44 Comments

  1. Il reato di falso in bilancio NON è stato depenalizzato.
    Si sono semplicemente introdotti dei limiti entro i quali le eventuali false comunicazioni non sono perseguibili penalmente.
    Questo ovviamente non è il caso di Parmalat.
    Per la precisione.

  2. Suppongo che adesso non avranno un compito facile i bancari addetti a vendere titoli di imprese private garantendone la assoluta sicurezza …

  3. per fortuna c’è qualcuno (apelle) che fa notare come dietro gli slogan si celi soltanto ignoranza della materia.

  4. Caro Apelle, in ogni caso andiamo nella direzione opposta al resto del pianeta.
    La si guardi dal lato che preferisci.
    Per la precisione.

  5. davvero ha avuto la faccia di culo di dire che non succederà mai più ? che schifo che mi fa quell’uomo… io ci sarò, quando lo appenderanno a piazzale Loreto io ci sarò!

  6. … sig Moruzzi non dica così, che poi dicono che siamo comunisti, cattivi e stalinisti e che non abbiamo perso il vizio…
    …e che mangiamo i bambini, che poi in fondo non é vero… mangiamo solo quelli più bassi di un metro e cinquanta…

  7. …sig Moruzzi, la prego, non dica così che poi dicono che siamo stalinisti, comunisti e che non abbiamo perso il vizio…
    …che poi dicono che mangiamo i bambini… anche se non é vero… mangiamo solo quelli più bassi di un metro e cinquanta…

  8. hai ragione, ma è incredibile. a Wall Street mandano l’FBI a fare perquisizioni e arresti durante le sedute di borsa, e da noi depenalizzano il falso in bilancio, e poi dicono che queste cose non succederanno più. Per APELLE, una domanda : adesso è ok fare un falso in bilancio fino a che cifra ? Sì, certo, immagino… fino alla cifra per la quale erano incriminati per i falsi del Milan… ma quant’è questa cifra?

  9. …forse che mi sono ripetuto??
    volevo che il concetto fosse chiaro?
    sono il solito insicuro…

  10. Con chi ce l’ha Moruzzi? Aspettate fatemi indovinare…ah già è vero che è sempre colpa sua; quanto a Piazzale Loreto io non ci appenderei nemmeno “Disgrazia” Hussein, ma questo è chiaramente un mio problema, visto che secondo Micromega io non faccio parte della società civile.

  11. Il civile Sig. Moruzzi invece di chiedere in giro potrebbe fare uno sforzo ed informarsi; basta sfogliare il codice civile e il codice penale, è tutto lì, e atteggiare la propria ignoranza a sarcasmo è sciocco e non la fa apparire meno crassa.

  12. E’ vero il reato non è stato depenalizzato, si tratta tecnicamente di “abrogazione parziale”. Detto questo la nuova normativa prevede per il reato di false comunicazioni sociali un regime sanzionatorio più leggero, alcune cause che escludono la punibilità del reato, nonché (in alcune circostanze) la procedibilità su querela di parte anziché d’ufficio. Quindi apelle le leggende raccontale pure a GIORGIOT, ma non avere la pretesa di mettere i puntini sulle i dicendo falsità.

  13. Aggiungo dell’altra ignoranza: MA il caro buon vecchio Lauda… cosa c’entra con questa faccenda???

  14. Nel codice civile non vi sono “leggi” ma “articoli” che contengono “norme” (anche le leggi contengono norme e articoli per la verità ma regolano solo materie specifiche) la cui caratteristica è la generalità (si applicano a tutti, anche quelli che non si chiamano Berlusconi) e l’astratezza (cioè non fanno riferimento a nessun caso specifico ma a casi tipici astratti). Comunque da come ne parli, caro Massimo, ho idea che sarebbe un po’ troppo lungo e faticoso spiegarti la faccenda. Sù, fai uno sforzo, visto che un po’ di sale in zucca ce l’hai, comincia dai fondamentali del diritto e quando hai finito ne riparliamo.
    “puntino” invece richiama all’ordine Apelle e gli dà del bugiardo ma quello che dice Apelle, data la genericità non è affatto sbagliato e tra l’altro non è diverso da quello che il “puntino” sostiene con poca più precisione. Sempre per la precisione poi, quella portata del D. Lgs.n.61/2002 non è una dpenalizzazione, nè una “abrogazione” seppure parziale, ma una vera e propria “riforma” che comporta una modifica sostanziale del diritto societario italiano al fine di armonizzarlo con quello internazionale (ed infatti mira a ricalcare grosso modo quello francese, inglese, tedesco e statunitense in molti punti). Tale riforma ha comportato inevitabilmente abrogazioni in quanto alcune norme sono state sostituite, altre invece sono state modificate introducendo pene meno severe in alcuni specifici casi, comunque in generale modificando i regimi di controllo.
    Se davvero vogliamo disquisire della materia senza prestarsi alle banalizzazioni di rozzi slogan dettati dall’ignoranza, credo sarebbe meglio creare un apposito forum.
    Se invece ci piace sputare un po’ di bile e confortarci con i nostri pregiudizi continuamo pure così.

  15. Questi giochetti avvenivano anche quando la legge sul falso in bilancio c’era ancora, vedere alla voce “montedison” per esempio. Quello che la legge ha fatto invece, e’ paragonabile ai condoni. Ci si puo’ attaccare ai singoli articoli come fa Pius, ma difficilmente si puo’ negare il messaggio di fondo che passa e cioe’ che fare i furbi paga sempre e chi segue le regole lo prende in quel posto.

  16. Purtroppo Pius ho proprio la stessa sensazione, sarebbe un po’ troppo lunga spiegarti la cosa, detto questo: la corte di cassazione nei vari chiarimenti necessari al periodo transitorio di questo DL l’ha definita più volte “abrogazione parziale”, ma si sa… la corte di cassazione lancia slogan rozzi, e banalizza.

  17. Art. 2 c.p. e artt. 2621-2624 c.c. nella precedente formulazione ed i quella attuale; queste le norme di riferimento per comprendere il fenomeno della successione di leggi nel tempo e dunque verificare se si tratti di abrogatio legis o di successio iuris. l’ignorante è il PM che dice cazzate giganti posto che il fatto (tipico) di cui si discetta è stato posto in essere sotto il vigore della precedente disciplina (e quindi non doveva essere molto più efficace quanto a deterrrenza) e ciò che vediamo oggi sono gli effetti di quella condotta. che peraltro resta sanzionata anche dalla norma attuale e quindi non si vede il problema. in ogni caso ricordo che il diritto penale è l’extrema ratio e che le sanzioni penali detentive spesso risultano meno utili di sanzioni amministrative pecuniarie pesanti applicate con rigidità. colpiteli negli affetti a cui tengono: i soldi. ma ciò, noterete, non è avvenuto nemmeno nel caso cirio. ma scusate voi cosa credete? che cragnotti non abbia i soldi per rimborsare le obbligazioni? e allora perchè non glieli fanno scucire di persona? ci avete mai pensato? beh sappiate che qui il Cav. proprio non c’entra niente.

  18. per PIUS… sì, certo, l’idea è che le Leggi – che vanno anche a modificare le disposizioni degli aerticoli, se non ricordo male – debbano essere generali. Ma dopo 2 anni e passa di Leggi pro domo Villa S.Martino… il dubbio mi viene. a te no? dubitate, gente!

  19. No ma la cosa più bella è che si tenta perfino di farla passare come un’armonizzazione del diritto societario italiano a quello internazionale, quando la stessa Corte di Giustizia UE, su questione posta dalla Procura di Milano, l’ha giudicata: “in contrasto con le norme comunitarie e di difficile applicazione”. Per la prima volta in assoluto, tra l’altro, la Corte di Giustizia UE ha invitato i magistrati a “disapplicare” una legge dello Stato. Io capisco la dedizione alla causa, ma almeno fatevi pagare…

  20. Caro . (è il caso di dire nomen omen), ripeto: scrivere che il falso in bilancio è stato depenalizzato è una cazzata. Se poi vuoi scendere nei particolari, fallo pure. Rimane il fatto che quella frase è semplicemente falsa. Ti auguro un natale antropologicamente superiore a quello di noi comuni mortali.

  21. Grazie Giorgiot, magari la prossima volta prova a dimostrare il contrario, o magari aggiungi un ragionamento.

  22. provate a leggere il commento di Paolo Mieli sul corriere di oggi…

    L’abile felino (Silvio Berlusconi ndr…) ha trasformato la presidenza del Consiglio in un ufficio che cura esclusivamente i suoi interessi giudiziari, le sue proprietà, gli affari della sua famiglia e dei suoi famigli. Davvero incredibile.

  23. Caro . il fatto che sia sbagliato dire che il falso in bilancio sia stato depenalizzato l’hai dimostrato tu stesso con le tue parole. O non ti ricordi manco quello che scrivi?

  24. Uhm, a questo punto o sono io che non mi esprimo correttamente oppure…
    La previsione di regimi sanzionatori più leggeri, l’esclusione dalla fattispecie di reato di alcune situazioni, più in altre la procedibilità su iniziativa di parte e non tramite rilevazione d’ufficio del PM (la querela di parte dev’essere tempestiva, altrimenti addio), mi spieghi cosa cristo è secondo te?
    Uno snellimento o un ampliamento della possibilità di ricorrere contro le false comunicazioni?
    Questo comunque a prescindere dal discorso parmalat.

  25. susu punto (.) non ti incazzare ché fa male alla salute. Ti esprimi correttamente ma così correttamente che sei stato tu a scrivere (dopo di me) ” E’ vero il reato non è stato depenalizzato”
    Mi raccomando mangia tanto pesce durante queste vacanze. Lo sai a cosa fa bene?

  26. La frase completa è stata “è vero non è stato depenalizzato, si tratta di abrogazione parziale”. Le cose bisogna leggerle per intero, o forse sei di quelli che nei libri legge la prefazione e poi l’ultima pagina? Daltronde non sarò obbligato a farmi carico del tuo QI.

  27. Io a dire la verità ne facevo una questione politica, non da mozzorecchi. Le leggi ad personam purtoppo non esistono. E quelle fatte dal nano in realtà si applicano a tutti. Compresa quella sul falso in B. In realtà c’è stato un “tana libera tutti” ed è puerile negare il nesso tra la finanza allegra e il sistema legislativo. Perchè incavolarsi tanto? Per me ce ne saranno altre di queste giravolte finanziarie..

Rispondi