Armageddon Blog

Clarence - SplinderImpossibile fingere che la blogosfera italiana non sia in subbuglio. A Splinder che batte il record di transennature per lavori in corso (da Herzog: “con il numero di volte in cui il sig. Splinder ha interrotto il servizio per perfezionare il sistema, suppongo che ormai la sua piattaforma sia la cosa che, in terra, più si avvicina a Dio”) si è aggiunto il cambio di piattaforma deciso da Clarence che ha provocato – inutile negare anche questo – disagi e malcontento tra gli utilizzatori storici del servizio di blog gratuiti.
Ora qui io devo fare una premessa: in Clarence dalla fine dello scorso anno, non ricopro più alcun ruolo ufficiale (ma neanche non ufficiale, se è per questo).
Anzi, due premesse: sono tra i più accaniti sostenitori di Movable Type (il software utilizzato fino a qualche giorno da da Clarence per la gestione dei weblog), quindi sfondate una porta aperta.
Epperò.
Epperò io so come sono andate le cose, per lo meno finché c’ero. E se fino ad alla versione 2.51 le licenze commerciali di Movable Type erano piuttosto nebulose (al punto che per poterlo utilizzare su Clarence si rese necessario l’avallo degli autori), quelle abbinate alle versioni successive iniziarono ad escludere che il software potesse essere usato da chiunque per creare una comunità. Per un semplice motivo: Ben e Mena Trott fondarono la Six Apart, un fondo giapponese vi investì e la società iniziò a contemplare l’ipotesi di poter fornire hosting ai blog in prima persona. Che sarebbe stato realizzato TypePad non lo sapevano, ai tempi, nemmeno i creatori di Movable Type. E chi sarebbe disposto a biasimarli per aver deciso di sfruttare un nuovo business? Col lavoro che hanno fatto, se lo meritano. Ma nessuno poteva sapere.

La faccio finita con i tecnicismi e vi dico chiaro e tondo – sempre da fan di Movable Type – perché la scelta di Dada, se uno ci pensa su (e fa finta di dimenticare per un attimo che sul proprio blog in questo momento appaiono strani codici, non c’è più il trackback e i feed contengono solo il titolo) non è condannabile dal punto di vista di chi deve gestire un portale che offre servizi gratuiti.


Movable Type è stato man mano rifinito da Clarence per poter “ospitare” una comunità, ma non è nato a questo
scopo (così come Drupal non era nato per fare da base a Splinder).
Resta il fatto che, volendo, con un po’ di esperienza, se si utilizza un software per realizzare una cosa che non è destinato a fare, la sicurezza va a farsi benedire. O, meglio: potrebbe andarci.

In più c’è da considerare che gli utenti dei blog di Clarence (quelli attivi, intendo) sono sempre stati utilizzatori “acquisiti”: gente già esperta, o che apriva un blog su Splinder o Blogger e poi passava a Clarence quando si impratichiva.
Che una comunità decida di scegliere strumenti più semplici per i propri utenti non esperti (che sono la maggioranza, ricordate) è più che altro normale, anche se la cosa fa incazzare gli altri.
E, col tempo, credo si risolveranno anche le normali pecche dovute alla migrazione di un database immenso (immaginate: nomi, e-mail, post, commenti, template, ping, trackback, categorie, immagini…, il tutto moltiplicato per 9000 blog attivi).

In questi giorni parecchie persone mi stanno scrivendo per chiedere se per caso c’è spazio per il proprio blog su BlogsNation. Mi spiace se non sono riuscito a rispondere a tutti: lo faccio qui, anche se è lo stesso da maleducati. Purtroppo no. Nel senso che un server amatoriale è in grado di gestire un numero di siti che stanno sulle dita di due mani. E sempre che tutti non siano frequentatissimi. Dare spazio a chiunque, considerati i costi di banda e spazio su disco, è un investimento che nessuno riuscirebbe a coprire, se non un portale che di banda e spazio ne ha a profusione.
Leggo che parecchie persone meditano di affittare un proprio server e di ospitarci sopra il proprio blog più quello di qualche amico. Tanto per farvi un esempio: qui da noi i siti che han trovato una casa non sono pochi ma neanche tantissimi, e per quanto non vi sia scopo di lucro (nulla cambierebbe in caso contrario, comunque), l’ambaradan succhia comunque 500 dollari al mese puliti puliti. Figuratevi 9000 blog tutti assieme. Per questo – dico – capisco.

Tra le poche cose che so c’è, ad esempio, che è già in cantiere la reimplementazione del trackback, e che – questo è innegabile – tutta la nuova piattaforma è stata studiata soprattutto tenendo in cosiderazione le obiezioni che si muovevano nei confronti di altre comunità (Splinder e la mancanza di pagine statiche, di categorie, di archivi funzionanti e, non ultimi, dei feed RSS: la base di partenza è la stessa, il che dimostra – se mai ce ne fosse stato bisogno – che Splinder i feed potrebbe implementarli senza problemi).

Lo dico da profano e lo dico da esterno, da uno che non ha più a che fare (se non marginalmente – forse – producendo contenuti in futuro, e quindi cretetemi: scrivendo a me di ripristinare quel che c’era vi rivolgete a uno che non ha più influenza su questo tipo di decisioni) ma credo, insomma, che per le migliorie su Clarence si tratti solo di tempo.

(Visited 18 times, 1 visits today)

47 Comments

  1. Messa cosi’, per gli utenti di Clarence sembra esserci qualche speranza.
    Mi sa che comunque, alla fine della transizione, Clarence si trovera’ con (molti ?) meno utenti di prima.

  2. quelli di dada son dei _cazzoni_.
    mi han segato un sito personale senza nemmeno comunicarmelo… e senza motivo, non c’eran ne mp3 illegali, ne porno, ne altre cose illecite…
    fan proprio cagare, indi, massimo disprezzo per tutto cio che è Supereva/dada & co.

  3. sospettavo che farsi le cose in autonomia costasse un po’ troppo e non fai altro che confermarmelo. Detto questo dico quello che penso: i blog di clarence non avevano un help. O meglio: avevano un help che faceva cagare. Le email a bloghelp non hanno mai ricevuto risposta (almeno da agosto quando ho aperto il mio blog). Per scoprire i codici giusti per le categorie, gli ultimi commenti, ecc. bisognava cercare in rete e “smanettare” coll’html. Ma ora – allo stato attuale – anche smanettando un po’ non si riescono a ripristinare: commenti, ultimi commenti, categorie. Inoltre manca la possibilità di mettere documenti (immagini o anche altro) e di implementare file per gli aggregatori (tipo klipfolio). Tutto ciò fa, attualmente, di clarence free blog una piattaforma blog peggiore della media, e (orrore) peggiore di splinder.
    Detto ciò io mi c’ero affezionato e aspettero’ ancora un po’, anche se sono quasi l’ultimo dei mohicani, visto che la stragrande maggioranza dei blogger (almeno di quelli che bloggavano veramente, perché tutti sappiamo che sui famosi 9.000 erano un centinaio quelli che “esistevano”) si è già trasferita. E per finire: perché i blog di clarence sono clonati su supereva? La cosa non mi tranquillizza. Mi fa pensare che tra un po’ di tempo (quando? chissà) il blog con l’indirizzo clarence.com sarà cancellato d’imperio. Uno dei motivi per cui resterei su clarence è quello di poter mantenere il mio indirizzo. Ma non ho la certezza nemmeno su quello. E allora che fare? Anche grazie a questo intervento di Gianluca, pazienterò ancora un po’ di tempo. Se continua questo silenzioso disastro mi trasferisco su una qualsiasi delle altre piattaforme. E, per chi vuole aiutarmi a decidere quale, ho messo un sondaggio sul mio blog.

  4. Io posso capire che per attirare un maggior numero di utenti abbiano deciso di semplificare la piattaforma, però questa non è solo più semplice è anche scandente ed inefficente. Va bene che sono in fase di rodaggio ma non credo che migliorerà poi più di tanto. Tra l’altro a parte i problemi tecnici ci sono altre mancanze. La prima è l’assoluta assenza dei gestori: non gli sarebbe costato poi molto tenere una pagina di bloghelp (quella aperta non viene aggiornata da mesi) per soccorrere gli utenti in questa fase. Un’altra grave mancanza sta nell’annientamento della community, mi spiego meglio: prima in homepage c’era l’elenco degli ultimi 50 post pubblicati, una directory con blog, i più aggioranti ecc. Ora invce non c’è nulla, non sappiamo più quanti siamo e chi siamo, in pratica si annienta la community. Insomma anche se non potevano più permettersi MT potevano costruire un servizio che restasse nella media con gli altri, invece -attualmente- mi pare il peggiore. Io provvisoriamente mi sono rifugiato sul cannocchiale e (se uno spazio di mia proprietà dovesse risultare troppo costoso) mi sto già oprganizzando per trasferirmi sulla neonata http://www.iobloggo.com

  5. anch’io penso così, gianluca. si tratta di tempi, spazi e responsabilità. ho preso atto della trasformazione e ho atteso, con fiducia, che diventasse abbastanza definitiva. prima di giudicare. è evidente che, ora, clarence, non soddisfa più le mie esigenze. il mio concetto di blog. ma so che non è così per tutti e capisco i motivi di clarence. certo, sono in cerca di una nuova soluzione. e un po’ disorientata. e anche smaniosa, se vogliamo. comincia a mancarmi il mio blog… :-)

  6. Nessuna pietra contro Dada, ma anche noi, ormai, sai com’è ci si è affinato il palato.
    adesso abbiamo delle esigenze, una volta creati gli appetiti bisogna anche soddisfarli.
    migrerò, presto, ma migrerò.
    il punto è dove! ;-)

  7. Sono fra quelli che ti ha scritto, non certo per chiedere ospitalità, ci mancherebbe, ma per consigli, che in parte hai dato qui pubblicamente.
    Sono fra quelli che vorrebbe andarsene, per tanti motivi, non ultimo la cialtronaggine con cui è stato fatto il cambiamento che ha visto il mio (e quello di tanti altri) nome e cognome sul blog per un giorno.
    Quello che forse ci sai dire e come ottenere (a chi chierdere) i codici o i permessi per scaricare i nostri blog, comprensivi dei commenti, per ripubblicarli su siti da decidere.
    Tu parli di 500$ annui, che non soon pochi, ma ti riferisci a blog con un numero di accessi enormi, che necessitano quindi ampia banda. Per noi minori (tui scriveresti sfigati), probabilmente la spesa è minore e riunendoci in gruppetti … ne parliamo comunque qui: http://indipendenti.clarence.com

  8. Cubanite, il Neri dice 500 dollari al mese, che fanno 6000 dollari all’anno. Non 500 dollari all’anno.

    La differenza mi sembra rilevante. Anche presumendo che per un blog piou’ sfigato siano necessari – ipotizziamo – 200 dollari al mese, alla fine partono comunque 2400 dollari all’anno.

    Cosi’, tanto per gradire.

  9. ‘sti cazzi! Avevo letto male. Ho trovato in giro cifre ben diverse, ma di certo non ho chiesto di poter gestire migliaia di accessi simultanei …

  10. Michele Armani, sei totalmente al di fuori delle cifre di mercato. Ma proprio sulla Luna. :)
    Non so che tipo di servizio abbia Neri nel dettaglio, per quelle cifre suppongo abbia un server in housing, ma per un blog con accessi medio/bassi (la stragrande maggioranza) con 50 Euro l’anno o poco più si trovano hosting addirittura sovraddimensionati rispetto alle esigenze. Probabilmente in America si trovano anche servizi più economici. Prima di sparare cifroni allarmistici sarebbe bene informarsi.
    Riguardo all’esportazione dei propri blog verso Movable Type, per il momento non mi risulta sia possibile esportare i commenti, sulla nuova piattaforma di DADA non funzionano i tag per visualizzarli. Tantomeno le categorie.
    Per esportare i post in un formato poi importabile da Movable Type invece è sufficiente creare un template apposito e cambiare qualcosa nelle impostazioni generali.

  11. Io non ci sto a capire piu’ un ca@@o. Avevo un blog su Supereva e mi sono spostato su clarence per avere piu’ visibilita’, ma ho scoperto che sono tutti DADA!!
    Insomma io scrivo scrivo, e dai counters vedo che nessuno mi legge. Allora ho messo il BlogBar ma rallenta…
    e’ inutile, io ci ho piu’ confidenza col pistacchio…
    ALDO VINCENT IL GELATAIO DI CORFU’
    LA VITA E’ UNA CASSATA – gelataldo.clarence.com

  12. Gianlù tu dici una cosa che però anche solo per curiosità cerca una risposta. Gestisci un giochino che ciuccia 500 dollari/mese, ma.. riesci a pareggiare il bilancio in qualche modo o si tratta di soldi spesi bene per una passione che merita questo e altro?

  13. Nonostante tutto non ho mai pensato a malafede nelle scelte di Clarence; in ogni caso sono conscio e mi accorgo sempre più di aver avuto per un anno un privilegio straordinario: la migliore piattaforma di pubblicazione e per di più gratuita, un qualcosa di unico a livello non solo italiano. Fatti i dovuti elogi e ringraziamenti a quel che è stato, non sto certo a discutere di nuovo il presente, i motivi degli ospiti e gdegli ospitati.

    L’unico aspetto che mi sfugge è se davvero non si potesse sfruttare commercialmente la base che si era creata, se sia stata scelta o miopia, dato che Register.it offre hosting con MT a prezzi contenuti ed è società del gruppo Dada: bastava avvisare per tempo, proponendo l’alternativa e magari offrendo un aiuto per il trasloco e qualche decina di contratti IMHO erano assicurati.

  14. Primo

    Faccio riferimento a questa spiega di GLNeri. Nonostante tutto non ho mai pensato a malafede nelle scelte di Clarence; in ogni caso sono conscio e mi accorgo sempre più di aver avuto per un anno un privilegio straordinario: la migliore…

  15. Boh, mettiamola così: in giro ce ne sono varie, di piattaforme open source la cui licenza consente eccome di costruire comunità. A me comunque importa relativamente: quello che mi importerebbe è recuperare l’archivio dei miei dati e spostarmi altrove. Sono d’accordo con il fatto che dada scelga il software che vuole (pure se pacco) per gestire il proprio servizio: ma io vorrei potermi spostare agevolmente altrove, portandomi dietro un bello zip con tutti i miei archivi esportati (o meno, mi installo MT altrove e poi li esporto) in modo tale da poterli importare su un altro software, in un servizio in hosting. E invece qualcosa mi dice che dada-clarence ignorerà i miei lamenti… SkidX: ma ora è possibile creare template?!? Perché fino all’altro giorno non si potevano creare template differenti da quelli standard…

  16. cinquecento dollari al mese, YAHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHAHHAHAHAHA, cinquecento dollari al mese YAHAHAHAHAHAHHA.
    neri, sei un umorista nato. YAHAHAHAHAHAH.

  17. Io vorrei fare un paio di commenti su quanto scritto da Gianluca:
    Non e’ vero, per la mia esperienza, che “gli utenti dei blog di Clarence sono sempre stati utilizzatori “acquisiti”: gente già esperta, o che apriva un blog su Splinder o Blogger e poi passava a Clarence quando si impratichiva”. Praticamente tutti i bloggers che conosco su Clarence hanno iniziato proprio da li’, con Movable Type. E molti di essi non sono affatto “esperti”, ci hanno messo dei mesi ad imparare come usare MT, e adesso si trovano a ricominciare da zero.
    Il costo indicato da Gianluca mi sembra veramente eccessivo. Noi spendiamo meno di 100 Euro l’anno, e occupiamo solo una piccola parte dello spazio che abbiamo a disposizione.
    Infine, riguardo alle “licenze” di Movable Type: noi veramente lo abbiamo scaricato ed installato gratuitamente, ed usiamo una versione piu’ nuova di quella che usava Clarence.

  18. Le motivazioni mi sembrano giuste, ma c’è solo una cosa che non mi torna. Clarence & Dada (entrambi esistono dagli albori della rete) non potevano prevedere questi inconvenienti e scegliere da subito TypePad?

  19. Si’ SkidX, ma se usi Movable Type per uso personale puoi comunque aprire blog multipli ed avere autori multipli su ciascun blog. E’ quanto basta, se si vuole creare una “mini-piattaforma” in cui ciascun utente ha il suo blog, come abbiamo fatto noi.
    Certo, se invece uno vuole fare una replica di Clarence, allora il discorso cambia.

  20. Movimenti

    Tre asilanti hanno per ora bussato gentilmente alla porta di questa stalla, e il contadino si è già prenotato il posto meritato in paradiso. Sparano le cifre, e allora il contadino non vuole essere da meno e informa la gentile clientela che le spese di…

  21. Movimenti

    Tre asilanti hanno per ora bussato gentilmente alla porta di questa stalla, e il contadino si è già prenotato il posto meritato in paradiso. Sparano le cifre, e allora il contadino non vuole essere da meno e informa la gentile clientela che le spese di…

  22. Neri… Neri…
    A parte che sarebbe da fessi spendere 500 dollari al mese per un blog, ricordati che le bugie hanno le gambe corte.
    Ci vuol poco a fare un whois per scoprire chi ti hosta e il suo listino prezzi…

  23. Gianluca, mi raccomando, dicci quando dobbiamo iniziare a mettere AdSense per coprire i costi, perchè mi sembra che la cosa stia un po’ esplodendo. 3 milioni di pagine al mese? ‘azz, a ciao.com c’è voluto un anno e un milioncino o due per arrivare a quei risultati! ;-)

  24. è ovvio che mettere insieme 3-4 blog con 100-200 accessi al giorno al massimo costerebbe molto di meno. Ma ci sono lo stesso 2 problemi: l’esportazione dall’archivio di clarence e la scelta dell’host. Ci vorrebbe uno che ci capisce per creare tutto ciò. Così tanto per aggiornare: da ieri sera non funziona più nulla. Non è possibile postare su clarence/supereva. Almeno splinder avvisa che sta “migliorando” il sistema.

  25. Ciao Gianluca. Resto un po’ male leggendo il tuo intervento. Perche’ quando a settembre, nella sala riunioni di DADA ho fatto vedere il prototipo di Alarblog, tu c’eri. E alla scelta di cosa implementare e cosa no hai partecipato anche te.
    Ora, non voglio dire che devi assumerti la paternita’ di una cosa che comunque (scopro leggendoti) non ti appartiene piu’, pero’, insomma, se non ci sono i trackback e’ anche perche’ tu hai detto: Non li usa nessuno :-)
    Con immutato affetto e stima.

  26. Alar, mi spiace che il mio discorso sia stato travisato. In parecchie occasioni, anche in questo pezzo, ti sono arrivati i miei attestati di stima, e se in qualche modo hai ritenuto che il pezzo offendesse te e il tuo lavoro, me ne scuso comunque. Ma ribadisco quel che scrissi qualche mese fa (qui: http://www.macchianera.net/archives/2004/01/04/supereva_scende.html): “la nuova piattaforma di blog, creata per Dada dall’ottimo Giovanni Gargani”.
    E comunque, in sostanza, avendo anche partecipato alle prime riunioni per la definizione della piattaforma, in questo pezzo sostengo che: 1) Il lavoro di programmazione è stato ineccepibile; 2) Che la piattaforma è sensibilimente migliore di quella di Splinder, pur partita dalla stessa base; 3) Che non si può parlar male di una piattaforma nei giorni successivi all’importazione contemporanea di 9000 blog, e che è normale che qualcosa non funzioni.
    Quanto al TrackBak, confermo quel che dissi: è di un’utilità pazzesca, ma non lo usa nessuno (ancora) ed è pure difficile da spiegare. Ma converrai con me che un utente che già si lamente mette pure la mancanza di quello sul piatto. Per questo ho detto che era in lavorazione.
    Detto tutto questo, anche il mio affetto (per quando mi aiutasti) e la mia stima rimangono immutati e, credimi, mi spiace di non essermi spiegato bene.

  27. se fossero solo i trackback a mancare non ci sarebbe l’esodo che è in corso da clarence. Non funziona più NESSUNA delle risorse che clarence garantiva in più rispetto alle altre piattaforme blog: gli ultimi commenti, le categorie, le notifiche, l’uploading di immagini, i feed personalizzabili, la ricerca all’interno del blog, lo spezzettamento dei post più lunghi. Senza considerare che in questi giorni non sta funzionando – a tratti – nulla.
    Se vengono risolti i problemi tecnici BASE (cioè se viene permesso a noi blogger di postare e ai visitatori di postare) rimane il fatto che alarblog cosi’ com’è è allo stesso livello (se non peggiore) di splinder, e sotto il livello di altri fornitori di blog (iobloggo, excite e bloggers, tanto per fare degli esempi). A me una cosa che dà un enorme fastidio è non avere NEMMENO UNA VAGA IDEA sul futuro. Cosa verrà implementato e cosa no? E – più o meno – quando? Tra un giorno? Tra una settimana? Tra un mese? Tra un anno?

  28. Lorenzo, per la scelta dell’host l’unica cosa da tenere presente e’ che lo spazio web deve essere su un server Linux. Ce ne sono centinaia, in Italia.
    Per l’esportazione degli archivi… ahi, ahi. Movable Type ha un bellissimo tool “Import/Export” che consente di trasferire un intero archivio da un blog all’altro in pochi minuti, inclusi commenti, trackbacks, links. Ma ahime’, i vostri archivi su Clarence non sono piu’ in formato Movable Type.

  29. Non vorrei fosse interpretato come spam, nel caso Gianluca cancella pure. :)

    Sul mio blog comunque ho provato a scrivere una piccola guida per esportare almeno i post dall’attuale piattaforma Clarence, in formato importabile da Movable Type. Non ho fatto molti test, non garantisco nulla e non mi assumo responsabilità su eventuali danni, in ogni modo se a qualcuno può essere utile, sta lì.

  30. comincia a migliorare qualcosa. C’è un help on line di alarblog… ringrazio chiunque abbia fatto qualcosa. Manca ancora un (bel) po’ e poi (forse) ci tranquillizziamo.

  31. Tony: per differenza di licenze non si indenteva tanto le funzionalità in più o in meno che ci possono essere, quanto il fatto che per essere in regola Clarence, che ne fa un uso commerciale, non poteva più usare MT (cosa che non era vera invece agli esordi del servizio).

    Sui prezzi: è chiaro che sulla cifra indicata da Gianluca incida in maniera consistente il traffico: i servizi di hosting hanno prezzi di base risibili ma superata la quota mensile di banda son palanche. Diciamo che per la maggior parte dei blog il problema non dovrebbe essere cosi’ drammatico.

  32. Non volevo mettere in dubbio che Clarence pagasse una licenza per MT, volevo solo dire che se qualcuno vuole installarlo per gestire il proprio blog (o un gruppo ristretto di blogs), puo’ farlo gratuitamente.

  33. Sono d’accordo con te, Luca, tranne su una cosa.
    Non è possibile che Alarblog, nonostante le migliorie, possa diventare come MT. Questo per la struttura dell’ input a tre zone. Volendole sfruttare tutte nell’ index template, la rielaborazione di Alarblog, non può che essere manchevole e produrre risultati alquanto diversi da quelli desiderati. Qui casca l’asino, come si suol dire, ma stavolta fa un bel tonfo ^__^

  34. fioricet buy online also buy fioricet buy online also cialis buy online also
    buy cialisbuy online also cialis buy online also
    buy cialis buy online also cialis buy online also buy cialis
    buy online also levitrabuy online also buy levitra buy online also
    levitra buy online also buy levitra fioricet buy online also
    fioricet butalbital buy online also buy fioricet also hydrocodone vicodine
    buy hydrocodone vicodine buy online also vicodin buy online also
    buy vicodin buy online also hydrocodone buy online also buy hydrocodone buy online also
    vicodin buy online also buy vicodin
    paxil buy online also buy paxil buy online also ultram buy online also
    tramadol buy online also tramadol ultram buy online also buy tramadol buy online also
    buy ultram buy online also zoloft buy online also buy zoloft

  35. internet casino play now also casino game play now also las vegas casino play now also casino gambling play now also free casino game play now also virtual casino play now also free casino play now also casino gaming play now also free online casino play now also
    indian casino play now also pechanga casino play now also best online casino play now also
    online casino game play now
    also online casino
    gambling play now also web casino
    play now also free online
    casino game play now also casino black jack play now also reno casino play now also casino poker play now also casino slot free play now also casino on net play now also online casinos play now also internet casinos play now also casinos game play now also las vegas casinos play now also casinos gambling play now also free casinos game play now also virtual casinos play now also free casinos play now also casinos gaming play now also free online casinos play now
    also indian casinos play now also
    pechanga casinos play now also
    best online casinos play now
    also online casinos game play
    now also online casinos
    gambling play now also web
    casinos play now also free online casinos game
    play now also casinos black
    jack play now also reno casinos
    play now also casinos poker play
    now also casinos slot free play
    now also casino web sites play
    now also casino games play now also
    play casino online play now
    also play casinos online play
    now also internet casinos play
    now also best casinos online
    play now also best online
    casinos play now also top
    casinos online play now also top online casinos play now also
    top internet casinos play
    now also best casino bonuses
    play now also casino
    affiliate programs play now also european casinos play now also british pounds casinos play
    now also euro casinos play now also
    japanese language
    casinos play now also french language casinos play
    now also korean language
    casinos play now also german language casinos play
    now also spanish language
    casinos play now also chinese language casinos
    play now also russian
    language casinos play now also turkish language casinos
    play now also portugese
    language casinos play now also italian language casinos
    play now also greek language
    casinos play now also bingo play now
    also bingo online play now also online bingo

  36. The Italian handwork on these sunglasses is [url=http://coachoutlet98.over-blog.com/] [b]sunglasses mens[/b][/url] one-of-a-kind and it has detailed finishing. The style of this particular high-end designer eyewear brand depicts glamour. It really is the perfect embodiment of an [url=http://coachoutlet98.blogspot.com/] [b]oakley whisker polarized[/b][/url] extravagant star-like picture. Owning a Oakley shows that you’ve got incomparable style, therefore it really is often implemented like a tool to assert style and social status from the [url=http://oakleysunglasses.factamation.com/] [b]cheap oakley sunglasses[/b][/url] wearer.

  37. composed by hsm 2012-06-09
    Buy Nike Air Max Shoes Online
    There are lots of online outlets exactly where one can invest in Nike air max shoes on the web. These stores are various and their services and products are also distinctive, Kicks crew is one of those on the net retailers, It was established in 2008, A group of entrepreneurs, who realized that there was a segment of buyers who were crazy about sneakers but did not have an via the internet shop exactly where they could order Nike air max shoes and other shoe brands, founded kick Crew! As such! this group was founded together with the main aim of offering customers with Discount Air Max Flywire their items, Right now. kicks crew has grown more than the years to include quite a few brands of shoes! It has members based in China! Malaysia, Hong Kong, Taiwan, amongst other countries, The rapid growth of Kicks crew could be attributed to a few factors. Factors leading to the rapid growth of kicks crewVariety: Kicks Crew has been carrying various sneakers! These include Nike! New Balance. Adidas, Puma, Van. Reebok, among others, This has made this shop a preferred destination not just for shoppers wishing to get Nike air max shoes online but for those hunting for other shoes at the same time. shirly 2012-06-09 southhavenfishing.

  38. t with style, dedication, [url=http://www.icold-cigb.net/polo.html]ralph lauren pas cher[/url]
    and most of all the passion to wear fashion in the simplest yet the most beautiful way ever.enPeople generally love to shop online, be it retail or wholesale. There are very many reasons that make people love the idea of logging on to the internet and placing an order for one or many items such as wholesale ralph lauren polo shirts from the online sites. One of the main reasons is that it is convenient for everyone. Another key reason is that there is quite a wide variety of clothes that one may choose from on the sites that offer these services. The most commonly used argument on why people like to shop for various types of gear online is that there is a wide variety of clothes on offer at ones fingertips. All that a person has to do is to punch away at the keys and the relevant information will show upon the screen. Although it makes people lazy and encourages the couch potato culture, the phenomenon has taken over the scene. When asked why people love shop wholesale ralph lauren polo shirts online, most people answer that it is because of they are [url=http://www.scfi.fr/chemise.asp]burberry soldes[/url]
    able to bet good offers online. This is anything but the truth. The truth is that they have become too lazy to get up and go out to look for items such as shirts. This has been brought about by the advent of the World Wide Web. The internet has made people very lazy and no one wants to use the conventional methods of shopping any more. It has become a serious issue since the more contemporary methods may be technologically savvy but they end [url=http://www.mediation-eau.fr/sachermes.html]sac hermes pas cher[/url]
    up making people lazy instead of proactive. Online shopping is one of the most interesting and effective phenomena that has come about in the recent past. The use of online technology has enabled many people were inept, to carry out several tasks that they were previously out of their league. The ability to shop online has also come with many setbacks. Ralph Lauren polo shirts are quite easy to find. This is mostly applicable for individuals who know the right places to look for the shirts. It is pertinent to note that the label Ralph Lauren is quite renowned and this fact makes it appealing to many people. Shopping online for any item may be exciting to quite a number of individuals. They may find it very exhilarating and may strive to purchase as many items as possible from the World Wide Web. Not everyone is moved by the online shopping concept. The older generation who were used to the more conventional methods of shopping may particularly be disturbed by this whole notion. The simple reason for this may be that they are not conversant with the modern gadgets that are mostly utilized to carry out this transactions. Computers seem to be out of their general area of knowledge. For this older generation, purchasing wholesale ralph lauren [url=http://www.icold-cigb.net/polo.html]polo ralph lauren pas cher[/url]
    polo shirts online is almost out of the question since the computers that they are supposed to use to make the purchases are complicated according to them. About brandsleaks.com: Brandsleaks.com deals with a plethora of Cheap all [url=http://www.isbformation.fr/hermes.html]birkin hermes prix[/url]
    brands products and accessories and has a immensely diversified collection in their online store. The prices are some of the most discounted rates offered in the online stores arena. They have discount all brands products For more information please visit:enEveryone who can afford it will just go out and purchase [url=http://www.scfi.fr/polo.asp]polo ralph lauren pas cher[/url]
    a Ralph Lauren polo shirt however if you have a tight budget but still want to look stylish the you [url=http://www.isbformation.fr/hermes.html]birkin hermes prix[/url]
    may consider getting the same shirt at a wholesale price. You can get such a polo shirt at wholesale which means that you can purchase it for from 40 to [url=http://www.scfi.fr/chemise.asp]burberry sac[/url]
    90 percent of the original retail price. One of the things you can consider doing is looking for Ralph Lauren polo shirts in discount stores or on a website selling clothes at discount or you can consider going to an outlet store. Look online at the Ralph Lauren website and find out where their factory stores are located. From these stores you can get the great stylish polo shirts at a fraction of the

1 Trackback / Pingback

  1. Homepage

Rispondi