“Risponde a domande complesse”: Bossi sta persino meglio di prima

Umberto BossiPer motivi che noi mortali non possiamo neanche immaginare, la totalità della stampa italiana nel corso delle ultime settimane ha omesso di segnalare che quel che ha avuto Bossi si chiama ictus, e che, di conseguenza, i bei tempi sono belli che andati ed è improbabile gli torni duro.

Ieri hanno persino raccolto un nefasto comunicato stampa diramato in accordo con la famiglia dall’ospedale presso cui è ricoverato, titolando Umberto Bossi migliora. I medici: «Ora è cosciente».

In realtà vi si legge che il leader della Lega (nonché ministro in carica) risulterebbe “cosciente, in grado di muovere finalisticamente gli arti di destra, di rispondere ad ordini anche complessi, e di riconoscere i familiari”. In pratica, gli mancano solo la parola e imparare a dare la zampa.
In ogni caso, probabilmente dicono che sta bene perché sono più o meno le cose che, a stento, riusciva a fare già prima.

Del senatùr non si può comunque non apprezzare la coerenza: uno che vuole a tutti i costi la devolution deve prima – come si dice – sperimentarla sulla propria pelle. L’imprevisto risultato è che le regioni del nord di Bossi che sono già sveglie contestano a quelle non ancora coscienti di non voler fare un cazzo se non affidarsi all’assistenzialismo. Nel frattempo, in una sorta di parlamento interno, l’emisfero destro è in fermento e accusa quello di sinistra di fare ostruzionismo. E mentre il centro del ministro lamenta le difficoltà riscontate nell’erigere le mai troppo lodate Grandi Opere a causa della mancanza di liquidi provocata dall’empasse, l’organo ufficiale parla di secessione.

(Visited 21 times, 1 visits today)

27 Comments

  1. eee’ vverrro BBoonn-Goo qqquelllo chhhe mmi prreeoccuppa eee’ iiil ssorrissso deelll’innferrmiiera e-e lla ddolceee cccarrezza ddi coomcppasss-ssione cche mmmiffffa.

  2. Massimo rispetto per chi sta male, anche se puo’ stare antipatico o addddirrrrittura sulle scatole o lo si puo’ ritenere un danno politico per il paese.

    Detto cio’ parlando tra persone e’ umano che scappino delle battute … si allontana il fantasma della morte parlandone con humor o ironia … insomma serve a noi stessi per sopravvivere quindi ben venga un sorriso se si riesca a darlo a qualcuno.

    Le osservazioni che mi vengono sono … che il comunicato medico non e’ nell’ottica della par condicio … insomma political innnnncorrrrect … la destra gli funge e la sinistra no? Ma cos’e’ una metafora? Mah!
    Bah chissa’ se ce la fara’ a rimettersi per le erezioni di giugno … ops … ho scritto erezioni pardonne … chissa’ se con la sola palla destra il cel’ho duro … mah! Stendiamo un pietoso velo …

    Cmq. speriamo che si rimetta in salute. Il paese senza questa autorevole figura non saprebbe piu’ che fare! Sarebbe un disastro!!

    Speriamo davvero che torni sano …. UH! Perche’ era sano prima vero? ;-)

    Caro Umberto … se Ti viene a trovare l’uomo dal faccione sui manifesti … datti una grattatina … e’ vero che porta iella … ora nei sei convinto anche Tu.

    … battute a parte auguro tanta salute mentale e fisica.

  3. ‘ta vegn’an cancher !’ quante volte si può augurare ?!
    A Bossi o al nano o a Castro…
    a Unabomber o a quello che, alle tre di mattina, stronca tre ragazzi (senza la casacca arancio, per dirla alla StudioAperto !)…
    all’arbitro o a quello che ti taglia la strada…
    Ora: il cancher, l’ictus, succede !
    L’importante è che succeda a Bossi o a unabomber o all’arbitro, l’importante è che non succeda al papa o a qualche sant’uomo o ad un missionario !
    L’importante è che non succeda a me: mors tua vita mea e sulla mia posso anche scherzarci, sulla tua devo poterci scherzare !
    Quel somaro dell’Umberto sarebbe certo d’accordo: lui, sulle disgrazie altrui ci ha sempre scherzato !
    … quando non ha fatto di peggio…

  4. Beh Riccardo i contributi che porti te sono penosi(nel senso di elio). Qui siamo in presenza di una censura perchè si tratta di potenti, esattamente come non si poteva pronunciare la parola suicidio quando si parlava del figlio di agnelli. Bossi è uno dei leader della maggioranza in un momento storico delicatissimo. Le sue condizioni di salute sono importanti e sono una notizia. Se la stampa avesse fatto il suo dovere forse il post sarebbe stato un pò stonato, niente di più.

  5. Propongo una distinzione. Il post del Capo credo che volesse essere satira; la satira deve godere di una libertà d’azione pressochè totale, quasi di insindabilità: ognuno ne giudichi l’opportunità, la moralità e la riuscita, ma riconoscendole il suo status di “protetto”. I “commentatori”, non producendo satira, sarebbero tenuti all’esercizio della più elementare delle forme di rispetto: quella nei confronti di chi è gravemente malato. Sghignazzare gratuitamente delle disgrazie altrui rivela, a mio avviso, miseria morale; giustificare il sollazzo con le prese di posizione del soggetto-bersaglio rivela invece miseria intelletuale.

  6. Ma quale ridere, qui c’e solo gente seria, l’angolo dell’umorismo lo troverai cliccando le vignette neocoglions; attenta però Panofsky, Stalker e Bongo subito dopo averle lette hanno avuto un ictus.

  7. blutarsky ti ricordo che “la “neve è bianca” se e solo se la neve è bianca” è solo una fregnaccia analitica.

  8. Mitico!
    Non riuscirò più a non pensare al Bossi che da la zampa ogni volta sentirò notizie sul figuro.

  9. Flame d’autore

    Niente da fare, ci sono articoli che nascono per dividere: sono perle di politically uncorrect o espressioni di torbido umorismo? Non so voi, ma io sospendo il giudizio e mi godo l’avvincente flame che si è scatenato nei commenti. E’…

  10. Ma se Neri vi fa tanto schifo perché continuate a venirci, qui sopra? Non vi obbliga nessuno! Quanto a Bossi, io mi limito a dire che negli ultimi anni milioni di persone hanno pronunciato la fatidica frase: “Gli pigliasse un accidenti”, con la variante “Gli venisse un colpo”. Beh, è successo. Perchè vi sembra strano?

  11. Un ottimo esempio di articolo “politically uncorrect”
    Evidentemente tutti quelli che ti hanno dato del coglione non sanno cosa sia la satira e ignorano l’esistenza degli stili lettarari. Consiglio caldamente loro un seminario base di letteratura, e gia’ che ci sono anche un corso che insegni loro a prendersi un po’ meno sul serio.

  12. se l’ictus l’avesse preso un’altro e adesso bossi su un giornale rilasciasse un intervista in cui dice le stesse identiche cose riportate da Neri…..cosa direbbero quelli che mò ridono? che è la dimostrazione che bossi ha senso dell’umorismo?…che fa della sana satira?
    Bene, io direi che è uno stronzo come per altre minchiate dette da bossi …….e allora se vale per Bossi………
    Per me il metro è sempre lungo un metro indipendentemente da chi e cosa devo misurare….poi posso sbagliare la misura …perchè nessuno è perfetto….ma usare metri differenti a seconda della convenienza è scorretto.
    Ad ogni modo non che Neri sia uno stronzo…conosco troppo poco per dire una tal cosa….ma che qui ci sia una caduta di stile a me sembra il minimo.

    ps non sapevo che il fatto che ci siano buone probabilità che una cosa accada significa automaticamente che ci si possa scherzare su in un blog…..
    converrà scherzare sul prossimo bambino che verrà maciullato in Palestina o in Israele…così ci sentiremo sollevati……..o al massimo sarà satira….(perchè se la satira deve essere totalmente libera non ci son limiti)….mahhhh

    e faccio notare che non si è scherzato sull’icptus in quanto tale e sulla possibilità che pigli chiunque di noi…su quello niente da dire (questo serve un pò ad esorcizzarlo, a sdrammatizzare)….. si è scherzato su una persona che l’icptus l’ha già preso e non è poi messa tanto bene…. se non ci vedete la differenza inutile discutere.

    intendiamoci non mi scandalizzo per quanto scrive Neri, basta capirsi, io non condivido tale comportamento da qualunque parte arrivi ma se sono in minoranza accetto le regole …non scandalizzatevi però se alla prima occasione qualcuno renderà pan per focaccia su qualche argomento a voi ( e magari anche a me)caro.

    ps2 io non ho avuto compassione per Saddam alla morte dei figli e non è detto che ne abbia per Bossi…ma in nessuno dei due casi ci ho scritto su una mezza barzelletta…. anche nel far ridere ci vuole una bravura e una classe che io non ho e che nel post in discussione non credo ci sia.

  13. mi sei piaciuto fino all’ultimo paragrafo. non fai ridere, ma dici cose sacrosante. il resto è una pisciata fuori dal secchio.

  14. E col post di Elokia abbiamo raschiato proprio il fondo più squallido e deprimente che ci possa essere…non poteva che finire così.

    P.S.
    ma un seminario sul non sparare cazzate non sarebbe utile invece?

  15. Ma secondo voi, a un cittadino non padano, e quindi ladrone, dovrebbe importare qualcosa se a Bossi gli è preso un coccolone?

  16. E xche’ non bisogna sparare cazzate,
    Antonio? Xche’ non si puo’? Esistono tanti stili lettarari, o anche cinematografici se hai piu’ familiarita’ con le pellicole, che sono punti di vista, modi di raccontare uno stesso episodio. Io considero il brano sulla malattia di Bossi in quest’ottica. E sotto il punto di vista letterario dell’essere volutamente scorretti e sgradevoli, e’ un brano eccellente.
    Ci sono tanti film che parlano della guerra: alcuni sono seri e drammatici, altri sono invece comici. Dobbiamo mettere al bando tutti quelli che hanno ambientato uno sketch in trincea sotto le bombe? Bisogna solo allargare un pochino la propria visione, saper distinguere che una notizia puo’ essere guardata da diverse angolazioni e quindi trattata in diversi modi. John Bobbit che viene mutilato del membro dalla moglie e’ un episodio comico se valutato in superficie, e’ altamente drammatico se soppesato un po’ piu’ a lungo… ma tutti abbiamo sentito o fatto una battuta sull’evirazione quando quella notizia era fresca, e non penso che siamo stati tutti coglioni.

  17. Si legge da tutte le vostre parole che la Lega fa paura a tutti i “buonisti”, gli svogliati ecc. ecc. ma ricordate che Bossi per la Lega è solo la punta dell’iceberg, sotto c’è una piramide che si adopra di giorno in giorno per cambiare veramente questo paese, l’unica cosa che mi dispiace veramente è che purtroppo anche gente come chi ha scritto il primo post ne godrà…
    Ma d’altronde è il nostro destino: paga e tas asen del Nord!

    Padania Libera!

    W la Lega W Bossi!

  18. Si legge da tutte le vostre parole che la Lega fa paura a tutti i “buonisti”, gli svogliati ecc. ecc. ma ricordate che Bossi per la Lega è solo la punta dell’iceberg, sotto c’è una piramide che si adopra di giorno in giorno per cambiare veramente questo paese, l’unica cosa che mi dispiace veramente è che purtroppo anche gente come chi ha scritto l’articolo ne godrà…
    Ma d’altronde è il nostro destino: paga e tas asen del Nord!

    Padania Libera!

    W la Lega W Bossi!

  19. La lega è iniziata e finirà con Bossi.
    Gli auguro di riprendersi al meglio possibile, ma il devastante insulto cerebrale ed i lunghi giorni di coma difficilmente non lasceranno pesanti tracce.
    La censura regna sovrana. D’ accordo la privacy, ma qui si tratta di un ministro della repubblica, l’opinione pubblica ha tutto il diritto di chiedersi quali siano le vere condizioni cliniche e se queste gli consentiranno di adempiere ai suoi compiti in tempi ragionevolmante brevi, se così non fosse dovrebbe essere sostituito.
    La Lega, ormai allo sbando, ha terrore di far conoscere le vere condizioni di Bossi, ed a breve si scateneranno delle lotte intestine, per cui il povero Bossi sarà costretto a fare il CID Campeador, issato a forza in groppa al suo destriero al galoppo per far paura ai nemici ( e soprattutto agli “amici” della sua coalizione e del suo partito …)

Rispondi