Sbarcati i soldati di Ventura

L'Isola dei FamosiL’idea iniziale del format de “L’Isola dei Famosi” non era male: prendi dodici scioperati che hanno vissuto una o due stagioni di relativa fama, gli fai credere che stai imbastendo un reality show, gli prometti – mentendo – che torneranno sulle copertine dei giornali e, un venerdì 17, li spedisci dall’altra parte del mondo nell’esatto momento in cui un devastante uragano si aggira da quelle parti. Geniale, ma con una sola pecca: nel caso sopravvivano la trasmissione, poi, la devi fare sul serio.

La particolare situazione che si è creata sul set di Samanà nel dopo-tempesta ha contribuito a far nascere i primi malumori tra i vip: in undici – provati dalla catastrofe affrontata in questi primi giorni – hanno chiesto alla produzione di riammettere come concorrente l’uragano Jeanne al posto di Rosanna Cancellieri.

Memorabili le dichiarazioni dei partecipanti prima della partenza. Testimonianza toccante quella di Kabir Bedi: “Avrei voluto trascorrere più tempo con i miei figli ma questo è il prezzo da pagare se sei un attore di fama internazionale”. Sulla base di questa dichiarazione, i tre eredi dell’ex Sandokan hanno dedotto di essere figli di Marlon Brando che, infatti, al contrario di Kabir, non hanno mai sorpreso a bighellonare per casa.

Il figlio del componente dei Pooh Roby Facchinetti, DJ Francesco, della cui sanità mentale tanti dubitavano, ha invece stupito per la varietà di interessi e la profondità di pensiero. A domanda “Qual è il tuo principio ispiratore?” ha risposto (tutto vero, documentato): “Bella di padella”. Domanda: “Che periodo stai vivendo?”. Risposta: “Un periodo che definirei bella di padella”. Domanda: “La tua canzone preferita?”. Risposta: “Bella di padella e tutto l’album Bella di padella”. Domanda: “Tre cose che porteresti con te ovunque?”. Risposta: “Gli amici, i giochi, il disco Bella di padella”.
Il padre si chiedeva “Chi fermerà la musica?”. Il figlio ha trovato il modo.

Antonella Elia ha invece dichiarato di essere reduce da due anni di esilio volontario, dal che se ne deduce che l’ex diva di “Non è la Rai” conta gli anni come i gatti. Di più caro sostiene di possedere “Un anello che mi ha regalato Sai Baba dopo averlo materializzato”, e non si capisce se è stata lei a materializzare l’anello e Sai Baba gliel’abbia regalato o se lei abbia materializzato direttamente Sai Baba, il quale le ha poi regalato un anello. Dell’amore dice: “Voglio viverlo fino in fondo”; Valerio Merola ha risposto: “Presente!”.

Non si è fatto benvolere sin dal principio, invece, lo sconosciuto modello Sergio Muniz, che alla domanda “Un tuo pregio e un tuo difetto?” ha ribattuto: “Sono elastico, ma allo stesso tempo molto rigido”, ed è stato accusato da Valerio Merola di avergli rubato la risposta.

Patrizia Pellegrino già in aeroporto ha dichiarato di essere “preoccupata delle punture degli insetti”: a quel punto Valerio Merola – che come tutti poteva portare con sé tre oggetti a scelta – ha deciso di lasciare a casa il travestimento da mosquito che metteva in risalto il pungiglione.

“L’Isola dei Famosi” rappresenta invece “l’ultima occasione” per Ana Laura Ribas, la quale va orgogliosa del suo ruolo di valletta e si arrabbia quando la professione viene sminuita: “La maggioranza delle donne della tv sono partite da lì: se esistono è perché servono”. Valerio Merola ha convenuto che servono eccome, le vallette, anche se questo è il primo esemplare verticale che vede.

All’intervistatore che le chiedeva di citare un proprio pregio, Aida Yespica ha risposto “Le tette”, e a quel punto Valerio Merola ha detto che così non vale e chiesto se poteva cambiare anche lui la sua risposta.

Sbarcati sull’isola, i concorrenti hanno subito dovuto fare i conti con i morsi della fame: in parecchi, come Adriano Pappalardo lo scorso anno, si sono immediatamente industriati per forgiare oggetti destinati alla caccia. Valerio Merola ha voluto rassicurare i compagni d’avventura avvertendoli che il pesce l’aveva già portato lui.


Piccole soddisfazioni: al termine della passata stagione la C.T.D.R. (*) e il sottoscritto fecero alcune ipotesi riguardo al cast che sarebbe stato selezionato per la nuova edizione, cazzeggiando alla grande. Beh, è venuto fuori che invece abbiamo azzeccato rispettivamente almeno uno dei concorrenti. La sua formazione era: Rosanna Lambertucci, Simona Izzo, Francesca Senette, Alessia Merz, Marta Flavi, Paolo Crepet, Arturo Diaconale, Pietro Maso, il mago Otelma, Stefano Bettarini. Quella dello scrivente, invece: Gianmarco Tognazzi, Francesca D’Auria, Eva Robins, Marco Masini, Antonella Elia, Franco Califano, Enzo Braschi, Sonia Grey, Francesco Nuti, Giovanni Scattone.
P.S.: La scelta di inserire nelle due compagini Pietro Maso e Giovanni Scattone era dovuta alla presenza di Susanna Torretta nel cast della prima edizione. Nella nuova, a nostro avviso, non si poteva essere da meno.

(*) Critica Televisiva Di Riferimento

(nel corso della scorsa edizione, rivolgendosi a Susanna Torretta,
sdraiata a terra vittima di un preoccupante calo di pressione e sull’orlo
dello svenimento):
“A Torre’, ora che sei tra la vita e la morte
me lo puoi dire. Però sincera, eh? Alla fine l’hai o no buttata di sotto?”
(Adriano Pappalardo, a telecamere spente)
(Visited 23 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. dopo questa frase: “Il padre si chiedeva “Chi fermerà la musica?”. Il figlio ha trovato il modo”, sono indeciso se linkarti o tatuarmi il tuo logo.. ma essendo di mente elastica, m’irrigidisco all’idea di tatuarmi una medusa..

  2. stai per caso insinuando che il livello culturale della squadra è inferiore a quella dell’anno scorso? sei uno sporco sabotatore.

  3. “«F orza Jeanne», verrebbe da urlare, se non ci fossero di mezzo quei poveretti che a Santo Domingo ci abitano tutto l’anno e hanno visto distrutte le loro case. «Forza Jeanne» perché, quella squassata dall’uragano, è stata finora la più autentica e viva puntata dell’«Isola dei famosi» (Raidue, venerdì, ore 21). Nonostante Simona Ventura fosse stata vestita da Goldfinger in persona, nonostante in studio fossero presenti don Mazzi e Camila Antipatica Raznovich (i due potrebbero tranquillamente scambiarsi i ruoli (Mazzi parlare di sesso e Camila di fede), nonostante Claudio Cecchetto (un giorno si farà il conto dei disastri che ha combinato?), ci ha pensato l’uragano a movimentare la serata, a mettere in discussione la falsità del tutto: la cosa più divertente è che per vincere la paura, madama Cancellieri ha rubato il microfono allo spento Caputi e gli ha insegnato il mestiere. A questo punto non si può andare avanti con questa pantomima, con la parodia della sopravvivenza, con un gioco che servirebbe solo a offendere gli abitanti dell’isola. La Rai trasformi il reality in qualcosa di più serio: utilizzi il budget per portare un aiuto alle vittime, usi le inutili e muscolose braccia di Merolone per dare un aiuto concreto, metta a disposizione dell’isola i concorrenti e la troupe per la ricostruzione di un pronto soccorso o qualcosa di simile. Insomma, per una volta, si rendano provvidenziali anche i morti di fama! Invece di lanciare un altro Walter Nudo sarebbe molto più importante che il programma si mettesse al servizio delle popolazioni colpite, desse sostanza al concetto di reality, impedisse a qualche sciagurata di dire ancora: «Ho bisogno di sentirmi più bella dentro». «Forza Jeanne», ancora uno sforzo!”

    L’ha scritto Aldo Grasso e mi sembra perfetto.

  4. scherzi vero Rina, che se mettiamo il cast dell’isola dei Famosi ad aiutare le popolazioni colpite dall’uragano, poi arriva Feltri e gli da due schiaffi virtuali dal Foglio.
    Manteniamo le cose come stanno e anzi, nell’auspicabile ipotesi che liberino le due Simone in Iraq, mandiamo anche loro sull’isola dei famosi.
    Feltri è così che vuole vedere i nostri giovani.

  5. Non esisterebbe nessuna “isola dei famosi” se non esistesse la Penisola degli stronzi (quelli che ancora li guardano e gli danno importanza)

  6. Come sarebbe la penisola degli stronzi? Boccaloni, sempliciotti, amanti del trash estremo. Ma stronzi no. E poi devi conoscere bene il tuo nemico, se vuoi distruggerlo. Come fai a parlarne male, se non lo guardi?
    Comunque la Torretta non ha ucciso nessuno, mi pare. A parte il buongusto.

  7. Per la serie “questa trasmissione andrà in onda in forma ridotta per meglio venire incontro alle Vs capacità mentali”. :)
    Ho guardato per un errore di zapping “Campioni” per più di 4 minuti e non riesco più a fare le divisioni. Ora ho il terrore di capitare sul canale dell’Isola e non saper più allacciare i pantaloni.
    Vergogna, vergogna, vergogna. Diseducativi e falsi come il 90% della Tv. Uno sputo affettuoso a coloro che ci guadagnano. E uno a quelli che creano il “target” invece di fanculizzarli a piè sospinto.

  8. Spad, non vorrei deluderti, ma la battuta su “Chi fermerà la musica?”, è di Sergio Sgrilli (vedi Zelig). Non so se trattasi di plagio o di comunanza di idee. Scarterei la citazione, visto che Sgrilli non è menzionato.

  9. Caro Castlerock, non metto in dubbio la tua affermazione (per quanto, ecco, la battuta si presta ad essere considerata un filo “telefonata”), e non avrei avuto problemi, eventualmente, a citare Sgrilli. Unico problema: io, un tempo, vedevo Zelig; ma chi è Sgrilli?

  10. L'Isola dei Morti di Fama

    Non ho visto il programma quindi non sno competente a parlarne. Ma leggete questi tre gustosissimi commenti:
     
     
     
    Enjoy!

Rispondi