Radio anch’io

RadioNationSuccede quel che era prevedibile (ed auspicabile) succedesse: che i blogger, non potendo coprire singolarmente le 24 ore, si stiano proponendo per creare un palinsesto della radio online.
Questa sera a partire dalle 22, tanto per dire, The Yorker è ai microfoni della nonata “RadioNation” (in sostanza, la stessa frequenza utilizzata nei giorni scorsi da “Macchiaradio“) per condurre “La mossa dell’orso“.
Si ascolta utilizzando qualsiasi player, da Windows, Macintosh e Linux cliccando semplicemente qui.

(Visited 10 times, 1 visits today)

26 Comments

  1. Che figataaaaaa….. Ero strastufo di ascoltare le radio ammerigane o, peggissimo, Radiopopolare!!!!!!!!
    Grazieeeeeeeeee!!!….

  2. Bravi. Andate avanti decisi. Questa storia delle radio che nascono dalle esperienze dei blogger è una delle vere novità dell’anno. Una buona speranza per le nuove generazioni e per il loro modo di esprimersi e lavorare. Vedrete che alla fine del 2004 segneranno un punto importante a favore di questa rivoluzione nei media. Un’altro tassello a favore di una maggiore indipendenza dell’informazione. Il passo successivo saranno le televisioni. I 4 mega di download saranno una realta entro un anno. C’è da prepararsi a metà del 2005 a fare le televisioni. A quel punto la bufala del digitale terrestre sarà completa. E’ quasi sicuro che il digitale terrestre sarà soppiantato dal doppino telefonico. In ultimo volevo fare i complimenti a Neri a Emmebi e a Persconf per come hanno condotto la serata di ieri, è un piacere sentirvi. Un’ultima cosa. Con L’IP si fanno miracoli. SI può internazionalizzare una radio con 4 soldi. Trasmettere da ogni parte del mondo sulla stessa radio. Fabrizio potrebbe trasmettere dalla germania, qualche altro blogger anche dai posti di guerra, da quelli di vacanza l’estate, dai punti nel mondo dove accadono eventi importanti, sportivi, musicali: insomma con un impegno relativo si riesce ad avere corrispondenti in tutto il mondo. Non trascurate questa eventualità. Ci sono alle viste grandi opportunità. Stiamo allegri. :)

  3. RadioNation, la radio dei blogger

    Dopo l’esperimento riuscito di Macchianera ieri, con lo speciale su La Fattoria, oggi e’ il turno di un altro condomino (siamo ospitati sullo stesso server), The Yorker, con una trasmissione live, alternando musica d’annata, sigle tel…

  4. molto fico, soprattutto l’idea. CORAGGIO YORKER NON AVER PAURA!! gli ascoltatori non ti possono mangiare!!!

    (ps a me si sente bene soltanto ogni tanto salta, non so se è colpa della radio o del mio singolo modem schifido)

  5. uè Daniele non sfottere che mica è facile… se poi ci sono i parenti nelle stanze vicino… ancora peggio…

    mamma: sento dei rumori dalla stanza del figlio
    padre: ho sentito che parlava col computer
    mamma: ah, allora alziamo il volume della tv

  6. Finito il programma di Yorker ri-subentra Macchianera. Per un po’. E per spiegare come funziona l’ambaradan. Il link per ascoltare è sempre lo stesso.

  7. A me Radio Macchia va che è una meraviglia, mentre Radio Tassonik era una tortura (ma non per la programmazione!)

    A proposito Jean Luc, che ore sono?

  8. La cosa strana è che i commenti di Moi e Fabrizio sono precedenti ai miei due, eppure appaiono dopo. Probabilmente appariranno anche dopo di questo.

  9. Peccato che ieri sera ero al cine (alla facciazza vostra – Monster, recensione sul mio blog, viva le marchette! -) e non ho potuto bearmi di Radiomacchia.
    No, non ho scaricato la registrazione: se non la sento in diretta (e non posso smarronare le palle con centinaia di commenti) non mi piace.

  10. A partire dal settimo/ottavo commento l’orario dei commenti è tornato indietro di 50 minuti per cui quello più recente risulta essere quello di Fabriozio.
    Fantascienza.

  11. Tanto non la metti, allora me la dedichi a Gabriella?

    Eddài! Eddài!

    E mi ricordi ancora di chi è Black Velvet che me lo sono dimenticato? Grazie

  12. Domandozza: ipotizzando che un privato cittadino decida di farsi la radio-on-the-web… , come Gianluca, da un punto di vista SIAE-RIAA-IVA-IRPEF e balzelli/diritti autore vari, che cosa deve pagare? O meglio, ci sono requisiti per evitare 30 anni senza condizionale in questo liberissimo paese? :)

Rispondi