9 Comments

  1. Secondo il mio gusto fa pena, il nuovo layout di Virgilio, sotto tutti i punti di vista. E fa pena in maniera molto banale, neanche un po’ irriverente.

  2. Irreverent Web Design

    Amici di 20 Soggetti, finalmente ho risolto tutti i problemi di scrittura creativa che ci assillano. E’ disponibile in rete uno spassoso e-book dal titolo Irreverent Web Design, concepito dal webdesigner del nuovo Virgilio, quello che ha avuto l’…

  3. …Adesso io prendo questo rincoglionito, lo bendo lo siedo (sennò cade) davanti ad un nomalissimo PC con Win, gli accendo la sintesi vocale (jaws o altre vanno comunque bene) e lo faccio navigare in quel CAZZO di sito a uovo. E se sbaglia a selezionare i link, o ad andare da qualche parte lo bacchetto sulle nocchie. Imbecille, stupido e presuntuoso omuncolo…
    Scusa Gianluca, ma fra quelli che non fanno ridere pur cercando di farlo non lo puoi inserire il “rincoglionito-anti-usability?”

  4. Jaws a parte (che cmq è un bel problema), il design, lungi dall’essere irriverente, è reverentissimo – verso i pubblicitari. Ed è, ne sono sicuro, l’unico target che avesse.

  5. ma è suo cuggino che ha fatto il sito di libero? o forse è stato l’omo gallina?

  6. P.G. – non c’è dubbio. Lui stesso, d’altronde, da lì arriva (non ce ne eravamo accorti, eh?). Tra l’altro, lo dice anche molto onstamente dell’intervista che ha fatto con pleasezine…
    Dicono che l’uovo piacerà ai pubblicitari perchè c’è un’idea mentre non ai designer internettiani perché sono sempre legati al metalinguaggio dei pixel, a me piace questa critica… Mi sento ancora molto pubblicitario…. Ma il punto, iMHO, è che non funzionerà neanche dal punto di vista “pubblicitario” perchè il web non è un media “pubblicitario” ma, al limite, un media di direct mktg. Il nuovo Libero, pur brutto quanto vuoi, funzionerà dal punto di vista dei $$$. Virgilio, non penso proprio.

Rispondi