Vita spericolata

Io amo Windows perché ad ogni nuova formattazione del disco e reinstallazione non sai quale sarà il nuovo baco che causerà gli inspiegabili crash del tuo Pc per i prossimi mesi. Mi piace vivere così, sul filo del rasoio.

(Visited 4 times, 1 visits today)

25 Comments

  1. ebbene si.. e’ un dramma la riformattazione e la reinstallazione di windows.. nove su dieci ti ritrovi a scaricare per giorni, patch, aggiornamenti, poi realizzi che hai perso delle font (caratteri) che non ricorderai mai piu’ dove recuperare, e mille cose a cui fare attenzione, i preferiti, la cartella dei received files.. mmm.. quasi quasi produco un vademecum su… che cosa ricordarsi quando decidi di reinstallare windows! :)

    ueblogshop

  2. è però indubbio che le vere pietre dello scandalo sono 95, 98 ed ME.
    Invece NT, 2k e XP (soprattutto 2k) sono abbastanza stabili e non così catastrofici, anzi. E ve lo dice uno che non è propriamente un amante dei prodotti Microsoft :)

  3. Lars, ti lascerei solo in una stanza con l’XP professional che mi si impalla ogni 12 ore di accensione del portatile. E ti garantisco che non sono proprio una newbie… Linux? Non riesco ad entrare nel suo modo operandis, proprio non riesco, anche se chi lo usa ne tesse lodi sperticate. Voglio un tutor che me lo spieghi! :)

  4. Per quanto sia tutt’altro che un ammiratore di Windows e voglia accelerare il piu’ possibile la transizione completa a Linux, devo dire che da un anno e mezzo uso quotidianamente un laptop con XP Home, sul quale ho installato e disinstallato quasi di tutto, che sara’ andato in crash due volte e che, finora, non ho mai pensato lontanamente di formattare.

  5. io ho un pc con installato win2k server da più di un anno e mezzo, e nonostante lo usi ogni giorno per diverse ore vi assicuro che non si è MAI impallato…..ed XP è poco meno stabile, quindi non vedo il motivo di tutto questo accanimento….se vi si impalla evidentemente avete qualche conflitto hardware o chissà cos’altro.. non siamo più ai tempi di 98 e ME gente :)
    P.S.
    con gli anni mi sto convincendo sempre di più che Linux è un sistema operativo adatto giusto ad introdurre un newbie agli ambienti unix-like….se uno vuole un sistema operativo da server SERIO si mette su Open BSD o simili….se uno vuole praticità, giochi e multimedialità usa windows 2000 o XP….ho usato Slackware per 3 anni ma più passa il tempo e più mi convinco dell’inutilità di Linux

  6. Black Cat: probabilmente se mi lasci solo nella tua stanza con XP che si impalla ogni 12 ore, al tuo ritorno noterai che non si impalla più…almeno statisticamente succedeva così quando facevo queste cose per lavoro :P

  7. Sicuramente Lars, un po’ come quando ho a che fare io con i miei clienti che lamentano fantomatici problemi: sotto le zampe del tecnico, tutto si risolve o addirittura non si presenta >:( Sto davvero propendendo per un conflitto generato da un programma. L’ho disinstallato ieri ed ora mi sembra di avere un Vaio nuovo di zecca.

  8. i clienti sono IL MALE. Ricordo che un giorno di gennaio di due anni fa, una tizia, che inizialmente non capivo se scherzasse o cosa, mi telefona e fa: “mi si è bloccato il PC, l’avevo già portato ad APRILE e si è bloccato di nuovo! è vergognoso, sono disperata” (per bloccato intendeva un semplice crash di sistema risolvibile con la pressione del tasto reset). Quando ho realizzato che non stava scherzando ho capito che il mio lavoro in quel campo era destinato a finire presto :P (e di altri aneddoti ce ne sarebbero, eccome se ce ne sarebbero…)

  9. Ma è ancora più facile, caro “G”, che sia ancora più inutile questo tuo squallido commento….soprattutto considerando che certi commenti solitamente vengono da persone che Linux sanno appena cos’è e lo usano come il più bamboccio degli Windows. Magari sei uno di quelli che ha conosciuto Linux recentemente, quando è diventato di moda manco fosse un jeans a zampa d’elefante, ed hai installato Mandrakkino configurando 2 servizi e ti sei creduto subito Alan Cox, vero? Se tutti voi guru dell’opensource adduceste (o meglio poteste addurre) uno straccio di motivazione ai vostri pensieri sconclusionati fareste senza dubbio una figura migliore ;)

  10. Non fare l’indovino della domenica, che non capisci niente. Dimostri circa quindici anni, e ora sono certo che dovresti sciacquarti la bocca prima di nominare Linux.

  11. Non fare l’indovino della domenica, che non capisci niente. Dimostri circa quindici anni, e ora sono certo che dovresti sciacquarti la bocca prima di nominare Linux ;)

  12. “Dimostri circa quindici anni” detto dal poveraccio che ha esordito dicendo che sono inutile senza che io prima avessi mai offeso nessuno non può essere altro che un complimento ;) P.S. cosa avresti aggiunto con questo ennesimo commento sciocco? Dovresti pensare 5-6 volte prima di schiacciare quel tasto chiamato “invia”….eviteresti di coprirti di ridicolo, caro guru di Unix ;) ;)

  13. Forse dodici. Della comunità di Linux in tutto il mondo fanno parte migliaia di programmatori alla maggior parte dei quali è altamente probabile che non potresti fare nemmeno il bidet, e tu a dire che “Linux è inutile”. Questo per quanto riguarda il “non avevo offeso nessuno”. Per il resto, ti esorto ad infilare la testa nel gabinetto e cantare “non son degno di te”, con la voce di Gianni Morandi.

  14. non capisco perché nessuno prenda in considerazione seriamente quello che ha detto Lars. Non mi sembrano sciocchezze. Lo stato delle distribuzioni linux orientate al desktop non è certamente confortante, soprattuto se si considerano il tempo da cui sono in giro (certo se poi come lui si usa slackware… ;-). Dall’altro lato (server) esistono altri unix liberamente disponibili che sono notoriamente più stabili e affidabili. Lars critica linux e voi rispondete “no! l’open source è grande!” (e Linus Torvalds il suo proefta?). Perché, negli Unix che ha citato lui non c’è open source? Possibile che su ogni argomento solo dispute e adesioni fideistiche?

  15. Ehi, ehi, Lars, calma.
    Si è capito che non sei uno sprovveduto e che conosci bene Linux, ma cosa posso farci se io da tre anni non sento più il bisogno di installare windows?
    Riesco a mandare email, navigare il web, fare instant-messaging, fare grafica, file-sharing e altre corbellerie del genere.
    Nella mia bieca mentalità anti-windows non riesco a dire che linux sia inutile, anche perchè se lo pensassi veramente quando accenderei il computer dopo il bios non partirebbe più nulla.

  16. Golpista, è semplice perchè il famigerato “G” non prenda in considerazione quello che ho detto io (che poi è una semplice opinione personale che penso fra persone civili andrebbe rispettata): perchè conosce a malapena l’argomento che si sta trattando. Ha esordito offendendomi, non ha mai argomentato un MINIMO i suoi post scellerati (facendo pensare che parla solo per sentito dire), continua a postare cazzate senza aggiungere nulla alla discussione, ha tirato fuori la patetica storiella dei “quindici anni” (prima cazzata nella classifica di chi vuole offendere senza avere argomenti solidi per dibattere)…insomma mi pare la perfetta figura del pagliaccio internettiano.
    Psy: io ho detto che più vado avanti negli anni e più lo trovo inutile, ma ho anche specificato che per iniziare è l’ideale. Che tu possa non sentire la mancanza di Windows lo capisco benissimo, io dico solo che col passare degli anni sto pensando sempre più che Linux è “solo” una via di mezzo fra un OS da server SERIO (e nessuno spero mi venga a dire che metterebbe meglio Linux che un SUN o BSD in un server con i controcoglioni) e un OS pratico e votato al multimediale (e ai giochi, per chi è interessato) come Windows 2k/XP.

  17. Psy. Non mi sembra che Lars abbia messo in discussione il fatto che Linux possa essere usato al posto di Windows. Il problema è vedere che senso possa avere nel mercato (anche quello free) dei sistemi operativi. Se possa diventare veramente un’alternativa e per cosa, per desktop? per applicazioni scientifiche? per l’amministrazione pubblica? per uso domestico? aziendale? per server di rete? per sistemi embedded? Se ci rifletti un attimo vedrai che la risposta a queste domande non è univoca. Da questo punto di vista dire “io lo uso e ci faccio di tutto” non è una risposta. Lars. D’accordo per quello che riguarda affidabilità e stabilità però non credo sia l’unico parametro. Ad esempio Debian. La disponibilità di software (sistemi di packaging ecc.) la “metaconfigurabilità” (vd. knoppix e altri), l’attenzione a chi vuole utilizzare script e shell oltre a mio avviso ad una maggiore attenzione alla stabilità ne fanno un’ottima distribuzione per server. Per il resto come avrai capito sono abbastanza d’accordo.

  18. A me, proprio oggi, mi si è rotta la zappa. Ho sentito che dalle parti di Seattle ci sono ottimi costruttori dell’indispensabile utensile.Qalcuno di voi sà qualcosa?

Rispondi