Figli di una Borsetta

Tommaso Labranca ha fatto scuola. La sua individuazione della Borsetta, anzi delle Bor7 come categoria umana non è solo acutissima e tragicamente veritiera: è anche prolifica. (Scopro ora, da lettrice distratta quale sono, che l’analisi è in realtà di Dea Verna: chiedo venia e corrigo errata.)

Perché se disprezzi la Borsetta come entità umana, se hai fatto dell’indie-pendenza il tuo status principale, sappi che in realtà dell’odiosa Borsetta potresti essere il figlio: potresti essere una Tracolla.

Identìficati. E pèntiti.

(Visited 22 times, 1 visits today)

2 Comments

1 Trackback / Pingback

  1. Vraghinaroda | Smeerch.it

Rispondi