Microserva

Due giorni fa, mi piego al panico generale sulla sicurezza di Windows, e scarico le patch.

Boccalonaaaaaaaaa

Le scarico proprio tutte, da brava utentessa Micros**t che fa sempre quello che le dicono gli sviluppatori, brava gente che ne sa più di me, mica le prime capre che passano.

Scarico.

Poi cerco di postare sul blog.
Ops, non si carica l’interfaccia di Splinder.

Vabbè, sarà un problema di Splinder, fosse la prima volta che si impunta…
Però c’è chi mi dice che ha appena postato. Non è un problema di Splinder.

Ops.

Ho fatto un casino.

Sce-ma sce-ma

La cosa in sé non sarebbe una grave perdita per l’umanità, ma sapete com’è, ho un blog, un po’ ci terrei, vorrei aggiornarlo. E già che ci sono, segnalare anche i miei frullati di cazzate a Blog Aggregator, del quale però non mi si carica la pagina di amministrazione.

Insomma, dopo due giorni in cui smanetta ovunque nelle impostazioni del PC per riuscire a riportare la situazione alla normalità, la qui presente Microserva decide di ribellarsi al potere costituito e scarica Opera.

Meraviglia!
Si carica l’Aggregator!
Ha un po’ troppi pulsantini, ma basta farci l’abitudine.
E adesso postiamo su Splinder, là.

L’interfaccia è lì che lampeggia e mi dice “Sii paziente… ;)” da mezz’ora.

Morale della favola:
1) Non scaricate le patch di sicurezza di Windows, o almeno, non scaricatele a cazzo come ho fatto io;
2) AIUTO!!!

(Visited 14 times, 1 visits today)

12 Comments

  1. a me windows dopo che il sito di microsoft update ha fatto scaricato venticinque mib di robe ha detto che era troppo difficile proseguire nell’installazione

  2. A me, dopo che Windows ha imposto di scaricare le patch ufficiali dal sito della Microsoft, all’avvio del download è comparso il messaggio:

    “Attenzione, lei sta scaricando qualcosa da Internet. Poiché questo qualcosa POTREBBE essere materiale protetto da copyright, le è stata inflitta la multa PREVENTIVA di 5000$. Può pagare o affrontare un nugolo di giovani avvocati rampanti e spietati, disposti a tutto pur di vincere. Ovviamente sul terreno neutrale della base di Guantanamò, ove i suoi diritti non conteranno un cazzo.
    Cordiali saluti,
    l’Anticr… ehm… William Gates III.”

  3. Mozilla firefox. Funziona bene, e’ veloce e ha un sacco di extension, di cui una, in fase di sviluppo, permette di leggere i feed.

  4. Se poi vuoi fare le cose per bene, cara signorina Blasi, cambia anche sistema operativo.

    Dei due suggerimenti in testa, Apple MacOSX è decisamente troppo caro perchè comporta comprarti un MAC, e visti i 100 € in meno in busta paga che hai avuto come regalo questo mese, non mi pare il caso di spendere.

    Però, se vuoi far la prova, senza spendere quasi nulla e senza cambiare il PC, puoi provare Linux e senza nemmeno installarlo.

    Lasci Windows così com’è, abiliti il boot da CD-Rom e dentro il lettore CD metti una cosa che si chiama KNOPPIX, una versione Live di Linux.

    Lo trovi in edicola allegato a molte riviste, a meno di 7 €.

    Ne vale la pena. Riconosce automaticamente l’hardware, puoi leggere tutto quello che hai sull’hard disk, nella distribuzione c’è un sacco di software da provare, incluso Mozilla.

    E come interfaccia, KDE 3.1 è abbastanza simile a Windows da non farti stranire troppo.

    In bocca al pinguino,

  5. Gilgamesh: avendo usato Linux, posso dire che lo detesto sinceramente.

    Un giorno sarà ricca, mi comprerò un Mac e arrivederci e grazie.

  6. “Troppo caro”:
    – eMac base: 899 euro
    – iBook base: 1199 euro (portatilino piccolino).

    Togli circa cinquanta se sei studente o insegnante.

    Problema browser. una cosa è vera: che così come sono i siti (non i browser: i siti), non si riesce ad editare i post come con Explorer, su Mac o Linux.

Rispondi