Il paradiso poteva attendere

Massimo TroisiFanno dieci anni senza Massimo Troisi (non esatti esatti, ma il TG1 lo commemora stasera senza un particolare motivo, e a noi non serve un particolare motivo per ricordarlo). La cosa buona è che Antonello Venditti non ha poi mai scritto la canzone che aveva minacciato di dedicargli. Quella cattiva è che mi manca. Parecchio.
Lo ricordo riportando una delle sue battute più geniali e meno citate, tratta da “Pensavo fosse amore, invece era un calesse”, scritto con Anna Pavignano:

“Non bisogna amare per amore, ma per schifo.
Perché l’amore finisce, ed è una delusione.
Anche lo schifo finisce, però è una soddisfazione.”

E, per chi ha voglia di leggere, una poesia di Roberto Benigni dedicata a Troisi e due dei brani più celebri dei tempi de “La Smorfia”: San Gennaro e L’Arca di Noè

A MASSIMO TROISI, DA ROBERTO BENIGNI

Non so cosa teneva “dint’a capa”,
intelligente, generoso, scaltro,
per lui non vale il detto che è del Papa,
morto un Troisi non se ne fa un altro.
Morto Troisi muore la segreta
arte di quella dolce tarantella,
ciò che Moravia disse del Poeta
io lo ridico per un Pulcinella.
La gioia di bagnarsi in quel diluvio
di “jamm, o’ saccio, ‘naggia, oilloc, azz!”
era come parlare col Vesuvio,
era come ascoltare del buon Jazz.
“Non si capisce”, urlavano sicuri,
“questo Troisi se ne resti al Sud!”
Adesso lo capiscono i canguri,
gli Indiani e i miliardari di Holliwood!
Con lui ho capito tutta la bellezza
di Napoli, la gente, il suo destino,
e non m’ha mai parlato della pizza,
e non m’ha mai suonato il mandolino.
O Massimino io ti tengo in serbo
fra ciò che il mondo dona di più caro,
ha fatto più miracoli il tuo verbo
di quello dell’amato San Gennaro.

SAN GENNARO

TROISI: San Gennà, San Gennà, io sto un’altra volta qua, San Gennà… Sì, è sempre per quella grazia che t’aggio chiesto, San Gennà! Eh, io nun te l’avess’ ‘a ripetere neppure… No, San Gennà. Tu lo sai, io so cliente, ccà… Sì. Chella me vuleva ‘a chiesa affianco San Gennà… ma io aggio ditto, ma pecché, io mi trovo bene là. San Gennaro nun me fa mancare niente, mi tratta bene… San Gennà, si putisse anticipà nu poco ‘e pratiche ‘e chella grazia, he’ capito? Sì, ne ho proprio bisogno, San Gennà! Sì, altrimenti non venevo ccà, ampressa stamattina… San Gennà, ne ho bisogno, he’ capito, eh?
ARENA: San Gennà, buongiorno!
TROISI: Ammo fernute ‘e fa! Staie parlanno cu tuo fratello, staie parlando… manco nu poco d’educazione… San Gennà, ci siamo spiegati? No, io ‘o faccio parlà a chisto… A me nun me ne importa proprio, tanto tu già saie che he’ ‘a fà, no?
TUTTI E DUE CONTEMPORANEAMENTE: San Gennà!
TROISI: No, io lo ripeto, vedi che hai capito, tanto tu ‘o ssaie, m’e visto ca so’ venute primma io ccà, no? Se sto primme…
ARENA: E vide se me fa parlà.
TROISI: Io ‘o faccio parlà, nun me ne importa proprio San Gennà… Sì, solo che nun vulesse ca ‘o fatto che tu pierde tutto chillo sanghe, ogni anno, pe’ fa ‘o miracolo, he’ capito… nu poco d’anemia, ‘na cosa… accummence a vedé ‘na faccia pe’ nata… che, vide buone, eh, San Gennà… Iss tene ‘a barba, è curto…
ARENA: Eh, nu poco…
TROISI: …È chiatto, po’, fa nu poco schifo…
ARENA: Neh, ma che avesse dà cunto a te?
TROISI: Io ‘o sto dicendo a San Gennaro, p’ ‘o riconoscimento…
ARENA: E nun te preoccupà, ca San Gennaro me conosce bbuono, San Gennà!
TROISI: Ca po’, nun per niente, a me nun me ‘mporta proprio, io ‘o faccio parlà… Vulesse sapé chisto che vo’ ‘a te…
ARENA: Io?
TROISI: Eh! Che vuò tu ‘a San Gennaro?
ARENA: Io a San Gennaro ce voglio chiedere ‘na grazia…
TROISI: ‘A grazia ‘e murì!… o no?
ARENA: No! No! No! San Gennà!
TROISI: Chillo vo’ murì… Io aggio capito… Chillo dice: basta, me voglio levà ‘a chesta valle ‘e lacrime… nun ce ‘a faccio cchiù… Fallo murì!
ARENA: No! No! No! San Gennà, No! No!
TROISI: Chillo hé capito che ha pensato…
ARENA: Io? C’aggio pensato?
TROISI: Chillo dice: Io só povero, vaco in Paradiso…
ARENA: Sì…
TROISI: E vai in Paradiso! Hè capito? Dice: me levo ‘a chesta valle di lacrime…
ARENA: …Neh, ma pecché aggia murì? Ma pecché nun muore tu?
TROISI: Io? Io ‘o sto facenno pe’ te.
ARENA: Eh, eh… nun te preoccupà!
TROISI: Io ce metto ‘a buona parola, ce metto…
ARENA: …Ce mette ‘a buona parola, ce mette…
TROISI: Fallo murì, San Gennaro!
ARENA: No! No! No! San Gennà, San Gennaro non gli dare retta!
TROISI: Scusa, ma pecché? Nun vuò j in Paradiso?
ARENA: No! Non voglio andare in Paradiso, va bene?
TROISI: Addò vuò j? All’Inferno?
ARENA: Nossignore, non voglio andare nemmeno all’Inferno.
TROISI: Però t’hè decidere… chillo mica può perdere ‘o tiempo appresso a te, scusa? Cioè, San Gennà, vide tu addò ‘o vuò fa j chisto, basta ca ó faje murì…
ARENA: No! No! No! San Gennà, San Gennà, non gli dare retta! San Gennà, tu lo sai, io non posso lavorare… Ma ti pare che se io potessi, non ci andei a lavorare, San Gennà?
TROISI: Nun ce jesse, siente a me, San Gennà. Lo conosco bene… Nun tene proprio genio ‘e faticà, San Gennà!
ARENA: San Gennà, tu lo sai, io ho bisogno di quei soldi! Io ho bisogno!
TROISI: Beve, beve, San Gennà, beve comme nu dannato! Chisto, nun ‘o fà piglià soldi.
ARENA: San Gennà, e tu poi a me mi puoi aiutare… Io sono un brav’uomo… Se non aiuti me, a chi vuoi aiutare?
TROISI: Sì un brav’uomo… Vatte ‘a mugliera, San Gennà… L’ho visto io, la moglie per terra, San Gennà! Nun te mette cu chiste, guarda ccome t’ ‘o ddico bello…
ARENA: San Gennà, San Gennà… e poi a te che ti costa… A me, a me mi basta un ambo… una semmana sì e una no! 15 e 58!
TROISI: ‘Azzo! San Gennà, tu l’avisse fà piglià tutt’ ‘e semmane a chisto?
ARENA: No, no, no!
TUTTI E DUE CONTEMPORANEAMENTE: No, una sì e una no!
TROISI: E si capisce, pe’ chi sa s’è distratto, hè capito?
ARENA: No, San Gennaro nun se distrae…
TROISI: Chillo n’aveva ragione, San Gennà, chillo pure è nu fastidio a ghì a ritirare i soldi tutt’ ‘e settimane…
ARENA: Embè, allora?…
TUTTI E DUE CONTEMPORANEAMENTE: Una sì e una no!
TROISI: Dalle nu poco ‘e libetà a chisto… sempre cu sti soldi in mano… ma vide nu poco, vide…
ARENA: San Gennà, San Gennà, mi raccomando… insieme ‘a mano d’ ‘a creatura, miettece pure ‘a mano tua, hè capito?
TROISI: Comme! Stà ‘o Ministero d’ ‘a Finanza, hè capito… San Gennà, tu dice è sì, San Gennà…
ARENA: Mannaggia ‘a miseria…
TROISI: Sì, sì, sì, tu dice ‘e sì, San Gennà… tanto a te chi ti controlla, scusa…
ARENA: San Gennà, San Gennà, mi raccomando… San Ciro, mi raccomando pure a te, hè capito?
TROISI: San Ciro? Avete detto San Ciro?
ARENA: Eh, ho detto San Ciro, pecché?
TROISI: San Gennaro, ha confessato, visto? Ha detto San Ciro…
ARENA: Neh, ma pecché San Ciro ve facesse schifo?
TROISI: No. Mo’ me vulite mettere contro a San Ciro a me? Maie pè te, San Ciro… Tu ‘o ssaie quanto ti stimo… Ma vuje venite ccà, pregate a San Ciro, a San gennaro… lla sta ‘a Madonna… Vulite chiedere qualcosa pure a Madonna?
ARENA: E mo’ chiedo qualcosa pure ‘a Madonna!
TROISI: Ha miso ‘o monopolio ‘n Paradiso, ha miso…
ARENA: Eh, aggia da’ conto a isso…
TROISI: A me at’ ‘a cunto… Vuje ccà uno at’ ‘a pregà: San Gennaro o San Ciro… San Ciro o San Gennaro?
ARENA: No, no, no.
TROISI: Vulite pregà a San Ciro? Pregate a San Ciro… Me n’aggia accorto subito San Gennà…
ARENA: E che cosa?
TROISI: … Che chisto è devoto a San Ciro… Se va facenno tutt’ ‘e prucessione ‘e San Ciro… Mo’ m’ ‘o ricordo chi è…
ARENA: …San Gennà, non è vero! Io ho detto San Ciro pecché…
TROISI: Pecché è devoto, San Gennà, siente a me…
ARENA: No, no, no! Pecché m’è scappato hè capito?
TROISI: Eh, m’è scappato…
ARENA: E poi l’ho visto là, a lui solo… Povero Santo… Nessuno gli va mai a cercare una grazia… Ho pensato… quello, San Gennaro, è così importante, tiene tante grazie da fare prima di me… Figuriamoci, mo’!
TROISI: Sì, mo’ facimmo ‘e grazie che ‘e prenotazioni, coome t’ ‘o ddico… San Gennà, io so’ cliente e voglio ‘o trattamento… Gennà…
ARENA: Gennaro?
TROISI: Io ci sto in buoni rapporti!
ARENA: Ma che cosa, quando mai, famme ‘o piacere…
TROISI: Gennarino…
ARENA: Eh pure i vezzegiativi, mo’…
TROISI: …Gennari’, si siamo spiegati, no? Tu ‘o ssaje coome songo… Io piglio e te votto ‘nterra ‘a lloco ‘n’ coppa… cercammo ‘e fa ‘e cose per bene… 5 e 25, Gennarì…
ARENA: Hè capito stu piezzo è scur…
TROISI: Oh! Oh! Segna, oj’, San Gennà, malaparola! Retrocedi a chisto.
ARENA: San Gennà, hai capito pecché viene in chiesa? Viene a chieder i numeri, si mettesse vergogna!
TROISI: 5 e 25!
ARENA: Ah, no! Allora quando è per questo li ho chiesti prima io: 15 e 58!
TROISI: 5 e 25. So’ venuto prima io, San Gennà: 5 e 25!
ARENA: 15 e 58. Quattro candele ogni lunedì!
TROISI: E t’e’ spengo tutte quante io, San Gennà! San Gennà: 5 e 25!
ARENA: No, 15 e 58…
(Interviene il prete della chiesa, attratto dalla confusione)
DE CARO: Che succede? San Gennaro che non appiccia a tutti quanti! Fuori!
TROISI: Io, io so’ cliente, ccà… Chillo me conosce, ‘o prete! 5 e 25!
ARENA: 15 e 58!
DE CARO: Su, io debbo chiudere! Hanno fatto ‘a cantina, hanno fatto… Che vergogna! San Gennà, non li dar retta. San Gennà, che vuò fà, San Gennà… Mi raccomando, mi raccomando… San Gennà: 6 e 21.

L’ARCA DI NOÈ

(Sulla banchina Noè [Lello Arena] aspetta gli ultimi animali prima di prendere il largo. Si avvicina Troisi con un giornale in testa a mo’ di orecchie)
ARENA: Indietro! Non c’è posto per gli empi in questo luogo di giustizia.
TROISI: Cioè, io veramente devo salire…
ARENA: Solo gli animali.
TROISI: E io che sono scusate? C’ho le orecchie!
ARENA: E voi sareste un animale? E che animale sareste?
TROISI: Sono un gufo!
ARENA: Già ci stanno.
TROISI: No, sono un cerbiatto.
ARENA: Sono arrivati.
TROISI: Sono un coniglio.
ARENA: Sono già dentro.
TROISI: Una tigre.
ARENA: C’è.
TROISI: Un leone.
ARENA: C’è.
TROISI: Un minollo.
ARENA: Un minollo?
TROISI: Eh… sono un minollo, mi devo salvare, devo salire.
ARENA: E che sarebbe questo minollo?
TROISI: Il minollo è quell’animale che… cioè… Sono un minollo!
ARENA: Ho capito tutto. Aspettate un momento: «Cam!» (Entra Enzo De Caro) Cam, sono già arrivati i minolli?
DE CARO: I minolli?
(Arena indica indica Troisi. De Caro osserva)
DE CARO: Già ci stanno.
TROISI: Già ci stanno?
DE CARO: Sì, già ci stanno!
TROISI: I minolli?
DE CARO: I minolli.
TROISI: E i rostocchi?
DE CARO: Già ci stanno.
TROISI: Ma come, pure i rostocchi? (Rivolgendosi ad Arena e indicando De Caro) Secondo me chisto ti imbroglia.

(Visited 16 times, 1 visits today)

7 Comments

  1. per tutto l’affetto che può provare un concittadino per massimo, devo però segnalarti che quella battuta non era inedita… era stata pronunciata da uno dei deliziosi personaggi che affollavano un tempo il salotto del maurizio costanzo show (anni 80 all’incirca)… ciao nunù

  2. Troisi è stato il terzo grande attore del ‘900 napoletano: Totò, De Filippo, e Troisi. Per me a pari sono.
    E non tanto per le battute originali o meno, ma per la maniera splendida di deformare il dialetto: la maggior parte degli attori napoletani si limita a parlare in dialetto. Ma questi 3 attori il dialetto l’hanno deformato, minorato, rinnovato.

  3. Ricordo che più o meno negli stessi giorni in cui morì Troisi compiva 70 anni Mike Bongiorno. Ed io mi chiedevo come mai “in cielo” si prendessero simili cantonate…

  4. Allargherei la lista dei più grandi di P.G. a 5 nomi. Uno è senza dubbio Peppino De Filippo: dotato di notevole vis comica e di straordinaria capacità artistiche, sia come spalla che come attore principale (e non è facile). Poi Peppe Barra, che però non ha mai avuto il grande successo che secondo me merita.

  5. che dire, pensare a lui è un esercizio di dolce malinconia, di quella che ti prende e non ti lascia più. Come pensare a tua madre che non cè più, alle meravigliose estati da bambino, al tuo amico del cuore. Massimo è intimamente nostro, di ognuno e di tutti, anche senza averlo conosciuto di persona.

Rispondi