Il Tronchetto dell’infelicità

In molti mi hanno chiesto che fine avesse fatto l’articolo che segue. Fu scritto il 23 novembre 2001 (e finì anche su Dagospia), in seguito alle voci che davano Matrix (quella di Virgilio) in ridimensionamento. Poi sparì, un po’ sepolto negli archivi dalla mole di cose che producevamo, un po’ perché fece il suo casino, anche se ancora, francamente, non so spiegarmi per quale motivo. Eccolo nuovamente qui, rimasterizzato e con qualche aggiunta.

IL TRONCHETTO DELL’INFELICITA’

Il Tronchetto dell'infelicitàPiù feroce di Attila, più determinato di Nerone, ecco il ritratto dell’uomo che meglio di Bin Laden sta riuscendo nell’intento di scardinare il capitalismo: Marco Tronchetti Provera, un imprenditore che in sei mesi di effettiva ribalta è riuscito ad acquistare ed affondare la più florida azienda italiana di telecomunicazioni, una storica azienda tecnologica italiana, il terzo polo televisivo nazionale e il più famoso portale italiano. Le ipotesi sono due: o porta sfiga, o ha in mente cose che noi umani non possiamo neanche immaginare. A giudicare da come la borsa ha accolto l’operazione Olivetti, l’opinione degli operatori è perentoria: porta sfiga. Non per niente oggi a Piazza Affari, dopo il crack finanziario di Parmalat, per comprare Toro Assicurazioni si fa il segno delle corna, per acquistare Pirelli o Telecom ci si tocca i coglioni.

Eppure, Marco Tronchetti Provera nasce imprenditore. Un giorno papà lo porta in fabbrica alla Pirelli e gli dice: «da oggi tutto questo è tuo: io ho prodotto gomme, tu produrrai gomme». Marco si trova da subito proprio agio con il timone saldo nelle proprie mani: per un mese le mastica tutte, ripetendo che hanno un cattivo sapore. Nessuno se lo fila, almeno fino a quando grazie ad Afef compare per la prima volta sulla copertina del settimanale economico più letto in Italia. È proprio da lì, dalle pagine di “Novella 2000“, che parte la scalata al successo. I maligni sostengono che Tronchetti Provera non intraprende nessuna azione a caso: considerati i successi ottenuti da questo Re Mida al contrario, il matrimonio con la tunisina Afef potrebbe rappresentare un tentativo di destabilizzazione dell’Islam dall’interno.


Distruggere non è impresa facile, e questo Marco lo sa: sfogliando i curriculum per decidere chi mettere a capo del colosso Seat, non gli sfugge il nome di Paolo Dal Pino. Tra i due è subito intesa. Tronchetti Provera guarda Dal Pino come si guarda un precursore: ancora prima che il primo decidesse di demolire Virgilio, l’altro aveva già affossato Kataweb, lasciandosi alle spalle un buco da 300 miliardi. Chi meglio potrebbe gestire la pecora nera delle aziende del gruppo, che si ostina a fatturarne 1.800 l’anno? Inutile dire che per essere Marco Tronchetti Provera occorre una dose letale di faccia tosta: l’imprenditore a capo di Telecom, l’azienda che più ha abusato dei dati personali comunicati dai clienti acquirenti di un abbonamento Tim, utilizzandoli per appioppare a ciascuno un contratto (mai sottoscritto) alla tariffa “Teleconomy 24”, si è più volte lamentato chiedendo al Garante “maggior tutela per la propria privacy”, in seguito alle indiscrezioni della stampa sull’imminente matrimonio con Afef.

Spiace, al brizzolato imprenditore, che si parli di lui perché sta impalmando una gnocca e non per il proprio capolavoro personale: la progressiva demolizione di “La7“. Altri maligni (ma sempre con le mani sulle palle) sostengono che il posizionamento in seconda serata del talk show di Fabio Fazio abbia particolarmente irritato un potente panzone mediasettiano la cui camicia sta ancora sghignazzando sotto i baffi. E che il giorno della registrazione del numero zero, Massimo Donelli (di cui qualcuno ricorderà il nome all’interno delle liste della P2, anche se immaginiamo preferisca essere ricordato come ex direttore generale di CiaoWeb) sia entrato nel teatro poco prima della comunicazione ufficiale della trasformazione di “La7” in canale “all-news” e abbia detto, rivolgendosi a Fazio, «Visto che bel regalo ti ha fatto il Maurizio?». A noi piace pensare, invece, che alla base dell’insuccesso del (fu) terzo polo televisivo, vi sia stata solo una campagna pubblicitaria non azzeccata. E che se fosse stata come questa qui, forse le cose sarebbero andate diversamente.

Non contento di aver lasciato nel mondo della telefonia e della televisione più macerie di un aereo dirottato dai terroristi, qualche tempo fa il Tronchetto dell’infelicità (altrui) si è accorto che, ragionando per macrocategorie di media, per fare strike gli mancava una botta a Internet. È a seguito di questa illuminazione, dopo aver chiuso “La7” per fare favore ad un nano diverso da quello utilizzato nella pubblicità dei giorni del lancio, ha deciso di passare per le armi lo storico portale Virgilio. Come il carbonchio, nessuno l’ha visto arrivare la mattina che si è presentato in azienda, e quando è uscito con i conti sottobraccio era tardi anche per gli antibiotici. A chi tra i giornalisti gli chiedeva per quale motivo avesse deciso di vendere Matrix ha risposto: «Perché l’ho già visto sei volte. Ma non è vero che vendo, posso anche scambiarlo con un altro dvd di un film nuovo».

(Visited 30 times, 1 visits today)

6 Comments

  1. Finalmente si sa quanti accessi faceva Gnueconomy e ora Macchianera.. Non che m’interessasse molto, ma le statistiche erano troppo sballate.. Infatti, ora che il blog è su un server senza condividerlo con altri blog, lo script delle statistiche funziona benino.. http://macchianera.net/urchin/ ..un misero 10% degli accessi segnalati su http://gnueconomy.clarence.com/urchin/ ..Gneri, te lo dicevo che urchin conteggiava tutti gli accessi di tutti i blog su quel serverino di dada.. pagami da bere..

  2. Profeta, non ti pago da bere, altrimenti ti fai pipì addosso. Il server è lo stesso di prima: theGNUeconomy non è mai stato ospitato da Dada. E stai confrontando i dati di un blog aperto da due giorni (1287 utenti unici al giorno, mica cazzi) con quelli di uno, popolare, aperto da un anno e mezzo. Se ti interessano le statistiche totali del server che tutti ci ospita, le trovi qui: http://204.2.106.75/urchin/system/

Rispondi