La “riservista” Mariateresa Ruta

“Zanzare & Tigri” da .COM 2/6/2004
Va completandosi la squadra di “riservisti” Rai. Un altro dei personaggi che terranno compagnia agli italiani nelle soffocanti giornate d’estate è Mariateresa Ruta, in arrivo sulla seconda rete direttamente dall’ “Isola dei famosi” previo passaggio da Odeon Tv (che le avrebbe procurato qualche guaio coi dirigenti della tv di Stato). Il “sorriso che non conosce confini” – come la definì ai tempi della “Domenica sportiva” il mitico Ciotti – in omaggio alle teorie leghiste condurrà in coppia con una debuttante, che proviene dall’emittenza locale veronese, il contenitore che prende il posto in palinsesto del pomeridiano “Italia sul 2”. Con tutta probabilità avrà un altro titolo ma, visti i risultati della stagione conclusa, il team di autori, privata di Stefano Milone promosso vicedirettore, sarà lo stesso.

(Visited 5 times, 1 visits today)

12 Comments

  1. non illudetevi. fino al 2006 nessuno li toglie da lì. il problema è che non sarei sicurissimo che chi li sostituerà duri abbastanza a lungo.

  2. Ma guardate che è piuttosto normale che una coalizione eletta tramite il sistema maggioritario stia al governo con una buona stabilità. Non è tanto un traguardo del/lo (S)governo dei berluscones, ma un successo del sistema maggioritario rispetto al vecchio proporzionale, che in Italia dato l’alto numero di partiti non ha mai funzionato bene, tutto qui.

  3. quindi se a durare è il governo Berlusconi, il merito è del sistema maggioritario; a chi diamo la colpa per le durate dei governi di centrosinistra?

  4. i governi di centrosinistra durano di meno perché non c’è il padrone. maggioritario o non maggioritario può capitare che qualcuno si incazza e fa cadere il Governo (vedi Bertinotti col Governo Prodi). a destra questo non accadrà mai perche il capo decide per tutti.

  5. maxaff: anche a destra qualcuno si incazza e fa cadere il governo (vedi Bossi col governo Berlusconi). Berlusconi ai tempi di Prodi diceva “siete in mano ai comunisti”, ora io dico “siete in mano ai leghisti”, mica so chi sta peggio.
    Poi tra l’altro non c’è assolutamente nessun merito per il sistema elettorale attuale, il maggioritario ha senso solo se è veramente tale e c’è vera bipolarità. In Italia avremmo fatto meglio a continuare col proporzionale, la stabilità non è cambiata ma perlomeno il parlamento non era così stravolto rispetto alla volontà del corpo elettorale.

  6. maxaff contro sisko, qershor contro tutti.
    Quando vi sarete chiariti fate un fischio.
    Vado a sentire che dice il compagno Floris

  7. Caro M.B. mi sa che fai confusione.
    Non sono io il Paolo che ha detto dei sovietici sulla luna, anche se mi pare che nel 1959 la navetta spaziale sovietica Luna2 passava da quelle parti (senza uomini a bordo però)…
    Sul maggioritario: non mi pare ci sia stata tutta questa semplificazione.
    Col proporzionale governava il pentapartito (DC, PSI, PSDI, PRI, PLI) e c’erano sostanzialmente tre partiti all’opposizione (PCI, MSI, Radicali).
    Totale: 8 partiti.

    Oggi, col maggioritario. Al governo FI, AN, LEGA, UDC. All’opposizione: DS, Margherita, Rifondazione, SDI, DiPietroOcchetto, Verdi, Comunisti Italiani, …
    Più i perenni radicali che non so bene se siano di qua o di là

  8. qerschor hai perfettamente ragione, Bossi fece cadere Berlusconi. Poi Fini disse che con Bossi “non avrebbe più preso neanche il caffé al bar”. Berlusconi è stato capace di rimetterli insieme. Da ora in poi non accadrà mai più. Perché ormai è chiaro chi comanda nella CdL.

Rispondi