A me (Francesco) Rocca mi piace

Non so se è la senilità, il terzismo, o il cerchiobottismo, ma io non riesco a vederla in bianco e nero. E, visto che si parla solo di derby, facciamo ai rigori:

1. La democrazia è un bene immenso, va coltivato ed esportato (un punto in più per Rocca).
2. Noi occidentali non abbiamo solo esportato la democrazia, ma anche le crociate, l’inquinamento, Laura Pausini, e il grande fratello (un punto in meno).
3. Non penso sia un male dire che certi personaggi non proprio simpatici (il puzzone e baffetto negli anni 30 e 40, Saddam e Milosevic) siano messi in condizione di non nuocere con le cattive (un punto in più).
4. Un tribunale è meglio della carneficina fatta pochi giorni fa per uccidere Yassin (un punto in meno).
5. L’undici settembre è stato un atto terroristico infame e i neocon hanno reagito come potevano ad un evento decisamente straordinario (un punto in più).
6. Il mondo esisteva anche prima dell’undici settembre. L’appoggio dato a Pinochet, ai massacri in Africa, a Fanfani, così come ai talebani sono le solite scelte miopi intrinseche di una democrazia dove al massimo si governa per 8-12 anni (un punto in meno).

Insomma, io me la sentirei di appoggiare le scelte dell’ex-terzino della maggica. Però con annessa autocritica da parte sua per quello che è successo prima dell’11 settembre.

(Visited 3 times, 1 visits today)

7 Comments

  1. Peccato soltanto che i neocon sostengano le stesse identiche posizioni che sostenevano nel 2000.Per loro,ideologicamente parlando,con l’11/9 è cambiato ben poco.Togli pure il punto và..

  2. No, no, no e ancora no.
    Finchè si scherza si scherza ma Kawasaky, l’eroe triste ferito ad una gamba, non si tocca. Piuttosto evocate il maresciallo, l’attrice di Viol@, la sorella che con le poppe di fuori dice le news al tg o amene località più o meno montane, ma Kawasaky no, eccheccazzo!

  3. Oh, su queste basi si potrebbe discutere in tutta tranquillita’. Quando pero’ leggi che gli americani “non hanno la pensione e la sanità solo perché ci hanno dovuto salvare due volte in 50 anni” (cit.) ti viene il sospetto che per l’autocritica di qualcuno ci sara’ da aspettare molto a lungo. Un po’ troppo, forse.

  4. Beh, il fatto che al capitale gli conviene la democrazia non è banale. Ed è una cosa di cui essere contenti. Poi tra un po’ gli converranno anche la collettivizzazione. Ed il cerchio si chiude..

  5. Sostenere che con l’elezione di Bush sia venuta meno la democrazia in USA è quantomeno discutibile. Quantomeno. Riguardo alla storia del Cile, si ricorda che si era in piena guerra fredda, si ricorda che Allende e i suoi stavano portando il Paese al caos perchè non avevano la minima idea di come gestire la transizione al socialismo, si ricorda che almeno metà dei cileni accolse con favore il golpe militare. Si ricorda infine che Pinochet ha garantito le libertà economiche, favorendo (involontariamente) i presupposti per l’affermarsi di una democrazia solida. Tutto questo senza minimamente giustificare i crimini e la repressione del generale, ma solo per dire che la situazione era abbastanza controversa.

  6. Riferito al punto 6 (inizio del mondo all’undici settembre).
    Ricordo con particolare agitazione il giorno in cui Sharon si esibì nella passeggiata alla spianata delle moschee di Gerusalemme (settembre 2000).
    Mi convinsi immediatamente della fine imminente di un periodo di (relativa) quiete internazionale.

Rispondi