Commentatore, ti voglio parlare

Facendo un paragone, è come se un quotidiano pubblicasse senza alcun filtro le lettere di tutti gli squilibrati, i natalinirussoseminari che scrivono al giornale, al posto di quell’1% che ha qualcosa da dire, sa dirlo e, se in disaccordo, sa dirlo con ironia ed una certa eleganza.

Nessuno, qui, scrive per voi in quanto entità o perché vi debba qualcosa. Chi lascia che le proprie parole appaiano su queste pagine immagino lo faccia in parte per sé, in parte perché si diverte a scriverle e in parte – forse, non sempre -, per quelli di voi che si divertono a leggerle se non tanto quanto, almeno un poco.

Qui non ci sono loghi e suonerie, dialer, banner, pop-up pipparoli e, di conseguenza, il lettore conta quanto il due di briscola: una beata fava. Che esista, che torni, che sia affezionato, che ci tenga, che produca pagine viste, che vada ad incrementare il numero di visitatori nelle statistiche non aggiunge mezz’euro alle tasche di chi gestisce questo sito o vi appare in quanto autore.

Di tanto in tanto, sempre qui, si tenta di strapparvi un sorriso, di provocarvi, a volte persino di soprendervi come quelli che fanno “Bu!” alle spalle, e un po’ ci si aspetta che voi siate così cortesi da ricambiare, di rimando. Parecchi di voi ci riescono. Spesso, va detto. Ma nella maggior parte dei casi il commentatore medio che prolifera su queste pagine (come del resto sui rimanenti luoghi presenti sulla rete che non richiedono un pass all’ingresso) ha le fattezze di un particolare organismo che sembra stato scorreggiato qui direttamente dal brodo primordiale per metterci a parte dei propri bisogni primari. E quindi scrive Brontolo? Lui dice: “Merda!”. Interviene Lia Celi? Lui dice: “Cacca!”. Si azzarda la Lucarelli? Lui bofonchia: “Pupù!”. Appare il titolare, qui? Lui dice “Stronzo!” (ci tiene a far sapere che è in grado di padroneggiare i sinonimi che conosce, tutti e sei).

Tra chi la vuole cotta e chi la preferisce cruda, ci sono: quelli che “non parlate mai di cose serie”; quelli che “parlate solo di cose difficili”, quelli che “scrivete di cose di cui non ce ne frega un bigolo”; quelli che “basta con il Grande Fratello”; quelli che “più topa”; quelli che “troppa topa”; quelli che “parlate troppo di blog”; quelli che “non parlate mai di blog”; quelli che “datti all’ippica”; quelli che “non fa ridere!”.
E mai, mai, mai che uno di questi Savonarola si accorga che i serissimi interventi di Riccardo Orioles scivolano tristemente giù dalla pagina, settimana dopo settimana, senza un commento che sia uno.

A creare un blog si impiega meno tempo che ad inviare un commento insulso.
Se ne aprissero uno lorsignori, se sentono pressante il desiderio di condividere con l’universo tutto i propri pensieri.

Per intanto, dal prossimo post e solo per la settimana corrente, lo spazio dei commenti di Macchianera non sarà accessibile. La decisione finale sta alla bontà dei singoli autori: inviando il proprio pezzo potranno, se gli gira, aprire la discussione, oppure mantenerla chiusa lasciando tutto così com’è. Sopravviveremo tutti. Persino bene, immagino.
E quando, a fine settimana, la terra sarà ancora ben salda e in movimento attorno al proprio asse, quelli che su queste pagine si sono cimentati nella disciplina del “Dagli all’autore” avranno la consapevolezza che, alla fine, l’averli messi in condizione di non poterci propinare l’abituale dose di fesserie non avrà, incredibilmente, cambiato in peggio il mondo. Non più di quanto stia già messo male, almeno.

Chi dovesse essere colto da crisi d’astinenza, potrà sfogarsi utilizzando quest’ultimo post aperto.
(Visited 21 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. C’è poco da dire, Natalino è come la panda, se non ci fosse…. sarebbe meglio.
    Lo leggi e solo una domanda ti viene da fargli: Quanto cazzo c’arzi a fine mese ad autostuprarti quei quattro cinque neuroni che te rimbarzano ner capoccione? Ne vale veramente la pena?

    P. S. Occhio Natalì che rischi de diventà la Laura Ripani (BdS) de Macchianera

  2. Sono diventato Pazzo….

    Il fatto di non poter più commentare per una settimana i Post del Dr. Neri Gianluca mi ha reso pazzo e, perciò, propongono:
    1) Al Dr. Neri gli venga chiuso il Blog ed aperta una rubrica fissa su il Giornale
    2) Al Dr. Neri gli venga chiuso il Blog ed aperta una trasmissione televisiva su RaiDue insieme a Natalino Russo Seminara, il titolo sarà “Gianni e Pinotto ma potrebbe essere più in “Flic e Floc”.
    3) Al Dr. Neri gli venga chiuso il Blog ed aggregato a forza alla redazione di QuintoStato.it
    4) Al Dr. Neri gli venga chiuso il Blog, gli venga venga aperto un Blog su Virgilio, gli venga mutato il nome in Bianchi, con decreto del Presidente della Repubblica, e su Virgilio sia dimenticato per sempre.
    Così parlò Zarathustra

  3. Peccato che benni venda decine di migliaia di copie dei suoi libri e tu, caro nat rus sem, faccia i quiz di gerry scotti(perdendo peraltro). Ma che ci vuoi fare, è tipico dei grandi non essere apprezzati dai contemporanei. Magari sarai rivalutato dopo la tua morte. Un pò come è successo a bombolo.

  4. Gentile Dott. Neri,

    tengo prima di tutto a farle sapere che:

    e quindi vado ad elencare,

    Prima parte

    1)
    2)
    3)
    4)
    5)
    6)
    7)
    8)
    9)
    10)

    Seconda parte

    1)
    2)
    3)
    3 bis)
    4)
    5)
    6)
    bum)

    Terza parte

    0)
    1)
    2)

    n-1)
    n)
    n+1)

    Questo sempre nella speranza che Lei (e dico “Lei”) si tolga il paraocchi e che abbia il fegato di NON CENSURARE questo post!

    Cordiali saluti

    P.S.
    P.S.(P.S.)
    P.S.((P.S.(P.S.))
    P.S.(((P.S.(P.S.(P.S.)))

  5. Chi sale e chi scende :s

    Neri – in discesa
    Selvaggia – in forte discesa
    Natalino Russo Seminara – precipita
    ChicaVQ – salita costante
    Il Golpista – scatto lungo
    Brontolo – equilibrio precario
    Ursula – precario equilibrio
    Genna – rischio cadute rovinose
    Orioles – fuga solitaria
    Giulia – grande friuli

  6. Ventomare, se mi conoscessi sapresti che sono uno parecchio sedentario: la fatica della salita la lascio a chi si accontenta della gloria.

  7. Gianluca, la vita è tutta ‘na scinduta e ‘na sagghiuta: lo diceva anche Battisti-Mogol. La discesa è l’inizio della risalita e viceversa. A parte chi sprofonda. :)))
    Con simpatia.

  8. AAA sherpa cercasi, permesso di soggiorno in regola, possibilmente prezzi modici che alla gloria non ci sono ancora arrivata.

  9. Weilà Neri x caso, ho letto solo ora.. sei sempre informato sulla blog-gossip-fuffa, eh? ;)

    x Natalino: se ti pago non è più un blog.. (Aghenor docet)

    x Gneri (di nuovo): te fai sciopero di commenti, ma Giampaolo Spinato ti supera.. sciopero di commenti + sciopero di Trackback!! O_o

  10. se lei fosse stato coerente con questo suo post,avrebbe dovuto evitare il narcisismo evidente che c’e’ nel farselo comunque commentare.
    Sign.Amarcord

  11. Fans angling text in excel of the Legend of
    Spyro game, you’ll be joined alongside a variety of crystals that can be converted back
    into forward motion– in this case, it’s very nice.
    Well, if your health gets low you can always tell where
    he has been. It’s great to see them come to life.
    But this sort of gives you a lot of talk about him being available on Black Friday.

1 Trackback / Pingback

  1. site

Rispondi