Che SKYfo!

SkySky Italia ha da far passare in sordina alcune cosette. Tra le altre: l’aggiornamento o la sostituzione dei tutti i decoder del propri abbonati basati sul sistema Seca, che avverrà entro la fine dell’anno; il mancato rispetto della “legge sul decoder unico” che si verificherà una volta istruiti tutti i ricevitori satellitari a parlare una sola lingua, quella del sistema proprietario di Sky; le cause che verranno intentate da tutti i produttori che hanno magazzini colmi di decoder Seca e non hanno la licenza di produrne per il sistema NDS (gestito in esclusiva da Sky); il sospetto che l’algoritmo di criptazione del Seca 2 sia stato violato dai pirati con l’aiuto della provvidenziale manina della stessa Sky, in modo da mettere il governo nelle condizioni di non poter imporre alla società di Murdoch di trasmettere utilizzando un sistema colabrodo che porterebbe alla diminuzione degi abbonamenti (la Comunità Europea ha in passato accusato Sky di aver attuato pratiche simili nei confronti di alcuni concorrenti, per poi comprarli a prezzo stracciato una volta che il numero degli abbonati era clamorosamente diminuito) e, infine, il dovuto intervento del Garante che, posto che non si pisci addosso prima, dovrà contestare alla piattaforma di Murdoch in Italia la creazione di un regime di monopolio.

E siccome esiste la remota possibilità che qualcuno dica al Rupert: “Ciccio, cos’è che vuoi fare tu? Imporre un decoder unico? Che produci soltanto tu? Ma figuriamoci. Tu te ne torni bello bello a trasmettere sia in NDS che in Seca 2. E fila!”, Sky sta in tutta fretta chiamando a casa tutti i propri utenti per proporre a condizioni vantaggiosissime la rottamazione del vecchio decoder e della vecchia tessera, che daranno diritto ad un nuovo, fiammante ricevitore targato Sky, di proprietà e a costo zero.
Al sottoscritto, ad esempio, è stata formulata la seguente offerta: “Per otto euro in meno e uno in più le mandiamo a casa il nuovo ricevitore e aggiungiamo il pacchetto sport a quelli che ha già sottoscritto”. E non chiedetemi perché “otto euro in meno e uno in più” invece che “sette euro in meno”. Inutile dire che ero, ovviamente, “tra i pochi beneficiari di questa particolare promozione, riservata da Sky solo ai suoi migliori clienti”.

Che si fa in questi casi, per ben disporre la propria vittima? Si fa i simpatici, anche se la si sta sottoponendo al gioco della saponetta nella doccia. Magari non se ne accorge.
E allora sappiate che Sky sta inviando a tutti voi un sacchetto di pop-corn, per allietare ulteriormente la visione dei vari canali. Sono pop-corn OGM-free, che, sia chiaro, sono una multinazionale, ma buona. L’hanno chiamato “Un regalo scoppiettante”.

Ebbene, la busta che contiene i pop-corn arriva per posta, ed è trasparente. Qualcuno l’ha già ricevuta e all’interno, ancora prima di aprirla, oltre ai pop-corn ha potuto scorgere altre due sorprese: un paio di vermi. Vivi.

Uno…
       …e due
(Visited 18 times, 1 visits today)

42 Comments

  1. Sono indignato per la totale mancanza di concorrenza nel sistema televisivo satellitare italiano.
    Però mio padre, titolare dell’abbonamento, è contentissimo che risparmia i soldi del noleggio e gli regalano quel decoder che io gli avevo proposto di comprare, con codifica Seca, non meno di 8 mesi fa a 250 euro. Fatto per cui mi sono anche guadagnato la qualifica di “fesso matricolato”.

  2. cari ragazzi, nonostante tutti i soldoni che avete fatto con la gnueconomy siete evidentemente degli ignoranti in fatto di economia e libero mercato. Con l’andazzo che c’è se aspettate ancora un po’ sicuramente il Berlusca e il Murder il decodere non solo ve lo daranno gratis ma ma per farvelo istallare vi pagheranno pure. (pagati per guardare Diaco, meraviglioso)

  3. sulla questione del decoder un paio di case produttrici hanno chiesto l’intervento del garante delle comunicazioni.
    Ora, siccome la condotta di sky e’ evidentemente illegittima, è lecito sperare che questa vicenda dei decoder sia bloccata presto.
    Il problema e’ che sky sta procedendo alla sostituzione molto rapidamente, velocità molto sospetta, tale che qualsiasi intervento sarà sempre tardivo.
    Io non so ancora se rifiutare e attendere o accettare il nuovo decoder. Anche se buttare nel cesso il mio CI Humax non mi fa affatto piacere.

    Complimenti, infine, all’uomo del marketing sky per la pensata dei pop corn.

  4. Ma non capite niente ! Sono i nuovi pop-corn di nuova generazione : si ispirano al Mescal !

    ..che vecchi che siete : subito a pensare male.. ;-)

    ..comunque “otto meno uno” è molto bello. Peccato io non abbia nessun tipo di decoder..

  5. Personalmente, sono cresciuto con l’idea che la Tv fosse gratis, e che gran parte del suo bello consistesse proprio nella gratuità. Un po’ come per mia nonna con il telefono: ha sempre ritenuto un furto pagare le telefonate urbane perchè agli albori della Sip, anzi della Timo, erano senza scatti, e questa le pareva la condizione normale e accettabile. Da ragazzo, taaanti anni fa (un quarto di secolo, madò) feci una vacanza estiva a New York: ricordo che mi sembrò un incubo, una prepotenza, una negazione dei diritti civili la scelta capestro fra tv gratis orrida e tv più o meno qualitativa, o quantomeno tematica, però a pago di dollaroni. Ora che le cose sono circa così da noi, aggravate dalle continue fregature di cui leggo, sono contento del mio rifiuto, che rinnoverei for ever, di pagare per vedere la tv. Vabbè farsi ciulare il tempo svagonati sul divano, dandosi alibi cultural/informativi/svagatori per giustificare le ore senza leggere, fare movimento, vita sociale e sesso con animali, piante e rocce. Però, diamine, almeno che la fregatura che ci autoinfliggiamo che sia gratis. Ovvero: si vive così male senza pay tv? E cogliere l’occasione della ennesima inculata per mandare al diavolo la scatola del demonio, che tanto, in chiaro o a pago, sempre in mano a satrapi dell’etere è e rimarrà?

  6. è Murdock che si infila nei sacchetti dei popcorn per spiegare di persona l’offerta al cliente in modo decisamente più esaustivo e convincente.

  7. La Tv è potere. Se vuoi che la guardi mi paghi. In via del tutto transitoria, diciamo due anni, sono disposto a guardarla gratis, poi 8+1 ogni volta che l’accendo.

  8. sky muove precipitosamente in luglio?

    l’invio di popcorn brandizzati non e’ una cosa che si organizza dalla sera alla mattina.

    la tv satellitare muove in funzione del campionato di calcio e nella pausa estiva si prepara per essere pronta all’inizio della stagione prossima ventura, quando tutto il sistema tornera’, finche’ in campo ci sono i giocatori, ad essere intangibile.

    e dire che la fusione tra stream e telepiu’ era stata autorizzata proprio perche’ la piattaforma unica, in fase di negoziazione dei diritti tv del calcio, avrebbe (teoricamente) portato a diminuire le assurde pretese economiche dei club calcistici che la concorrenza di operatori aveva scatenato al rialzo…

  9. non volete sky?? non fate l’abbonamento e guardatevi Castagna su Mediaset…che palle..questo fare gli alternativi a tutti costi…

  10. Non a tutti i costi, Basta!. Alternativi al costo dell’abbonamento a Sky. Ma sul serio, pensi che uno che non si abbona alla tv a pagamento voglia fare l’alternativo? Mettendoti in casa il decoder e tutta la paccottiglia che ti apre il rubinetto degli euro in uscita dal portafogli, non ti senti vagamente spremuto? Non ti viene da ribellarti all’idea che una cosa come la tv o è gratis o (come direbbe nonno Oscar Luigi) non è? Trovi pacifico pagare per ciò che è sempre stato gratis? E dopo aver pagato, non ti infastidisce l’ovvia e inevitabile tendenza a guardane di più, di tv, credendo di far fruttare i soldi spesi? Forse sono io che sono un vecchio irriducibile moralista da strapazzo. Boh.

  11. caro “basta!”,

    il tuo intervento e’ qualunquista e, quel che e’ peggio, fuori luogo.

    infatti se si trattasse veramente solo di “fare gli alternativi a tutti i costi” saremmo tutti molto piu’ contenti e sollevati.

    ma cosi’ non e’: il monopolio di sky non e’ solamente commerciale (gestione fatture clienti) ma anche sui contenuti.

    appena nata, sky hanno fatto piazza pulita dei canali “concorrenti” o politicamente “scomodi” per i propri fini di breve e lungo termine.

    poiche’ i media, contribuendo a informare il sovrano popolo, costituiscono di fatto un potere di controllo sui rappresentanti eletti nelle varie sedi istituzionali, l’esclusione di alcuni contenuti “scomodi” anche dalla piattaforma satellitare (per non parlare del canale unico nazionale in vigore da quindici anni sull’hertziano terrestre), fino ad allora quasi un baluardo di liebrta’ di espressione, pone di fatto un serio problema di funzionamento del meccanismo della democrazia, oltre a violare le precise condizioni poste a sky dall’authority antitrust europea in fase di concessione dell’autorizzazione a operare.

    la faccenda e’ spiegata bene in un commento a questo articolo di indymedia: http://italy.indymedia.org/news/2003/10/411733.php

    mi sa che qui a sparare a tutti i costi immani e vacue cazzate ci sei solo tu…

  12. Gentile Alpe, non ti seguo fino in fondo. Tu dici che la piattaforma unica avrebbe portato ad un ridimensionamento delle pretese economiche dei club. Il che è (teoricamente, come dici tu) vero. Ma da consumatori poco ce ne dovrebbe importare, visto che in assenza di concorrenti questi benefici sarebbero goduti esclusivamente da Sky, senza riversarsi, per così dire, “a valle”, cioè sui consumatori, attraverso tariffe concorrenziali.

  13. Io lo dicevo ieri sera, in chat: bisogna fare una specie di bowling for colombine sulla questione sky. Il materiale c’é ed é tantissimo..

  14. e se provaste a non dargli un soldo, a ‘sta gente? non fate più abbonamenti!
    Mica si muore, senza.
    fate come me: vivo di solo Macchianera!
    GRATIIIIIS!

  15. Per quanto mi riguarda, Sky se ne può andare allegramente “in der posto”. Niente partite? Niente film in seconda visione e mezzo? Niente Wimbledon? Niente tg 24 ore su 24? C’è ben altro nella vita, signori. Tanto tanto altro.
    Aggiungo che non credo ci sia qualcuno di voi nato ieri, per cui non capisco perchè vi stupiate di simili comportamenti ai confini della legalità. Non accade lo stesso con Telecom, Tim, Wind, banche e compagnia bella (l’elenco è infinito)? Se vi fanno incazzare, c’è solo un modo per rispondere: mandateli a cagare, fatene a meno. Si campa lo stesso. Anche meglio. E sicuramente si tromba di più.

  16. La tv a pago è una tessera del mosaico della società moderna. La quale si presenta come festosa e colorata dispensatrice di nuove opportunità prima inesistenti. L’auto, l’auto più grossa, l’auto più accessoriata, il telefonino, il dual band, il videofonino, internet, internet veloce, appunto la tv a pago. Però, tutto costa. E molto. E sempre più di quello che ti dicono. E, soprattutto, ti fideizza. TI ABBONA (come una mia vicina di casa, assai formosa). Sta nella continuità, nel legame del piccolo vizio innocente ma di cui poi dispiace liberarsi perchè sembra una diminuizione di sè. Sapete che se anche non facessi un km all’anno con l’auto, questa mi costa 4 similabbonamenti? Il bollo, l’assicurazione, il parcheggio sotto casa e la revisione biennale. Ecco il punto, l’esempio.
    Però, come ricordava Jena, c’è chi dice no. Mica si muore. Sarà perchè quando ero bambino il telefono era una specie di scarafaggione nero attaccato al muro, ma io di fotografare con il cellulare me ne sbatto le olivette. La tv, per me era un due canali b/n e se anche non dispongo di 100 canali sapete che bei soffritti fetidi di aglio mi preparo, invece che seguire il campionato di baseball lituano o di carambola peruviana ? Amici, state in guardia: infilarsi nel tunnel degli abbonamenti, dei costi fissi (quelli che il potere vuole invece abolire per sè medesimo, quando parla di noi lavoratori, guarda il caso) significa diventare i cane del cinodromo inglese, costretto a inseguire una lepre meccanica: irraggiungibile perchè telecomandata per esserlo. Partendo dalla mia totale e fortunata mancanza di voglia di lavorare, trovo che la salvezza stia nel liberarsi di tutte le puttanate superflue. Come individuarle? Basta ripensare a come vivevamo non nel medioevo ma 25 fa. E essere particolarmente severi nei confronti di quei consumi con carattere di spesa continuativa, che sono i veri lacciuoli, come dicono i confindustriali, che impediscono la libertà. E la felicità. Io, pian piano, un po’ alla volta, è lì che voglio arrivare. Poi, semmai, vi telefono. Da un vecchio telefono nero a parete.

  17. Non che uno voglia fare l’alternativo: semplicemente, i soldi per sky (e telepiu’, e stream, e Dio sa cos’altro) non ce li ho. E, anche se considerassi ‘giusto’ darglieli, non potrei. Figurarsi, a casa non ho neanche il telefono, il televisore è un avanzo di mio zio e, di fisso, ci guardo si e no la Domenica Sportiva.
    Non dico che per me la TV potrebbe non esistere: non è vero, ogni tanto fanno anche delle belle cose: informazione, concerti, documentari, approfondimenti. C’è il Televideo. Però per quanto la uso trovo già abbastanza esoso il canone RAI, figuriamoci pagare un botto di soldi per guardarmi film di cui non mi interessa una sega e 18 partite di squadre per cui non tifo (e per la mia Lazio, ammesso che esista ancora, mi basta sapere il risultato).
    Io esco con la morosa, leggo, sento musica, suono. Vedo gli amici. E di sky, e di un sacco di altra roba, non sento proprio la mancanza, figuriamoci pagare.
    Perciò possono fare quello che vogliono: se non è gratis, non mi avranno mai.

  18. Dunque, questo si traduce nella disfatta dei decoder “Common Interface” come il Dreambox comunemente usato da molti per vedere seca2.
    Vi segnalo una lettera per tutti i possessori di decoder Common Interface da inviare all’authority per la cessione del servizio Seca2.
    Fatela girare e mandatela!

    ===================================

    Nome Cognome
    Indirizzo
    Cap Città

    Spett.le
    Sky Italia Srl
    Via Salaria, 1021
    00138 Roma

    E pc:

    Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni
    Centro Direzionale, Isola B5
    80143 Napoli

    RACCOMANDATA A/R

    Città, Data

    Oggetto: Comunicazione consegna decoder Skybox

    Spett.le Sky Italia,

    Vi invio questa mia, in copia al Garante per le Comunicazioni, per significarvi quanto di seguito:

    a) da abbonato D+ prima e di Sky Italia dopo, usufruisco da anni del servizio erogatomi tramite un decoder “common interface” munito di modulo ad accesso condizionato “Aston 1.05” . Tale decoder incontra la mia piena soddisfazione e mi consente, tra le altre cose, di visualizzare tutti i canali “free to air” presenti sul satellite Hotbird e su Astra.
    b) Il decoder “Skybox” che la Vostra società vorrebbe fornirmi in comodato gratuito consente, dalle informazioni che posso reperire su siti specializzati in rete, la possibilità di sintonizzare non piu’ di una ventina di canali free to air alla volta. Inoltre, pur disponendo di “servizi interattivi” (per i quali non nutro il minimo interesse), non e’ in grado di gestire ne un sistema dual feed, ne una parabola motorizzata. Inoltre, non ho intenzione di accettare un comodato gratuito che mi sottoporrebbe alle clausole 4.2, 4.3, 4.4 e 8.2 del contratto di fornitura, in quanto ininfluenti con il decoder di mia proprietà ma fattive in caso di noleggio o comodato (non voluto).
    c) Il contratto da me sottoscritto con la Vostra società in data xx/yy/zzzz (codice cliente xxxxxxxxx) non prevede ne che io debba dotarmi, a qualsiasi titolo, di un particolare decoder per usufruire del Vostro servizio, ne che un dato decoder da me posseduto non possa essere compatibile.
    d) Non avendo intenzione di rinunciare alla mia libertà di informazione (e quindi al mio decoder common interface) che il vostro decoder da solo non mi garantisce per le intrinseche carenze tecniche, non dispongo di altro spazio ove alloggiare il vostro decoder “Skybox” in aggiunta quello in mio possesso. Inoltre, non ho intenzione di spendere altro denaro per alimentare un decoder aggiuntivo o per adeguare il mio impianto attuale perche possa servire due decoder contemporaneamente.
    e) La vostra “Operazione Seca” a mio avviso comporta la palese violazione della Legge n.287/90 art.3 comma B, in quanto notoriamente non esistono al momento (e non e’ quindi possibile acquistare) moduli ad accesso condizionato (“CAM”) operanti secondo lo standard da voi utilizzato “NDS” e sul quale contate di far confluire tutti i vostri abbonati. Parimenti, non e’ possibile acquistare decoders operanti sotto tale sistema di codifica.
    f) A mio avviso inoltre, la stessa “Operazione Seca” viola in piu’ punti la Legge sul Decoder unico, per non parlare poi degli impegni presi dalla Vostra società in ambito europeo affinche’ vi fosse concessa l’operazione di concentrazione che ha consentito il monopolio sotto il quale operate da quasi un anno.

    Per quanto sopra:

    1) Provvedo a segnalare la situazione all’Autorità Garante per le Comunicazioni, affinché possa verificare se da parte Vostra si possa identificare la volontà di violare le leggi dello Stato sul Decoder Unico e sulle Norme per la Tutela della Concorrenza e del Mercato.
    2) Non ritirero’, ospitero’, attivero’ o alimentero’ in nessun caso un decoder da Voi fornito, a qualsiasi titolo, presso la mia abitazione, in quanto non richiesto contrattualmente per la fruizione del vostro servizio. Servizio che, nel medesimo contratto, vi impegnate a fornirmi.
    3) Nel caso in cui non provvediate a farmi pervenire un modulo ad accesso condizionato (“CAM”) compatibile con il sistema di codifica che andrete a scegliere, da utilizzare con il mio decoder common interface, in luogo della cam Aston da me attualmente utilizzata, e/o
    nel caso non provvediate a quanto sopra e sospendiate la trasmissione nello standard “Seca” da me attualmente utilizzabile, provvedero’ immediatamente al ritiro del RID presso la mia banca, e vi riterro’ contrattualmente inadempienti, riservandomi eventuali azioni legali volte a tutelare i miei diritti di libera informazione costituzionalmente garantiti e tutelati.

    Distinti Saluti,

    Nome Cognome

  19. Slowhand, Piti, se non aveste il pisello vi sposerei entrambi! però non ditelo a mia moglie …..
    Fondiamo il movimento “l’unico cielo che mi interessa è quello all’aria aperta’?
    Abbiamo fatto dimettere anche Skyola

  20. Non che sia esattamente il fulcro della vicenda, ma la storia di 8 euro in meno e 1 in più dovrebbe nascere dal fatto che commercial-fiscalmente regalare il decoder è molto meno “comodo” di venderlo, anche per 1 euro.

  21. quando non c’era Sky per vedere il campionato dovevo abbonarmi a Tele piu’ e a quella merda di stream pagando il 40% in piu’, se questa e’ la concorrenza all’italiana viva il monopolio…se la tv gratis e’ quello schifo che ci proprinano da anni ben venga il satellite…ora volte dirmi che prima che arrivasse la pay tv la televisione in chiaro era meglio?? rispetto alla schifo odierno c’era il tennis su Tele Capodistria..stop.

  22. Caro Basta!, il punto non è se la tv in chiaro di un tempo fosse o no meglio della tv a pagamento di oggi. E’ parlare delle (prevedibili) fregature della tv a pagamento come se si parlasse della tassa sul macinato. Ma, santamadonna, quanti anni hai? Sei giovane? Leggi, esci, gioca a pallone, gioca a ping pong, molesta le tue coetanee, dille che le amerai per sempre e appena te l’hanno data lasciale, impara ad attaccarti un bottone alla camicia, poi impara ad attaccare la camicia a un bottone, vai di corpo, ritornaci, laureati, guadagna molto, viaggia, bevi alcoolici tutte le sere, mangia pesante, mettiti a dieta, vota berlusconi, pentitene, porta a spasso una vecchietta sola, rubale la pensione, ripagala con sesso orale reciproco, impara il tedesco, diventa furher, datti alla scherma, alla lambada, al tantra, al canto gregoriano, allo yoga e allo yogurt. Che’tte frega del tv, stellina? Ma è così importante?

  23. Piti, diomadonna, sei una valanga!
    ….. è che non basterebbe una vita per realizzare tutti i tuoi suggerimenti esistenziali!
    ….. quindi, nel dubbio, è meglio guardare la TV – meglio ancora se a pagamento, perché se paghi è + meglio.
    P.S. Potresti aggiungere al tuo elenco: realizzare con le caccole del naso un mezzobusto di Berlusconi, sfruttando i nasi di certi amici suoi – autentiche caverne.
    P.P.S. Per Slowhand: non provocare, che se poi ti rispondo mi cacciano per lesa coerenza.

  24. mi sembrano i propositi di big Kahuna…non me ne frega niente di sky infatti e’ un di piu’ che ogni tanto torna comodo sono altri che vogliono mandare le lettere all’unione europea!

  25. Jena, per carità, lungi da me. Era solo perchè se parliamo io e te magari qualcuno pensa che stiamo cazzeggiando, se invece io faccio le battutacce come Brontolo tutto sembra molto più normale. E adesso torniamo a bomba, se no ci accusano di forumizzare un blog sulla TV via satellite: ecco questo è il progresso, guarda quanti media in una riga sola.
    Ricordo che quando ero giovane io (che, a leggere, dovrei avere più o meno la stessa età di Piti) via satellite si vedevano solo Mohamed Alì (una volta l’anno) e le Olimpiadi/Mondiali (ogni 4 anni), la domenica ‘tutto il calcio’ si collegava dal secondo tempo in poi; alle 19.00 ti beccavi la ‘sintesi’ di una partita scelta dalla RAI, e gli altri gol te li facevano vedere a 90 minuto e alla DS (poi, dopo, venne anche Domenica Sprint). Però vivevamo bene lo stesso, forse pure meglio di adesso. Figurati quanto verrebbe da ridere a Barendson, a Valenti, a Brera e a un sacco di altra gente sapere che oggi c’è gente che paga non per andare allo stadio e sostenere la propria squadra, ma per vedersi la partita a casa propria. E quando segna che fai, ti alzi in piedi e cominci a correre intorno alla poltrona, sventolando la sciarpa, e gridando come un pazzo? DA SOLO, in mezzo al salotto di casa tua? Se poi ti prendono per scemo non è che hanno tutti i torti. Boh, a me questo sembra la negazione dello sport. E vogliono pure i soldi? Ma vaffanculo, va’…

  26. Scusate, ma a nessuno tra tutti quelli che hanno scritto qua viene il sospetto, dico solo il sospetto, che il vermetto ce l’abbia messo il fotografo?
    Probabilmente sono malfidato, e chiedo scusa se mi sbaglio, ma non sto dicendo che sia così, dico solo: possibile che non ci sia uno, dico UNO, che dubita?

  27. Slowhand, a prescindere: mia moglie non sa niente né di te né di brontolo. Dice di non aver avuto alcun tipo di conoscenza carnale con voialtri due, anche perché è vegetariana.
    Te sei proprio un vecchio nostalgico, va’, non cogli i vantaggi di poter vedere tutti gli sport da tutto il mondo in tutte le ore comodamente seduto a casa tua, che se vuoi puoi anche spurgarti in tutta tranquillità il bottone della pancia o contemplartelo rapito.
    E che c’è di male nel farsi una ola in famiglia per incoraggiare la squadra del cuore e pure quella del pancreas?
    pensa di quanto aumentano gli spunt9 di riflessione il giorno dopo sul lavoro, al bar, nei letti delle mogli degli amici?
    Sarai mica un regressista alla Massimo Fini?!

  28. Immagina che…
    La televisione sia per tutti e che ognuno ha il diritto dell’altro di vedere tutto ciò che viene trasmesso dal tubo catodico. Le partite, i film, i documentari.

    Immagina che…
    Guardando quelle foto, non mi è venuto da vomitare.

    Immagina ch… bleeeeah!!!

  29. direi che si tratta di una notizia fresca (piu’ di un mese???)
    concorrenza? mercato? basta dare la disdetta e tutti i problemi si risolvono in un attimo!

  30. ciao, volevo chiedere scusa per l’invasione off topic di ieri, ma sentire la televisione locale che non sapeva quasi nulla in diretta, la gente che chiamava preoccupata, poi chiamo per dare l’informazine alla tv e loro manco danno il sito internet a tutti, ma dicono “siamo riusciti a scoprire”, non so.. avrei voluto che quel sito lo sapessero in molti, per un futuro, sperando che non lo si debba mai usare, perchè in quei momenti la prima cosa che vuoi è “sapere”. Tutto questo senza ben sapere come fare. Mi è venuto istintivo mandarlo in luoghi frequentati che conoscevo, senza ben avere chiaro in testa cosa fare. Scusa dunque l’ invasione di ieri, e se voi, più esperti di me, sapete un modo per diffonderlo agli utenti interessati ai terremoti in friuli aggiornati istantaneamente, ditemi pure. scusa ancora l’intrusione, questa replica e tutta la confusione. (cancellate pure tutto )
    rilascio il link eventualmente se volete diffonderlo :
    http://foxtrot.crs.inogs.it/FAAS/
    scusate ancora, ciao.

  31. a quanto pare la discussione procede su due piani: quelli che dicono che si vive benissimo senza la televisione. allora lo posso garantire io per primo che non ci ho nemmeno quella hertziana. e quelli che dicono che sky ha adottato, a partire dall’inizio delle trasmissioni avvenuto lo scorso anno di questi, un comportamento scorretto, ma non in quanto lesivo delle fisime di un pugno di intellectual-chic snobboni professionisti della contestazione e della disobbedienza (come vorrebbe il feltriano basta!), ma delle precise regole imposte a sky dall’authority antitrust europea. che dicono che sky puo’ trasmettere se non mette in pratica comportamenti lesivi della possibilita’ di fare concorrenza. la concorrenza adesso non c’e’, siamo d’accordo: e’ un monopolio. ma la regola vuole che sky non metta in pratica comportamenti tali da pregiudicare, escludendola, la possibilita’ di altri operatori, a loro discrezione e piacimento, di entrare nel mercato della tv satellitare. sky se ne e’ impippata il giorno dopo, ledendo il diritto di accesso alla piattaforma satellitare di svariati canali televisivi free-to-air italiani e stranieri e di tutti i canali radiofonici trasmessi dal satellite. le modalita’ tecniche di attuazione di questo comportamento sono diverse e vanno dall’invasione di tutte le posizioni di memoria dei canali diponibili sui decoder satellitari all’esclusione di fatto di alcuni produttori hardware dal mercato non concedendo loro la possibilita’ di adottare il sistema di codifica nds.
    il diritto prevede per ogni disposizione una sanzione, nel caso in cui si violi il disposto. nel caso dell’autorizzazione antitrust europea, la sanzione e’ la revoca dell’autorizzazione a trasmettere. murdoch e’ furbo, non scemo. non rischiera’ mai di chiudere il giocattolo. per questo insistere non nuoce e non danneggera’ nessuno, fara’ solo bene alla possibilita’ per chi lo vorra’ di fargli concorrenza e per ripristinare il libero accesso alla piattaforma satellitare (e quindi ai decoder degli utenti) di molti canali tv free-to-air e di tutte le radio oggi escluse. che murdoch non sia scemo lo dimostra la fondazione, l’anno scorso in questi giorni di “gioco calcio”, fantomatica “piattaforma alternativa” che adotta gli stessi sistemi di codifica e gli stessi impianti di trasmissione di sky, oltre che gli stessi decoder, per ammantare tutta l’operazione di una parvenza di concorrenza e di mercato.
    “gioco calcio” aveva sede presso un ingresso secondario (precisamente l’ingresso del parcheggio sotterraneo) dell’hotel cicerone di roma, proprieta’ del presidente della roma sensi, e uffici all’ultimo piano dello stesso albergo.
    l’amministratore delegato era (e’?) la stessa lucia morselli che murdoch in persona volle a suo tempo alla presidenza di stream per silurare il management precedentemente in carica, considerato espressione degli interessi di telecom italia, e spianare la strada a quanto accaduto.
    dagospia scriveva il 2 marzo: alle 19 arrivava il presidente di plus media trading e del chievo luca campedelli. l’ascensore lo portava direttamente all’ottavo piano dell’hotel cicerone. altri riscontri in: http://www.uacs.net/wmview.php?ArtID=1405 e in http://www.forum.calcio.com/viewtopic.php?t=3687&view=next

  32. Se qualcuno mi puo’ cortesemente informare come si puo’disdire il contratto Sky, perche’ non ho trovato ancora il modo per farlo.
    Grazie in anticipo.
    Alfredo

Rispondi