Sei mijardi di paletti

Stavolta non c’è stato bisogno di un intervento bulgaro. Hanno utilizzato uno dei “sei mijardi de’ paletti”.
Speriamo si ricredano, come domenica scorsa. Perchè l’imitazione dell’Annunziata è da urlo. Perchè il talento della Guzzanti è fuori dal comune. E infine perchè la censura alla lunga genera sempre un effetto newtoniano eguale e contrario.
PS: qui trovate la puntata in WMV.

(Visited 12 times, 1 visits today)

13 Comments

  1. Ma comunistacci che non siete altro. Possibile che non capite mai!!! L’ho censurata perche è stata razzista nei MIEI confronti, e questo non è tollerabile in questa Civiltà Superiore a tutte le altre!!!

  2. Esprimo a mia massima solidarietà alla coscienza di Berluconi, ai cervelli di Bondi e Schifani e alla dignità di Bruno Vespa

  3. Esprimo la mia massima solidarietà alla coscienza di Berluconi, ai cervelli di Bondi e Schifani e alla dignità di Bruno Vespa

  4. Valeria, io francamente non ti capisco. Non capisco come mai non capisci. Capisco *altri* che non capiscono (vertici RAI, ambasciata israeliana, commentatori codini etc.), perche’ la loro incomprensione e’ solo malafede. Pero’ non capisco come si possa, in buonafede, leggere tutte le spiegazioni di cui sopra (peraltro superflue, e nocive, perche’ e’ come spiegare le barzellette) e poi, senza battere ciglio, scrivere: > Guzzanti ha “tirato fuori” un concetto nazista per prendere le distanze dal nazismo. Se io dico: “detesto quelli che dicono ‘negro di merda’ “, sto “tirando fuori” un concetto razzista (anticamita, per la precisione) ma dovrebbe essere chiaro a chiunque mi ascolti perche’ lo sto facendo: per criticarlo! Ripeto: tra i danni devastanti del politically correct c’e’ una nuova incomunicabilita’, tra persone che stanno attente alle parole ma non alle frasi che le contengono. Mi sembra grave.

  5. E’ saltato il quote dal tuo messaggio:

    “non è che uno tira fuori un concetto nazista solo perché ‘tanto il pubblico capirà che io so che non è vero’.”

  6. mi prendo lo sfizio di dire che non vedo come si possa essere in disaccordo con Wu Ming in questo caso. Aggiungo che tirare fuori accuse di antisemitismo a sproposito è veramente un danno prima di tutto per chi vuole combattere l’antisemitismo, che c’è, a volte anche in persone che si considerano di sinistra (ma non è questo il caso!). Se si vuole sostenere che c’è un “antisemitismo strisciante” o “latente” lo si faccia pure, farlo come è stato fatto con questa cosa della Guzzanti può essere solo deleterio per chi vuole argomentare in questo senso. Accuse così gravi andrebbero argomentate meglio e più chiaramente e non lanciate con questa leggerezza e in questa forma. Altrimenti si finisce a Refosco e polenta …pardon… ;-)

  7. Wu Ming 1 e Golpista… mi spiego.
    Nutro un certo odio per gli antisemiti. Però non considero antisemitismo l’essere contrari alla politica israeliana. E quello della Guzzanti lo considero un errore fatto in buona fede, una semplificazione: “le persone appartenenti alla religione ebraica” è diventato “la razza ebraica” – credo involontariamente. Nel contesto del discorso, al quale ho fatto molto caso xché il programma lo stavo seguendo, mi è sembrato un errrore [fatto involontariamente, ripeto] più che l’esposizione di un concetto nazista per prendere le distanze dal nazismo, ecco. Me l’ero un po’ presa perché mi pareva che qui neanche si prendeva in considerazione l’idea che potesse trattarsi di uno sbaglio [anche se, ri-ripeto, fatto in buona fede]…

  8. Valeria, io non so piu’ come argomentare, non so piu’ che esempio fare. Ci provo l’ultima volta semplicemente cambiando i sostantivi e togliendo gli ebrei dal discorso:

    Non era un questionario razzista perche’ la risposta prevista era “Louis Farrakhan [e’ pericoloso perche’ predica odio]”, non “i negri di merda [mi fanno schifo]”.

    Oppure:

    Non era un questionario anti-arabo, perche’ la risposta era “Bin Laden [e’ un pericolo per la pace]”, non “Gli sporchi arabi con gli asciugamani in testa [rimangano a casa loro] “.
    E’ esattamente quello che ha detto la Guzzanti. Lo ripeto: Non era un questionario razzista perche’ la risposta era “Israele”, non “la razza ebraica”. Questo e’ quello che ha detto, e *non fa una fottuta grinza*.

    Punto. Fine.

  9. Dire “razza ebrea” è come dire “negro”. C’è la stessa distorsione. Gli ebrei non sono una razza. E i neri sono al massimo “razza nera” non negri. Si attribuisce lessicalmente un termine improprio nell’intento di forzare il concetto e determinarne un ulteriore allontanamento dalla natura originaria. Semplificando – razza ebrea:negri = ebrei:razza nera. Diciamo che se la Guzzanti avesse usato questa frase: “Il questionario non era razzistico, infatti hanno detto Israele non ebrei” avrebbe ottenuto lo stesso risultato senza scatenare alcune reazioni, anche le molte che avevano solo intento strumentale. I termini “razzista, razzistico”, invece, oggi, vengono usati non perché legati al concetto di razza come la conoscevamo da bambini, insomma il colore della pelle, ma alle diverse caratteristiche culturali e religiose. Bossi si comporta da razzista perché parla con ostilità dei popoli arabi o dell’est, che niente hanno a che vedere con il concetto di razza. Nessuno ha mai sentito dire: razza islamica o araba o slava. Ma popoli arabi, slavi o di religione islamica. La Guzzanti l’ha usato, siamo d’accordo, come concetto antagonista, forse proprio per accentuare il significato di razzismo in chiave di contrapposizione, ma le reazioni la dicono lunga sul fatto che alcune ferite del dolore e della paura non siano ancora completamente chiuse. Parlare e chiarire serve anche a questo. Detto ciò ieri sono stato all’auditorium e mi sono gustato la bravissima Sabina e anche gli altri. :) Ciao.

  10. Complimenti a Sabrina!Finalmente un bel programma in questo panorama televisivo che è un insulto per la mente umana.In mezzo a tanta spazzatura, finalmente una gemma! Il fatto che il programma è stato censurato significa che ha colpito nel segno!La verità ha dato fastidio,addirittura ti hanno querelato per aver spiegato la realtà che purtroppo sta vivendo l’Italia con questo “governo” Un grazie, Sabrina, di tutto cuore! Con la speranza di rivederti al più presto! Ciao! E continua così sei una eroina!

  11. Complimenti a Sabrina!Finalmente un bel programma in questo panorama televisivo che è un insulto per la mente umana.In mezzo a tanta spazzatura, finalmente una gemma! Il fatto che il programma è stato censurato significa che ha colpito nel segno!La verità ha dato fastidio,addirittura ti hanno querelato per aver spiegato la realtà che purtroppo sta vivendo l’Italia con questo “governo” Un grazie, Sabrina, di tutto cuore! Con la speranza di rivederti al più presto! Ciao! E continua così sei una eroina!

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. my homepage
  2. www

Rispondi