4 Comments

  1. Live, rispetto alla questione dell’avv.Grosso, sappiamo che il Taormina ebbe, in più occasioni pubbliuche, a proporsi per la difesa della madre del piccolo ucciso. A quel tempo l’avvocato Taormina era sottosegretario, evidentemente per la famiglia dell’indagata era troppo allettante averlo dalla propria parte, il resto è storia nota, Grosso, professionista serissimo, a questi giochini non c’è stato, avrà presentato la sua parcella e buona notte.

  2. Piti, questo post è una comproprietà fra te e Live. Live lo ha scritto, ma quasi tutti i commenti sono nati grazie al tuo primo commento. E anche il post di Rolli è la conseguenza del discorso da te impostato. Quindi, come minimo, Live ti dovrebbe ringraziare.

    Freccia, quando Grosso ha lasciato la difesa della Franzoni, Taormina non era più sottosegretario da circa 6 mesi.
    Grosso ha lasciato perché i Lorenzi hanno cominciato a far di testa loro, senza consultarlo e un giorno gli hanno fatto trovare come secondo avvocato Taormina al suo fianco. Allora Grosso li ha mollati, apportando come motivazione la diversità d’interpretazione del processo penale esistente fra lui e Taormina.

  3. PosteeTelegrafi, di quelle piastrelline i’ nobile Azu ne ha fatte artistiche decorazioni alla su’ reggia (visita gratuita: azulejo.splinder.com), e quando ci vuoi fare un ricco pranzo di nozze, con i residui reali, i’ pisciatoio è a tu’ disposizione. Unica tua incombenza è di lasciare pulito come lo troverai.
    E ora, por favor, fammi capire perché la passerottina è colpevole.

  4. Giusto Rina, ma era ancora deputato ed il concetto era quello dell’avvocato-politico, cosa che evidentemente allettò i Lorenzi e schifò il Grosso.

Rispondi