Lo Spino nell’Ivo Forni

Ivo ForniTorna a colpire – vantandosene – il blogsquatter Ivo Riccardo Forni, quello con la faccia di uno che a Sanremo vincerebbe il premio della critica. Lo fa, raccattando visitatori, intestando a sè stesso gli indirizzi dei blog chiusi dagli autori originali: Lo Spino nel Qlo (per la cronaca: il vero si è trasferito qui), Francesca Mazzucato, Crudelia, Tua Sorella.

Se anche in voi l’uomo induce il medesimo sentimento di commiserazione provato dal sottoscritto, aiutatelo: in ciascuno dei blog dissepolti ha piazzato il suo codice di Shinystat pur di spacciare per propria un’audience che non gli appartiene, e vantarsene con gli amichetti. Ci tiene, il tapino, e da noi avrà solo solidarietà. Per questo motivo vi invitiamo a copiare ed incollare il suo codice per le statistiche anche sul vostro blog: offerta libera.

Io aiuto Ivo
Riccardo Forni:



Forni chiude il post in cui descrive l’ardita impresa con le parole: “L’affare si fa grosso, insomma”.
Se non lo prendo per il culo – come del resto s’aspetta e aveva preventivato – è solo perché nutro il sospetto che ne abbia piacere.

(Visited 31 times, 1 visits today)

8 Comments

  1. Gianluca bello, lo sai benissimo che il meccanismo non funziona! Su Shinystat dovrei inserire nella configurazione il tuo dominio, altrimenti le pageviews non me le conteggia…!
    Quindi e’ tempo sprecato, risparmia il copia-incolla ai tuoi lettori :-)

    Detto questo, ringrazio assai per la citazione, sempre gradita. Mi sento un po’ come un verde ambientalista del Trentino Alto Adige quando riesce a strappare due minuti su RaiDue, durante i programmi per l’accesso, l’emozione e’ forte… e per le altre pratiche proposte se ne puo’ parlare, ho vasellina a sufficienza! :)

    ivo

  2. Molto carino lo scherzo di Ivo, riuscitissimo visto come hanno reagito i “legittimi” (ahr ahr!) proprietari dell URL. Gente, che nerd che siete!

  3. Caro Gianluca,
    tu sei uno che su internet ha fatto cose importanti. Una di quelle era Clarence, nella quale usando un’arma vecchia come il mondo, la satira, e una nuovissima, internet, hai preso per il culo mezzo mondo. Fra quelli me, e in modo anche non carino a volte. Ma uno se ne fa una ragione e cerca, come si dice a Roma, di farsene una ragione.
    In questo caso il Forni, che ad evitare conflitti di interesse chiarisco essere mio amico, che cos’ha fatto? Ha utilixxato una idea internettara per fare un po’ di casino e divertirsi. Che poi non e’ forse questo il motivo per il quale, al fondo, tutti noi smanettiamo il pc? (per lavoro sai che palle, eppure accade).
    Ti consiglierei piu’ serenita’. Internet ti ha dato tanto, in ogni campo, puoi consentirti di essere un signore, quelli che per esempio non fanno insinuazioni sulla vita privata delle persone per offenderle.
    Un salutone
    Vittorio Zambardino

  4. Io sono una delle persone “colpite” dal simpatico Ivo Riccardo Forni. Come ben si sa sono una che ama chi fa casino in internet, fra i blog(diciamo che ho dato, adesso ne ho uno isolato, tematico e tranquillino)e ho già scritto al caro Ivo un messaggio. Lo rende così contento vedersi aumentare gli accessi, usare i nomi degli altri, i blog dismessi degli altri. Perchè no? Io preferisco chi fa casini, anche stupidi e pasticcioni giocandosi del suo, senza “sanguisuare” niente, ma il Forni ha scelto questa strada, anche perchè di suo potrebbe fare poco. Lasciamoglielo fare. Io credo al gioco delle identità. Che mi cerchino su google e arrivino a lui…io non perdo lettori ed estimatori,di sicuro, quei pochi( o molti, dipende) che ho, arrivano lo stesso a me. Il filo non è google, per fortuna.Forni ottiene qualcosa di insondabile, da questo giochetto, che gli aumenta l’autostima. Bene, risparmia corsi, meditazioni, psicoterapia, prozac, paroxetina, valium. Scusate ma non è poco in tempi di smantellamento del sistema sanitario. In fondo è un costo sociale evitato. Anche Zambardino che consiglia serenità dice che usiamo tutti il pc per divertirci e consiglia serenità. Sarà mica un santone? Come mai si agita leggermente sotto la scrittura apparentemente equilibrata? E ivo, che risponde con una ironia degna di un calzolaio di imperia?(provare per credere, sono cupissimi). Tollerare, tollerare. Io adotto monaci tibetani, finanzio per quello che posso emergency e altro, credo che non esista un io, che l’identità sia una fregatura, che la mia presunta ex identità di blogger splinderiana aiuti Ivo mi fa bene. Semino karma positivo.

Rispondi