essere stati così parchi negli aumenti della benza…..

  8. Uhm.. dato che con il voto ci si puliscono il sedere.. con i referendum giocano a “chi l’ha visto?” e con i nostri soldi fanno quello che gli pare.. salvo poi ammazzarci di tasse e balzelli.. propongo una rivolta popolare. Ma non in stile banda armata, che essendo fuorilegge non va bene.
    Propongo, molto seriamente, di trombarci le mogli dei politici inadempienti. Il che sarebbe la più grande soddisfazione del mondo per il sottoscritto e per molti altri :) Però qui vincono loro: a parte qualche vecchia carampana spaccaballe.. c’è rimasta qualcuna per cui non vomitare durante l’eroico atto ? :))))

  9. ah ah ah :) :) SlingShot ….come lotta “alternativa” mi pare interessante, il problema è come hai giustamente già sottolineato tu è che la peggio, anche in questo caso, l’avremmo noi…. propongo quindi di spostare “l’eroico atto” almeno alle figlie dei nostri validi parlamentari e di presentare poi prova fotografica delle performance in aula durante seduta plenaria!

  10. Su queste discussioni siamo sempre all’anno zero. Hanno fatto più che bene, casomai da vedere se sono discriminatori verso le formazioni minori.
    Una parte importante dei finanziamenti ai partiti deve essere pubblica e deve essere trasparante.
    L’ondata demagogica che in questo decennio ci ha regalato tanti gustosi frutti, incanalando l’insoddisfazione nell’antipolitica e aprendo le porte ai furbi di tre cotte, ha partorito questa stupidata di campagna contro i finanziamenti.
    Risultato: invece di essere vincolati oltre che dal voto dai soldi dei contribuenti, i partiti cercano quei fondi che gli sono indispensabili – quella delle organizzazioni leggere è una palla, se vuoi democrazia devi avere organizzazione, sedi, congressi – nell’infiltrazione degli interessi economici e nei miliardari che si comprano il consenso.
    Guardate la Germania: Kohl è stato per un decennio l’uomo più influente del continente. La volta che l’hanno beccato a sgarrare su una cifra irrisoria, dall’oggi al domani è tornato ad essere un cittadino qualsiasi. Per quale motivo noi per sentirci più puliti abdichiamo a norme ragionevoli aprendo la strada alla morale privata, ai padroncini, ai picciotti, che autogarantiscono per sè e non rendono conto a nessuno?
    E la stessa strada da burletta la stiamo imboccando nuovamente con devolution e riformette costituzionali.

  11. “Ho votato Berlusconi perchè lui è già schifosamente ricco per cui sicuramente non ha bisogno di rubare e se si mette in politica lo fa solo per il nostro bene.”

    Ecco, io l’aumento lo preleverei dal portafoglio di tutti coloro che hanno pronunicato questa frase.

    Tanti, evidentemente troppi….

  12. Giusto per non parlare alla capocasso, ricordavo un’intervista al tesoriere DS e fortunatamente si trova ancora sul sito unità. La spiegazione da un competente e che non si nasconde dietro un dito, delle dinamiche dei finanziamenti:
    http://www.unita.it/index.asp??SEZIONE_COD=&TOPIC_ID=36823

    Disclaimer: questa non è propaganda politica bla bla nessuna rivendicazione di diversità bla bla trovavo le stesse cose dette da AN o Rifo linkavo quelle bla bla bla bla

    Di questi tempi bisogna fare delle premesse stupide, ma comunque.

  13. Rina Scita, si vede che non hai letto il mio messaggio. Io ribadisco che il problema non è che il potere è detenuto dai partiti, ma che è detenuto da uomini. Dimmi onestamente che tu, al governo e in maggioranza, non ti concederesti un piiiiccolo aumentino di stipendietto, anche se le segretarie prendono abbastanza da comprare il pane per 25 giorni al mese!

  14. x Diavoletto:
    Idea geniale. Le figlie sono dell’età giusta. :)
    Devo chiedere dispensa prima alla mia fidanzatuccia per poter compiere l’eroico lavoro.

    x Wu:
    Concetto interessante ed espresso bene. Se dovessi trovarci un difetto direi che non sono per nulla convinto del fatto che “bisogna” avere partiti e di conseguenza finanziarli. Mi duole. Io credo nel singolo e nelle promesse. Vorrei che chi si candida metta per iscritto cosa vuole fare ed esattamente come. Se non lo fà lo rimandiamo a casa d’ufficio. Punto e finito. Non mi servono i partiti che già come concezione sono idioti. Io voglio avere una lista di cose e poi voto colui che secondo me ne ha scelt auna giusta e col metodo giusto. Ovviamente gli darei stipendio e rimborso spese, ma non certo ai livelli attuali. Se non gli va bene, che se ne stiano a casa e vadano a fare altro. Chiaro ?
    Ne ho piene le palle di quelli che “per il bene” di qualcosa o qualcuno ci mangiano sopra. Fatti, non parole.

  15. X SlingShot:
    Ma in Italia?! Il Paese dei 56 milioni di Commissari Tecnici e di Presidenti del Consiglio? Utopia.

Rispondi