Complimenti per la trasmissione

dal quotidiano .Com del 3.3.2004
Complimenti agli autori della “Vita in diretta”. E complimenti a Laerte Pappalardo, aveva detto che non gli interessava far parte dello showbiz e ce lo ritroviamo inviato di Michele Cucuzza. Complimenti per la disinvoltura con cui fa domande ai cantanti sulla loro vita sentimentale. Complimenti per l’accento. Complimenti a La7, che ha affidato un programma nuovo di zecca a Piero Chiambretti. Complimenti per l’idea di un talk tutto incentrato sul telefono (non diciamolo a nessuno che l’avevano già fatto De Antoni e De Fornari nel lontano 1995) sulla rete di Tronchetti Provera. Infine, complimenti (veri!) a Giovanni Minoli che, ieri mattina, ha varato “I Tg della storia”. Tutte le mattine alle otto su Raitre, Paolo Franchi racconterà gli eventi d’Italia e del mondo attraverso l’evoluzione dei telegiornali. Da quello che ho visto, lo farà benissimo. Complimenti.

(Visited 2 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. A me Minoli è sempre piaciuto. E’ circolata la voce, in tempi recenti di polemiche rai, che fosse stato accantonato perché sgradito alla sinistra. Qualcuno di voi potrebbe chiarirmi per quali motivi Minoli dovrebbe essere sgradito alla sinistra…?

  2. si può anche essere bravi e faziosi.non sarei d’accordo ad accantonare chi è bravo e non so chi lo ha fatto, ti ho detto solo perchè potrebbe stare sulle palle alla sinistra

  3. Minoli è un bravo giornalista… effettivamente era un leccaculo di Craxi, ma ciò non toglie che abbia realizzato dei bellissimi reportage. Uno su tutti, la puntata d Mixer dedicata al caso Mattei. Ogni tanto capita di vedere la notte le vecchia serie di Mixer. Sono in genere pezzi di giornalismo di eccellenza.
    Complimenti quindi a Minoli, e pazienza per i “mezzucci” senza i quali sicuramente non avrebbe potuto fare nulla. Almeno lui sarà stato un raccomandato, ma almeno è bravo.

  4. beh, veramente c’è stato anche quel piccolo problemino con Stream.. comunque la struttura di Mixer ha lanciato parecchia gente. la Gabbianelli, per esempio.

Rispondi